Core sincero

Titoli:

  • Core sincero
  • Emigrante romano
  • Sonetto Biancoceleste
  • Come se diventa madre
  • Un ber consijo
  • Inno all’emigrante
  • Auguri a Roma
  • Er cambiamento de la donna
  • Er giardino  dell’ itajani ner monno
  • L’amicizzia vera
  • La palla de vetro 
  • Li nipoti

____________________________________

CORE SINCERO

Nun piagne core mio, nun piagne core,
Tu hai parpitato sempre per amore
E adesso che la vita s’allontana
Voressi piagne come ‘na funtana.

Tu core che sei stato assai sincero
Hai amato er monno coll’amore vero,
De troppi sentimenti hai parpitato
Tanto che te  ce  sei puro ammalato.
Sempre e co’ tutti disinteressato!

Diventa un pò più duro, damme retta!
Nun crede a chi te incenza pe’ pija ‘
Che de sicuro poi te tradira’
O quarche  gran dispetto  te fara’.

Nu statte a riggira’ ne  la tristezza.
Solo così te scordi l’amarezza!
Penza sortanto a te, core sincero,
Vedrai, er fardello, sarà più leggero.

**************************

EMIGRANTE ROMANO

Fra tanta gente che va via emigrante
Solo er romano pare un condannato
Perché lontano da ‘sto cuppolone
Nun trova più la forza pé campa’.
Li ricordi che cià in core
Jé rinnoveno er dolore
Quanno penza a Roma sua
Più lontano nun sa sta’.
Basteno du ‘rintocchi de campana
Pé riportallo a casa cor penziero,
Rivede ‘na pupetta tanto amata
E a tutti li baci che ancora jé pò da’.
Si risente ‘na campana
Jé se strigne forte er core
Manna ar diavolo er lavoro
E se sbriga a ritorna’.
Tanto nun vive più solo e lontano
Se sente ‘no stragnero, un disgrazziato
Cor core chiuso come fusse in gabbia
Nun cià più manco voja de parla’.
Si jé manca er ponentino
Nu riesce a respirà
Nun c’è gnente che l’attira
Vò sortanto rimpatria’.
……………………………..
E  oggi a Roma é ritornato
‘ na  medaja a ritirà.

  ************************

SONETTO BIANCOCELESTE

Propio ner centro de la capitale
Nacque ‘na squadra davero speciale
Ch’ era a quer tempo un riduno d’amici
Che se ritrovaveno ar fiume felici.

Partecipaveno pur senza  pretese
A gare de marcia e noto  in ogni paese
Ma quanno vollero  gioca’ ar pallone
Ce se impegnareno co’ slancio e passione

Pur se in saccoccia mancava la “grana”
Ognuno sperava d’ ariva’ a la fama
E  giocava ar mejo da gran  campione

Conquistanno  gloria  in ogni occasione.
Finarmente  ‘sta squadra “biancoceleste”
Fu sempre contesa  pe’ gare e gran feste.

******************

COME SE DIVENTA MADRE

Quanno ‘na madre è accorta e premurosa
La  prole  n’ abbisogna  d’artra  cosa
Si  cia’  l”insegnamento  naturale
Per  cui ogni  fijo  crescera’ per’  bene .

pe’ questo nun dev’ èsse ‘ na scienziata
ma solamente  accorta e  assennata
poi mano  a mano ch’er  pupo  crescerà
l’istinto  materno  sempre  aiutera’

ma lei  subbito  ha da esse  previdente
e avécce  un indirizzo  inteliggente
de modo ch’ er pupetto appena nato
capisca d’esse  sempre  tanto amato

e deve  sentilla  accanto  onnipresente
Cosi  che  in tutto je’  sara’ ubbidiente
E   mentre  cresce  sempre capira’
che  mamma e’ la mejo amica  che ciavrà

****************************

UN BER CONSIJO 

Sì ciai un probblema che t’assilla er core
O  sì nun poi  dormì pé un dispiacere
Accetta ‘sto consijo collaudato
E me ringrazzierai che te l’ìho dato .

Nu c’è  bisogno che tu sia poeta
Oppure un giornalista rinomato
Pè scrive  du’ parole s’ un fojetto
Abbasta mette fora ciò  ch’hai drento

Pure si pesa come  un gran macigno
In più te fa  trattà tutti cor grugno.
Rilassete e descrivi  ogni  mugugno
E mentre scrivi er tempo passa mejo

Più nun te sentirai tanto accorato
E  forze pure un pochetto conzolato
Perché la pena  resterà sur fojo

E nello scrive avrai capito a fonno
Che  ‘gni probbema cià la soluzzione
E a  ogni Amico girerai er consijo.

***********************

INNO ALL’EMIGRANTE

Nun te  sentivi  realizzato
Da  suolo  italico  te  ne  sei  annato
Ma er  cielo  azzuro  nu  l’hai scordato.

Grandi  rinunce  ciò  t’è  costato
Nascoste lagrime ciai  pure  versato
Pe’ ogni  affetto  ch’ hai  abbandonato.

Tanto  dolore  t’ha   amareggiato
E  quarche  ostacolo  t’ ha  scoraggiato,
Ma er tuo  percorso  nun  s’è  fermato

Poiché  la meta  t’eri  fissato.
Pe’ quer  proggetto  tanto  sognato
Arfine  un  giorno  l’hai  realizzato.

Cor gran  rispetto  che  hai  conquistato
Da  benestante  poi  sei  tornato
Grato  alla  vita   che  t’ ha  premiato

E  alla  nova  patria  che t’ha  ospitato

*************************

AUGURI A ROMA

Sò propio tanti l’anni che cià Roma
Ch’è ‘na città che piace a tutto er monno
piena de storia e de granniosità
che come questa un’ antra nun ce sta .

Pé chi c’ è nato è gran soddisfazzione
quanno che artero dice:” so’ romano! ”
perché se sente quasi imparentato
co’ quell’ eroi che tutti ricordamo .

E drento tanta storia ch’ ha studiato
ce mischia fanatismo e verità.
Quell’amor patrio granne der passato
fu l’alma roma che l’ha generato

ma poca gente poi l’ha conzervato.
Pé questo è doveroso fa l’ agurio :
“de scrive ancora ne la nostra storia
subblimi e vere paggine de gloria! “

**************************

ER   CAMBIAMENTO DE LA DONNA

Semo arivati puro ar cambio de la donna
che sempre più se mostra in tanga e minigonna
l’ommini incuriositi staranno tutti a vede
perché, ‘na vorta smosse, de tutto pò succede.

Andranno a la riscossa le classi più svariate
e, solo cor penziero, sò tutt’elettrizzate:
presenzieno comizzi, prepareno l’istanze
pé fa’ decide tutti de rinnova’ l’usanze.

So’ tutte diventate piuttosto emancipate
e tutte quante dicheno che ormai se so’stufate.
“care le mie signore, puro le più impegnate,
Va bene assai er diritto d’ èsse parificate.

ma voi co’ ‘sto sistema …tutto pianificato
scordate li doveri der tempo ch’è passato
Quanno c’era l’usanza de crede che “gioielli”
ereno pé le femmine…casa, fiji e fornelli.

nun ve scordate tutto, fatelo pé piacere,
Che assieme cor diritto ce sta bene er dovere
Sinnò, invece d’un bacio d’amore sano e bello,
l’omo ve da la mano come se dà a un ” fratello”.

*************************

ER GIARDINO  DELL’ ITAJANI NER MONNO 

Ar sinnaco è piaciuta  la proposta
Fatta da ‘na regazza seria e onesta
e pure si è passato tanto tempo
la decisione giusta è stata presa .

Adesso a Roma ce sarà un giardino
Dedicato sortanto all’ itajani
Che dalla patria se sò allontanati
Ma che jé sò rimasti affezzionati  .

E sempre indove  se sò radicati
Lavoratori bravi sò arimasti
E premi e onori  hanno conquistato .

Er sinnaco tutto questo  ha  valutato
E  puro ‘sta targa è un premio meritato

***********************

L ‘AMICIZZIA  VERA 

l’ amicizzia e’ ‘na gran cosa
speciarmente quann0 è vera
e diventa  portentosa

se  po’ di’… miracolosa
si riesce a conzola’
chi se vo’ quasi ammazza’

perché l’ anima e’ ferita
o pe’  un male  ch’ e’  arivato
a cui  nissuno e’  preparato .

in  de  ‘sti  casi  l’amicizzia
je se affianca e lo conzola
e riesce a daje forza

pe’ combatte  l’amarezza .
perche’  trova le parole
le piu’ facili  e  sincere

che la pace danno ar core
e je  fanno  aritrova’
la  fiducia  ner  campa’ .

***********************

LA PALLA DE VETRO 

Vorei avecce ‘la palla de vetro
pe’ pote’ scruta’ bene er futuro
e  capi’ ’come se potra’ fa’
a cambia’ tuttocio’ che nun va

che la vita nun  e’  piu’  serena
e a  ‘sti tempi nissuno e’ felice .
ce vorebbe  ’na formula nova
p’adrizza’ li cervelli sbajati

che dovunque  rovinano er monno …
chi commanna  fa leggi sbajate
e ’ chi  e’ misero  consuma la vita
aspettanno che cambi quarcosa .

forze solo la palla de vetro
me  farebbe vede’ ner futuro
sì quarcosa davero succede
che soddisfi  e se viva piu’ in pace.

*************

LI NIPOTI

Vengo  a  parlavve  oggi  de  nipoti
e io ce n’ho tanti de tutte l’età
Nun fò pé di’…So’ tutti belii  e bravi
e  ne  la  vita  ognuno  riuscìrà.

Li principii ce l’hanno retti e sani
questo  me fa  sta  in tranquilità
poi a tutti  piace tanto de studià
e questo è puro Orgojo che verrà.

Pé  loro  mai me stanco de pregà
e chiedo all’Angioletto che li guida
che ne la vita mai abbiano a sbajà.

**************

 

 

Annunci

Penzieri vecchi e novi

Titoli:

  • A nonna
  • All’angelo custode
  • Bella griggiona
  • Cantata a Roma
  • Che  natale  e’?
  • Chiacchiere busciarde
  • Er canto der gallo
  • Er divano
  • Er postino e le bollette
  • Er principe azzuro
  • Er  berzajere
  • Fiorenzo se n’e’ ito
  • Gentilezza e’ …
  • Grazzie  Arberto
  • La dieta
  • La favola der gatto
  • L’ammazzatora
  • L’assolo
  • Le buscie…
  • Li Boccetti felici
  • Li fij propi so’ sempre li mejo
  • Lo scippatore
  • L’orologgiaro
  • Macche’ bacchetta maggica
  • Maggica Roma
  • Materazzo  e  materazzaro
  • ‘Na pochetta de felicita’
  • Oggiggiorno
  • Ottimismo
  • Ottobbrata
  • Parla’ sincero
  • Permalosita’
  • Pesca miracolosa
  • Poesia in… Vermi
  • Quanno tengo mi’ nipote
  • Quarto de luna
  • Roma sparita
  • Sabbato santo
  • Scampanata de pasqua
  • Stelle cadenti

_________________________

QUANNO TENGO MI’ NIPOTE

Quanno  spupazzo in braccio  mì nipote
me sento soffocà dall’emozzione
sparisce tutt’er monno in quell’occhietti
e  me lo magnerebbe de bacetti.

Quelle manucce rosa e delicate
pareno petali de qualità preggiate
e mentre jé bacio li diti uno a uno
felice come me nun c’è gnisuno.

De latte e borotalco è improfumato
e fra le  braccia se ne sta beato.
Me infonne forza p’asffronta ‘gni evento

e li pensieri scuri butto ar vento.
E penzo solo a quanno dirà nonna
ner mentre lui ner sonno già s’affionna.

*****************

ALL’ANGELO CUSTODE

Un Angelo custode
ce sta accanto
e sa come guidacce
ogni momento

ce da ‘na mano
quanno semo incerti
tanto sì annamo avanti
o s’inciampamo.

S’ha da rifrette
quanto sia importante
avé ‘st aiuto
che nun costa gnente.

Pé quanto m’ariguarda
io la sento
‘sta protezzione
tanto confortante

che me dà forza
in ogni situazzione
e quanno me ce affido
sto benone.

________________

ER  BERZAJERE

Er berzajere co’ le piume ar  vento
sente l’orgojo de la Roma antica
e primeggianno corre a cor contento
applaudito da la folla  sempre amica.

Spavardamente rènne loro omaggio
mostranno a tutti l’ indomito coraggio
è  er patrio amore che jé da vigore
compienno ovunque atti de valore.
uistatore d’anziane e de pischèlle
se sceje però sempre le più belle
e quanno la fanfara da la squilla

se garvanizza e ancora de più brilla.
e sventolanno er suo piumetto ar vento
sa dimostra’ che dei romani è ” er mejo”

***************

A NONNA

Nonnetta bella
piena de salute
esperienze svariate
hai conosciute

co’tanto sacrificio
l’hai affrontate
e quelle brutte
l’hai puro scordate

Quest’addimostra
propio co’ raggione
che la pazzienza
è la mejo soluzzione

pé supera’ le prove
ch’hai affrontate.
Mò alegramente,
er tempo ché birbone,

te le fa’vede
da ‘n’antra posizzione
indo’ sei spettatrice
solamente

e de ciò che succede
nun te fai coinvorge
sei ancora attiva

arguta e risarella
e pronta a dicce
che la vita è bella.

________________

BELLA GRIGGIONA

Bella bella Griggiona
dall’aria pacioccona
nun ciai più quella chioma
ch’er cèlo te donò.

Un tempo color d’oro
oppure fu corvina?…
La giovane testina
che un omo innamorò

Come Lady Godiva
nun ciai più l’ornamento
ma quei capelli griggi
so’ belli com’ allor.

Possiedi ‘na corona
che te sa fa’ reggina
sippure “pepe e sale”
quela corona vale!

Giacché tanta saggezza
sa tutti entusiasma’
e chi te sta a guarda’
sempre t’ammirerà:

Col labbro soridente
tu offri a tanta gente
l’ accorto e pio consijo
che quarcuno aiuterà.

_________________

CANTATA A ROMA

Vado pé Lungotevere
Co’ li penzieri ar vento
Mentre guardo ‘sto popolo
Ch’è alegro e se sà adatta’

Pijo ‘st’ esempio maggico
E rimanno le concrusioni
Gustanno l’emozzioni
Che Roma  me sà da’

Me piace er bello e er brutto
De ‘sta città incantata
Che accoje cor soriso
‘gni triste reartà

patetica e sorniona
è ricercata e amata
e a chi jé fà der male
sa sempre perdona’

pé tanti verzi è unica
paciocca e ‘n pò indolente
ma nun fà distinzione
sì se tratta d’aiuta’

la Storia de ogni sito
attira e stà a inzegna’
che la filosofia
sta propio de casa qua’.

_____________

CHE  NATALE  E’?

Ritorna Natale a fine dicembre
e ancora ritrova le nuvole e l’ombre!!!
S’accènnéno i video e l’audio ce dice
che ovunque ner monno nissuno è felice.

Se sente de guere de lotte civili
de bombe attentati e d’azzioni più vili.
S’è perzo er rispetto…nun c’è dignità
E ognuno sull’artro vo’ sempre zompa’.

Nun basta a ridacce quer senzo cordiale
sortanto méttènno du’ palle all’abbète
sì drent’a ‘gni core nu regna la fede.

Se penza a spènne e a riempisse la panza
scordanno che ar monno ce vo’ fratellanza
e tanta pazzienza  mischiata all’Amore.
Prestamo aiuto  a chi sta ner dolore…

Tenemo presente er Messaggio che vale…
così ce riavremo er Santo Natale!

__________________

CHIACCHIERE BUSCIARDE

Cianno detto  che le tasse
mò saranno più leggere
ma ‘ste chiacchiere nun vere
resteranno menzognere

Ogni nòvo partitante
p’ariva’ su la portrona
de parole ne fà tante
che l’orecchie ce rintrona

Pochi fatti, ma più  veri
ce farebbero contenti:
case e posti de lavoro
ospedali più effiscenti

sicurezza a li vecchietti
co’ l’aumenti de penzioni
e quarch’artro pizzardone
p’acchiappa’ li marviventi.

_____________

ER CANTO DER GALLO

Er canto abbituale der galletto
è differente dall’antre giornate
se sente ch’è avvelito poveretto
ner vede tante pile preparate.

Imtanto fà er bilancio
de quello ch’ha cantato
co’ tutte le calugne
che a le galline ha dato.

Dopo l’amore avuto
che puro l’òvo ha dato
s’accorge solo adesso

de quanto abbia sbajato
cantanno a perdifiato
e svejanno er vicinato

Mò er canto  s’è accorato…
Preludio de la fine
der tempo spenzierato

Adesso tiè rimorzo
d’avé male sparlato
e quanto jé dispiace

che ha da morì strozzato
senza più avecce tempo
pé èsse  perdonato.

_____________________

ER DIVANO

Er divano è quela cosa
per davero è portentosa
e che in epoca passata
se chiamava l’ottomana

Sì te vòi da riposa’
ce ll’hai pronto e lo pòi fa’
e sentennote a tuo aggio
ce staresti fino a maggio

Allungato e rilassato
te ce senti da sovrano
senza smòve più ‘na mano
coll’idea de sta un pochetto
a guardatte un ber firmetto
ma Morfeo che te st’accanto

te prepara un antro incanto:
tu te scordi der firmetto
che t’aggarba più er sonnetto.

________________

ER POSTINO E LE BOLLETTE

Mamma mia che gran disdetta!
Ecco quà ‘n‘antra bolletta
ne la buca de la posta
già se vede ch’è un Imposta.

Er Postino che fa er giro
cerca de nun stacce a tiro
ner reca’ ’ste farfallette
che nun vorebbero èsse lètte

perché lui nun c’entra gnente
si s’arrabbia poi la gente.
Ma però er marcapitato
sempre male è ricevuto

da chi un mucchio de bollette
cià da lègge e mai se smette.
C’è monnezza e cambialette
Puro l’ IVA ce se mette.

si pòi tieni un‘esercizzio
nun è mai giusto er giudizzio
che ‘gni giorno’n’antra aggiunta
stai sicuro che già spunta.

Tutti dicheno : “Mo basta!
che ‘gni arivo de bolletta
È ‘na martellata in testa.

_______________

ER PRINCIPE AZZURO

Ogni regazza sogna un principino
cò la capoccia bionna e l’occhio chiaro
ben vestito da paggio e cor guantino
e sempre pronto ar comprimento raro

Lo vede ne li sogni ‘st’ideale
e ce ricama sopra ch’è un piacere
e lo vorebbe propio tal’ e quale
pé questo prega Dio tutte le sere.

Ma passa er tempo e ‘sta fanella ignara
cià quarche delusione che l’impara
fintanto che corpita da un ber viso

un giorno s’innamora all’improviso
de un regazzotto mòro e stempiatello
da quer momento er principe suo è quello.

______________

FIORENZO SE N’E’ ITO

Ancora ‘n’antro Comico è sparito
s’è ito a riposasse all’infinito.
Smòveva la risata più cordiale

Riuscènno sempre a riempì le sale
L’avrà capito quanto stava male?
O c’è arivato ridènno ar gran finale?

Noi s’erimio conosciuti a Campidojo
quanno se comprimentò pé quer sonetto
che prese un premio propio in quer consesso

indove  spiego come un ber pescetto
riuscisse assai gustoso appena cotto.
Lo declamò me diede un ber diploma

e poi me sussurrò:  “Più nun ze trova
mò ch’è sofisticato ogni boccone
nun vedo l’ora de stacca’ er bottone.”

Oggi l’ha fatto!  Fiorenzo s’è addormito
e assieme a li colleghi s’ è riunito
ma l’arzilletta nu la cercherà,

ma su ner cèlo de certo inventerà
quarche “macchietta” che reciterà
e ancora er bonumore  porterà.

_______________

GENTILEZZA E’ …

Me so’ rimaste impresse ‘ste parole
scritte tant’anni fà a le prime scole
” Gentilezza è profumo de bontà! ”
La storia, in breve, sta tutta quanta quà:
pé la “scianchetta” de ‘n’a compagna a Pietro
er vecchio custode che camminava dietro
la maestra ce chiese spiegazzione
e poi ce mise tutte in punizzione.

Ce fece scrive tre foji fitti fitti
de ‘sta frase coll’occhi fissi fissi,
fu questa ‘na lezzione salutare

e da quer giorno fummo più aggarbate
ché ‘ste parole scritte e ripenzate
‘na regola de vita sò restate.

___________________

GRAZZIE  ARBERTO

Te ne sei annato
tra risate e pianti
perché nissuno scorda
certi eventi
che t’hanno visto
fra i protagonisti.

Virtù e difetti
l’hai interpretati tutti
de questa umanità
ridente e affranta.

E cèrte vorte
sardonico e beffardo
hai fatto risartà
i   cattivi istinti
mentre covavi in petto
er desiderio de mitigà
le sofferenze a quanti
lungo la vita
nun cianno avuto gnente.

Beneficato hai tu
segretamente
cò la saggezza
der bon samaritano.

Ed oggi uniti
all’urtimo convegno
riconoscenti dimo:

Grazzie Arberto!

_________________

MAGGICA ROMA

Davanti a me fiammeggia l’orizzonte
e Roma è tutta quanta sforgorante
e li campanili che spiccheno fra i tetti
a li poveti  jé ispireno sonetti.

La civirtà ch’ha dato ar monno intero
traspare da ‘gni ruvina dell’ impero
e ‘gni romano ce se sentre eletto
conziderannose fijo prediletto

e soffre ner sentilla denigra’
da quarcheduno che nu la vo’ apprezza’
ma è solo invidia che fa chiacchiera’

pé questo nun se dovemo d’angustia’
tanto l’hanno capito tutti quanti
che a qualunque città Roma sta avanti.

_________________

L’AMMAZZATORA

La vecchia ammazzatora de Testaccio
sempre ha aiutato quarche poveraccio
che lì de fora passava la nottata
p’arimedia’ ‘na piccola “cartata”.

Così… ‘na vorta tanto se sfamava
cor brodo e er lesso che lo ristorava
e un grazzie ar macellaro rifilava
che drent’ar padijione s’addannava

perchè de prescia sempre lavorava
e in pericolo de vita se sentiva
e tutto sporco poi s’aritrovava
doppo la faticata che faceva.

Fra quell’anziani der ” Centro”
che mò giocheno a carte
ancora c’è chi ne faceva parte.

________________

LA DIETA

Ognuno se fà vanto
de rispetta’ la dieta
ma avanti a la tovaja
la dieta scordera’

Abbasta già l’odore
a metteje appetito
e solo verdura e soja
lo tengheno avvelito

resisterà un pochetto
poi assaggerà un pezzetto
e come còrto in fallo
decide de nun fallo

e ner penza’ già assaggia
boccone su boccone
e presto er bonumore
comincia a riaffiora’

Coll’anima distesa
rinuncerà all’impresa
scordannose la dieta
che serve a rattrista’.

________________

LA FAVOLA DER GATTO

C’era ‘na vòrta un gatto
che tutto quanto er giorno
stava sdrajato ar sole
prima de notte a un tratto
scattava com’un matto.

Aveva perzo tempo
adesso rimediava…
ron ron ,fusava er gatto,
sornione a pelo dritto

facenno du’ moine
e quarche strofinata
metteva tutto a posto
e assicurava er pasto.

Struscianno poi furtivo
coll’animo giulivo
cominciava er giretto
da strada fino ar tetto

leccanno un filo d’acqua
la zampa se risciacqua
ruspanno a ‘n’ angoletto

scova quarche sorcetto
intanto se sgraffigna
quello che più j’alligna

senza nissun penziero
la vita p’ogni gatto
è solo riposo e …ratto.

_______________

LE BUSCIE…

Le buscie de mi’ marito
So’ ‘na cosa eccezzionale
Lui promette assai spedito
In un modo naturale

“anneremo a quer banchetto”
poi però come nun detto.
” pé Natale bene o male
te lo crompo quer bracciale!

E faremo ‘na croscera
Manco ariva primavera”
Io, ‘na vorta ce credevo
Però doppo ce penavo

Ner vedé che ‘gni promessa
Me faceva sempre fessa.
Oramai da cinquant’anni
Nun ce faccio più malanni

ogni vòrta ch’opre bocca
tanto so quer che me tocca
e so già che ‘gni parola
è ‘na favola che vola
e risponno a ‘gni penzata
co’ ‘na gran bella risata.

________________

LI BOCCETTI FELICI

La vita è dura lo sapemo tutti
Ammischiati so’ l’anni belli e brutti
Percciò la vita casalinga è seria
E va affrontata coll’aria più bonaria

Pé li Boccetti  i loro anni in comuni
Appareno  legati da ‘na fune
Perché se so’ vorzuti sempre bene
Superanno così contrasti e pene.

Adesso, poi attorniati da la prole
Che chiedeno conzijo o du’parole
Dettate da esperienza e tenerezza

de la famija cianno concretezza.
Questa è la vita sana onesta e vera
Che da conforto pa’ ‘na vita intera.

________________

LI FIJ PROPI SO’ SEMPRE LI MEJO

Tutti li fij pé li genitori
so’ belli, bravi e all’artri superiori.
Pur’io pé papaà e mamma ero la mejo
e co’ mì sorella facevamo er pajo.

Mi’ padre me chiamava Luccichetta
perché cantanno rillegravo casa,
mì madre se metteva in soggezzione
perché diceva ch’ero nata saggia.

Cantavo allora serena e spenzierata
pé papà mio che tutto ce donava
mentre che mamma a sentimme declama’
se credeva d’avé ‘na rarità.

Er canto mio però poco è durato
che ne la vita mia poco ho cantato
e la saggezza ve la riccommanno
perché so’ anni che seguito a sbaja’.

__________________

L’OROLOGGIARO

L’ orologgiaro è carmo e assai preciso
che fa girà l’orario a menadito
se ne sta a sede davanti ar tavolino
fra  perni  viti  lime e scavolino.

Addopra bilanceri  assi  e  rotelle
co’ manovre precise e delicate
e ama ‘sto lavoro un pò opprimente
e l’ore che ce passa poi so’ tante.

Er tempo che scannisce è regolare
e se uniforma ar battito der core
segnanno l’ore bòne e quelle amare.

_________________

LO SCIPPATORE

‘no strappo …un urlo…un rombo de motore!
A chi st’assiste jé pija er batticore
‘na donna anziana casca sur serciato
scippata da un regazzo disgrazziato.

La vecchia piagne: ” la penzione mia…
So’ mezza morta e nun ciò più ‘na lira,
ciavevo quela somma solamente
e mò p’un mese nun magnerò pé gnente!”

La gente attorno intanto commentava:
” Io l’ho intravisto  mentre che scappava
e m’ha intruppato…pé poco m’ammazzava!”
‘n antro vecchietto nun ze raccapezzava:

“Pareva un regazzino che giocava
e mentre ce burlava se spassava…
mancato è un pelo a diventa’ assassino
ortre che ladro è un pòro scimunito! ”

Nun zò da quale ceppo viè ‘sta razza
Che drent’ar petto tiene ‘na corazza
Ch’ aggisce dall’infanzia co’malizzia
E nun lavora mai pé la pigrizzia!

S’affida solamente a la destrezza
Cor solo apporto de la giovinezza
Ma er giorno de la dura verità
Sarà quanno vecchiezza ariverà.

Doppo tanti “entra e esci” de priggione
Sarà nun solo vecchio, ma minchione
Senza rispetto  e nissuna dignità
E emarginato da la società.

_________________

L’ASSOLO

La zanzara nell’orchestra
Sòna come ‘na maestra
Fa qualunque zinfonia
Coll’allegra compagnia

Poi se stufa e tutt’un tratto
Pianta tutto e fà fagotto
Che vo’ emerge tutta sola
è pé questo che s’invola.

A la fine co’ coraggio
Da solista vo’ dà un saggio
‘n de l’orecchio ar direttore
e lo fà co’ gran fervore

Che prodigio quell’assolo!
Ce se sente realizzata!
Però mentre spicca er volo
‘na manata l’ha schiacciata.

__________________

MACCHE’ BACCHETTA MAGGICA

Margrado mille cose che danno da penzà
Occupanno er cervello de tanta umanità
Un piccolo rimpianto ce sta der tempo annato
Che dava all’esistenza  quer poco pé campa’.

Eppuro tanta gente nun ce se disperava
Vedenno che ner lusso quarcuno ce sguazzava.
ma quello che sgobbava manco se n’accorgeva
perch’ era abbituato solo a la sobbrietà.

Adesso che’er progresso  cià dato li “bottoni”
Pare che sia assai facile gesti’ tante invenzioni
Ma ciò che pare maggico e semprice da usà
Solo l’aiuto tenico abbisogna pé funziona’

E tutto sommato ar profano quanto jé costerà?
Nun era mejo allora restà cò le banali
Eterne e tanto semprici cosette funzionali?
Che la bacchetta maggica me dite dove sta?

__________________

MATERAZZO  E  MATERAZZARO

Materazzo è quella cosa
che distenne soporosa
ogni membra labboriosa.
Quanno stanca s’ariposa

Ogni anno se cardava
se chiamava l’artiggiano
che d’artista era apprezzato
e la grann’opera inizziava

e ner mentre che cardava
tanta porvere inalava
ma er lavoro lo svorgeva
celermente e co’ gran cura.

Poi la porvere finiva
e la fodera riempiva
e cuciva tutto a mano
coll’agone e co’ lo spago…

mano a mano trapuntava
co’ perizzia tutto er cèlo
a fiocchetti equidistanti
che a contalli ereno tanti.

Dipennéva dar fiocchetto
sì er lavoro era perfetto!
E poi, a opera compiuta,

ritemprava tutte l’ossa
sopra ‘n’antro materazzo
che lui stesso aveva fatto.

______________

OGGIGGIORNO

Semo tutti tartassati
da notizie alluscinanti
e li fatti più impenzati
ce l’avemo sempre avanti

e sò cose assai scioccanti
così tristi e sconfortanti
che ce fanno sopetta’
che uno onesto nun ce sta.

La fiducia ch’esisteva
è sparita…nun zé trova!
e la gente ormai lo sà

che sempre in guardia a da resta’
perché chi jé passa accanto
lo potrebbe rapina’.

__________________

OTTIMISMO

L’ottimismo è quella cosa
che sta bene in ogni casa
quanno viè ‘na nota amara
basta un motto e se ripara

Spesso solo ‘na strofetta
o ‘n’amena barzelleta
sà sbloccà ‘na situazzione
e fà trovà la soluzione

a un probblema compricato
che ner cranio sta fissato.
Ma un principio resta chiaro:

sa d’avè li nervi a posto
e l’ottimismo a ogni costo.

_________________

OTTOBBRATA

A mezz’ottobbre l’odore der vinello
invita a scampagna’ drent’ar tinello
er vignarolo offre un bicchieretto
spillato sur momento ar bariletto.

Grappoli d’oro dorci e brillarelli
rillegreno le vigne dei Castelli
e danno modo a spenzierate commitive
de trascorre  giornate assai giulive.

che ritemprato da quer sole bello
ognuno canta come fa er fringuello
se rènne conto poi che l’ottobbrata
jé darà sempre ‘na bella risvejata.

________________

PARLA’ SINCERO

Parla’ cor core operto  a ‘n ammalato
nun è sempre pé dije che’è guarito
ma pé faje accetta’ co’ più fiducia
la terapia ch’er medico ha fissato

Però a ‘sto punto jé va riccommannato
che a tutto ce vo’ er tempo destinato
perch’ er miracolo nissuno cell’ha in mano
e ogni dottore è un povero cristiano

che fa der tutto pé contrasta’ er lavoro
a la “Commare secca” intrufolata
framezzo alla salute indebbolita

e quanno è “quella” a vince la partita
puro l’anima der medico è contrita
e saranno due li condannati a morte:
malato e medico legati dalla sorte.

_________________

PERMALOSITA’

Ner vede li nonnetti un pò isolati
se incorpa er monno d’avelli trascurati
perché puro chi era soridente

a un tratto se dimostra diffidente
verzo chi jé vorebbe da ‘na mano
oppure lo saluta da lontano.

So’ sempre sospettosi e cianno er grugno
e ‘gni parola jé provoca er mugugno
e sì tenti de scherza’ poi è tempo perzo.

Sarebbe mejo che la socialita’
pijasse er posto de la scontrosità
bevesse in pace un bon bicchier de vino…

e strigne più amicizzia cor vicino.

________________

PESCA MIRACOLOSA

Er sogno de trova’ un tesoro a mare
pare sia diventato propio vero
pè un gruppo de studiosi intestarditi
d’ispezziona’ un galeone in fonno ar mare

Decisero così d’anna’ a quer posto
a ripesca’ er tesoro lì anniscosto
quarcuno l’ha chiamati puro matti
ma quelli fidusciosi so’ partiti

mettènno assieme un pò de sordarelli
perché er tesoro stava lì a aspettalli!
Ce faticorno facenno sogni arditi
ma ner ritorno restarono avveliti

perché er tesoro appena rispescato
d’autorità a un Museo fu portato
e tutta la gloria de ‘sta grann’impresa

sortanto ar Direttore destinata.
La ricompenza ch’è toccata a loro
fu un cartoncino :” Ai pescatori d’oro”

_________________

POESIA IN… VERMI

L’ anima der poveta
è candida e spenzierata
e nun vo’ propio ammette
che la tera sia traviata

Certi fatti e misfatti
ch’adombreno la vita
vorebbe cancellalli
co’ n soffio de poesia.

Ma questo è impossibbile
nun ze pò propio fa’
lui s’ha da rènne conto
che la vita accusì và

Ner mentre che ricanta
poemi in der sereno
succedeno artre cose
che so’ da infarto pieno.

e l’anima sua affritta
che ama l’arcobbaleno
jé se sprofonna subbito
fra li vermi der tereno.

________________

QUARTO DE LUNA

Se dice che la luna de levante
porti  più forza e vita su la tera
sarà pé questo che guardà le sfère
me fà sentì poeta in certe sere.

Quanno vedo spunta’ la prima luna
cò ‘no spicchietto fino e inargentato
vorebbe salì su cò la mia bella
e a cavalluccio facce l’artalena.

cor mannolino fa’ ‘na serenata
trovanno le parole più sincere
che nascheno così senza pretese
perché arisurterebbero più vere.

Perciò vojo mannatte ‘sto stornello
perché tu sei pé me er fiore più bello
ner mentre solo e snza compagnia
me struggo pieno de malinconia.

E propio su ‘sta farce arilucente
vorebbe fà vola’ ‘st’amore possente
abbraccicati soli fra le stelle
l’anime nostre sarebbero gemelle.

_________________

RAGGI  AFFATATI

Tante barelle in fila all’ospedale
cò li pazzienti afflitti dar gran male
senza speranza come Cristi in croce
coll’aria smorta che fa manca’ la voce.

Guardeno indifferenti tutt’attorno
quer posto triste  freddo e disadorno
e brameno l’arivo der dottore
che li rincòra com’un confessore

e sa convince ‘ste genti sfortunate
a fa’ terapie che pareno azzardate
però a la fine scongiureno la sorte

de chi sfinito nun penza che a la morte…
e poco a poco ricomincerà a spera’
e ‘sti raggi affatati li benedirà.

________________

ROMA SPARITA

Ce so’certi articoletti ch’ho riccorto cò passione…
l’ho attaccati s’un quaderno   che conzervo assai gelosa.
tutti parleno de Roma quela Roma ch’è sparita.

Ce sò fatti assai curiosi détti ameni e stuzzicanti
e sfojanno ‘st’appuntini li rivedo tutti quanti
e ripenzo a quela vita  così carma e pacioccona

che pareva ‘n pò sorniona… Non che adesso sia da meno!
E ‘er progresso che trasforma  ogni cosa e i sentimenti,
spèscie er modo de campà  e a noi questo nun ce và

Poi ho scoperto ‘n’ emittente co’ ‘na bella trasmissione
che dà voce a tutti quanti  pé  parlà de Roma mia
e cò garbo e simpatia  lega musica e poesia.

Se  ricconteno l’usanze le leggènne e tradizzioni
der ber tempo de ‘na vòrta e viè a galla ‘n’antra cosa
assai bella che rincora: Roma no, nun è sparita.

s’è sortanto un pò addormita! Basterebbe che la vita
ritornasse più serena e li costi de ‘gni cosa
se mettessero a livello dell’entrata e dell’uscita.

Ce vorebbe che le mani se strignessero fra loro
e tornasse la fiducia come quella d’anni fà.
Solo allora Roma nostra tornerebbe a ricantà.

__________________

SABBATO SANTO

Tutta la casa a nòvo rilustrata
la tavola de Pasqua apparecchiata
su la tovaja bianca ricamata
fa bella mostra la robba preparata.

De violacciocche è zeppa la fiorera
e d’ova toste è piena la zuppiera
che nonna da naiffe ha pitturato.
Salame intero accanto a la giuncata
che domattina ha da èsse conzumata
er ciammellone cò li confettini
che stuzzica la gola ai regazzini.

La pizza che du’notti è lievitata
troneggia arta tutta decorata
accanto a ‘na pecorella luccicante
ch’appena operta nun durerà pé gnente.
li regazzini allungheno er ditino
pévede d’arubbanne un pezzettino:
“Fermateve ch’er Prete benedice

sì vede che so’ rotte, che ve dice?”
Mamma baccaja e er Prete puntuale
Sta già in arivo, se sente pé le scale
co’ la casciara de tutto er vicinato
che assai curioso ha fatto er pipinaro.
la regazzetta se fa er zegno de croce
nonna inchinata prega sottovoce.

“Pasqua felice, in questa casa pace!”
er Prete parla mentre benedice.
E le campane intanto tutt’in coro
se sciojeno cantanno a modo loro.
inquer momento pieno d’emozzione
se sparge na fraterna commugnone.
Sabbato Santo! Quello de ‘na  vòrta

ce resta in core come ‘na cosa morta…
Quello d’adesso è tanto differente
nu riesce più a commòve tanta gente
Nissuno se prepara com’ho detto
pé questo a certi nun fa l’istess’effetto.

__________________

SCAMPANATA DE PASQUA

A chi volemo fa’ ‘sta scampanata?
Provamo a falla a quanti hanno arubbato
che a Pasqua poi s’aspetteno er perdono.

Oppure la faremo all’ospedali
che prima d’accetta’ quarch’ammalato
fanno er conzijo d’amministrazzione?

Volemo falla  invece a li Ministri
che nu sanno fa più bene quer mestiere
e litighenio sempre come piazzaroli?

Ma pé ‘sta tera nostra che figura!!!
Quasi è fenita nell’immonnaro
perché nissuno conosce più er dovere

e nun zà suggeri’ quarche sistema
pé potè vive co’ più carnalità.
‘sta scampanata quinni è salutare

pé da’  ‘na risvejata a le coscenze.
Chissà si sta sonata cià er potere
da falle ripuli’ da le magagne?

_________________

STELLE CADENTI

Cascheno tante stelle er dieci agosto
se pònno vede da qualunque posto
facenno crede a noi che l’aspettamo
ch’er desiderio chiesto realizzamo.

Armeno ‘na vòrta chi nun cià provato
a resta’ svejo  e a sta’ cor naso arzato?
Spescie sì cova ‘na speranza ardente
che brama  realizzalla  veramente?

Ma poi a speracce nun ze perde gnente
puro sì è ‘n ‘illusione solamente !
E ner vedé ‘sta striscia luminosa

è come l’avverasse de ‘gni cosa
e in più s’aggusta come un pollo arosto
‘sto rigalo che ciarriva a ferragosto.

________________

‘NA POCHETTA DE FELICITA’

quanto so’ belle ‘ste cannéle accese
perché stanotte nun ze bada a spese!
La cappella modesta dell’Ospizzio
La notte Santa se vo’ leva’ ‘no sfizzio.

Tutti li nonni co’ magra penzione
hanno riggranellato un gruzzolone
pé potecce arimedia’ le mejo cose
scordannose accusì l’ore noiose

che passeno lì drento tutto l’anno
e festreggià mejo Natale a Capodanno.
Ma la preghiera più sentita e vera
è quella d’arivede primavera

perché l’inverno co’ li doloretti
pare nun passa’ mai pè li vecchietti
e ‘sta pochetta de felicità
in quarche modo li riscallera’.

______________________________________________________________

Dialoghetti romani

Titoli:

  • Chi paga er conto?
  • Penzieri giornalieri
  • Er boschetto
  • Generazzioni
  • La signorina
  • Li compagnucci
  • Li conziji de la commare
  • Primo incontro o scontro?

___________________________

CHI PAGA ER CONTO?

A sor Giova’ sapete?

Sora Tuta che dite?

E’ stata organizzata
‘na festa eccezzionale…

E voi che fate…ciannate?

Che domanna me fate…
sapete che me piace
‘na festa divertente!
Sì devo èssè sincera
Ciò pronto già er vestito.

Me pare de vedello
sgargiante e trasparente!

Nun solo è luccicante
ma cià ‘lo spacco ardito.

Sarete ‘no spettacolo…
La mejo de ‘sto secolo!
L’avete già pagato
O come vostro solito
Sarà ancora strisciato?

Ma ché me state a di’?
Er conto l’ha pagato
chi m’ha invitato lì.

PENZIERI GIORNALIERI

Sòra Teresa bbòna giornata
Vedo ch’annate a la passeggiata

Che passeggiata … vado ar mercato
E v’assicuro … lavoro ingrato

Nun ve diverte de fa la spesa?
Pijatela come ‘na bella sorpresa.

Bella sorpresa ? E’ ‘na novità
Che ‘gni matina m’angustierà
Perché li prezzi nun zò mai uguali
Pure su articoli che so’ usuali
Aumenta er pane  la pasta er vino
E nun c’è gnente de genuino
E ciò er rimorzo che quello che compro
A’n certo punto se vòrti contro.

Io nun caspisco quello che dite
Sì ‘n pò più mejo nun ve spiegate.

Possibbile propio che nun capite?
Ma voi l’aumenti nu li vedete?
A fa’ la spesa ciannamo contriti
E semo sempre male nutriti

Purtroppo’gni articolo viè da lontano 
E nissun sapore è quello nostrano.

Apposta ve dico ch’è un gran probblema
Combina’ bene sia pranzo che cena
Spennemo tanto pè quer compramo
Magnamo male e in pià s’ammalamo.


ER BOSCHETTO

Ce sta un boschetto
sopra un monticello
ch’è fatt’apposta
péll’innammorati.

Ce schioccheno li baci
cento a cento
sia sott’er sole
che sotto la luna.

Un giorno du’ regazzi
capricciosi
voleveno lassàsse
assai nervosi

dicènnose parole
menzognère
che tutt’e dua
fasceveno soffri’:

Me so’ stufato
Nun me vòi più bbene!

diceva er giovenotto
assai infuriato.

A me lo dichi?
Tu cerchi la scusa
e me so’ accorta
che sei tu a inghigna’.

E,  ner parlà,
du’ lagrime cocenti
tremaveno nell’occhi
luccicosi.

La guardò mejo lui
co’ tanto amore
e co’ la mano
j’asciuttò er visetto

la strinz’ar petto…
jé scoccò un bacetto
e fra le fronne

der fresco boschetto
cantava alegramente
‘n ucelletto.

GENERAZZIONI

Nonnetta bella come sei vestita?
Me pari un maschio accusì combinata!

Cara nipote me vojo un pò aggiorna’
pé ‘st’artro poco che devo da campa?

Ma  fino a ieri penzavi differente
e la modernità nun te diceva gnente
anzi, eri quella che me baccajava
si me vestivo un poco più vistosa.

Ma mò te spiego quer ch’è capitato
e t’assicuro che nu l’ ho cercato
che quasi stento puro io a crede.

Dimme, ricconta  che io me metto a sede.

Hai da sapé che vado ar Centr’anziani
tanto pé divagamme e sta’ ‘n pò assieme…

Vabbè…ma fino a quì tutto va bbene
me pare nun ce sia gnente da discute.

Er fatto è questo cara nipotina
che mò è arivata la telvisione
e vo’ porta’ li vecchi com’esempio.

Allora…me vòi di’ che c’è de strano?

Nu lo capischi?…Vado in primo piano
perché hanno scerto a me come campione
de terz’età che pare giovanile.

Però quello che fai è ‘na mascherata
tutta truccata, cor reggipetto a vista
e li capelli tajati a la maschietta.

Fijetta bella prima de mori’
lo sai che la farfalla mette l’ali?
Così me so’ truccata da farfalla
pé pija’ ne la rete er calbbrone.

A no’ tu er calabbrone lo fai ride…
sai come scappa quanno che te vede
perch’è la carne fresca che jé piasce.

Tu me stai a offènne, che voressi dimme?

Te dico che nun basta l’apparenza
quello che a te te manca è ‘n’antra cosa.

Che manca a nonna tua…’n pò de sciortezza?

Penzo de si …però no fatta pé finta
Sortanto quella de la giovinezza.

LA  SIGNORINA

Sarve, bella signorina.
Permettete? Io so’ Pasquale
E sortanto da du’ giorni
Sò venuto quì a abbità.
Ma scusate si m’azzardo
a parlavvé pé le scale.

Ma che dite? Ciò piacere
de conosce er mio vicino
e pur’io da solo un mese
so’ venuta a abbita’ qua.

Pé davero? Io sapevo
che ce fosse ‘n ‘inquilina
mai però così carina!

Ve dirò co’ confidenza…
‘na regazza, de ‘sti tempi,
vive male a sta’ da sola
e pe’ sta’ ‘n pò più tranquilla
ogni tanto cammia casa.

Ve capisco veramente…
e pur’io p’èssè sincero
nu sto bene a sta’ da solo
E ho lassato er mio paese
proprio pé sta quì in città.
indov’è fascile trovà
compagnia de qualità.

Ma davero state solo?
Senza moje…senz’amiche?

Passo a mejo presentamme:
signorino e possidente…si volete
v’accompagno…..Dov’annate
stamattina?

Grazie, grazie sor Pasquale.
ma io vado un momentino
a trova’ certi bambini
da le monache  ar convento.
Quindi nun ve disturbate,
pé stavorta… v’aringrazzio.

Ma voi fate l’assistente?
E’ lodevole ‘sta cosa
perch’è segno che ciavete
tanto core e zentimento.
Ch’età cianno ‘sti pupetti
penzo che li conoscete?

Direi propio!…Er primo nacque
quann’avevo quinnicianni.
Er seconno a diciassette…
Li gemelli appena a venti.

Sarvognuno, signorina.
ch’età avete pé piacere?

Sor Pasquale, m’offennéte…
Ventidue che nun ze vede?

LI COMPAGNUCCI

Sòra Cecijia mia
dovete stacce attenta
e dite a vostro fijio
de nun mena’ a Nennèlla.

Ma quann’ è stato?…Diteme
si so’ tanto carucci
e stanno sempre assieme
da bravi compagnucci?

Ve l’assicuro invece
l’ ha detto propio pupa
quanno m’è ritornata
co’ la faccett’accesa.

Me sembra tutto chiaro
mio caro Sor’Oreste
a faje er viso rosso
‘so’ stati li bacetti.

LI CONZIJI DE LA COMMARE

‘ sti regazzini so’ propio impicci
risponnéno male te fanno crapicci.

Ma io drent’ar core li metterebbe
p’avelli sempre più accanto a me

Ma loro a la madre nun penzeno mai
tutto è dovere quello che fai

Se sa che li fiji nun pònno sapé
dren’a ‘na casa er lavoro che c’è.

Dovressi guidalli co’ più rigore
e si ce serve co’ quarche schiaffone

Ma ché scherzate? Che so’ ‘ sti conziji?
se vede propio che nu avete fiji!

Cara commare m’avete da crede
si nun zò educati nu li posso vede.

Sì devo avvezzalli fra bòtte e paure
ciavrei d’aspettamme menzogne sicure
!

PRIMO INCONTRO  O SCONTRO?

Drin  drin…drin drin.
Arivo  arivo  e che ve sonate…
momenti scassate er campanello!
Ma chi séte ? Che volete?

Bongiorno Sòra Rosa, scusate,
io so’ Caterina.

Io nun ve conosco.

Ma vostro fijo Giggi non v’ha detto?…

Che me doveva da di’?

Che io che so’ la fidanzata
oggi dovevo venivve a conosce.
v’ho portato puro ‘sto mazzetto…

T’aringrazzio pé le rose
ma io nu sto ar corente de ‘sta cosa…
comunque entra, fija mia, che parlamo.

Grazzie, quanto séte gentile
che bella madre che cià Giggi mio
e ciavete puro la casa bella !

Eh! Si nun me lamento!
Ma Giggi è ito a fa’ er sordato
e de te nun m’ha parlato.

Eppuro me l’aveva assicurato
tanto che ciò creduto
che dopo der sordato
lui m’averebbe sposato.

Già parli de sposa’…
ma certo stai a scherza’?
Quanno  ritornerà
dovrà da lavorà
e no penza’ a sposa’.

Ma io jé vojo bbene
E lo saprò aspetta’.

Io nun te lo conzijo
de sta a spetta’ mi fijo
e quello che t’ha promesso
conziderelo nun detto.

Sòra Ro’ che me dite
e che conzij me date?
A Giggi mio ce credo
Perché so ch’è sincero.

Si ! Ed’è puro un fustaccio
ma cià ‘n caratteraccio
e cò te che sei bassetta
ce farà ‘na porpetta.

Sapete che ve dico?
Cò ‘na madre accusì
Giggi lo lasso quì.

Le Traggedie romanesche

Titoli:

  • L’arringa
  • Peppe de Borgo
  • Ar ricovero
  • Appelli e dediche
  • Dramma de Capodanno
  • La fiorara
  • Un fiore tra i capelli
  • L’arioplano
  • Alfredino de Vermicino

__________________________

L’ARRINGA  er fattaccio N.due

Autodifesa de ‘na donna accusata
de ussoriscidio
 

M’ addimannate, perché l’ho fatto fòra?
Embè. Li motivi so’ tanti e tutti veri!

Me so’ sposata quasi ragazzina
nun potevo, de certo, esse indovina
specialmente sì mamma me diceva
che a lei quer giovanotto jé piaceva
perché viveva da solo e assai appartato
e pé questo pareva un tipo assai educato.

Io…me sentivo piena de fervore
perché se crede sempre ar prim’amore
che a quinnicianni te fa sbatte’er core
senza capì che quello nun è amore
ma solamente er primo…batticore
che all’enfatuazzione da colore.

Doppo sposati, lui ch’odiava er monno,
ben presto m’allontanò tutti da torno:
mai più contatti cò parenti e amichi
e drento casa solo noi dua…nemichi
perché ciavevamo l’ idee  tutte contrarie
su tutte quante le cose… le più varie.

La casa piccoletta e assai curata
da tanti fij poi fu rallegrata
e io serena allevavo ‘sti pupetti
tra faticate, favole e giochetti
e io cantavo mentre sfaccennavo
così scordavo quello che penavo.

Co’ l’artre donne nun me confrontavo
e manco co’ quarcuno me lagnavo
pè questo mai nessuno m’ha aiutato
eppure m’ha amato tutto er vicinato
che s’era accorto de quello che passavo
e nun capiva perché nun me sfogavo.

Le umigliazioni e le parole odiose
lui me le rifilava a forte dose
e me sfogavo a piagne, ma intuivo
che a cammià la sorte nu ce riuscivo.
Speravo ch’esse docile e ubbidiente
l’avesse portato a esse più cremente.

Quello che nun capivo era lo sfotte
sortanto pé rifilamme un pò de botte.
Se pònno mai scordà tutte ‘ste cose?
che v’ assicuro so’ spine dolorose
e brutti esempi pé li ragazzini
che viveno ner crima d’aguzzini.

Direte: Sì accusì lui v’ha trattato
se po’ sapé perché nu l’hai piantato?
Nun v’annisconno che ciavrei provato
si quarchiduno m’avesse conzijato!
Ma scioje er nodo co’ li fij appresso
nun era facile come succede adesso.

Li fij nun l’avrebbe mai lassati
in balìa de chi l’avrebbe mar trattati
oppressa sempre ne sarei restata
se via da sola me ne fossi annata
solo ‘sta situazione ragionata
è stata quella che m’ha vincolata.

E ieri all’improviso, com’ è usanza
m’ha rifilato un carcio ne la panza
me so’ mancate le forze in un minuto
e un antro fatto uguale ho rivissuto
quanno co’ ‘n antro fijo drent’ar zéno
me presi un carcio dritto com’un treno.

Er piccoletto sortì prematuro.
D’allora, fra de noi ce crebbe er muro
mentre la vita più triste diventava
e scordai er canto che me conzolava.
Solo de notte, cor viso sur cuscino,
piagnevo e me sfogavo cor destino.

‘St’urtima zampata immeritata
‘na ribellione immensa ha scatenata.
Abbasta – ho detto- e d’impeto ho tirata
la prima cosa che m’è capitata
e disgraziatamente fu un cortello
che jé s’è infilato dritto ner cervello.

Nun zò spiegamme com’è capitato
ma v’assicuro …nun fu premeditato.
Me pare che a ‘sto punto ho detto tutto
me renno conto ch’è un ricconto brutto
nun solamente pé chi l’avrà ascortato
ma puro pé me che ve l’ho riccontato.

Giudicateme adesso, brava gente!
dell’avvenire nun m’emporta gnente
libbera e sola oppure là in galera
mai più conoscerò la pace vera
e  cò coraggio affronterò er verdetto
sì armeno uno avrà creduto quant’ho detto.

PEPPE DE BORGO
Diverzità cattiva

Peppe de Borgo era un ber fanello
Compagno de lavoro a mi’fratello.
L’amavo tanto e lui me ricambiava
Ma questo a mi’ fratello nun garbava
E un po’ alla vorta me l’allontanava
Senza badà a la pena che me dava.

Quanno che Peppe a me me disse addio
Me parve che strappasse er core mio.
Lo disse cò’no sguardo assai avvelito
Spieganno che l’amore era fenito
Ma nun me seppe da’ la persuasione
Perché vedevo in lui la confusione.

Viddi felice solo mi’ fratello
che stava sempre più assieme a quello.
Feci tacé l’amore de sorella
penzanno a la vennetta  solo a quella
e l’appettai decisa cor cortello
ma Peppe se fece avanti pé scanzallo.

Questo sarvò la vita a mì fratello
e Peppe che stramazzò sopr’ar serciato
nun afferò quell’urlo disperato
che me salì dall’animo accorato
mentre che maledivo mì fratello
ch’aveva distrutto ‘n amore così bello.

Disperata penzavo che fusse pé dispetto
e mai capii quer che ce stava sotto.
Io l’ho scoperto drent’ar cellulare
‘ndò parlorno d’amicizia particolare
che m’ha fatto fenì drent’ a ‘sto gorgo,
p’avé ammazzato, lui , Peppe de Borgo.

Mò sto’ rinchiusa fra ‘ste quattro mura
e vedo davanti a me ‘na vita dura,
e ciò un rimpianto solo, ch’er cortello
nun zia fenito in petto a mì fratello.


AR  RICOVERO
Solitudine

Ciò novant’anni e passa e sto in salute
m’ha detto ‘na vecchietta all’Istituto.
Davero?- jò risposto- ciò piacere
ve faccio assai de core tanti aguri !

Piccola arzilla  e dritta com’un fuso,
le guance rosa e l’occhio acuto e vivo.
Me la guardavo mentre che parlava
e de  venimme appresso  nu smetteva.

Tengo tre fij e quinnici nipoti
la mia è ‘ na famija favolosa
e io, qua drento, me ce trovo bene.
Carcò un po’ troppo su – quer tanto bene-

E ripeté – davero ce sto bene !
Lo disse p’evità la compassione
ma l’enfasi me rese sospettosa
e l’attenzione diventò dubbiosa.

Poi me fermai p’offrije quarche cosa
e da la borza scersi’ na scialla rosa
ne fu contenta e me baciò la mano
mentre me ringrazziava piano piano.

La mano me sentii piena de pianto
e questo me commosse proprio tanto
quer gesto rivelò l’immenzo  dramma
che nisconneva quell’anima de mamma

perché quella famija numerosa
nun era come diceva… generosa.
E quela vecchia cò fij e cò nipoti
ciaveva ormai tanti parent’ ignoti.

Adesso nell’ospizzio rintanata
piccoli e granni l’aveveno scordata
la vita sua da quanno era rinchiusa

era tar quale a quella da reclusa.
Compresi in pieno quella sua tristezza
e me l’abbraccicai  cò tenerezza.

La concrusione de la vita è amara
si nun c’è accanto chi ce la rischiara
specè da vecchi …senza più conforto

se mòre prima d’èsse davero morto.

APPELLI  E DEDICHE
Richieste radiofoniche

Tanti fojetti un po’ scarabbocchiati
stanno su la conzolle sparpajati
ce stanno scritti sopra tanti nomi
e spesse vorte pure soprannomi.

Dediche appelli baci salutoni
ma più de tutto titoli de canzoni.
Noi Conduttori semo abituati
a riceve tanti appelli disperati

e nissuno è bòno a risponne
-Che c’emporta !-
Eliminanno sverti la risposta.

Ma dite voi più serio che ce sta
de fa’ contenta un po’ d’umanità
usanno ‘sto mezzo rapido e potente

che allontana la malinconia
e sa creà amicizia e simpatia.
Si se intuisce che fra li dedicati

Traspareno pensieri delicati
che vanno a fa’felice ‘n ammalato
che drento ‘n ospedale è confinato’

oppure esse pronti a da’ ‘na mano
a chi  a sta tutto solo s’è stufato
decidènno st’appello disperato.

A ‘sto punto er sentimento pija er volo
e se vorrebbe conosce quella gente
che ce s’accosta accusì devotamente.

Ve dico che io ‘sto mezzo l’ho trovato
e quarche vorta m’ ha puro rincorato.
Perciò me porto appresso ‘sti fojetti

Che so’ veri trattati de concetti.
E rileggendo a casa tutto quanto
de quarche nome m’aricordo er pianto

o l’eco de quer tizzio sconosciuto
che titubbanno me chiedeva aiuto.
Pé questo ‘sti fojetti  spiegazzati

sò emblemi e specchi dell’animi accorati
che pé trovà amicizia e comprensione
jé basta ‘na parola o ‘na menzione

magara ‘na poesia o ‘na canzone.
Infine poi pé dì la verità
perfino a noi quarcosa resterà.

Pé questo s’ha da esse generosi
cò chi se confida cò sincerità
che de sicuro è incerto e timoroso

Perché è successo in modo cramoroso
D’avé considerato un po’ noioso
Un pòro disgrazziato abbandonato

E quello …drent’ar fiume s’è buttato.

DRAMMA DE CAPODANNO
Miseria e allegria

Notte de capodanno scintillante
dovressi èsse pé tutti sfavillante!
Ce so’ purtroppo tanti scuri drammi
che sfateno l’entusiasmi tutti l’anni.

Chi nun gioisce perché cià qualche pena
e chi regge la vita a malapena,
ce stanno poi l’azzioni deprimenti
che so compiuti dalli delinquenti…

L’aria gelata sferza ‘gni passante
che va de corza senza guardà gnente
stasera a quarcuno l’aspetta er gran cenone
e lo compreteranno cor vejone.

Ner freddo de la strada un fagottello
st’ abbandonato accanto a ‘n alberello…
Lo fiuta solo un randagio derelitto
lui pure solo e ce va dritto dritto.

Spigne er fagotto cò la zampettina
e scopre er viso de ‘na ragazzina.
L’annusa e fiata pé daje calore
e abbaia forte…abbaia cò fervore

pé fa’ capi’ a chi va gioconnamente
che serve aiuto pé ‘na pupa ch’è morente.
Infatti la pupetta abbandonata
è mezza morta quasi assiderata

fortuna che de lì passa un barbone
che se sbriga a offrije protezione
portannòla in un zito più appropriato
indo’ quarche aiuto jé venga assicurato.

All’ospedale la pupa è riscallata
e da tutti l’infermieri spupazzata
ner mentre penzeno a la madre sciagurata
che cò quer freddo la fija ha abbandonata

Come la passerà  quela nottata?
Potrà inaugurà er nov’anno spensierata?
Intanto quella povera neonata
nun saprà mai chi l’avrà creata

e solo un cane… un barbone
e un pochetto de calore
j’ hanno ridata la vita
co’ disinteressato amore.


LA FIORARA
Sacrificio e dignità

Ne lo scialle de lana intorcinata
la fiorara da ore sta appostata
co’ la canestra sur braccio infreddolita
e dar profumo de li fiori un pò stordita.

Ancora sta diggiuna la pòretta
che de pecugna è vòta la borsetta
e spera  rimedià qualche sordino
p’annasse a riscalla’ cor cappuccino.

C’è la “Prima dell’Opera” stasera
pé lei po’ èsse ‘na serata bòna
lontana c’è l’ orchestra che già sòna
però fa freddo nun è ancora primavera.

Quante carozze cor cavallo ar trotto!
E puro ‘sto spettacolo è assai ghiotto:
le granni dame ariveno agghindate
da lustri cavajeri accompagnate

a questi la fiorara speranzosa
offre li fiori cò la mejo posa
“Signore bello vo’ crompa’ ‘na rosa?
starebbe bene in petto a la su’sposa

e puro a lei ‘na cameja sur vestito scuro
jé compreterà er vestito de sicuro.
Ma  de niscosto poi sospirerà
penzanno ar tempo che nun tornerà.

‘na vòrta puro lei fu ” gran signora”
e a teatro annava qualche sera
e l’omo suo li fiori jé crompava
dicenno che a ‘na rosa  assomijava.

Ma queli tempi ormai so’ tramontarti
e a da penzà a li fij sempre affamati
dar triste giorno che vedova è restata

pé questo, mò, fiorara è diventata
e ricordanno tutto a core stretto
seguita a preparà fiori a mazzetto.

Core e pensieri stanno assai lontano
accanto a li fijetti ar sesto piano
che tutt’e quattro bòni ner lettino

aspetteno mamma cor latte e cor panino
e solo quanno lei jé starà accanto
abbozzerà pé loro puro un canto.

UN FIORE TRA I CAPELLI
Destino crudele

A dodicianni s’è stroncato un fiore
er cèlo è tutto scuro de dolore
era ‘na fija estrosa e inteliggente
e vive lei voleva  fortemente.

A tutti lo diceva ‘gni momento
piena de slancio e cò tanto sentimento:
” A me me piace tanto da studia’
e assai presto me vojo diploma’. ”

Un brutto giorno se svejò spossata
e p’anna’ a scòla se preparò svojata.
Da quer momento pé quella ragazzina
fu tutt’un dolore de sera e de matina.

E fu l’istessa cosa all’ospedale
indove inizziò’na cura assai speciale
papà che se prodigava senza sosta
pè Pupa sua nun trovò risposta

puro quanno  lei  voleva uscì
lui la convinze a curasse proprio lì
e mamma che la guardava e poi piagneva
ner vedélla patì ce se struggeva.

Nun voleva ammette che ‘n’innocente
dovesse soffrì p’un morbo prepotente.
Nun ebbero quell’esito sperato
I sei mesi de carvario disperato.

Lauretta ch’aspettava ansiosa maggio
fu sopraffatta margrado er gran coraggio
e a febbraro chiuse l’occhi all’improviso
mentr’er fratello j’accarezzava er viso.

De questa ragazzetta eccezionale
è apparza ‘ na bella foto sur giornale
indò soride co’ l’occhioni belli
mentre s’appunta un fiore tra i capelli.


L’ARIOPLANO
Tragico atterraggio

Guardavo sere fa su verzo er cèlo
schiarito da la luna inargentata
mentre fantasticavo assorta e stanca
godènno in pace la magica nottata.

Framezzo ar brulichio de tante stelle
passaveno artre luci rapide e belle,
ne fissai una lontana e intermittente
che parve ‘na lucciola lucente.

Me dispiaceva che s’allontanava
mentre lo sguardo mio la rincorreva
e cor pensiero corsi a quella gente
che stava in viaggio spensieratamente.

Spezzai la poesia de quer momento
scordai l’afoso attimo d’incanto
e me misi a penzà prosaicamente
alla personalità de quella gente.

Sull’arioplano chissamai chi c’era?
Da ‘ndò veniva? Indove se n’annava?
In viaggio de lavoro o de piacere?
Da quanto abituati a ‘ste crocère?

Sarebbe stato bello stacce insieme
pé diverzificà ‘ste mie giornate
sempre penate e tanto faticate!
In quer momento forze l’ho invidiate

Er velivolo virò giranno storto
de sicurò diretto all’arioporto.
Allora er viaggio era terminato
e ognuno quanto avrebbe riccontato!

Er pensiero continuò a staje vicino:
Chissà si c’era quarche regazzino
forze impaurito der suo primo viaggio
che voleva dimostrà d’avé coraggio?

Quello che se trovava più a suo aggio
sicuramente era l’equipaggio
io cò la fantasia l’immaginavo
fantasticanno fino ar “dopoarivo”.

Intanto er sonno me nannò a dormì
e all’arioplano nun ce penzai più
ma la matina a bon’ora sur giornale
lessi  ‘na cosa che me fece male:

Un aereo passeggeri all’atteraggio
sartato in aria cò tutto l’equipaggio.

ALFREDINO DI VERMICINO
Tutto inutile

Sperduto in mezzo a un campo maledetto
ce stava un pozzo scuro stretto stretto.
Passava allegramente un ber Pupetto
che pé gioca’ s’avvicinò un pochetto.
fu risucchiato come in un imbuto
er povero Arfredino e fu…perduto.

Pé ore e ore ce rimase a spigne
e ognuno se sentiva er core strigne.
Sola e impaurita la pòra craturella
era straziata da la gran “trivella”
che sgranava la tera parmo a parmo
mentre che Nando jé diceva carmo:

Nun piagne piccole’…su, nun t’abbatte
che adesso viè Mazzinga, lì, a sarvatte.
Er piccoletto però ricominciava…
se sentiva la voce che implorava:
Ma fate presto! Quanno me pijate?
Nun vedo proprio l’ora ch’arivate!

Intanto più strillava e più calava
in mezzo a quell’argilla e s’impastava
diventanno ‘na statua de dolore
e pé sarvallo nun bastò l’amore
de tanti eroi che coraggiosamente
hanno lottato disperatamente.

Spericolati fino ar sacrificio
senza ricavà manco un beneficio
che ormai er fanello s’era già sfinito
cor corpicino tutto annichilito
Da quell’attesa spasmodica e fremente,
ciaveva sete e nun capiva gnente.

Ma quanno che la sorte fu segnata
dall’urtima più difficile affonnata
ner core d’Arfredino so’ rimaste
l’eroiche voci generose e meste.
So’ state quelle er viatico preciso
pé fallo tranzità ner Paradiso.

Versi in sordina

boccaveritapTitoli:

  • A la cicala strillona
  • A voi… fij belli
  • Allegrezza = Saggezza
  • Allegria de San Silvestro
  • All’ospedale
  • Amicizzia sincera
  • Canto de cicale
  • Cometa Kalley
  • Core de madre
  • Du’ amiconi
  • E’ mejo un padre povero…
  • Er doppio gioco
  • Er fusajaro
  • Er sartore – ovvero…
  • Er tifo de ‘na vorta
  • Fijette belle
  • Illusione
  • La Befana in penzione
  • La femminista
  • La fiorara
  • La preghiera mia
  • La sposa bella
  • La vetrina
  • Le monachelle
  • Le sartine
  • L’ottimismo
  • Ne sanno più de noi
  • Papà lavoratore
  • Pizzicanno la ghitara
  • Rosa e azzuro
  • Se vive de più… ma come?
  • Sonetto ar tempo annato
  • Stanno soli li morti?
  • Su la metro
  • Sulla spiaggia
  • Tifosa Testaccina
  • Traggedia ar mare
  • Tutto da rifà
  • Una scintilla
  • Versi in sordina

_________________________

A LA CICALA STRILLONA

Cara cicala mia
mò te lo dico
è ‘n’ora bbòna
che te sto a senti’
e ancora er zole
è arto su ner cielo
perciò nun ho fenito
de pati’.

Volevo sta’ tranquillo
quì sdrajato
a rifrescamme ‘n pò
de ‘sta callaccia
ma er cicaleccio tuo
monno bojaccia
m’ha rimbambito
sotto ar pergolato.

Ma me lo chiami canto?
Pija fiato!…Perché fra poco
resterai sfiatata…
Apposta poi
appena cala er zole
te sentirai così tanto
assetata  che d’improviso
morirai schiattata.

***************

A VOI …FIJ BELLI

La vita nostra è corza come un treno
senza mète de lussi e d’ambizzioni
vostro padre ha sempre lavorato
e vostra madre nun è stata meno.

Cò la famija nummerosa e esubberante
ogni giornata è stata assai stressante
pé nun privavve de pane e vestimento
ammischiati de cristiano inzegnamento.

De favve granni se semo preoccupati
su la strada der dovere incanalati.
Er vanto nostro è stato semprfe questo:
che ogni fijo crescesse bbòno e onesto.

Adesso che voi puro fate l’istesso
cor vostro esempio valido e indefesso
verzo li fij vostri piccoletti
puro noi nonni semo soddisfatti.

E mò ch’er traguardo d’oro amo toccato
famo un bilancio ch’era già scontato
e ripassanno er tempo ch’ è passato

è facile capì come sia stato:
Tanto dovere  che ha tutto realizzato!

*****************

AMICIZZIA SINCERA

Se  parla d’amicizzia
‘gni giorno a destra
e a manca
e ognuno la desidera
solo quanno j’amanca.

E’ certo assai dificile
trovanne una sincera
che nun covi l’invidia
come ‘na serpe nera.

Che l’amicizzia vera
sa sempre èssè sincera
e ‘gni giornata scura
trasforma in primavera.

Dall’animo intristito
da dubbio e d’amarezza
te sa leva’ le spine
cò tanta tenerezza.

E quanno se sacrifica
senza dàttelo a véde
affidete de slancio

perché tu ciai da crede
e solo a ‘sta magnera
se scopre ch’è sincera.

**************

LE  MONACHELLE

De monachelle ce ne stanno tante
però non tutte se faranno sante.
Le celle nude conoscheno li pianti
Dall’occhi de ‘ste donne supplicanti.

C’è quarcheduna pure ch’è felice   pé
quella vocazzione che l’induce
ma pé quarch’ artra la rassegnazzione
ha preso er posto de la delusione

e sgrana quer rosario zitta e muta
mentr’er penziere vaga a sua inzaputa
é quer rimpianto grosso e più accorato
legato ar pupo ar quale ha runciato.

Mò sta in ginocchio fra le conzorelle
e invola ar cèlo tante preghiere belle
ma la più vera quella più sentita
È pè la Santa  Madre Immacolata

che pè la sua purezza è venerata.
E puro lei che pura è ritornata
si pure non cià odor de santità
pé le donne perdute pregherà.

**************

LA SPOSA BELLA

‘Na fijia bella oggi se fa sposa
e ar braccio de papà incede radiosa
presso l’artare lo sposo suo l’aspetta
pé falla diventà la sua diletta.

Papà jé la conzegna in quer momento
co’ n’emozzione che nun vo’commento
e se procède ar conzueto rito
p’uni’ ‘sta bella coppia all’infinito.

‘na lacrima furtiva è scivolata
sur viso de papà che l’ha ‘sciugata
mentre a ricordo de ‘sta gran giornata
‘na zinfonia d’amore ha organizzata

pé la fanella che donna è diventata
e p’er regazzo che l’ha conquistata.
La commozzione ha vinto li presenti

che j’agureno tant’amore pé cent’anni
poi quanno la coppietta partirà
li seguirà er penziero de mamma e de papà.

******************

LA VETRINA

Davanti ‘na vetrina du’ pupetti
stann’incantati e appizzeno l’occhietti
jé pare  de sentì er zapore ‘n gola
de quela robba esposta tanto bbòna.
Le pecorelle de zucchero filate
co’ li stennardi arti a guiderdone
pareno pronti pé la processione…

quant’ova de cioccolata ricamate
coi confettini e le stelline colorate!
Er grandicello dice: Quant’è bello
quell’ovo grosso cor purcino giallo
cià puro la casetta e lo steccato!
Er piccoletto lo sente ner palato
er sapore de tanto cioccolato:

A noi nessuno ce l’ha rigalato
nun dico tutt’intero…ma un pezzetto!

…………………………………………………………
A quelli rigazzini poverelli
la vetrina jé sveja sogni belli
ma quella robba costa…è p’artra gente
loro pé Pasqua nun ciavranno gnente
Se magneranno si…puro ‘n ovetto
ma sarà tosto e troppo piccoletto.

****************

ALL’OSPEDALE

Er primo ggiorno impatto cor dolore
ner miserello letto d’ospedale
cò sofferenza fisica e morale
che s’impossessa der corpo più tenace.

Se pèrde sonno gusto e bonumore
e passeranno l’ore senza pace
chiamanno ‘gni mrnuto l’infermiere
tutta la notte a occhi spalancati.

E l’arba ariva come suo dovere
e tutto ha inizzio com’è abbituale:
storia prelievi flebbo e viè er dottore
che parla sempre troppo sottovoce…

pé nun fatte capì la situazzione.
Tu che speravi de risorve co’n par d’ore
T’accorgi ch’er tempo qùì nun cià valore
diventa  eterno e a te…te mette l’afflizzione.

Te guardi attorno co’disperazzione
e vedi facce affritte senza distinzione
e ner dolore tutt’ affratellate.

‘n òmo maturo accanto ar  giovincello
un professore ar pari d’un bidello
ognuno che incoraggia er più vicino

e scherza pé fa’ ride er pivellino…
Ognuno è parte dell’umanità
e la speranza è uguale p’aiutà.

****************

ALLEGREZZA = SAGGEZZA

A Roma l’allegria
nun fa difetto
è un modo giusto
pe’ dimostra’ l’affetto.

E ce sarà un proverbbio
accantonato
che a ripescallo
ce riporta er fiato.

Sippure c’è un dolore
prorompente
abbasta un motto
pe’ rillegra’ la gente.

Nun va chiamata
superficialità
ma solo er mejo modo
pe’ campa’.

Perchè avenno ‘na base
D’allegrezza
S’arriva poi cor tempo
Alla saggezza.

****************

ALLEGRIA DE  SAN SIRVESTRO

L’anno nòvo disse ‘n giorno:
si me guardo ‘n pè da torno
vedo cose semr’ uguali
tutte storte …tali e quali.

C’è bisogno che t’affanni
a fà festa tutti l’anni
solamente a San Sirvestro
sia bisesto che anno destro?

Tanto, cià ch’è scritto avviene
si m’accoij o male o bbène!
Fa ‘na cosa pé piacere
( pòi pijallo pé ‘n dovere).

Sta più alegro a tutte l’ore
nun pati’ tanto dolore
pé le tasse o la piggione
o l’aumenti o er cammialone.

Così armeno tutto l’anno
lo vivrai senza l’affanno
d’aspettà pé ‘na risata
solamente ‘sta nottata.

*************

CORE DE MADRE

Ogni essere der monno cià ‘na madre
Che lo crea  lo satolla  lo spupazza
‘na donna nun ce penza da regazza
a quanti fij ciavrà doppo sposata.

Saranno uno? Cinque? ‘na dozzina?
Quanno verà er momento se vedrà
E de sicuro farà quer che conviene
Perché ‘gni donna per istinto è madre.

Lei farà sempre tutto quanto bbene
Seguenno tuttociò che dice er core!
Jé inzegnerà a parlà poi…a fa’ er dettato
A èsse bravo e no maleducato.

Cor pupo suo dirà la pia preghiera
Mentre lavorerà matina e sera
Senza stufasse mai de faticà

Perché ‘gni fijio è fonte de lavoro…
Lavoro duro che incurverà la schiena
Che nun permette riposo né prigrizzia

e nun s’aspetta né grazie  né mercède
perché ‘na madre a un fijio gnente chiede
sarà lei a daje sempre quer poco che possiede.

*****************

NE SANNO PIU’ DE NOI

Li pupi appena nati
mò nascheno imparati
che cò parole semprici
fanno discorzi loggici.

Capimo ‘gni ‘ntenzione
e te fa quasi ‘mpressione
si come sanno ditte
le cose lette e scritte.

Parleno d’astronatica
orbite e cibbernetica
anna’ su Marte o Luna?
Difficorta’? Nissuna.

Si jè dichi ‘na favola…
rideno a ‘gni parola
contesteno le fate
e le bacchette ‘ncantate.

La concrusione, ggente,
è solo questa quà:
l’anziani un zanno gnente
deveno anna’ a impara’.

********************

CANTO DE CICALE

Pochi giorni de ferie  e per incanto
diventi carmo come fussi un santo
nun senti più frastono né spintoni
de la città ch’è piena de predoni.

Te scordi de le cose più snervanti
e t’arinfranchi p’annà mejo avanti
mentre ner fresco de la pinetina
ascorti la cicala canterina.

Lei canta!…Ma la nota è sempre quella
e a te, te pare, ch’è perfino bella
quanno ch’attacca  presto la matina
assieme ar coccodè de la gallina.

J’arispònneno le tortore in amore
mentre ch’er prato è tutto quanto in fiore.
Li rittimi moderni te li scordi
e manco de li buffi  t’aricordi.

La musica più bella  e congegnale
adatta a quer boschetto primordiale
è proppio quella ch’è la più banale
e corisponne ar canto de cicale.

******************

COMETA  KALLEY

Cometa Kalley che venghi dar passato
sempre entusiasmi er popolo tereno
che più v’avanti e più st’amareggiato
e guarda er cèlo pé scordà er veleno.

Settantasei  sò l’anni che ce vònno
pé fatte ripassà sopra ‘sto monno
e ner frattempo tante cose cammieno
meno le profezzie che ancora esisteno.

E quella antica che tu porti pace
mai nun tramonta e in petto porta luce
e l’ommeni de bòna volontà

pregheno uguale a dumilanni fà
e puro er Bambinello a quer chiarore
socchiude l’occhi pé nun lagrimà.

però sì piagne nun è pel luccicore
ma è perché nu riesce più a trovà
la vera gente de bbona volontà.

****************

DU’  AMICONI

Conosco du’fanelli assai carini
che nun zo’ mica tanto regazzini
li vedo sfreccià sverti in motoretta
pé anna’ de sera a cercasse la maschietta.

Cianno li ricci ar vento spettinati
le majette e li ginz sempre attillati
e sempre assieme fin da piccoletti
cianno uguali puro li difetti.

Ma de difetti nun ce  n’hanno tanti.
Infine! Nun so’ mica nati santi !
Solo sfrenate corse de pallone
su quella piazza davanti alla stazzione.

Solo ‘na cosa cianno divergente
li colori de Squadra solamente
fra Roma e Lazio,’na schermaja armata
e solo pé la Porta tanto amata.

L’avvenire jé darà strade diverse:
potranno sta lontani…ciò pò èsse
ma la’amicizzia che fra loro è nata
rimanerà pé sempre inarterata.

E ‘st’amicizia profonna assai sincera,
che dé ‘sti tempi nun pare manco vera,
cià solo un neo pé ‘sti regazzi belli
quello d’esse solo amichi e no fratelli.

*******************

ER DOPPIO GIOCO

De solito er poeta è ‘n ottumista
gioisce de ‘gni cosa a prima vista
e fa le rime cor core e coll’amore
perchè crede ner bene e nell’onore.

Però de fronte a ‘na cattiv’azzione
se sente perzo senz’ispirazzione
e nun ze fa capasce ch’n amico
de botto se trasformi in un nemico.

Ce soffre tanto nun pò èsse vero…
é costerà nottate ‘sto penziero…
Possibbile che ar monno certa ggente
nun zappia vive ‘n pò cristianamente?

Perché facenno mère inzinuazzioni
se diverte a sfascià le mejo ugnoni ?
Sieno de matrimogno o d’amicizzia
le distrugge co’ calunnie e impudicizzia!

E la rottura…sì s’aggiusterà
sarà solo co’ ‘n atto de leartà
riconoscenno che la corpa è solo

de quarcheduno ch’ha fatto er doppio gioco
creanno la discordia fra de loro
e ‘sta gentaja andrebbe messa a rogo.

***************

ER TIFO DE ‘NA VORTA

Me piaceva de fa’ er tifo  quann’ero regazzina
‘gni azzione era sincera, spontanea, genuina.

L’atleti gareggiaveno gajardi e appassionati
quanno cò pochi sordi veniveno ingaggiati.
La purezza de le Squadre nun s’era mai intaccata
perché dalla politica nun era contaminata.

Oggi nun ze capisce indo’ sta er farzo e er vero
e quello che corpisce è che nissuno più è sincero!

Li sprechi de mijardi sia dati o ricevuti,
l’accordi misteriosi che lasseno contrariati
e li campioni nostri sempre più sminuiti

co’ quelli che dall’arto vengheno strumentati…
So’ tutte cose serie che smorzeno la fede !
Così che, daje e daje,  er vero “tifo” cede.

****************

FIJETTE  BELLE

Le pupe de Roma
so’ dette ciummachelle
e so’ stupènne ardite
e sgrullarelle
cianno ner petto
sentimenti fieri
e nell’occhi li
sguardi più sinceri
e la prontezza
che tutte cianno innata
in ogni consesso
verrà comprimentata
e pure la perzona
più ingrugnata
appena ce parla
sarà conquistata.

*******************

LA FEMMINISTA

C’è la donna femminista
che pé mèttese più in vista
è presente a ‘gni sfilata
no de moda…ma in parata.

Oramai s’è emancipata
e allo sport s’è addestrata
la famija te contesta
co’ li canti de protesta.

Vo’ rimette a nòvo tutto
cò li sòrdi messi a frutto
a modo suo segue la moda
e nun vo’ più resta’ in coda.

Sempre prima! Ar par dell’òmo
va cercanno er pel dell’òvo
e te crea’ provocazzioni
fomentanno discussioni.

Ma ‘sta vita esistenziale
la risorve ar perzonale
a li piedi dell’artare

ricordanno a suo favore
ch’è più mejo fa’ l’amore.

***************

LE SARTINE

Sò come farfallette impriggionate
‘ste quattro regazzette spenzierate
che come l’api attorno all’arveare
a lavorà sò tutte ‘nfervorate.

De gioventù sprofumeno
spunticchieno e cicaleno
mentre sur petto appunteno
le spille a puncicà.

Ammiccheno e se burleno
cò la maestra accanto
che cò lo sguardo attento
le incità a nun sbajà.

Lei lo conosce er monno
sa bene ch’er penziero
lo tengheno lontano
e vònno amoreggià.

Un ber pischello bionno
oppuro moro moro
aspetta ognuna a sera
quanno che staccherà.

Da sorvejante saggia
jé tocca sta’ in campana
sinnò pel sottopunto
ce vò ‘na settimana.

E le sartine sogneno
mentre tireno er filo
e cor penziero bacieno
quello che jé fa er filo.

*******************

E’ MEJO UN PADRE POVERO…

E’ mejo un padre povero e pulito
Appètto a ‘n artro che forze s’è aricchito
Facènnose incastrà cor compromesso
Ma da penzieri cupi sempr’oppresso.

Un padre dall’affari imprevedibbili
nun ciavrà mai momenti disponibbili
pé seguì la famija ar modo giusto
ch’ariverà perfino a èsse ingiusto.

Un òmo invece ch’ha sempre faticato
dar rispetto de li fij è compenzato
che puro si nun sguazzeno nell’oro
ciavranno sempre er padre accanto a loro.

Abbasta un conzijo sia puro indicativo
er monito d’un padre è positivo
e quelle mani stanche un pò incallite

sapranno indirizza’ le nòve vite
verzo ‘na strada dignitosa e onesta.
La sicurezza d’ogn’esistenza è questa !

***************

ER  SARTORE – ovvero LO  STILISTA

Nonno era un sartore rinnomato
da tutta la crientera scicche
assai apprezzato
pé questo ciaveva lavoro
tutto l’anno
e co’ sette fiji nun faceva danno.

A me fanella me pareva un Mago
perché faceva miracoli coll’ago:
prima la stoffa nòva intorcinava
drent’ar lenzòlo zuppo e aspettava
che fosse asciutta e doppo la stirava.

Me lo ricordo er fèro che  fumava!
E Nonno cor centimetro sur collo
tanti pèzzi tajava cor modello.
e misurava e poi … rimisurava
E poi coll’acce lunghe l’imbastiva,

ner mentre er rocchettone jé spariva
co’ quela mano sverta che ciaveva.
Me lo ricordo Nonno!…Un gran burlone
che fischiettava mentre che cuciva
cor canarino in gabbia che ascortava.

Co’ l’ucelletto  lui ce dialogava
perché cor canto certo arisponneva:
“Me fa coraggio questa tua allegria
che semo tali e quali e in compagnia
però la gabbia mia sta sur barcone
mentre la tua …davanti a quer bancone”

………………
Defatti Nonno pé ‘na vita intera
sia d’estate  d’autunno e primavera
arternanno er tessuto de staggione
l’ho sempre visto curvo sur bancone.

********************

ER FUSAJARO

Ce stanno tanti personaggi antichi
che mo’ da Roma nostra sò spariti.
Se tratta quì de un ve ‘mbriacone
che pe’ campà venneva li lupini
e tutto er giorno girava p’urrione
tenènno appeso il sacco sur panzone.

Però pell’ora de li regazzini
se trovava puntuale a li giardini
e preparava tanti cartoccetti
pe’ fa contenti le pupe e li maschietti.
L’affari non j’annaveno maluccio
Così ‘gni tanto s’annava a ffà un quartuccio

De notte però all’osteria ce se fermava
e lì er guadambio tutto se scolava.

****************

ILLUSIONE

Parole dorci dorci
accarezzate er core
e date l’illusione
de ‘na vita d’amore.

Passato però er tempo
de la prima passione
nessuna è più capace
de risveja’ l’ardore.

Basteno du’ parole
co’ ‘n pò tenerezza
a fà parpità er core
quanno c’è giovinezza.

Ma questa infatuazzione
pure si da emozzione
nun zempre è ver’amore
è solo ‘n illusione.

***************

LA BEFANA IN PENZIONE

La Befana secca e vecchia
vola vola s’è stufata
perché ormai co’ quela scopa
nun po’ propio più vola’.

Li cammini nu li trova
da li tetti so’ spariti
fra l’antenne e fra li fili
nun sa come ha dda passa’.

P’aggiusta’ ‘ sta situazzione
er governo cià penzato:
ha mannato a la vecchietta
er libbretto de penzione.

Pure sì cià ducent’anni
la Befana è assai veloce
lo dimostra che in du’giorni

‘sto probblema l’ha risorto
e mò l’artri penzionati
se la guardeno pé storto.

*****************

LA FIORARA

Nello sciallo de lana intorcinata
la fiorara da ore st’appostata
cò la canestra ar braccio infreddolita
e dar profumo de li fiori ‘n po’ stordita.
C’è la “Prima ” dell’Opera stasera
pé lei po’ èssè ‘na serata bbòna.

Quante caròzze coi cavall’ar trotto!
E puro è ‘ no spettacolo assai ghiotto
guard’ ariva’ le dame imbrillantate
co’ li cavajeri lustri e impomatati.
A ognuno la fiorara speranzosa
offre li fiori co’ la mejo posa.

Signore bello, vo’ comprà ‘na rosa?
Starebbe bene in petto a la su’ sposa!
E la camèja sur suo fracche scuro
farebbe ‘n figurone de sicuro!
Amaramente ricorda la fiorara
quanno pareva puro lei signora!

E l’òmo suo li fiori jé comprava
dicènno che a ‘na rosa ‘ssomijava…
Ma queli tempi belli so’ sfumati
e du’ pupi affamati jà lassati…
Dar triste giorno che vedova è restata
pé tutti la fiorara è diventata.

E ricordanno tutto a còre stretto
Seguita a offrì ‘na rosa o un mazzetto
mentre ch’er penziere cià lontano
e ariva a la soffitta ar quinto piano
indove du’ crature ner lettino
aspetteno mamma cor latte e cor panino.

*****************

LA PREGHIERA MIA

‘sto canto che se perde
ne la sera
è come si dicesse
‘na preghiera

pé tutti quelli
che so’ soli ar monno
e se senteno confusi
e disperati.

Io co’ ‘sto canto
jé vojo da un richiamo
dicenno a ‘gni sperduto
de la tera:

Si c’è chi t’ama
nun sarai mai solo
e pòi affrontà
l’ostacoli che trovi

Sarà er penziero
de ‘n amico bbòno
a datte forza
puro da lontano.

*****************

LA SAPIENZA DE LI FIJ

Credo che ormai a ‘sto monno
più gnente ho da impara’
perché li fij  che crescheno
me chiameno tardona
e quello che sentenziano
lo impareno a la scòla.

Quer tempo che ricconti
a questi regazzini
pare che sia inventato
perché tanto lontano.
Allora appare inutile
sgolasse a chiacchierà.

Le tante cose storte
che jé vorebbe evità
parteno dar principio:
che io nu zo’ campa’
e se senteno in dovere
de tutto criticà.

Se senteno sapienti
davanti a me matusa
che ciò visuali antiche
che  nissuno più vo’vede.
Davanti a ‘st’evidenza
me sento strign’er core…

Ma loro tutto sanno
più de mamma e papà
e quello ch’è ‘sperienza
credeno  ingenuità
e cianno la pretesa
de volecce ‘nzegnà.

****************

TRAGGEDIA AR MARE

Staveno tutti alegri
In riv’ar mare
Chi  schiamazzava,
e nell’acqua se tuffava.

Chi sotto l’ombrellone
Se ne stava
Leggènno un libbro
E da tutto s’estragnava.

D’un tratto un urlo
Sovrasta la natura
Quarcuno strilla:
affoga ‘na cratura!

Nissuno è pronto
Pé portà ‘n aiuto
Manco er bagnino
Se trova lì vicino.

E fra l’angoscia
De tutta quela gente
Pé quer pupetto
Nissuno pò fa’ gnente.

***************

L’OTTIMISMO

L’otimismo è quella cosa
Che sta bene in ogni casa
Quanno viè ‘na nota amara
Basta un motto e se ripara

Spesso solo ‘na strofetta
O ‘n’amena barzelleta
sà sbloccà ‘na situazzione
e fà trovà la soluzione

a’n problema compricato
che ner cranio sta fissato.
Ma un principio resta chiaro:

sa d’avè li nervi a posto
e l’ottimismo a ogni costo.

********************

PIZZICANNO  LA  GHITARA

La ghitara è ‘n’amichetta
che ce tiene compagnia
li penzieri e le fobbie
strimpellanno vanno via-

Pizzicanno la ghitara
quante storie sò cantate
balli canti serenate
e canzoni strimpellate.

Tante musiche e ballate
sur momento sò create
accordanno quattro note
co’ pazzienza e co’ armonia.

‘na ghitara sopr’ar core
po’ fa’ piagne e po’ fa ride
e la musica trasmette
sentimenti e poesie.

*****************

SE VIVE DE PIU’…MA COME?

Se dice che la vita s’è allungata
e a tutti è dato de vive un pò de più
però si ‘sta vitaccia è disgrazziata
e nun conzola nun è certo amata.

Spescie si uno veggeta ammalato
e un nummero de letto è diventato
jé resta solo la rassegnazzione
pé nun casca’ ne la disperazzione.

L’affare è serio…perciò pé ‘sta raggione
bisogna che se trovi soluzzione
pé n’ arivà ar fattaccio che fa male

come quello ch’ho letto sur giornale:
“Un pòro vecchio solo e disperato
ha operto la finestra e s’è buttato “.

*******************

SONETTO AR TEMPO ANNATO

Primavera m’ariporta
a Pasquetta de ‘na vorta
quanno a fa’ la scampagnata
‘gni famija se n’annava.

Sopra ar Tevere o in campagna
era ‘na vera cuccagna:
Se pagava a la romana
che nun c’era troppa grana.

Co’ la gaia compagnia
se cantava in allegria
e le dorci stornellate
quasi tutti dedicate

alla “bella” der momento
e levava er sentimento
a chi er vino dava in testa
comincianno a fa’protesta

ma  de prescia poi recède
alla vista der “bulletto”
che teneva er cortelletto.
Quanno  tutto s’aggiustava

‘na “cinquina” suggellava
quanto ognuno prometteva.
e se ripijava er coro

mentre un bacio de straforo
concrudeva la giornata
a Pasquetta dedicata.

******************

TUTTO DA RIFA’

L’Euro non appena programmata
ha già subbito la prima cantonata
ché ‘sto proggetto da tempo congegnato
s’è addimostrato subbito sbajato.

Un tajo l’hanno troppo rifilato
un’artro invece nu è zighirinato
doppo le tante ciarle ch’ha sentito
er cittadino s’è visto un pò tradito.

La moneta che aveva da èsse un portento
subbito ha generasto lo scontento.
Possibbile che cò tanti cervelloni

le cose serie sò affidate all’aruffoni?
Come succede nissuno ce lo sa…
Er fatto è questo:..Tutto da rifà!

*****************

SU LA METRO

Su la metropolitana
devi èssè pronto a fa’ gincana
tra la folla indisponente
che te spigne prepotente

sempre come pé dispetto
er passaggio resta stretto
mentre chiedi: Pé favore
devo scegne…pé favore!

C’è chi parla, strigne …òsa
su ‘na tipa ‘n po’ formosa
mentre ‘n antro tipo lèsto

te se struscia pé fa’ presto
Poi t’accorgi …amaramente
ce nun t’ha lassato gnente.

******************

PAPA’  LAVORATORE

Papà sei un omo nato pel lavoro
cor core granne che pare fatto d’oro
stai su la breccia da matina a sera
e sempre in gamba da ‘na vita intera.

Quanno stai taciturno e pari assorto
è perché penzi a lii guaji che hai sofferto
ma nun vòi rattristà chi te vo’ bene
e t’annisconni in petto quelle pene.

Cò li fijetti tui che sai giocà
e trovi er tempo puro s’in te và
j’aricconti la vita e le leggènne
e da la bocca tua ciascuno pènne.

Voressi da’ de più de quer che dai
eppuro è tanto quello che tu fai
perché hai creato ‘na base de cemento

che sarà eterna come un monumento.
Monumento all’affetto d’un Papà
che nissun fijio mai se scorderà.

********************

ROSA E AZZURO                                   top

‘na bambola me guarda da la culla
mentre se succia er dito color rosa
co’ quanta tenerezza me la guardo
‘sta micetta d’azzuro infiocchettata.

Ricordo quer minuto che lei è nata
…Nonna de bòtto io so’ diventata !
d’allora me l’inzogno ‘gni momento
e tengo a mente ogni movimento.

‘sta pupazzetta de tarco profumata
la pelle cell’ha tutta vellutata
e le manucce sue morbide e belle

l’arza su ar cèlo pia’ le stelle
vorebbe attorno a lei invità le fate
perchè la vita sua fusse radiosa

e sempr’infiocchettata azzuro e rosa.

****************

STANNO SOLI LI MORTI?

L’ anime de li morti
Che sò volate in cèlo
Sempre ner core nostro
Cianno ‘n artare d’oro.

Li morti a noi più cari
ce resteno vicino
e mentre li pregamo
ce assisteno dar cèlo.

Ce li sentimo accanto
forze de più de prima
ma nun sapremo mai
si stanno in compagnia.

Nessuna mente umana
ce svelerà er mistero
è inutile ar momento

riggirà ‘sto penziere
e quanno andremo là
quer che sarà sarà.

********************

SULLA SPIAGGIA

Sdrajata sulla spiaggia
mentre ch’er zole sfoggia
guardo l’umanità
che quà se sta a brucia’.

Pare che ciascheduno
sia placido e sereno
godènno la natura
stesa sur bagnasciuga.

Ma questa è l’apparenza
perché drento ‘gni casa
niscosta sta ‘na spina
che rode ‘gni esistenza.

Tiranno un pò le somme
me pare de capì
che chi è sdrajato quì
le pene vò affogalle
ner mare …pé scordalle.

*****************

TIFOSA  TESTACCINA

Lo stadio romanista de Testaccio
che ancora resta infisso ne la mente
ha dato avvìo a la più gran passione
de ‘na romana tutta acqua e sapone.

Cò la sincerità che jé compete
lei pija la parola convincente
e tiene testa senza tentenna’
a chi vorebbe tutto contesta’.

Cià sempre la vocetta battajera
cor pijo sverto de ‘na berzajera
che rissomija quasi a Nannarella

e cò la fòga accusì friccicarella
dovrebbe anna’ a la Cammera a parla’
e riuscirebbe er Governo a riddrizza’.

***************

UNA SCINTILLA

Fu solo  ‘na scintilla
ch’accese er primo fòco
e sempre è ‘na scintilla
ch’accènne ‘na fiammata

magara da principio
è quasi inosservata
se ferma p’un momento
poi l’alimenta er vento

l’allarga se colora
riscalla e poi se dòma
………………………………
………………………………

Ma quela fiamm’ardente
ch’é granne ch’è possente
e nasce da la scintilla

che drent’ar petto brilla.
s’appiccia brucia er còre
edè fiamma d’amore.

****************

VERSI  IN SORDINA

Li versi che me nascheno
in sordina
so’ come l’eco de ‘sto còre
oppresso.

Voleno su ner cielo
tra le brine
e a ‘gni angioletto
bbòno
vanno appresso.

Sì è vero che le pene
dé ‘gni oppresso
serveno a donà gioia
In paradiso

Io so’ contenta
de soffrì pé questo
e ‘gni dolore
dé ‘sto core mio

diventerà de certo
un ber soriso
che fiorirà sur viso
a ‘n angioletto.

__________________________________________________

Come formiche

1-tempioTitoli:

  • Alla prima nipotina
  • All’operatori ecologgichi
  • Ar Capitano Totti
  • Ar ricovero
  • Canto de poeta
  • Chedè la pennichella?
  • Ciao Lira
  • Come formiche
  • Compagna de scola
  • Educazzione cani civica
  • Er battesimo de Pupa
  • Er dentista
  • Er giornalista doc
  • Er Papa der soriso
  • Er pennolo antico
  • Er sole fa er prezzioso
  • Er vennitore bravo
  • Fàmose coraggio
  • Gioventù
  • Grazzie de core
  • La chiave d’argento
  • La favola der gatto
  • La passeggiata della ciummaca
  • La santa Eucarestia
  • Li caffè dell’artisti
  • Li conduttori e le dediche
  • Li disturbatori
  • Li portaritratti
  • Li poveri sfrattati
  • L’infruenza
  • L’orzaroli innamorati
  • Passeno le donne
  • Pedalate da campioni
  • Pizza e mortadella
  • Poeti a convito
  • Regazzo impegnato
  • Ricordo Testaccino
  • Risvegliati Roma!
  • Sempre avanti
  • Sempre uguale ariva Natale
  • Senza Roma nun po’ sta’
  • So riuscita a “prendette”
  • Soli su la tera
  • Sonetto ar limone
  • Spaghetti e porchetta
  • Streghe e fate
  • Un padre come tanti
  • Veleno

_____________________________

AR CAPITANO TOTTI

Da bambino portavi er pannolino
e sei cresciuto da bravo regazzino.
Ancora avanti cò la “Primavera”
carcianno sempre da matina a sera.

Cò Roma in còre te facesti onore
dimostranno che ciavevi gran valore
e daTrigoria fra corse e allenamenti
hai superato tanti imprevisti eventi.

Già ne la tua mente l’avevi proggettato
che Capitano saresti diventato
e finarmente s’è visto er risurtato
quanno cò te la Roma

ha vinto er Campionato
e ogni còore romanista
hai conquistato.

**************

AR RICOVERO

Ciò novant’anni e passa e sto in salute
me disse ‘na nonnetta all’istituto.
Davero? jé risposi. Tanti aguri
pé tutti i vostri lunghi anni futuri

Piccola, arzilla e dritta com’un fuso
co’ l’occhio vivo e le guancette rosa
me la guardavo mentre che parlava
e me veniva appresso e ripijava:

Tengo tre fiji e quinnici nipoti
la mia è ‘na famijia favolosa
e, io, quà drento me ce trovo bbene,
dico davero, ce sto tanto bbene.

Carco’ un pò troppo su – quer tanto bbene –
che disse p’evità la compassione
ma l’enfasi me rese dubbitosa
e  l’anima me se strinze penzierosa.

Quanno de slancio me baciò la mano
ner mentre la bagnava cor suo pianto…
Voleva ringrazziamme  dé quer poco
Che  pell’Ospizzio avemio fatto in loco

p’arillegrà quer povero Natale
co’ Musica, poesie, libbri e rigali.
Lei, co’ quer gesto rivelò un gran dramma
Dimostranno che  la solitudine era somma

perché da quanno stava”rintanata”
era come si fusse abbandonata
e la famija che -diceva- nummerosa
nun ze mostrava pé gnente affettuosa.

Scordata lì pé tutto quanto l’anno
senza un saluto manco a capodanno.
Quer bacio così timido e fugace
m’emozzionò e non fui più capace

de  ride e de scherzà cò quela gente
che da la vita nun aveva più gnente…
Me strinzi la vecchietta co’ dorcezza
penzanno a quanto è triste la vecchiezza

******************

CANTO DE POETA

Er core d’un poeta
È appassionato
Che d’ogni cosa bella
È innammorato.

Vorebbe cammià
Er monno sì potesse
Perchè ‘gni òmo
Ar mejo lo godesse.

Ner canto spiega
Ogni sua passione
Portanno tutto a galla
A precisione

E dedica la rima
E la strofetta
Sia a la natura
Come  a’ na regazzetta.

Ma puro  ar barbone
Solo  e  sfortunato
Che  da  la societa
s’ e’ allontanato.

***************

CHI VIVE A ROMA E’ FORTUNATO

Conosco un gran signore
ricco assai
che a Roma s’è stufato
d’abbita’.

Jé   fò: Nun me lo di’
che nun ce credo
nissuno se rifiuta
de sta’ qui

te sei annoiato ?
Ma spescie co’lo sordi
che ciai tu

te poi leva’
sia sfizzi che crapicci
e quinni ‘ste frescacce
nu le dì.

Rimani perciò qua
caro signore
vedrai che si ce penzi
un po’ de più

te sentirai perfino
fortunato
de vive a Roma
che nun te movi più.

******************

CIAO LIRA

Cara Lira te saluto
nun ciavrai più er benvenuto
der ber tempo ch’arivavi
e tanti amichi te facevi.

Oramai tu vai in disuso
nun te vòle più nissuno
quarche avanzo miccio miccio
resterà in quarche cassetto.

Poi ner tempo che verrà
nun te se ricorderà
manco chi pé guadambià
nun smetteva de sgobbà.

*******************

COMPAGNA DE SCOLA

Era ‘na regazzina scanzonata
inteliggente e pronta, se vedeva,
che sempre fra le prime se piazzava
studiava sodo perché già penzava
a quello che la vita jé serbava.

De volontà lei ce n’aveva tanta
forze pé questo nun se sentiva affranta
scejenno poi er lavoro preferito
ne fece ‘n ideale assai sentito:

Maestra camiciara rifinita
per quale ha lavorato pé ‘na vita
e ner contempo madre rispettata
e puro a li nipoti dedicata.

L’ho rincontrata p’un caso fortuito
giranno fra li banchi der mercato
ne li tratti der viso ho ritrovato
li tratti de quer viso conosciuto

Le mani se sò strette …ero commossa
e puro lei sorise… tutta rossa:
Ce penzi?  Quarant’anni so’ passati
e manco tutti rosa poi so’ stati

cò tanti fiji e tanti nipotini
che adesso cianno artri regazzini.
Vedé ‘sta testa bianca me confonne
jé dico- Puro a me, lei me risponne

e la sorpresa che io ho dato a te
la provo uguale puro io pé te.

*******************

ER DENTISTA

che sta pronto a tutte l’ore
co’ passione e co’ bravura
caccia i denti o te li cura.

Quanno arivi zitto e moggio
lui cor fiuto da seguggio
te fa presto oprì la bocca
e sur er male poi te tocca.

L’ignezzione presto appronta
e cor trapano t’affronta
senza tanti comprimenti
e te leva due o tre denti.

Si te guardi ne lo specchio
te par d’èssè un pòro vecchio
e stai lì tutt’accorato
co’ la bocca da sdentato

brutto gonfio stralunato
e lo sguardo rabbujato
ma nun poi manco parlà
pè potette disperà…

Ma er dentista quì te dice:
tutto fatto…che ne dice?
M’aritorni fra un mesetto
che la protesi jé metto

e vedrà che lei ciavrà
un soriso da incantà!
Te ne vai e pé 30 giorni
magni poco e poi…ritorni

cò la mano sua leggera
te sistema la dentiera
e la voja de magna’
te comincia ritorna’.

Pur sì er conto è assai salato
te ce senti rinnovato
mentr’er male ch’hai passato
pé fortuna l’hai scordato.

*********************

ER PENNOLO ANTICO

Er pennòlo 800 ‘na sera s’è  fermato
e lì sur muro appeso pareva fa’ l’offeso
l’ho subbito staccato sbattuto  smucinato
ma quello come un rudere nun m’ha propio penzato.

N’è passato de tempo da quela brutta sera
e su quela parete restato è in quarantena.
Ma ieri j’ho parlato mentre l’ho sporverato:
“Certo che sei ‘nvecchiato…hai misurato er tempo

da un secolo passato! ” Se vede ch’ha capito
e se n’è risentito che fasse pijà pé vecchio
no, propio nun c’è stato…

E oggi a mezzoggiorno le dodici ha sònato
sentillo all’improviso m’ha puro spaventato!
Forze quer discorzetto l’avrà scosso un pochetto?

O l’aria de primavera l’avrà risuscitato?
Si devo èsse sincera …’sto dubbio m’è restato.

***********************

ER VENNITORE BRAVO

Sì er vennitore è nato cor mestiere
Sempre lavorerà co’ gran piacere
E coll’istinto veramente innato
Lo farà èssè puro affortunato

Giacché lui sa che tutto è garantito
appena ‘na signora o signorina
se ferma a rimiraje la vetrina.
Lui pronto fa:  Vo’ vede da vicino?

Abbasta che lei entri un momentino!
E la perzona ch’è stata interpellata
cià un pò d’esitazzione… ma è già entrata.

Se guarda un manifesto lì attaccato
Indò ‘gni cosa cià er prezzo già scontato.
Incominceno accusì le trattative

Pé tutt’e due le parti positive.
Infine poi cò un carcolo mentale
lui aggiunge ‘n antro sconto eccezzionale

riserbato a ‘sta criente ch’è spesciale.
Questa è la chicca che lusingherà
la nòva criente ch’aritornerà.

********************

LA PASSEGGIATA DE LA CIUMMACA

Me so’ fermata com’ affascinata
A rimirà ‘na ciummaca arampicata
O mejo che strusciava a passo lento
Su ‘n arberello storto e macilento.
La donnolava er vento
E se reggéva a stento.

Ner mentre la guardavo
Io fra de me penzavo:
Quale sarà l’intento
Che la spigne controvento?
Chi jé l’ha commannata
‘sta granne faticata?

Sì ar monno nun c’è movenza
Senza ‘na convegnenza
Perché ‘sta ciummachella
Se fa ‘sta penitenza
Senz’èssè ripagata
Doppo ‘sta camminata?

Nun ciavrà ‘na fronnetta
E manco ‘na formichetta.
Eppure ciavrà un valore
Che sfugge all’attenzione?

Co’ ‘n po’ de rifressione
Tovo la soluzzione:
Lei striscia verzo er sole
Attirata dar calore
Che come provvidenza
Jé da sopravvivenza.

******************

GIOVENTU’

‘Na regazzetta giovane e slanciata
sta curiosanno mentre sta’ffacciata
guarda cò granne impegno un regazzone
che st’appoggiato propio sur cantone
l’aveva già intravisto giù ar mercato
mentre comprava un chilo de moscato.

E mò ch’er sole è quasi tramontato
à sotto la finestra s’è incantato
e lei  che già se sente emozzionata
ricordanno de come l’ha guardata
se trova a facce quarche rifressione
pé indovinà se cià ‘incrinazzione:

“Chissà che me dirà si se parlamo?
Possibbile che de me s’è innammorato?
Si  quant’è  bello così tutt’abbronzato
ma nun vojo mostrà che l’ho sgamato…
e che capijatura mora e inanellata…
chissà si la proposta ha già abbozzata?

Farò l’indifferente fino allora…
e domattina sorto de bon’ora
facenno vede ch’è ‘n’improvisata…
comunque è mejo annacce preparata!”

**********************

LA SANTA EUCARESTIA

Un mucchio de pupetti assai impazzienti
stanno presso l’artare coi parenti
oggi nell’Eucaristico Mistero
ognuno pare ‘n angioletto vero.

Tutti cianno nell’intimo un probblema
ch’è quello d’ingoja’ l’Ostia Divina
come j’hanno inzegnato a la Dottrina
facenno le prove più de ‘na matina.

Trepideno ‘sto momento assai importante
perfino er core se senteno tremante
intanto invieno ar cèlo la preghiera
che più de prima oggi è più sincera:

Signore granne, Santo e Benedetto
nun te scordà de me tiemme protetto
perché da ‘sto momento te prometto
d’èssè un cristiano vero, anzi, perfetto.

 

*****************

ALLA PRIMA NIPOTINA

Io mìarisento ‘n’antra vòrta madre
davanti a mi’ nipote piccoletta
e me rivedo quanno da sposetta
m’ aritrovai a èssè mamma giovanetta.

Ritorneno penzieri  gioie e affanni
de quer momento doppo tanti anni.
‘sta bamboletta tutt’infiocchettata
me pare ‘na fatina pitturata

che manna baci a tutti cò le mani
comincia a ffà li passi e a di’ li nomi
oggi fa un anno e tutta la famija
pare impazzita pé ‘st’avvenimento

E io ? La nonna sò la più commossa
bacianno ‘sta faccetta bianca e rossa…
Pé ‘sta cratura chiedo ar cèlo aiuto

Pé faje avé quello che nun ciò avuto:
fortuna amore e gioie in quantità
e questo a nonnetta darà serenità.

*******************

ALL’OPERATORI ECOLOGGICHI

‘Na vòrta la monnezza s’ammucchiava
drent’alla pattumiera e se copriva…
a la matina presto er monnezzaro
saliva su cor sacco e la svotava.

Adesso ‘sto lavoro se fa ancora
ma for de casa a qualunque ora…
Ne li secchioni avanti a ‘gni portone
se porteno le buste intorcinate

e ‘ gni operatore dell’ecologgia
s’attrezza co’ li guanti e mascherina
pé tené a bbada iggène e malatia.

Quarche lavoratore è diplomato
e ar lavoro modesto s’è adattato.
Ner mentre svòta queli cassonetti

a la filosofia de li sacchetti
studianno la ricchezza e povertà
seconno er sito indove passerà.

E quarche vòrta cor core che jé dòle
sarva un neonato che nissuno vòle.

 

*****************

CASTELLI ROMANI

Castelli romani
parata de sole
de vita de canti
de gioia e d’amore.

ste gemme incastrate
tra colli e vallate
appreno cime
colline incantate.

Ner vede ‘sto cèlo
sereno e turchino
ner beve quer vino
leggero e genuino

er core s’allarga
l ‘anima  canta
e’ sto canto divino

ciascuno lo manna
a ‘sto cèlo
a quer vino.

***********

CHEDE’   LA PENNICHELLA?

E’ un allungasse doppo avé magnato
quanno che ciai lo stommico tirato
nun penzi a gnente, l’animo è leggero
stai lì disteso e l’animo è leggero.

Nun ciai ar momento più nissun probblema
solo si chiudi l’occhi è già un poema
se schiarisce la mente pé maggìa
e li penzieri brutti vanno via.

Senza più desideri né rancori
manco l’orecchie vònno avé rumori.
Si poi te struscia addosso er ponentino

te senti fresco come un regazzino.
E’ mejo de ‘na gita in carozzella
restà mezz’ora a ffà la pennichella.

****************

COME FORMICHE

Dar dì che l’omo è ito su la luna
io guardo er monno co’ ‘no sguardo novo
tutto m’appare maggico e importante
perché de novità ce ne sò tante
e tutto pò succede all’improviso
ner mentre te ne stai a sciacquatte er viso.

Allora penso: Che coremo a fà
si giorno doppo giorno  cammierà
quello che costruimo cò tanta volontà
e che all’improviso forze sparirà ?

Come formiche  noi poveri  cristiani
coremo a destra e a manca  tutti i giorni
ma confrontanno er tempo cò lo spazzio
tutta ‘ sta corsa ce da solo strazzio

specie si  messa appetto all’infinito
vedremo che a la fine der destino
er risurtato sarà uguale e scontato:
porvere a le formiche e a ‘gni cristiano.

 

*****************

 VELENO

A Enotria l’antica terra der boccale
se festeggiava spesso er baccanale
c’era ‘na festa allegra e conviviale
fonnata da Dio Bacco er più cordiale.

E questo ch’era er re dell’allegria
scolava er vino pieno d’euforia
perché sapeva anzi era sicuro
che lo sciurio era assai sincero

Si ritornasse adesso…che impropèri
che mannerebbe ai nòvi vinaroli…
li chiamerebbe : l’avvelenatori
e prima de brinnà cò li bicchieri

dovrebbe facce sopra un penzierino:
O mannà giù quarcosa d’impreciso
oppure accettà d’ èssè avvelenato

giacché da ‘n pò de tempo
lo Stivale è un boccalone
tutto avvelenato.

*************

EDUCAZZIONE CANI CIVICA

Storie de cani devoti e inteliggenti
Ne conoscemo de stupefascenti
Ma er cucciolo ch’ho visto ar Trionfale
È degno d’èesse messo sur giornale.
In du’ parole ve la dico tutta
E capirete perché sò stupeffatta:-
Annavo de bon’ora lèsta lèsta
a la fermata der tranve verso destra

quanno me s’è affiancato un cuccioletto
de pelo liscio e cor musetto dritto.
Trotterellava é li fatti sua
sur marciapiede stretto de la via.

A ‘n certo punto se fermò de scatto
quasi volesse attraverzà de botto
ma s’orientò preciso ar pedonale
segnato da la striscia orizzontale

ma ar semafero rosso pose mente
e s’accucciò assai pazzientemente…
Scattato er verde s’avviò squadrato
sì come ‘no scolaro assai educato.

L’avrei proposto lì seduta stante
pè ‘na onoreficenza assai importante
e cò ‘na scritta davero eccezzionale :
” Educazzione canicivica spesciale”.

******************

ER BATTESIMO DE PUPA

E’ nata ‘na pupetta rubbacore
Ch’ è bella e profumata com’un fiore
e com’un fiore sparge drento casa
un soffio vivo che se chiama amore.

Oggi è un gran giorno perché se fa cristiana
e jé daranno un nome da romana
e ‘sta fijetta piccola e carina
sarà pei genitori ‘na fatina

E crescerà robusta e inteligente
trovannose assai bene fra la gente
dispensanno sorisi a tutte l’ ore

sarà predisposta pure ar bonumore
e assieme a lei felice ognor sarà
chiunque ar monno l’avvicinerà.

*******************

ER PAPA DER SORISO

Papa Luciani Papa der soriso
che a quell’Artare tutt’incoronato
da ‘gni sommo prelato assai agognato
ce se trovò così quasi pé caso

Er primo motto suo fu assai faceto
pé fasse perdonà d’esse … arivato
ma er trono fu fatale ar papa bòno
che cò la farce in pugno…la “cattiva“

in pochi giorni l’ha portato via
strazzianno chi l’amava e chi pregava
pé l’avvenire dell’umanità
che solo un po’ de pace sta a’spettà

Ma si l’opera sua restò incompiuta
ciavemo la certezza più assoluta
che le benedizzioni e quer soriso
ciariveranno a noi dar Paradiso.

********************

ER SOLE FA ER PREZZIOSO

Dar dì che fu creato, er sole guarda er monno
e l’ha sempre scallato pé quanto è largo e tònno.
senza meravijasse de quello che succede:
le staggioni che cammieno, le guere, l’alluvioni
lui le guarda dall’arto cò savie comprenzioni
e rimanenno freddo de fronte all’invenzioni.

Però quanno discuteno de cose sue perzonali
s’adombra incattivito perché nun vo’ intrusioni
nu’ è vero che le sue”macchie”causeno li disastri
perché nell’univerzo ce stanno tanti artri astri…
Adesso puro er calore jé  vònno portà via
perchè dicheno: Er sole scalla in ecomia!

Se comincia cor di’ che bigna risparagnà
ma poi se va a fenì ch’er doppio costerà
allora, inzuperbito, er sole fa er prezzioso
induggia fra le nuvole e manna ‘no sgrullone
così chi se prepara pé fa ‘na scampagnata
dovrà prevede sempre ‘na grossa frascicata.

****************

LI PORTARITRATTI

Ogni famija cià l’arbo dei ritratti
casa mia n’ho conzervati tanti
delle generazzioni più arretrate
e cò quelle recenti… più aggiornate
‘gni tanto me li sfojo riverente
e vedo ch’è sparita tanta gente.

Pé ogni effigge un ricordo ne la mente
che me fa velà l’occhi tristemente
parenti amici e ricorrenze antiche
e nozze e viaggi e tante tante amiche

Un fojo appresso all’artro vado avanti
er tempo è lungo e li ritratti…tanti.
A un cero punto vedo incorniciate
‘na fila de pupe linde e pettinate

che fisseno er “lampo” come spaurite
de queste…quante quante già sparite
che sò compagne de la prima scòla
e quì er penziero presto me s’invola.

Si me fusse concesso per incanto
vorei riavelle p’un momento accanto
e ritrovà quell’aria sbarazzina
semprice e pura de ‘gni regazzina.

***************

LI DISTURBATORI

Un poveretto sprovveduto e bono
quando disturba viene perdonato
e certamente sempre compatito.
Ma chi disturba  già premeditato

appare proprio come un deficiente
che vole fà der male solamente,
e cò grettezza e malignità
dimostra a tutti la sua nullità

evidenzianno la cattiveria innata
di cui la sua natura s’è impastata.
Ma quando tal persona è individuata
sarà da tutti quanti allontanata.

***************

LI POVERI SFRATTATI

De regola ‘na vorta se sfrattava
chi a pagà la piggione se incantava
ma de ‘sti tempi spesso l’ingiunzione
ariva a tutti senza spiegazzione.
e li sfrattati nun cianno soluzzione

che la penuria dell’abbitazzioni
li costringerà a trattà cò li vorponi
che proponenno locali ammobbijati
oppure solo a uffici destinati
pretenneno l’affitti  riddoppiati.

Fra bonuscite, compenzi e trattative
ce vònno cifre troppo impegnative
e ‘na famija cò tanti regazzini
dove li trova tutti ‘sti quatrini?
Dovrà annà a vive solo a li giardini!

Così fra poco noi potremo vede
‘na cosa straordinaria che prevede:
li Rom tutti quanti assistemati
e li Romani, da poveri sfrattati,
li zingheri faranno appatentati.

****************

L’INFRUENZA

C’è un malanno che s’attacca
che te blocca e che te sfiacca
costrignenno a resta’ a letto
perché doleno ossa e petto.
Le supposte e li sciroppi

che a le vòrte sò’n pò troppi
danno l’urtima mazzata
peggio de ‘na bastonata

e te senti nauseato
pé ‘gni cosa ch’hai pijato
in aggiunta ner borzello
nun ciai manco più ‘n granello

Speciarmente ‘sto momento
che ‘gni cosa va all’aumento
p’ogni pillola che crompi
devi prima fa li conti.

Poi rifletti: pé sta bene
posso pure avé ‘ste pene
cò li sordi der magnà
me ce devo da curà…

Accusì pé colazzione
devi fatte l’ignezzione
pé merènna …l’aspirina
poi pé cena…la cartina.

Quanno poi è passato tutto
per davero sei distrutto
e te trovi lì pé lì
a parlà propio accusì :

Ciò la testa che me gira
er magnà più nun m’attira
nun ciò forza né pazzienza…
Maledetta l’infruenza!

Ma c’è un piccolo piacere
che te smorza er dispiacere:
Scorticata hai l’infruenza
cor riposo in abbondanza
e margrado l’amarezze
sei rimasto fra le pèzze.

*******************

PEDALATE DA CAMPIONI

Mamma cuciva e mai nun ze stancava
anzi cantava mentre lavorava
e puro si’n’era ‘na sarta de mestiere
a la machina ce stava cò piacere
e sur cimejo che ancora a casa tengo
ce pedalava mejo de Girardengo.

Sur piano de fèro che stava allo scoperto
pur’io imparai er primo punto incerto
Ingenuamente cò ‘na semprice pezzetta
ma coll’impegno de regazzinetta.

Ciebbi cor tempo ‘na machina aggiornata
ma solamente quanno fui sposata.
Su questa quante ore ciò passate
e quante belle cose ciò create!

Ricordo…pedalavo come Coppi
quanno che li lavori ereno troppi.
La vita assieme a lei l’ho conzumata
e come amica io l’ho sempre amata.

Puro mi’ fija, nun è stata da meno
e su la sua ce core come un treno
ma mò er pedale tiè elettricizzato
e ‘gni lavoro ce l’ha programmato.

La fija sua  che sarebbe puro attratta
ha da studià le lingue no fa’ la sarta.
E  mò che sa parla’ spagnolo e ingrese

potrebbe dedicaje un’ora ar mese
fra la palestra e le specializzazzioni
fa prima annà a comprà le confezzioni.

***************

FÀMOSE CORAGGIO

Er core alegro
aiuta la salute
e n’a risata vale
‘n’ignezzione.

Pe’ questo se dovemo
fa coraggio
pe superà qualunque
situazzione.

Si ‘sto messaggio
ariva a tutti quanti
li benefici poi
saranno tanti.

***************

GRAZZIE DE CORE

V’ho riascortato cò carma stammatina
in quer  nastrino tanto appassionato
e a ogni nome l’anima ha tremato.
Amici tanto cari e sconosciuti
dé quali sò capì i momenti scuri
m’avete detto de volemme bbene!
Embé ! ‘sto fatto m’ha rimescolato
er sangue ardente che ciò nelle vene.
Quarche perzona la conosco, è vero,
ma i più li riconosco solo a voce
e  vojo ringrazziavve tutti assieme
dicennove: Pur’io ve vojo bbene!

Voi lo sentite e in più l’indovinate
quanto traspare da poesie e canzoni
che vorebbero levavve tutt’i mali.
Sempre capite da poesie e canzoni
che nascheno d’istinto e con amore
che a tutti quanti voi sò dedicate.
Credeteme  io oggi sò felice
e devo a voi la gioia ch’ho sentita
perché s’è confermata la certezza
ch’abbasta solo un moto d’amicizzia
p’arinnovà l’attaccamento a vive
puro a chi s’è stufato d’ann’ avanti.

Pé questo dico che le mejo cose
Ch’ er monno cioffre sò Amicizzia e Amore!
E v’aripeto Grazzie assai de core
che me l’avete fatto sentì cò gran calore.

*********************

  LA FAVOLA DER GATTO

C’era ‘na vòrta un gatto
che tutto quanto er giorno
stava sdrajato ar sole.
Prima de notte a un tratto

sartava come un matto.
Avenno perzo tempo
adesso rimediava!
Ron ron fusava er gatto

così co’du’moine
e quarche strufinata
metteva tutto a posto

e piano a passo furtivo
cominciava un giretto
da strada fin’ar tetto.
Leccanno un filo d’acqua

ruspanno a ‘n angoletto
appostava ‘n sorcetto
tremante in un bucetto

intanto sgraffignava
quello che’j’aggarbava
dovunque lo trovava.
Quinni ciariprovava

e aritornava ar tetto
felice e soddisfatto.
La vita pé quer gatto
era riposo e ratto.

**************

LI CAFFE’  DELL’ARTISTI

Faraja  Aragno  Greco  Grann’Itaja
ereno li ritrovi scanzonati
de artisti bochemienne e letterati
abbituati a ritrovasse assieme

La gente se piazzava là davanti
passànnose parola p’ammiralli
tanto pé di’ : Quer Mito ier mattina
l’ho visto pé un’ora traverzo la vetrina

Quarche locale der   tempo nun c’è più
e tanti personaggi  so’ lassù
però hanno lassato ancora in sede

quadri  e disegni  che se pònno vede.
E’ la spenzieratezza quella  antica
de Roma de ‘na vorta ch’è sparita.

******************

LI CONDUTTORI E LE DEDICHE

Tanti fojetti un pò scarabbocchiati
stanno su la conzolle sparpajati…
Ce stanno scritti sopra tanti nomi
e quarche vorta puro soprannomi.
Dediche, appelli, baci, rifressioni
e morto spesso richieste de canzoni.

Noi Conduttori  ce semo abbituati
a ricevie puro messaggi disperati
e nun sapemo risponne: Che ce ‘mporta
buttanno là, a la sverta, ‘na risposta.
Ma dite voi …de più bello che ce sta
a fa’ contenta un pò d’umanità ?

E co’ ‘sto mezzo maggico e potente
potemo fa’ felice un po’ de gente.
Si poi intuimo che fra li dedicati
Traspareno penzieri delicati
Che li riceverà chi sta malato
oppuro chi a ‘sta solo s’è stufato.

Embè! A ‘sto punto er core pija er volo
e l’occhi ce s’appanneno da un velo…
Voressimo conosce quela gente
che a noi s’accosta accusì devotamente.
E ve dirò che un mezzo l’ho trovato
e devo di’ che puro a me ha aiutato!

Io ‘sti fojetti nu li butto affatto,
li piego e li conzervo – detto fatto –
perché poi rileggénno tutto quanto
de quarche voce m’aricordo er pianto
o l’eco de quer tizzio sconosciuto
che titubbanno me chiedeva aiuto.
Perciò, ‘sti pochi foij inciafrujati.

Sò emblemi e specchi dell’animi accorati
che pé trova’ amicizzia e comprenzione
dicheno un nome e vònno ‘na menzione
oppuro ‘na poesia o ‘na canzone…
Infine poi,  pé dì la verità
quarcosa  ar Conduttore resterà
che ‘na parola dorce o ‘na canzone
riarza er morale a tutte le perzone.

******************

L’ORZAROLI INNAMMORATI

Ariveno assai presto la matina
e via…  saracinesca cò vetrina
ner mentre er cascherino cor cestone
rovescia er pane fresco sur bancone.

Lui intanto aggiusta er tajo ar formaggetto
e lei conta li spicci ‘n der cassetto
ner mentre che se smincia a lo specchietto
e poi sbadija ar primo regazzetto.

Soride a la criente mattutina
che puro quella è ancora inzonnolita
in un baleno poi j’empie la borza
e la criente paga…va de corza.

Ma mentre sòrte vede la pizza calla
e se riggira subbito a compralla.
Intanto la bottega s’è affollata
chi vò la pasta e chi la marmellata

‘na regazzina chiede la nutella
che lei jé mette ne la pagnottella
a d’annà a scòla e vò la precedenza
e passann’avanti cò poca crianza.

Più là er marito sta a servì compunto
e cò la mente pija quarch’appunto
e de sfuggita guarda la mojetta
ch’è giovane carina e sverta sverta.

E’ poco tempo che se so’ sposati
ma la bottega li tiè separati
ogni minuto jé vorebbe di’ : Sei bella
puro ner mentre affetta mortadella.

E lei ‘gni tanto penza: Amore mio
tu me vòi bbene si… ma de più io
ma fra un criente e l’artro da servì
solo alla sera se lo pònno di’…

Mò cò la confusione che ce sta
nun troveno un minuto pé parla’
er desiderio j’arimane in core

e se lo coveranno ore e ore.
Se sà a bottega s’ha da lavorà
e solo de notte se pònno conzolà.

******************

PASSENO LE DONNE

Quanno riviè l’estate
le donne tutte quante
se vesteno de fiori
e fanno concorrenza
ai  prati alla natura.

Leggere e svolazzanti
fra rose e gerzomini
Violette e ciclamini
de mille e più colori
che pareno farfalle

Colle boccucce ardenti
e l’occhi come stelle
sò tutte giovanili

così tanto attraenti
che pare ‘no spettacolo
guardà passà le donne
quanno riviè l’estate.

*******************

PIZZA E MORTADELLA

Ce so’ sapori che nun te perdi mai
puntualizzanno momenti cari assai
presempio cò la pizza e mortadella
se fà ‘na colazzione scrocchiarella.

E l’euforia che mette quer profumo
è genuina e sta ar nnummero uno
perché soddisfa lo stommico e er palato
e ‘gni boccone te pare prelibbato.

Passeno l’anni ner mentre cammia er monno
ma ‘st’assaggio de matina nun va a fonno
sippure è un pasto povero e usuale
pé li romani sarà sempre speciale.

****************

ER GIORNALISTA DOC

Er giornalista d’oggi è assai impegnato
e  in parecchi settori sta integrato
ma questo vale pé l’òmo e pé la donna
che puro questa prima o doppo sfonna.

Informa su qualunque avvenimento
sia s’è un fattaccio oppuro un lieto evento
e sa scoprì li fatti perzonali
tanto quelli anniscosti o quelli eccezzionali.

Sempre in campana pé sapé ‘gni cosa
e la ricama puro si è tediosa.
Si poi s’afferma cò celerità
sta sempre in mezzo alle celebbrità.

Abbasta questo pé figurà in Tivvù
E dda ‘sto momento nissuno lo tiè più
così er soggetto fa “scuppy” in quantità
e si nu li trova poi…l’inventerà.

******************

REGAZZO IMPEGNATO

Se sente  di’ da un pezzo dapertutto
Ch’er regazzo moderno nun cià grinta
Che pare apatico e ‘n pò superfisciale
E nun za da importanza a quer che vale.

Abbasta invece un pò guardass’ attorno
p’ariconosce che so’tutte balle
perché dimostra d’èssè assai deciso
ner ricercà er lavoro più preciso

Le cose sue se l’organizza appieno
e ogni giorno cell’ha tutto pieno
in ogni cosa se mostra preparato
e spesso a diciott’anni è già integrato.

Cià mente sveja e l’occhio sempre attento
spescie nell’informatica è un portento.
Conosce li linguaggi forestieri
pé questo viaggia spesso e volentieri.

C’è solo ‘no svantaggio in tutto questo
che a quarant’anni se sentirà già vecchio
perché coll’esperienza ch’ha acquistata
‘gni cosa de ‘sto monno ha assaporata.

********************

RISVEGLIATI ROMA!

Città turbinosa ritrova i tuoi fasti
Con uomini giusti rimuovi i contrasti
Ritorna a insegnare con tutto l’ardore
Riscopri la gente che ancor ci sa fare.

Da sempre la Storia di te ci ha narrato
Ritrova l’ardire del tempo passato!

L’alloro  verdeggia là sopra i tuoi colli
Per cinger le fronti di nuovi poeti
Che cantano Roma coi cuori sinceri
E la vogliono grande col rispetto di ieri.

*****************

SEMPRE AVANTI

Lo Scudetto romanista
Mò ch’ è issato sur pennone
sventolanno con orgojo
da più vanto allo Squadrone.

Er tifoso che l’ammira
lo vorebbe imperituro
ma la storia  che viè avanti
mai nun sa qual’ è er futuro.

Solamente un grann’ impegno
potrà sempre sostene’
quer valore ch’ ha portato
finarmente a primeggia’.

Forza dunque granni Lupi
nun lasciateve irreti’
da fuorvianti calamite.

Vostro compito è gioca’
e sur Campo ben giostra’
così a tutti  dimostra’
che la Roma ce sa fa’.

***************

SENZA ROMA NUN PO’ STA’

Pò èsse er Campionato senza Roma?
Ma nun esiste! Propio nun pò sta!
Possibbile che nun ze trovi accordo
che fra galantommeni faccia raggiona’?

Io m’aricordo che quarziasi bèga
feniva co’ la stretta de la mano
e nun capisco mò ‘sta nòva Lega
che pare voja tutti contromano.

Ma er Carcio nun è nato come gioco?
Nun dev’èsse ‘na  strega messa a rogo
che fà devià dar giusto sentimento!

Perché a ‘sto punto viè er compatimento
d’avecce un Campionato zoppicante
che de brutte figure ne fa  sempre tante.

*****************

SOLI SU LA TERA

Nun so da quanto tempo er monno è monno
però sò che la luna è sempre quella
in mezz’a ar cèlo splènne da reggina
e cammia faccia solo cò le fasi.

Ma adesso li scienziati ch’hanno fatto?
Hanno trovato er modo de scoprilla
squarcianno li misteri che contiene
e su la luna è sempre un va e vieni.

Penzo che piacerebbe a tutti quanti
facce un viaggetto p’annacce a curiosà
o rimané lassù pé trova’ pace.

Ma riflettènno poi ce verà er dubbio
che su la luna andranno tutti quanti
e allora pé sta commodamente

aspettamo de vede scappa’ tutti
e finarmente soli su ‘sta tera
potremo dì de vive bene e in pace.

***************

SONETTO AR LIMONE

Ve porto ‘na ricetta sopraffina
che pare fatta pé l’arta cucina:
e utilizza un pesce de staggione
che s’acconisce cò ojo e cò limone.

Pijate ‘n’arzilletta  già pulita
lessatela nell’acqua un po’ salata
buttatece d’odori ‘na manciata
poi la ritirate su tutta scolata.

Mettetela ner piatto da portata
cor sugo de limone ‘mbriacata
aricoperta d’erbetta sprofumata.

Co’ spicchi de limone va guarnita
e  offritela così poi all’affamati.
Credeteme sarete ringrazziati.

***************

STREGHE E FATE

Dicheno che le streghe
sorteno a Sangiovanni
e quanno è mezzanotte
cominceno a fa’ danni.

Co’ scope e campanacci
se danno un gran dafà
ma questo succedeva
tanti tant’anni fa’.

De campanacci ormai
nun ze ne parla più
ma li rumori adesso
so assai assai de più.

Forze perciò le streghe
se ne so’ tutte annate
de notte a Sangiovanni
se vedeno solo…fate.

****************

UN FIORE FRA I CAPELLI

A dodicianni s’è stroncato un fiore
e pur’ er cielo è scuro de dolore.
Era ‘na pupa estrosa e intelligente
e vive lei voleva vive fortemente.

A tutti lo diceva ogni momento
co’ tanto slancio e uguale sentimento:
“A me me piace tanto de studià
perché me voio presto diploma’ “.

Ma un brutto giorno se svejò spossata
e p’anna’ a scola  se preparò svojata.
Da quer momento pé ‘sta regazzina
ce fu er dolore de sera e de mattina.

L’istessa cosa puro all’ospedale
nun se trovò la cura pé quer male.
papà che se prodigava senza sosta
pé Pupa sua non trovò risposta.

Mamma se la guardava e poi piagneva
quanno Lauretta sua nun la guardava
sovrastata da quer morbo prepotente
che stava a rubba’ la vita a ‘n innocente.

E fu un carvario lungo e disperato!
Ma fu un combattimento inzuperato
perché Lauretta margrado er gran coraggio
chiuse l’occhi pé sempre propio a maggio

E della regazzina eccezzionale
vedemmo tutti la foto sur giornale
che ce guardava co’ l’occhioni belli
appuntannòse un fiore fra i capelli.

****************

LA CHIAVE D’ARGENTO

Dren’ar cassetto chiuso
da ‘na chiave d’argento
ce sò ricordi antichi
pieni de sentimento.
‘gni vòrta che li guardo
me sale all’occhi er pianto
e penzo ar ber passato
cò tantissimo rimpianto.

L’oggetti conzervati
li tengo assai gelosi
pé questo l’ho riposti
perché me so’prezziosi.
Rigali de mi’ padre
a mamma ch’adorava
che quanno li portava
più bella diventava:

Un ventajo de piume
un’occhialetto argento
assieme a un braccialetto
e a ‘ n orologgetto.
C’è poi un binnocoletto
bianco madreperlato
che lei se l’addoprava
quanno a teatro annava.

‘ste cose l’addoprate
sortanto quarche vòrta
ma io nun sò addopralle
da quanno che lei morta.
Er bianco der ventajo
adesso s’è ingiallito
e l’oro der bracciale
s’è pure un pò scurito

mentr’er binnocoletto
è un tantino scrostato
perché da troppo tempo
nissuno l’ha ‘ddoprato.
Nell’oprì quer cassetto
rivive l’infanzia mia.
Poi la chiave d’argento
li sogni ariporta via.

****************

POETI A CONVITO

Urtima sò arivata
a quela tavolata
v’ ho preso posto subbito
pé gode la serata.

C’ereno propio tutti
li Granni e li discreti
ma tutti sminchionati
come sò li romani.

‘gni tanto ‘na frecciata
‘ na barzelletta arguta
cò tanto spasso vero
e cor riso più sincero.

Tanti Poeti assieme
nun l’avo visti mai
e puro l’appetito
m’era passato ormai.

Coll’animo leggero
me sentivo beata
ma devo riconosce
che ero emozzionata

perché pur’io fra loro
ero stata invitata.
Fu ‘na serata unica

davero eccezzionale
e tutta dedicata
ar verso dialettale.

****************

RICORDO TESTACCINO

Ciò ‘n antico ricordo testaccino
e lo ricconto a voi tutto d’un fiato
perché da la villetta indò abbitavo
sentivo quer fracasso indiavolato
che succedeva a lo Stadio de pallone.
pé la durata de tutto er Campionato.

De salì ar Monte però c’era er divieto
che nissun portoghese rispettava
e nun ve dico quer che succedeva…
A casa ciarivava l’ululato
ner momento che ‘gni  gol era centrato
e, a quer tempo – sapete- ereno tanti!

Se risvejava perfino er cimitero
quello acattolico che stava propio accanto
e ogni anima de certo avrà tifato
pé la Maggica che disputava ar canto
dell’inno de quer tempo …mai scordato.

Forze propio pé questo lo Stadio fu levato
però un campetto romano, mò, c’è ritornato.

*************

SEMPRE UGUALE ARIVA NATALE

L’agurio de natale è sempre quello:
Tanta felicità e ‘n anno più bello!
Però, ‘gni anno all’artro è sempr’uguale
e puntuarmente ariverà Natale.

Preparamo er Presepio e l’Arberello
sereni e speranzosi ner pregallo
pé propizzià l’arivo der Messia
chiedènno che ‘gni pena porti via.

L’umanità però nun pò àsse paga
ner vede tanta infamia che dilaga
ostacolanno qualunque inizziativa
e facenno risartà l’ipocrisia…

e quela Pace ch’è da tutti attesa
rimane sempre la più grann’impresa
che fra congressi chiacchiere e riugnoni
resterà un mito pé tutte le nazzioni

seppure neutrali apolitiche e sincere
parlanno de pace …prepareno le guere…
perciò ‘sto desiderio è un ritornello
e nu  resta che girallo ar Bambinello.

*******************

SO RIUSCITA A “PRENDETTE”

Ce l’ho fatta …finarmente
che fatica pé prendette!
Mò, le cose ch’ho da ditte
me so’ escite da la mente.

Da tant’anni ‘ste parole
le sentimo giornarmente
su quell’onna modulata
ch’ascortamo puntuarmente.

E chi parla a la conzolle
riconosce quela voce
che se sfoga assai contenta
ner sentisse ormai appagata.

Sembra un canto de vittoria
doppo ‘na battaja ardita
che s’è svòrta sur quadrante
der telefono de casa.

Ce lo spiega la persona
attaccata ar Conduttore
che ce sforma e se dispera
quanno trova l’occupato.

Poi co’ tigna e co’ pazzienza
ce se prova e s’ ariprova
fino a quanno finarmente
Sente er “Pronto” a lei sola

destinato. A ‘sto punto…embè
se sfoga e se sente fortunata
che sippure ha perzo tempo
mò po’ di’ quer che jé pare.

Ma che sforzo e che fatica
ogni vòrta pé “prendette”
finarmente… mò …parlamo.

***************

SPAGHETTI E PORCHETTA

Appena guardi un piatto de spaghetti
té viè ‘na voja matta d’assaggialli
tanto si so’acconniti a buro e grana
oppuro all’ajo e l’ojo a la romana.

Però l’odore t’avrà già avvisato
ma tu li voi sentì sotto ar palato
si cianno er gusto che te sei ‘nzognato
e questo lo saprai su la forchetta

facenno concorrenza a la porchetta
che a certe feste mai nun mancherà
e mai nisuno ce rinuncerà.

‘sti piatti sò essenziali pei romani
perché sò piatti semprici nostrani
e chi li magnerà sarà appagato.

*************

UN PADRE COME TANTI

Tu sei vissuto fra lavoro e casa
li fij l’hai cresciuti tutti a modo
che coll’esempio fatto de dovere
l’hai ben temprati pé le prove vere.

L’anni che sò passati sò volati
e li  capelli ormai se sò sbiancati
le pene c’hai passate l’hai scordate
e mò ricordi solo l’ore liete.

Sei stato granne cò l’animo possente
e nun te sei sentito mai perdente.
perché hai conquistasto la stima cor decoro
questo pé te è importante più dell’oro.

Mò stai in penzione e te senti pigro
e certo er giorno tuo non è assai allegro…
pè quer c’hai dato nissuno te sa dà
ma fai un sospiro e seguiti a campà.

_______________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Gocce d’acqua

1-ponteTitoli:

  • All’Incannucciata
  • Anniverzario de ottobre
  • Ar penzionato
  • Biancaneve e i sette colli
  • Cenerella
  • Chi se scorda de Natale
  • Dorci angioletti
  • Er nome de Maria
  • Er cottìo
  • Eroico sarvataggio
  • Felice anniverzario
  • Ggente sportiva  
  • Gocce d’acqua  
  • L’alluvione  
  • L’amico de li vecchi  
  • Leggènno se impara  
  • L’olivaro  
  • Mario Riva l’amico…  
  • Me so’ stufata  
  • Mi’ marito  
  • Nozze d’oro  
  • Olimpiade romana 1960  
  • Perchè succedeno le cose?!  
  • Riconcijazzione  
  • Rime spassose  
  • Rimette allegre  
  • Scudetto giallorosso  
  • Se va in campagna  
  • Sposalizzio de marzo – 1985  
  • Sposi d’agosto  
  • Sussistenza  
  • Troppa prescia  
  • Un piatto tricolore  
  • Un pieno de dorcezza  
  • Verzo er sole  
  • Visione

________________________________

GOCCE D’ACQUA

Quelle gocce sartellanti
così fresche e rilucenti,
tutte quante iridescenti,
sò manciate de brillanti.

Perle chiare scintillanti,
sì le guardi contro sole,
incolori e trasparenti
come lacrime d’amore.

Sia de fonte o de funtana,
sia de bbrina o de ruggiada,
gocce d’acqua de ‘na roggia,
der zampillo de ‘na strada.

Gocce d’acqua de ‘na vorta,
quanno tutto era pulito
che lo “smogghe” inzaccherato
piano piano v’ha inquinato.

Cascatelle adamantine,
ritornate cristalline!

____________________

RIMETTE ALLEGRE

Se lamentamo tutti:
Nun se po’ più campà!
Ma poi, quello che serve,
lo coremo a comprà.

La moje fa ar marito:
Nun sei bbono da gnente!
E lui ppè vive in pace
fa finta che nun sente.

Dice la zitellona:
Com’era bella… allora!
Ma forze pure allora
era ‘na chiacchierona.

La signorina dice:
Non esco mai di casa!
Ma quello che nun dice
è che “sola” nu sta a casa.

_______________

L’AMICO DE LI VECCHI

L’amico de li vecchi
è solo er sole,
er più sincero e vero,
er più devoto
che je riscalla er corpo
e li conzola
facenno scorre er sangue
più veloce

Li vedi a sede assieme
a li sedili
de li ggiardini verdi
e profumati
e stanno tutti quanti
arillegrati
si parleno der tempo
ch’è passato.

Lascianno ner ricordo
ogni rimpianto
perleno delle cose
ch’hanno fatto
e dell’amori avuti
e de li fiji
e d’amicizzie salde
ormai scomparse.

Pe’ questo jarimane
solo er sole
che si nun antro
j’ariscalla er core.

_______________

CENERELLA

Cenerella è ‘na gattina
che cià l’aria biricchina
e v’appresso alla padrona
mentre fà qualunque cosa.

Sotto ar letto jè se mette
aqquattata a zampe strette,
ma er rumore der “piattino”
je fà smette er rimpiattino.

Corre sverta ppè magnà,
nun se fa manco chiamà.
E’ bellissima, sorgnona
e abbastanza dormijona,

‘sta simpatica micetta
per davero un pò cicetta
che conquista tutti quanti
cò le fusa e cò li pianti.

Ma si c’è ‘na porta chiusa
tutti i mezzi che cià usa
e se la mette a sgraffignà
ppè potella spalancà.

E’ dde razza assai curiosa
e fiutanno va ogni cosa
ch’er mistero nun je piace
tant’è vero che se tace.

la padrona ner cucì,
lei la radio va a sentì
che la musica je piace…
ce s’addorme in santa pace.

__________________

L’OLIVARO

L’ometto che ‘ncontravo la matina
da mò che nu lo vedo ppè la via…
Spigneva er carettino cor bastone
e se fermava, accanto a ‘gni portone.

Era aspettato da li regazzini
ch’annaveno a comprà li bruscolini
oppure l’olivette dorci dorci
che se crompaveno co’ ‘n po’ de sordi spicci.

Quell’olivaro vecchio nun c’è più
e dde sicuro adesso sta lassù…
Quasi de certo lui ciavrà piacere

si ricordamo quer contenitore
che lui portava sopra ar carettino
ppè ffà felice quarche regazzino.

E ppè li “Morti” forze a Camposanto
invece de li fiori e le cannele
vorebbe tante olive verdi e nere.

__________________

LEGGÈNNO SE IMPARA

La scenza che mè’ntrata ne la testa
la devo tutta a certi libbrettini
che me leggevo in piedi lesta lesta
fra i giochi e strilli de li regazzini.

L’ho conzervati poi gelosamente
come tesori chiusi ‘n der cassetto
‘gni tanto poi pè riténelli a mente
l’ho ripassati quasi con affetto.

Ciò ritrovato tutto de preciso
e quer ch’ho imparato m’è rimasto inciso:
conzij ricette massime e concetti
pé vive cò critéri sani e retti.

A ‘ste dispenze m’abbonò mi padre
me le leggevo assieme co’ mi madre
e so convinta che nun zerve un libbrone
Pé mannasse a memoria ‘na lezzione.

__________________

SUSSISTENZA

Mi’ Padre che ha militato
in “Sussistenza”
é sempre stato
pieno d’efficenza:

scovava l’acqua
pure indò nun c’era
e mai l’ha fatta mancà
lassù in trincera.

Ce lo sapeva Lui
che li sordati
annaveno prima de tutto
confortati.

Che pane e carne
e li “caffè corretti”
l’avrebbero riarzati
e assai sorretti.

Sempre a ‘sto modo
mi Padre ha confortato
ogni pòro regazzo
trincerato.

_____________

OLIMPIADE ROMANA 1960

A Roma è convenuta tutta quanta
la mejo gioventù der monn’intero
pé gareggià cò tutta la passione
a ognuno de li giochi arditi e fieri
che fureno d’Olimpia er primo vanto.

Ma puro sì li tempi nun zò quelli
lo spirito è rimasto tale’ e quale
tenteno de gareggià cò eguar valore
e l’arditezza d’ogni core puro
senza paura e manco presunzione.

L’avemo da piantà cò la manìa
de mette lo scompijo ne lo sport
ché le discordie spesce fra l’atleti
nun fanno prevedé bòni fruttati
e i brutti figuroni so scontati.

Si nello sport nun regna l’armonia
l’atleti sò rabbiosi e dispettosi
e questo sorte fôra in ogni gara
e la votazzione poi risurt’amara.

_________________

CHI SE SCORDA DE NATALE

Nessuno mai se scorda
de Natale
ch’er venticinque
ariva puntuale
ner mese de dicembre,
assai ggelato,
ma dall’amore de tutti
é riscallato.

Davanti all’arberelli
illuminati
e all’asinelli e alli bovi
accovacciati
ce stanno le speranze
e le promesse
che quarche vorta
rimaneno… promesse.

Quest’anno invece
sur filo de tant’onne,
le voci se sò sparze
assai profonne
e a quest’appello avemo
risposto in tanti
e avemo rigalato
tutti quanti.

Sia i piccoli orfanelli
che i nonnetti
riuniti assieme,
adurti e regazzetti,

cianno avuto un Natale
assai speciale:
quasi anteprima
de Pace Univerzale.

_________________

RIME SPASSOSE

La maestra de ‘na scola
pare tanto sapientona,
ma poi a casa, sola sola,
fa le cose… a la carlona.

Ammiravo ‘na signora
artezzosa, assai glaciale…
taccheggiava de bon’ora!…
L’ho saputo dar ggiornale.

”na signora poverella
vole fasse compatì
elencanno le gran cose
che ‘gni ggiorno ha dda compì:-

Quante cose debbo fare!
Non so dov’incominciare!
Ner frattempo se prepara
e s’aggiustà ppé sortì…

Perché tutto er su dafare
è sortanto… spasseggiare!

_______________

AR PENZIONATO

Caro Amico penzionato
è ‘na vita che lavori,
la penzione ch’hai raggiunto
è er traguardo più agognato.

Ner penziero ciai er ricordo
der ber tempo ch’è passato,
ma ‘sti ggiorni sò più belli
te l’aggusti in santa pace.

Ppe tant’anni priggiognero
der lavoro e der dovere
nun potevi lassà corre
nè penzà sortanto a tte.

Solo adesso finarmente
sei padrone d’ogn’istante,
si tte ggira veramente
pòi ffa puro… proprio gnente.

Te vòi ffa ‘na pennichella?
Vòi godette un po’ de sole?
Te pòi sceje indifferente
de ffà quello che tte pare.

Nun ciai orarii nè premure
senza turni e cartellini.
Mò però quello che conta

è dde sta’ sempre in gran forma
e cor core in allegria
ricominci ‘n’antra vita.

________________

ALL’INCANNUCCIATA

Er penziero me riporta
a Pasquetta de ‘na vorta
quanno a ffà la scampagnata

‘gni famija se n’annava
e pagava a la romana
ogni cosa che magnava.

Sopra ar Tevere, felici,
coi parenti e coll’amici
nella fresca Incannucciata

se brinnava e se cantava
e ridenno e chiacchieranno
se buttava via ‘gni affanno

De quer tempo entusiasmante
nun se scorda proprio gnente
‘gni perzona staggionata

che a quer tempo st’ancorata
perchè ormai la gioventù
de quell’anni… nun c’è più.

_____________________

ANNIVERZARIO DE OTTOBRE                     

Fra le vendemmie e le bell’ottobbrate
ce stanno tante feste celebbrate
e proprio in quest’ottobbre tanto bello
du’ Sposetti scammiarono l’anello.

Inginocchiati, cò’n po’ de batticore
se dissero de sì cò gran fervore
e in tutti’st’anni che so’ ormai passati
der loro amore nun se sò scocciati.

Appunto oggi ppè festeggià ‘st’evento
je famo i mejo auguri a cento a cento
perchè l’esempio che cce dà ‘sta data
è quello de ‘na coppia innamorata.

_______________

PERCHÈ SUCCEDENO LE COSE!?               

Quanno aveva vent’anni
er sangue je bolliva!
Bastava ‘na parola
ppè nun vedecce ppiù.

‘na vorta, sotto l’armi,
proposto ppè li gradi,
jè fecero ‘no scherzo…
che nun seppe abbozzà.

Volò ‘na gavettata,
quarcuno fu ferito…
ppè questo de li gradi
nun se ne parlò ppiù.

Sotto la tenda, ar sole,
imprecò a la brutta sorte
perchè quer gesto insurzo
l’aveva declassato…

Doppo vent’anni e passa,
ar tempo de la guera,
ce furno i “richiamati”
ppè primi i “graduati”

che vennero spediti
ben ortre li confini
e disgrazziatamente
nissuno aritornò.

Quer fatto che l’afflisse
nell’età sua più ardita,
chissà che non successe
ppè sarvaje la vita?

________________

MARIO RIVA L’AMICO DER SABATO SERA

Ciaveva un core granne com’er mare
chi l’accostava je voleva bbene,
l’Amico era de poveri e signori,
solo felice de ffà un po’ dde bbene.

Cò ‘na battuta arguta e sminchionata
rallegrava d’un tratto la platea
e chi se l’ascortava da lontano
d’un subbito capiva ch’era bravo.

E mò, chi avrebbe detto che cò un “zompo”
avrebbe fatto piagne tutto er monno?
Ma chi l’amava o solo l’ammirava
mai se potrà scordà de quell’Amico

che a tutti rigalava er buonumore
da dietro ar vetro der televisore.

____________________

MI’ MARITO

Mi’ marito che smagnoso!
Nun je va mai bbene gnente!
Smagna, sbuffa, strilla, scatta,
cò li nervi a fior de pelle.

Ogni cosa che chiedo
m’arisponne sempre:… Noò!
Manco je chiedessi er sole
o ‘na villa in riva ar mare!

Parla solo de l’affari
e ddé mali scuri e strani.
Pure lui ciavrebbe tutto
ppé stà bbene in allegria:

Quattro  fiji bboni e belli,
‘na casetta ch’è ‘n amore,
e ‘n saccoccia un po’ dde grana.

Ch’artro vòle dalla vita?
A mme pare che se cerchi
li penzieri cor lumino
ppe sta’ svejo pure a notte

e sta’ sempre a borbottà.
Quanno invece è tanto bello
vive carmi, in santa pace
e ffà puro ‘na risata
ch’arillegra la ggiornata.

____________

ME SO’ STUFATA

Sò proprio stufa
de ‘sta vita amara
che pure de conforto
resta avara:
ha riserbato a me
solo amarezze
e sò cinquant’anni
che mme dà tristezze.

Nun sò padrona
manco a respirà,
ce vò er permesso
puro pe’ parlà
e questo nun è certo
un ber campà.
Tutta ‘sta gelosia
m’ha torturata…

Nun ciò raggione
si me sò stufata?

___________

UN PIENO DE DORCEZZA

Er Natale sta in arivo
e l’augurio è sempre vivo:
che salute, gioia e amore
regni drento a ogni core,

l’amicizzia resti bella
e sia bbona ogni novella,
l’anno novo possa avè
quarche cosa ppé godé.

Così pure ogni nonnetto
lo circonni tanto affetto
che disperda l’amarezza
e avé un pieno de dorcezza.

_____________

SPOSALIZZIO DE MARZO – 1985

Marzo ch’è un mese estroso
e pazzarello
v’ha combinato ‘no scherzo
poco bello
perché ha innevato tutto
er Campidojo
metténnove dde botto
in gran subbujio.

Su quer piazzale storico,
er serciato,
fra neve e pioggia
s’é tutto fracicato
e invece de’ ndossà
l’abbiti belli
p’annà a sposa
dovrete usà l’ombrelli.

E, dopo pronunciato
er sacro Sì
ritornerete a casa
cò li sci.

___________

SCUDETTO GIALLOROSSO

Un inno a ‘no squadrone subblimato
da tutti in coro mò verà cantato
a li fedeli e a li simpatizzanti
de botto se so’uniti tutti quanti.

Tenuto pè tant’anni ner cassetto
oggi è sortito assieme allo Scudetto
assai de prescia j’hanno organizzato
festeggiamenti e onori da primato.

La Roma ha dimostrato ancora a tutti
che quanno vo’ sa da’ de bòni frutti
e co’ la squadra piena de campioni

nun ce saranno più retrocessioni
applausi e vanto a chi co’slancio e amore
s’è meritato de Roma er granne amore.

 

_____________

EROICO SARVATAGGIO

Baldo ragazzo dar core generoso
davanti ar mare scuro e burascoso
t’è sorto drento un lampo luminoso
ppè compie un sarvataggio prodiggioso.

Davanti a tanta ggente indifferente
te sei buttato… senza penzà a gnente.
Perchè l’hai fatto? Dimme, ch’hai sentito?
Sei stato come un Angelo der celo
che ha fatto er su dovere solamente.

Coll’anim’artruista ce sei nato!
E’ mamma tua che te l’ha regalata!
E questo lo dimostri veramente
quanno aggisci così impursivamente.

E ppè sarvà ‘na vita sconosciuta
quasi la tua, ciavevi già perduta.
Adesso ripenzanno a quell’istante
t’accorgi d’avè rischiato anche la morte
che se n’è ita davanti ar tuo coraggio.

Quer giorno ormai è passato
scordalo tu
e resta accanto a mamma
un po’ dde più.

___________________

L’ALLUVIONE

Quant’acqua!… Mamma mia!
E tutta a casa mia,
p’annà sulla loggetta
me ce vò la barchetta.

La robba ar corridore,
sta a mollo da du’ ore…
Potrei restà ‘n der letto
però farei… er bagnetto.

In più, mò sto all’oscuro
che i fili drent’ar muro
sò tutti furminati
perchè sò infracicati.

__________________

RICONCIJAZZIONE

L’occhi sò ancora
lucenti de pianto,
pianto verzato
ppè chi m’ha tradito.

Ma sento er passo
che bbene conosco…
E’ lui ch’aritorna
da tanto lontano.

Corro felice…
rivedo quel viso
e sopra ar pianto
ritorna er sorriso.

Lui ch’è pentito,
me chiede perdono…
Io, cò ‘n ber bacio
l’ho ggià perdonato.

__________________

TROPPA PRESCIA – (1° Ragioneria)

‘ste ragazze sò farfalle
così fresche e spenzierate
che se coveno speranze
granni e arzigogolate.

Li destini differenti
nella vita poi c’iavranno,
ma quest’anni effervescenti
tutte li rimpiagneranno.

Regazzetti mori e bionni
un pochetto intolleranti
cò ner core li fermenti
nun ancor concretizzati,

cercherete con affanno
quelle mete tanto ambite
che daranno li doveri
alla vostra ingenuità.

A suo tempo, tutti quanti,
tante cose imparerete,
maturanno, l’esperienze
ve daranno libbertà.

Quanno poi ricorderete
queste vostre insofferenze
capirete che ‘sti ggiorni
così acerbi e dubbitosi

dovevate conzervalli
un pò a lungo, in verità
mentre invece assai de prescia
volevate maturà.

___________

UN PIATTO TRICOLORE

Er cavolo, quer coso fatto a fiore
se magna quarche vòrta a malincore
perché pare alimento popolare
e nun ze presta p’un magnà spesciale.

Ma nun è vero! Abbasta accomodallo!
e su ‘gni tavola potemo presentallo.
Bigna de daje un pò più d’importanza
e poi guarnillo come gran pietanza.

Doppo avello lessato senz’er torzo
v’assistemato sopra un piatto grosso
co’attorno tante e tante cipollette
messe precise e sbollentate ar dente

tutte arternate a ciuffi de spinasci
cotti a vapore p’èsse più verasci
fra queste e quelli le carore rosse
passate ar forno e affettate grosse.

Er tutto, poi, connito de limone
cò la mostarda p’aricchì l’odore
e ‘n pò de sale e pepe pèr sapore
poi d’ojo de frantòjo ‘no spruzzone.

Ve garantisco che co’ ‘sta corona
‘sto cavoletto fa ‘na figurona…
puranco su ‘na tavola d’onore,
fa un bell’effetto ‘sto piatto tricolore.

____________________

BIANCANEVE E I SETTE COLLI

Roma cià avuto sempre tutto
E nun je mai mancato lo splennore
Però la neve ha sempre scarseggiato
E su li Colli mancava Biancaneve.

Mò c’è un Programma che pè falla breve
fra giallo e rosso ha messo der biancore
e su Radioincontro s’irradia con amore
E financo fòri Roma vià ascortata.

E Biancaneve adesso s’è affermata
E da illustri personaggi è frequentata:
Ce stanno giornalisti valutati
E giocatori da tutti idolatrati.

All’ascortatori… quelli affezzionati
Nun sfuggheno li malèntenzionati
Che vònno attaccà briga in malafede
Buttanno là parole da nun crede…

Però Marcello nun zè fà smontà
E cò saggezza se sà destreggià.

_____________________

SE VA IN CAMPAGNA

E’ ggià arivato er callo,
tutti scappeno via
dalla città infocata
che nun ffà respirà.
Nun penzeno però
che se lasseno addietro
tante comodità.
Ce penzeno sortanto
doppo avè scerto er posto
e sò arivati là
credenno che ar più presto
se pònno rinfrescà.

Nun troveno “AcquaMarcia”
la deveno da pompà.
Er fero ppè lo “stiro”
riempito de carbone
fa pure più sudà.
La luce drento casa
è solo a tre… cannele
e pure ppè la strada
c’è un misero lampione.
De frigo nun se parla
e manco de Ti Vù
così che le ggiornate
sò lunghe ancor de più.

Li canti che se senteno
sò de galletti e grilli,
la pace che voleveno
li sta quasi a sfinì.
Passati i primi ggiorni
de la curiosità
senteno che la noia
nun ponno sopportà.
E’ bella la campagna
nun c’è proprio da di,
ma ppè chi vive in “metropoli”
nun cià gnente da offrì.

Se rifanno li bagaji
p’aritornà in città
e dde vive in campagna
mai più se parlerà.

___________

DORCI ANGIOLETTI

Dorci angioletti sete saliti ar cielo
vinti e distrutti dar morbo crudele,
a tante madri i còri so’ spezzati
perfino i cor de donne senza prole.

L’infanzzia che dovrebb’esse felice
a voi pupetti, ha ddato un male strano
rubannòve la vita e ‘gni diritto
che a ogni essere umano ha riserbbato;

Ma ggià!… Quali saranno ‘sti diritti?
Si manco i primi dua so’ arispettati!
Vita e Salute, dico, manco quelli
vengheno garantiti ai piccoletti.

Virgurti tenerelli e già indifesi
destinati a soffrì li primi ggiorni
ppe mancanza de mezzi e inizziative
e fra l’indifferenze più nocive.

Angioli! In cielo adesso, troverete
quello de cui la tera v’ha negato!
Nulla chiedeste qua… nulla lassù,
ma ciò c’avrete in cielo è assai de ppiù.

____________

PAPA GIOVANNI

Er monno s’è inchinato riverente
davanti alle sue doti de bontà
e quer soriso pacifico e cordiale
sapeva infonne la serenità.

Da tutti fu chiamato Papa Bòno
e li derelitti annava a visità
voleva vedè tutti affratellati
e le religgioni voleva unificà

e questo mai mancò de predicà
pure cò la salute funestata
che lo ghermì in odor de santità.

E mai nissuno ar monno ce sarà
quarcuno che de Lui se scorderà
e papa della Pace resterà.

 

________________

VERZO ER SOLE

Cordojo de ‘na vita
tant’amara
che tte ffà vive
senza fatte vive.

Passeno l’anni
sempre tutt’uguali
cò ‘n desiderio vivo
in fonno ar core.

Desiderio de core
incontro ar sole
che nun t’abbrucia
perchè troppo lontano,

ma pure fra le nuvole
anniscosto
spann’energia
come fuss’agosto.

Elemento vitale
che rafforza
e spron’all’azzione
senza mai ‘na sosta

quann’anche nun ze pò
correje ‘ncontro
se sa ch’esiste…
E solo quest’abbasta.

_______________

VISIONE

Ppè ‘na divinazzione
ciò avuta ‘na visione:
io me sò vista stesa
che l’anima avo resa.

Li fiji me piagneveno,
nun se capacitaveno.
Er primo me guardava
e intanto sospirava:

“Pora mamma, quaggiù,
nu la vedremo ppiù!”
Quell’artro tutto smorto,
pareva ‘n antro morto:

Che ce potemo fà?
S’è ita a riposà!”
La femmina fremeva,
la testa se reggeva

piagnenno disperata:
“Mi’ madre m’ha lassata
me sento disperata,
sò proprio sfortunata!”

Er quarto bianco e rosso,
ciaveva er fiato grosso…
Vedevo che penava
e intanto se lamentava:

“Nun me pareva ancora
che fusse giunta l’ora!
Avrei voluto dì:-
“Nun piagnete accusì…!”

Fra tanta confusione
presi l’assoluzione,
la bara me coprì
e tutto… finì lì.

___________

GGENTE SPORTIVA                                  top

Folla onesta e giubbilante
nello Stadio stimolante
che tumurta allegramente
e nun vò perdèsse gnente.

Carci, lanci e capriole…
Veri fatti e nno parole
e coll’impeto d’ariete
‘n antro “gol” centra la rete.

Un applauso allo Squadrone
che primeggia da campione
e tutti tifeno dde più
ppè vedello salì su.

La battaja se ffà ardita
e la folla è già impazzita
mentre arto sopra er tetto
sale in gloria lo Scudetto.

S’ode un urlo soddisfatto:
Viva viva lo Scudetto!

___________

NOZZE D’ORO

Sò cinquant’anni che sete sposati
ppè voi la vita nun cià più segreti,
fu bello allora e adesso è ancora bello
guardavve drent’all’occhi e dì:”Ricordi?”

Già! De ricordi ce n’àvete tanti…!
Forze non ttutti belli
spenzierati, però in compenzo
ve volete bbene!

E’ questo che più conta, nun ve pare?
Sò lunghi cinquant’anni ppè ‘n’ugnone!
Ma si viè cementata dall’Amore
diventerà ‘na torre de granito.

E resta com’esempio all’infinito!
E mò che la famija ve st’attorno
Ppè favve allegramente
i mejo auguri

pure ‘n poeta se vò unì cò lloro
ner mentre brinna dice cò calore:
‘sta festa riscallata dall’amore
è come un firm de ‘na vita intera;

e fra parenti e fra amicizzia vera
andrete avanti ancor felicemente
p’aribrinnà a le Nozze de diamante.

______________

FELICE ANNIVERZARIO

Le vostre nozze d’argento sò arivate
e come er primo ggiorno voi ve amate
perchè quanno ‘na coppia è assai affiatata
sarà sempre ‘na coppia innammorata.

Inginocchiati ai piedi dell’artare
ve sete detti Sì cò tutto er core
L’uno coll’artra ve giuraste Amore
e de restà uniti pure ner dolore.

E oggi che rinnovate er giuramento
sete felici come quer momento
ner mentre la famija affezzionata

brinna contenta a questa bella data
e allegramente v’augurano tutti in coro
de rivedesse ppè le Nozze d’oro.

________________

ER NOME DE MARIA

Esiste un nome, quello de Maria
che sempre in ogni lingua fa poesia,
canzoni, stornellate, o canti austeri,
‘sto nome ispirò sempre artisti veri.

Maria, Mary, Mariù o Mariolina
chi porta ‘sto nome se sente ‘na reggina
perché se paragona a la Madonna
ch’è simbolo de Madre e dde pia Donna.

Ner calennario ce ricorre spesso
e se ne semo accorti mejo adesso
perchè sì a ‘n antro nome st’accoppiato
cammierà a un tratto quer significato.

Cò Anna, Teresa, Isa, Rita o Rosa…
Maria diventa… tutta ‘n’antra cosa!
Chi ciò ‘sto nome se ne sente fiera
tanto si è sottomessa o battajera.

‘sto nome piace e sempre nummerose
fiorischeno le Maria, come le rose,
e annummeralle dar nummero uno
ogni famijia ce ne dà più d’uno.

Ppè tutte quante irradio ‘sto messaggio
che vòle esprime er mio sentito omaggio
auguranno ‘na vita assai radiosa

a ogni Maria che sia regazza o sposa
speranno che a ciascuna cò letizzia
jè arivi come un segno d’amicizzia.

_________________

SPOSI D’AGOSTO

Sole d’agosto ardente ed infocato
infiammi ancor dde più questa giornata
ch’è quella che corona ‘n ideale
de gioventù e d’amore assai leale.

L’aria sprofuma de millanta fiori
ch’arivesteno l’Artare de colori
e ‘gni perzona che sta lì invitata
ammira la coppietta inginocchiata.

Li genitori poi, cò l’occhi rossi,
vònno ffà vvede che nun so’ commossi.
Quanti penzieri e quante… faticate!!!
Oggi però sò tutte superate.

Oggi la gioia nun cià più confini
ppè ‘sti fijietti non più regazzini
che pronti sò ppè la felicità
cò l’augurio de mamma e dde papà.

________________

ER COTTIO

In ogni antiviggija de Natale
se prepara ‘na notte eccezionale
de trascore ar Mercato generale
ar Cottio pescheria senz’eguale.

Li banchi illuminati a luce piena
cianno li pesci tutti messi in fila
de tutte le qualità pure stragnère
che spargheno lì attorno odor de mare.

Le squame rilucenti com’argento
pareno dipinte sopra er marmo
le pinne scure e dritte fanno testo

che quella notte é der più pien’inverno
si c’è siffatto pesce accusì vivo
è mejo sceje er magro lì ar cottio

p’arenne più sciccoso er gran Cenone
e ne la réssa de un pubblico spesciale
tutti se fanno l’auguri de Natale.

_______________________________________________