L’Anima de Roma-1°

Titoli:

  • 1-fontanaAll’aracoeli
  • Ar  cottio  pe’ fa’ er cenone
  • A  Papa  Benedetto XVI
  • Bella trasteverina
  • Bionno Tevere nun sei più tu
  • Bocca della verità
  • Calore romano
  • Campo de’ Fiori
  • Castelli romani
  • Caster Santangelo
  • C’era ‘na vorta Pasquetta
  • Chi vive a Roma è fortunato
  • Cimitero  Caio Cestio
  • Clelia  la  prode
  • Come Corneja
  • Davanti ai ruderi
  • Er conte Tacchia
  • Er  Culiseo
  • Er  Divino  Amore
  • Er foro de  Giujo Cesere
  • Er Messaggero
  • Er Monte de li Cocci
  • Er  Palazzaccio
  • Er palazzo der   “commenna”
  • Er Pantheon…ne
  • Er patrono de li traduttori
  • Er Quirinale  e li Dioscuri
  • Er ritrovo de le streghe
  • Er  romanesco
  • Er rugantino
  • Er  tassinaro

_________________________

ALL’ARACOELI

‘na tradizzione bella
resiste all’Aracoeli
che mosta li presepi
de tante civirtà
da ‘gni parte der monno
a tempo de Natale
artisti assai spesciali
ce vanno a lavora’

prepareno le Grotte
ciascuno co’ ‘n ‘idea
perché la strateggia
è propio questa quà
che  sopra tutto quanto
er Pupo cià ddà sta’
così li regazzini
recitànno er zermone

colle manine giunte
e tanta compunzione
è propio er Bambinello
che pònno salutà
sippure quer neonato
tutto d’oro infasciato
nun  ze sà  come e dove
un giorno s’è squajato.

Chissà  chi l’ ha rubbato,
se rimorzo sentirà
e là nell’Aracoeli ce l’ariporterà?

_________________

AR  COTTIO  PE’ FA’ ER CENONE

In ogni antiviggija  de Natale
se preparava ‘na notte eccezzionale
da trascore ar Mercato Generale
era er Cottio teatro  senza uguale.

Li banchi illuminati a luce piena
ciaveveno li pesci mess’in fila
de tutte qualità puro stragnere
e attorno se sentiva odor de mare.

Le squame risartaveno d’argento
pareveno dipinte sopr’er marmo
le pinne der colore dell’inchiostro.

In quela notte der più fredd’inverno
a quer mercato se daveno convito
le perzonalità d’ogni sia ceto

sortanto là ce stava er pesce vivo
perciò tutti compraveno a r cottio
e ce scappava puro quarch’invito.

___________________

A  PAPA  BENEDETTO XVI

Caro Papa bavarese
sei oramai der mio Paese
tutti quanti hai conquistato
cor discorzo addottorato.

Tu parevi autoritario
ma lo sguardo ciai bonario.
Sopra er trono ce stai bene
e farai quello che preme

dimostranno che ciai stile
cor Tuo fare signorile
e già Roma T’ha adottato
cò entusiasmo smisurato.

_________________

BELLA  TRASTEVERINA

 Conosco ‘na signora risarella
coll’occhi arditi e co’ la chima bella
tiè sulle labbra rosse un ber soriso
e l’anima ottimista de romana.

E’ affabile cortese e in più sincera
che a trattàlla fa sempre un gran piacere
li modi sua sò franchi e spicciativi
e li discorzi tutti positivi.

Pure sì l’anni verdi so passati
sempre operosi e tanto faticati
nun ha mai perzo l’aria sbarazzina
ma seria e allegra de trasteverina.

___________________

BIONNO TEVERE NUN SEI PIU’ TU

Tevere mio che scivoli pé Roma
e la taji pè mezzo tutta quanta
sopra quell’acqua torbida… no dorata
quanta mai Storia ce trovi accumulata.

T ‘ ha colorato la tera “pozzolana”
che da le cave veniva scorticata
e serviva puro a colorà le case
cor quer colore rosso che ce piace.

Quanti ricordi, leggènne e dicerie
hai fatte nasce sopra quele rive
e li romani che poi so’ paciocconi
te vònno bene e te scriveno canzoni

che canteno affacciati da le sponne.
Ma tu, pacioso, nun jé pòi arisponne
artrimenti diressi: ” Gente bella
Io v’aringrazzio de ‘sta sentinella,

ma sì m’amate tanto, perché ancora
nun m’aridate prestiggio com’allora
quanno che d’ero assai conziderato,
ero pescato e puro navigato?

Sento discorzi, proposte e inizziative
che , a la fine, nun so’ mai costruttive
perché er tempo se seguita a ammucchia’
senza decide quer che s’ha dda fa’.

E io ce soffro…scusateme , ma è vero
vedenno che tutto s’ariduce a zero.

_______________

BOCCA DELLA VERITA’

Santa Maria ‘n Cosmetin a via de Mare
È conosciuta come Cattedrale
Ma forze è visitata mejo ancora
pé ‘na curiosità che ce se trova.

A la sinistra sotto er porticato
A ‘n’angoletto poco illuminato
Ce stà un faccione de pietra circolare
Che solo a guardàlla ce se stà male.

Cià un taio enorme ar posto de la bocca
Che serve a fà giustizia a chi la tocca.
E’ questa la leggènna tramannata
E che da secoli da tanti  viè creduta.

Quer che se dice è proprio questo qua:
che ‘gni busciardo  riesce a smascherà
quanno che infila la mano proprio là.

‘sto fatto pare fusse un bell’imbrojo
architettato proprio a Campidojo
p’ariparà  accusì nascostamente

qualche  potente che vijaccamente
pagava un boja sprofutamente
perché tajasse la mano a ‘n innocente

che c’infilava la mano in bòna fede.
Puro a quer tempo e questo già se sa
se cercava d’imbrojà la verità

__________________

CALORE  ROMANO

Chi viè a Roma da lontano
doppo un po’ che s’è scallato

puro si è un americano
pòi pijallo pé romano.

Ma chè er sole che così
lo riscalla tanto qui ?

No! Er calore lui lo sente
drent’ar core de la gente.

_________________

CAMPO DE’ FIORI

Campodefiori mia, core de Roma
tu sei la mejo piazza che ce sia.
forze nun sarai immenza né pulita
0ma certo più dell’antre a me me piaci.
Tu m’aricordi i tempi de ‘na vòrta
quanno che ce svejava la matina
la tromma der lattaro che passava
pé dacce assieme ar latte la “giuncata”

pé festeggià la Pasqua ch’arivava.
Li mazzi de violette a primavera
ce portaveno un soffio de poesia
e ‘sta piazza de fiori parpitava.
Adesso li profumi so’ de meno…
ma quanno passo pé st’antico sito
io ciaritrovo l’animo romano
ch’è pieno d’artruismo e d’allegria.

Core de Roma sei  Campodefiori
che ne conzervi tradizzione e vita.
E sei rimasta quasi sempre uguale
puro sì attorno a te tutto è cammiato!
Veri romani so’ arimasti pochi
ma su ‘sta piazza ce li trovi tutti!
Ce vengheno a godesse er “ponentino”
che puro lui è rimasto tale e quale.
De piazze a Roma ce ne stanno mille
ma tu la più romana sei de quelle.

_____________

CASTELLI ROMANI

Castelli romani
parata de sole
de vita de canti
e gioia e d’amore.

‘ste gemme incastrate
tra colli e vallate
appreno cime
colline incantate.

Ner vede ‘sto cèlo
sereno e turchino
ner beve quer vino
leggero e genuino

er core s’allarga
l ‘anima  canta
e’ sto canto divino

ciascuno lo manna
a ‘sto cèlo
a quer vino.

_______________

 CASTER SANTANGELO

Su la Mole massiccia e ben piantata
un angelo veja co’la spada sguainata
e quer Castello ancora Roma onora
accusì imponente che quasi er cèlo sfiora.

Le smerlature antiche tutt’attorno
l’abbelliscono e jé fanno da contorno
e quanno a sera  s’accenneno li lumi
diventa ‘no scenario pé li Numi.

Ar tempo  fu costruita pé fortezza
dando a li  Papi  tanta  sicurezza
e chi ne le segrete stava incatenato
soffrìva  pé anni solo e abbandonato.

Chi riuscì a scappa’ fu Benvenuto
cò un piano assai  spavardo e risoluto.
‘ sta fuga raccontata nei  “Ricordi ”
avvince tanto che tutto er brutto scordi
e penzi solo a quer vecchio Castello
guardato a vista da ‘n Angelone bello.

________________

 C’ERA ‘NA VORTA PASQUETTA

M’aricordo che ‘na vorta
pé Pasquetta fori Porta
tutta Roma se trovava
e ‘gni pena se n’annava.

Se smoveva de bon’ora
l’operaio e la signora
‘gni famija ridunata
pronta pé la scampagnata.

Sopra legni e botticelle
borze ceste bagattelle.
Se rideva se cantava
se beveva se magnava

se gustaveno bocconi
senza tante restrinzioni.
Diete pillole citrati?

Riserbati a li malati!
E ‘sta festa assai sincera
salutava primavera.

______________

 CHI VIVE A ROMA E’ FORTUNATO

Conosco un gran signore
ricco assai
che a Roma s’è stufato
d’abbita’.

Jé   fò: Nun me lo di’
che nun ce credo
nissuno se rifiuta
de sta’ qui

forze sarà perché
te sei annoiato ?
Ma spescie co’lo sordi
che ciai tu

te poi leva’
sia sfizzi che crapicci
e quinni ‘ste frescacce
nu le dì.

Rimani perciò qua
caro signore
vedrai che si ce penzi
un po’ de più

te sentirai perfino
fortunato
de vive a Roma
che nun te movi più.
________________

CIMITERO CAIO CESTIO

Un campo tutto pieno d’oleandri
se vede addossato
a le mura de via Ostienze
è quello è er  Campo
cosidetto Ingrese
ch’accoje protestanti
de ‘gni paese.

Fra li cipressi,
li pini e tanta pace
la Morte a raggionacce
nun dispiace

perch’er giardino
fiorito e sempreverde
conforta e nun è funebre
pé gnente.
Cornacchie e artri uscelli
d’ogni spesce
ce fanno sempre
i nidi fra li rami
e tengheno concerto
tutto l’anno
pei tanti Artisti
che sotto tera stanno.
C’è Coleman
de Roma gran pittore
e Antonio Gramsci
acuto penzatore
poi Giujo Ghète
fijio naturale
de quer Vorfango
scrittore univerzale.

Jonn Heats e Shelly
riposeno fra i lari
e ancora  perzonaggi
noti e vari.
Ner visitalli tutti
cò aria mesta
viè fatto de penza’
che ‘gni protesta
mentre se campa
nun porta soluzzione
e da’ sortanto
l’inzoddisfazzione
e ogni problema
cessa ne la fossa
ner mentre che se vanno
a posa’ l’ossa.

______________

CLELIA LA  PRODE

Regazza ardita e indomita
che nun ze fece incastà
perché lei prigioniera
nun ce voleva sta’.

Nella scura  nottata
montò a pelo er cavallo
e via dalla tendopoli
corènno  a scapicollo.

Assieme a tante amiche
ch’aveva entusiasmato
dalle grinfie nemiche
sfuggì …ma a perdifiato.

Sur fiume che scoreva
senza paura arcuna
guadambiò l’artra riva
ne la notte senza luna.

Clelia romana ammazzone
de tanti secoli  fa
scavarcò er bionno Tevere
p’avé la libertà.

______________

COME CORNEJA

Simpatica romana
dai sentimenti fieri
La vita tua se svorge
oggi sì come ieri
Casa, marito e fiji,
sò nobbili ideali
E tu questa missione
te l’organizzi bene.

E’ vero che cor tempo
s’arterneno i penzieri
E fra risate e pianti
passeno l’ann’interi
tu tutte, in fonn’ar core,
ricordi l’ore annate
e adesso puro ridi
dé fijali sbannate
e dell’apprenzioni passate.

Giacché a queli gioielli
perfetti che tu ciai
J hai  dati  inzegnamenti
ripieni de morale.
Sì quarche vòrta dubbiti..
affidate a la Storia,
penza a Madre Corneja
che granne donna fu
le  parole antiche,
pòi dille puro tu.

E uguali  le ricchezze
le tenghi tali e quali
che a èssène orgojosa
nun c’è gnente de male.
Gioielli assai prezziosi
so’ li fiji pé ‘na madre
e puro in povertà
jé danno regalità.

_________________

DAVANTI AI RUDERI

Davanti ai vecchi ruderi
te senti allargà er core
e penzi ai tanti secoli
che cianno dato eroi.

Sui serci che carpesti
ce so passati in tanti
e sotto i colonnati
vissero pure i santi.

De Roma s’è parlato
se dice  e se dirà
ma come prima indomita
pé sempre resterà

Perciò guardanno i ruderi
te senti piccoletto
e lì rimpetto ai Fori
sei solo un verminetto.

_______________

ER CONTE TACCHIA

Adriano Bennicelli conte Tacchia
era pè li romani ‘na gran pacchia
perché li divertiva co’prodezze
che ‘gni tanto infiorava de sconcezze.
ciaveva un suo parla’ che sconturbava
cor florileggio ardito che spassava
bastava poco perché s’infuriasse
e la caramella dall’occhio jé cascasse
architettanno ‘na bella sceneggiata
che poi pé ore e ore recitava.

Portava la bombetta e er bastoncino
che lo rissomijava a un paino
però ciaveva l’anima da bullo
e risicava tutto p’un cavallo.
co’ la parija ar trotto e cor cocchiere
spasseggiava per Corzo a tutte l’ore
e quanno se scontrava co’n cavallo
er traffico bloccava senza fallo.

Parlava co’ la bestia a tu per tu
e a quer punto gnente esisteva più.

___________________

ER  CULISEO

Anfiteatro Flavio fu chiamato
‘sto circo equestree tant’arinomato
e quelle scalinate  screpolate
ce videro le giostre più sfrenate.
E puro lotte sadiche e violente
che disputate fra leoni e Santi
aizzaveno li peggio sentimenti
de’spettatori sguajati e miscredenti

De secoli n’ha visti passà tanti
cò le strutture via via pericolanti
finché ricementato e rinforzato
er Culiseo da tutti è visitato
e come un tempo sa riscòte ancora
l’ammirazzione de chi Roma onora
e oggi senza tante ambiguità
vorebbe ridaje la vitalità.

Invece c’è ‘na cosa ch’addolora
chi se trova a passacce a ‘na cert’ora
vedenno che anniscosti fra li buci
ce stanno artri a fasse certi  “buchi”.
L’aria de morte dei tempi de splennore
ce se rinnova …ma senza valore
giacché chi allor lottava cò ‘na fiera
addimostrava coraggio e forza vera
mentre che adesso invece è debolezza
che a tanti ti jé fa fa’…quela sciocchezza.

________________

ER  DIVINO  AMORE

Ar Santuario de Caster de Leva
ce va ‘na folla fitta e infervorata
chi va a prega’ pé grazia ricevuta
o che se sfoga pè ‘na pena acuta.

Chi chiede forza e aiuto a la Madonna
perché cià fede e Lei potrà aiutalla
e dall’artare santo e scintillante
la Vergine celeste è promettente.

Ciascuno inginocchiato par che ascorti
e tutti li convince  senza torti.
Pé Lei sò fij tutti quanti bòni

dar pellegrino che sarvò dai cani
ogni devoto ciavrà sempre  aiuto.
L’Amor Divino nun verrà mai meno

e  a maggio le romane “Madonnare”
porteranno la fede in processione
e, co’ li canti,  mille e  mille rose.

_________________

ER FORO DE  GIUJO CESERE

Cesere era sicuro de provenì da Venere
e a questa genitrice donò ‘sto Foro immenzo
un po’ pé propiziasséla e daje quell’incenzo
così da vince a Farzalo prima de Gesù Cristo.

Er tempio fu Trajano a rimettéllo in sesto
‘gni vòrta che quarcuno lo trasformava in cèsso
e questo accadde spesso solo pé vandalismo
e sempre er basamento  riusato pe’ arifallo.

Prima d’entrà ner Foro ce se vedeva  Cesere
che invitava er popolo de corza a annallo a vede.
Mò so’ rimasti i ruderi de li reperti illustri
che fanno medità tanti passati lustri.

Pé riscoprillo appieno s’ha ddà rientra’ ner crima
ch’è intriso de potenza de gloria e nobbirtà
perciò chi va nei Fori che furono imperiali
guardanno da profano senz’approfonnimento

bisogna che ce metta un po’ de sentimento
che Roma va studiata , amata e rispettata
e ogni pietra antica va puro conzervata.

________________

ER MESSAGGERO

Er popolo romano  s’è avvezzato
ad un  giornale sempre più aggiornato
da quanno poi è stato rilanciato
ogni settore s’è come rilustrato.

Er nostro dunque è propio un gran Giornale
sempre degno de Roma Capitale.
Da tre vite se lègge a casa mia
e ‘gni colonna riscòte simpatia.

Ar pari de mì padre e de mì nonno
ortre a léggéllo in giro lo diffonno
perché uguarmente fra cronaca e curtura
abbraccia tutto nella sua stesura.

Perfino er caro nostro Ponentino
l’ha trasportasto fino a Broccolino
speranno de smòve la curiosità
de quelli che vònno Roma  visità.

_______________

ER MONTE DE LI COCCI

Nissun rione mai potr’ avantasse
d’avecce un monte come cià Testaccio
tutto fatto de Teste ossia de Cocci
dell’anfore che ar tempo se so’rotte.

Ereno quelle piene de derrate
che pé via fiume ereno portate.
a Ripa Granne  veniveno sbarcate
pé èsse poi all’Emporio  conzervate.

Ma quante furono l’anfore scocciate?
er conto vero nun ce l’ha nissuno!
Un fatto è certo che all’immonnezzaro
feniveno a ‘gni sbarco un centinaro.

E daje e daje er mucchio se ingrandiva
e er montarozzo de cinquanta  metri
divenne un Monte e se chiamò Testaccio
e fu l’arena pé quarche fattaccio.

Ner medioevo come a sentinella
ce misero ‘na croce arta e bella
e li cristiani ‘gni anno in processione

ciannaveno a prega’ pé devozzione
e fin d’allora quela croce antica
protegge Roma che jé tant’amica.

_______________

ER  PALAZZACCIO

Ner centro de Roma esiste un palazzo
chiamato da tutti er Palazzaccio
e fu Carderini settant’anni addietro
che l’architettura lo prese al laccio.

Ce mise impegno  tanta passione
e riuscì a fa’ un ber palazzone
che p’esse sede de la Giustizzia
era severo e spazzioso a dovizzia.

Apposta la mole la fece imponente:
doveva fa’ tremà quarsiasi delinguente
adesso ch’er Tevere jé infirtra la base
pè la Giustizzia nun c’è più pace.

Pé ogni causetta o pé un processone
se cerca ‘gni vorta la collocazzione
e ‘sto fatto rimove perfino quer peso
che sempre giustizzia aveva preteso

pijanno conzijo da du’ valide amiche
che jé stann’accanto su la porta centrale:
una è la Legge savia e precisa
l’artra la Forza ch’è aiuto morale.

La pòra Giustizzia s’è trasformata
nun sa più decide nun è rispettata
sfrattata e sbattuta come ‘no straccio
dall’antica pena der suo Palazzaccio.

_____________

ER PALAZZO DER   “COMMENNA”

Er presidente dell’arcispedale
ciaveva un palazzo bello e  centrale
che jé passava Roma papale
e che costava un ber capitale.

Ner cinquecento fu disegnato
a Baccio Bigio commissionato
fu costruito co’ n ber loggiato
che dar cortile viè ancora ammirato.

Nell’ottocento ce fu piazzato
un orologgio sofisticato
co’ ‘na lucertola che fa la  lancetta
e segna l’ore senza gran fretta.

Sopr’ ar quadrante l’ore so’ sei
perché la giornata divide pé due
quela bestiola però cià un cilizzio
ch’ammicca ar Galerio cardinalizzio

a girà lenta però s’è stufata
e tanto è vero che s’è fermata.
Si lei potesse vorebbe entrà
drent’ar palazzo pé poté studià

su quei libbroni de medicina
sempre là pronti de sera e matina.
La Bibrioteca è sempre aggiornata
e pé i luminari è meta agognata.

Ma la lucertola quarcosa a da di’
e noi curiosi la stamo a senti’:
“Perchè ‘sto posto de fama monniale
se trova accanto all’arcispedale?

Se vede ch’er medico neolaureato
quanno cià un dubbio su quarch’ammalato
corre de prescia a rilegge er trattato
ma  quann’aritorna er pazziente è spirato.”

_______________

ER PANTHEON…NE

A Roma viè chiamato Pantionne
e ha sbalordito sempre ommini e donne
pé l’arditezza dell’architettura
che assicura puro la frescura.

L’adulatore Agrippa lo fece costruì
e contro artri pareri lo volle propio lì
così che messo  ar centro c’era da sperà
che tutta quanta Roma lo annasse a visita’.

All’idoli d’allora co’ fede dedicato
puro attraverzo i secoli da tutti viè ammirato
Studiosi e inzigni artisti nun ze sanno spiega’

‘ste costruzzioni ardite de tanto tempo fà.
Intanto drent’ar Tempio dormeno er sonn’eterno
li perzonaggi illustri assieme a Raffaello.

_________________

ER PATRONO DE LI TRADUTTORI

Puro li traduttori cianno un Santo
omaggio che quanno scriveno
sempre jè sta accanto
e sa ispiraje la parola adatta
pé compie quer lavoro
ar modo giusto.
Girolamo, padrone delle lingue
che nella vita fu sempr’impegnato
a collegà lo scritto cor parlato
dimostrannose vero letterato.
fù amato da scrivani e traduttori
ma soprattutto dar popolo croato
che, penzò de faje un tempio
in mezzo a Roma pé dimostraje
tutto er loro amore.
Ma mica adesso! Mortissimi anni fà!

Così, ogni tanto,  ariva l’occasione
de dedicaije ‘na manifestazzione
indove fra li canti e le preghiere
jé rènne omaggio ogni traduttore.

_______________

ER QUIRINALE  E LI DIOSCURI

Er colle più arto a Roma è er Quirinale
che fu prescelto puro dai Sabbini
è sempre un sito fra li più importanti
e frequentato ancora dai potenti.

Jé fanno guardia Castore e Polluce
statue enormi da tutti conosciute
e la funtana come a guarnizione
a li cavalli serviva er beverone.

Funtana e statue stavano ner Foro
a li tempi che pé Roma ereno d’oro
e pé fortuna se so’ conservati
p ‘èsse da tutti ancora pià ammirati.

Er palazzo che fu opera a più mano:
Bernini Fuga Ponzio e Mascherino
de tanti Papi fu la giusta sede

e Presidenti illustri adesso vede.
Cammieno usanze principii e governanti
ma l’arte sovrasta tutti i sentimenti.

_____________

ER RITROVO DE LE STREGHE

Ali de pipistrelli e faccia truce
cell’ha ‘na testa sopra ‘na colonna
fra sant’Andrea a la Valle e Monterone
e a chi la guarda
mette er brividone.

Su ‘sto cimejo davero orripilante
de congetture se ne fanno tante
ma de preciso nissuno ne sa gnente.
Se dice ch’appartenne a un miscredente.

oppure a un mascherone recitante
der teatro de Pompeo mò fatiscente.
Però la cosa più certa che se sa
è che tutte le streghe passaveno de la’

prima de ogni rito o riugnone
annaveno a frotte propio a Monterone
pé poté rinfocolà spirito e mordente
e potenzià la presa su la gente

e ‘sta potenza pare che ancor vale
quanno ‘na strega parla da un “Canale”.

______________

ER  ROMANESCO

Er dialetto romanesco
resta sempre arguto e fresco
e se prestsa a da’ risposte
azzeccate e sempre giuste:
co’ du’ semprici battute
spesse vorte un po’ fottute
te risorveno un probblema
pià intricato d’un teorema.
‘sto dialetto scritto o letto
piace a tutti perché è schietto.

E’ un parlà sverto e conciso
che a lo scopo va preciso.
Come strali li penzieri
manco vònno verbi  interi
che se stroncheno a metà
senz’ avecce gran pietà
ma ‘gni detto e ‘gni richiesta
dapertutto è ben’accetta
sia in Giappone o in Pachistà
‘sto dialetto ce po’ sta’

ch’er romano è assai cordiale
e a’gni posto se fa vale
e cor dialetto suo sincero
lo capisce er monno intero.
Pè prova’ ‘sta verità
quarch’ esempio vojo fa’…
M’immedesimo ner gioco
e propono quarche sfogo:
si er lavoro sta a spetta’
io me devo da sbriga’
Ma si è festa , nun c’è scampoio
me sento troppo stanco
e co’ la pupa a passeggia’
se dovemo da svaga’
e poi quanno ho da magna’
nun ce posso sta’ a penza’

vedo pronto er tavolino
co’ la pasta abbacchio e vino
senza di’ ‘n antro sfonnone
magno bevo e fo er pienone.

_________________

ER RUGANTINO

C’era un ber giornaletto  romanesco
ch’era ‘no spasso sempre alegro e fresco
ce trovavi poesie fatte cor core
che te invitava a lègge pé du’ore’.

Spesso scriveva quarche dilettante
assieme cor poeta assai importante
e chi vedeva er nome suo stampato
credeva  d’esse subbito  arivato.

Ereno du’ fojetti poverelli
ma pieni de penzieri schietti e belli
e ‘gni romano c’era affezzionato
e se lo divorava tutto d’un fiato.

‘sto  povero giornale s’è sperduto
fra quarche rotocarco lucidato
e Rugantino alegro e scanzonato
stufato de rugà… mò s’è azzittato.

____________________________________________________________________segue:

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...