Coriandoli a la rinfusa

1-villaTitoli:

  • Amore e rose  
  • Ar vino  
  • Arzo lo sguardo  
  • Chi canta piu’ alla luna?  
  • Chiesa vota  
  • Chiesetta abbandonata  
  • Colombe bianche  
  • Come narciso  
  • Confidenza o simpatia?  
  • Coriandoli a la rinfusa   
  • Dialoghetto arabbiato  
  • Disubbidienza  
  • Donne e fiori  
  • Donne moderne  
  • E’ mezzanotte  
  • E’ancora primavera  
  • E’ mejo dormi’  
  • Er barbiere  
  • Er boccio  a li castelli  
  • Er ciavattino  
  • Er core de mi’ padre  
  • Er fijo  vo’ sposa’  
  • Er libro der destino
  • Er miracolo  
  • Er regazzino de bottega  
  • Er zegno de la croce  
  • Era de primavera  
  • La barchetta  
  • La gabbietta  
  • La neve a Roma  
  • La notte porta conzijo  
  • La partita a carte  
  • La quercia  
  • La sbinnonna  
  • La strada der paradiso  
  • La strada der successo  
  • La tela de ragno  
  • La voce der creato  
  • L’amica d’infanzia  
  • L’aquilone  
  • L’arbero secco  
  • L’artarino  
  • Le  fragole  
  • Le more  
  • Leggenno li giornali  
  • L’esami  
  • Li gatti padroni  
  • Li grilli  de  li  castelli  
  • L’oro nero  
  • Mattino de sole  
  • ‘Na scarpinata  
  • Nastri colorati  
  • Natale  austerity  
  • Ner libbro der destino  
  • Nonna ricconta  
  • Nun c’e’ piu’ pazzienza  
  • Nun soffreno d’inzonnia  
  • Passeggiata all’arba  
  • Perche’  scrivo  
  • Povera farfalla  
  • Primavera e’ cammiata  
  • Rondini ar sole  
  • Sera de giugno  
  • Sogno e rearta’  
  • Stornello  
  • Targhe pari e targhe dispari  
  • Un fascio de ginestre  
  • Vita da cani  
  • Viva carnevale

_______________________________________

AMORE E ROSE

De stelle tutt’er cèlo s’è ammantato
Me pare d’esse solo ner creato
Ciò ne la  voce un canto appassionato
Chje vojo dedica’ a chi m’ha scajato

La freccia de Cupido drent’ar core:
Bella moretta mia sei com’un fiore
Framezzo a quelle rose der barcone,
nun me fa’ sospira’…damme un bacione!

Ma er tempo passa e io sto quì sgomento
Sussurranno a la luna ‘sto tormento…
L’amore nun te detta ‘na parola?
O un gesto un pò gentile che conzola?

Risponni ar canto mio così accorato
Co’ ‘n piccolo messaggio profumato.
‘na rosa m’è cascata sopr’ ar core

‘na voce da lontano ha detto: Amore!
__________________

AR VINO

Fiasco de vino in mezzo ar tavolino
regni su la tovaja come un re
quanno che tu sei pieno sei pesante
e tutti attorno stanno attenti e muti.

Ma quanno te cominci a alleggeri’
saranno l’artri a diventa’ pesanti.
in fonno sei contento puro tu
vedènno che oramai la compagnia

è diventata “piena” de allegria.
_________________

ARZO LO SGUARDO

Quanno me sento in petto
un gran dolore
arzo lo sguardo e dico:
“Mio Signore!”

E sospiranno poi
me fo la croce.
‘sto gesto che fa bene
e che conzola

me da la forza
a nun sentimme sola
e me fa forte
p’affronta’ ‘gni croce.

 ____________

CHI CANTA PIU’ ALLA LUNA?

Cara luna che te specchi
drent’allacque addormentate
tu oramai più nun t’aspetti
de senti’ le serenate
ché la gente mò cià in testa
solo canti de protesta.

Sei avvelita e nun te resta
che guarda’ con aria mesta
tanta gente che s’addopra
pé resta sempre “de sopra”
e che tempo più nun trova
de guarda’ la luna nova.

Si vòi un canto appassionato
a te sola dedicato
devi attenne solo  a maggio
un ber rajo come omaggio
de un somaro sconzolato
che de te s’è innamorato.
_______________

CHIESA VOTA

Me piace d’anna’ in chiesa
quanno nun c’è gnisuno
solo ‘na luce accesa
du’ fiori e quasi scuro.

Er silenzio me impone
un senzo de rispetto
prego cò più fervore
e tanta pace in petto.

Inginocchiata a tera
me sento piccoletta
me nasce ‘na preghiera
e gnente più m’alletta.

Vicino ar core mio
io sento che c’è Dio…
e Lui  me sta a senti’
perché sta propio lì

Lui ascorta e me conzola
E  l’anima mia vola.

________________

CHIESETTA ABBANDONATA

In mezzo a la campagna abbandonata
ce sta ‘na chiesa mezza diroccata
er muro tutt’attorno è screpolato
e l’artarino tutto scorticato.

Però si guardi  dietro l’artarino
ce vedi ancora l’occhi der Bambino
che sta beato in braccio a la Madonna
in un affresco accanto a ‘na colonna.

Pare che voja di’: Pé chi è credente
nun serve che l’artare sia imponente
abbasta solo fa ‘n’inginocchiata
davanti a ‘na chiesetta abbandonata.

________________

COLOMBE BIANCHE

Framezzo li vasetti der barcone
ce sò du’ colombelle immacolate
che ‘gni matina sotto ar solleone
vengheno quì a tubba’ tutte beate.

Se sente fa glu glu se so’ accostate
fanno un voletto sotto ar pergolato
d’odore de mentuccia imbriacato
poi, voleno ner cèlo innammorate.
_______________

COME NARCISO

Forze da regazzina
ciavevo quarche cosa
e forze ero grazziosa

Ma mò ‘sta faccia mia
m’ha già stufato assai
e nun me specchio mai.

Invece tanta gente
che puro è brutta e racchia
s’ammira senza posa.

E’ un pò come Narciso
basta ‘na pozza d’acqua
pé rimirasse er viso
______________

CONFIDENZA O SIMPATIA?

La prima farfalletta
me svolazzò sur naso
io feci pé pijalla
dicenno un pò arabbiata
“tutta ‘sta confidenza
chi te la fa pia ?

lei sverta volò via
più su de me nell’aria
movenno l’ale ar vento
intanto risponneva.
Tu dici confidenza?
Chiamela simpatia!
________________

DIALOGHETTO ARABBIATO

La madre disse un giorno
Ar regazzino: “Sì nun te sbrighi
A famme ‘sto servizzio
Vedrai che me fai perde la pazzienza.”

-Io nun ce credo, ma’ che tu me meni-
rispose er fijoletto dispettoso
che invece de sbrigasse a fa’er servizzio
se mise a zompettaje avanti ar viso.

La madre invece che ciaveva prescia
La  perze per davero la pazienza
Pijo’ la scopa e jé la diede in testa.
________________

DISUBBIDIENZA

La madre jé parlava e jé diceva
de nu riccoje gnente pé la strada
Ma er regazzino mai nun j’ubbidiva.

Un giorno che giocava in mezz’a un prato
coll’antri compagnucci der rione
Trovò un barattoletto colorato

lo prese lo guardò tutto curioso
fece p’oprillo, ma s’udì ‘no schianto
che fece volà tutto sottosopra.

Era ‘na bomba che scoppianno adesso
faceva ricorda’ tutti l’orrori
de la guera fenita da vent’anni.

Ma er regazzino ch’ha disubbidito
Resta a scontà li crimini der monno
Assieme a li compagni mutilati.
_______________

DONNE E FIORI

Un fiore quanno nasce
È già predestinato
Seccasse su ‘n artare
Oppure in mezzo a un prato.

La sorte de ‘na donna
Segnata è com’un fiore
Pé diventa’ più donna
Dovra’ soffri’ pé amore.
________________

DONNE MODERNE

Oggiggiorno le regazze
so’ davero come pazze
nun appena so’cresciute
so’aroganti e linguacciute.

Loro vònno prova’ tutto
sia de bello che de brutto
ogni tanto fidanzate
fino a che nun zo’sposate.

Doppo aumenteno le spese
perché cianno le pretese.
si poi cianno la patente
nun jè và de fà più gnente

se ne vanno tutt’er giorno
spazzolanno pell’attorno
tanto, casa è accessoriata,
elettroaddomesticata.

Vanno ai Party coll’amiche
risparmianno le fatiche
poi, pé cormo de sventura
so’ portate all’avventura.

Er marito poveraccio
più lavora …più è ‘no straccio
serve solo a fa la grana
pé la moje sempre strana.

che fa solo la Signora
invidianno chi lavora.
Co’ ‘ste donne scervellate
che sò nate sfaticate

forze è male daje amore
ché pé quanto l’omo fa
nu le pò mai accontenta’.
_______________

E’ MEZZANOTTE

Mezzanotte è passata e io sur terazzino
Sto tutta sola e aspetto er regazzino
Er “regazzino”, si “so’ già ventuno”
Pé me però rimane sempre er “pupo”

Chissà come sarà che fa quest’ora?
Nun s’era mai azzardato fino a ora
A famme sta’ cò ‘sta penaccia in core.
Nun penza che me da tanto dolore!?

Ciavevo tanto sonno e m’è passato
Mò quanno viè jé fo vedé er teatro…
Pijo la scopa e giù a quer giuggiolone
Jé do un sacco de botte sur groppone.

Soneno…è lui. E’ arivato sì beato!
Me fa: ” quanto sei bòna ma’
che m’hai aspettato…
sò stato a chiacchierà cò ‘n amicone

du’ ore giù pé strada, lì ar cantone!.”
Senza penza’ a la pena che m’ha dato
che l’ho scordata appena ch’ha sonato,

jé preparo la cena e jé la metto
calla sur tavolino e vado a letto.
_________________

E’ANCORA PRIMAVERA

E’ ancora primavera
sortanto più avanzata
e adesso come allora
me sento disperata.

Er sole splenne ancora
E l’aria è profumata
ma l’anima mia afflitta
se sente ormai agnentata.

Ciò er core che me scoppia
distrutto ormai finito
e dico a tutto er monno:
mì Padre se n’è ito
_______________

E’ MEJO DORMI’

C’è chi la notte a letto nu riposa
ce s’ariggira e smania e penza a josa
poi fa castelli in aria e in essi spera
penzanno se conzuma e se dispera.

Invece de dormi’ beatamente
cià un mucchio de penzieri ne la mente
ma quello ch’er destino manna a ognuno
nu lo risorve prima mai nissuno.

Perciò nun va’ la pena de sta svejo!
però, si lui è convinto che sia mejo…

Pace!…Se troverà quann’è matina
co’ tutta la capoccia indolenzita.
________________

ER BARBIERE

Ar barbiere de quartiere
sempre tocca de parla’
de le cose più svariate
che succedeno quà e là

E’ pè questo che s’aggiorna
ascortanno a destra e a manca.
così quanno cor criente
mentre lui lo sta a sbarbà

jè tiè desta l’attenzione
riccontanno fatti e intrighi.
Pare quasi er gazzettino
che dirama un bollettino.

Si poi tutto nun za bene
quarche cosa inventerà
tanto infine mai nissuno
s’annerà a documenta’
se sia vero o se sia farzo
quello che sta a riccontà.
_____________

ER BOCCIO  A LI CASTELLI

Ogni giorno de festa
Pel Boccio è doppia festa
Perché cò granne fretta
Pija la bicicretta.

E su pé le Frattocchie
comincia la salita
cò tanta foga ardita.
Che ner penziero è uguale

A quella d’artre date.
Quanti ricordi ! Quanti!
De quella gioventù
Ch’ormai nun torna più.

Quello era er tempo d’oro
De tanto sprinte vero
L’illusioni ritorneno
E ner core ricanteno:

E’ bello aritornà a li vecchi siti
Ma senza ripropore queli riti
Le corse cò le gare a li Castelli?
Ereno cose de li tempi belli!

Nel ripenzalli, adesso, pareno folli!
Coll’anni che mò tiè sopra ar groppone
P’anna’ ai Castelli rischia un ruzzolone.
________________

ER CIAVATTINO

Batte e cuce er ciavattino
sur deschetto co’n sospiro
e d’incanto, da le sòle,
lui capisce tante cose:

si le ” punte” d’un marito
se so’ tutte conzumate
ciò vordì che lui de notte
torna tardi pian pianino.

Si le scarpe de quer tale
sò più o meno deformate
ciò vordì che su quer viso
ce saranno pieghe amare.

Li dolori de li piedi
sò sottili e penetranti
e più o meno bene o male
li subbimo tutti quanti.

Cò li piedi scarzi e nudi
noi vivressimo più alegri
solo er pòro ciavattino
poi ciavrebbe giorni neri.
________________

ER CORE DE MI’ PADRE

Mì Padre l’esistenza l’ha passata
esemparmente a voce e co’ li scritti
perché tra core e mente nun c’è stata
mai ‘n’ombra de dissidio e de confritti.

Lui me pareva un giovenotto ancora
senza riposo mai neppure ‘n’ora,
ma invece co’ du’ giorni s’è abbacchiato
cor core tutto quanto sconpenzato.

Er core de mi’ Padre s’è stancato
e sta facenno er matto e tanti drammi
fra pillole, sciroppi e cardiogrammi.
Jé da l’affanno senza da’ l’avviso

è com ‘n orologgio ormai scassato
che nun zegna più l’ora de preciso.
_________________

ER FIJO  VO’ SPOSA’

Se stanno già pé prepara’ le carte
er fijo è tutt’er giorno for de casa
lavora com’un matto poverello
pé scanzasse a fatica er sordarello.

Ce ne voranno tanti pé sposasse
puro sì’ fa le cose assai ristrette:
‘na casetta cò cammera e cucina
cò tutto er necessario pé campacce.

Un core e ‘na capanna se diceva
ar tempo che ce stava solo amore!
Adesso serve tutto ciò che allora
nun bastava ‘na vita pé comprasse.

La lista adesso nun fenisce mai
e quanno se riesce a combina’
er matrimonio quanto durerà ?
________________

ER MIRACOLO

Er sole ch’entra pè la finestrella
bacia li ricci de ‘na pupa bella
che drent’ar letto dorme e nun se move
Perché le gambe nu le pò più smove.

La sta curanno mamma con amore
mentre ner petto jé se strazzia er core;
prega matina e sera ner curalla
e solo la Madonna pò aiutalla.

E’na matina fresca e profumata
( se sente primavera ch’è arivata )
mentre l’ucelli intoneno un ber canto
la pupa alegra chiama mamma accanto:

” A ma’..me lo permetti?..Vojo arzamme
me sento tanto forte, vòi aiutamme?”
l’occhi de mamma so’ tutti lucenti
er core sta tremanno…che momenti!

La pupa scegne piano scivolanno
s’appoggia ancora ar letto donnolanno
poi abbraccicata a mamma impallidita
va verzo er sole…Va verzo la vita.

Er miracolo che mamma ha sospirato
adesso finarmente s’è avverato.
_________________

ER REGAZZINO DE BOTTEGA

Coll’aria un pò smarita
guardanno tutto quanto
ne la macelleria
Er primo giorno entrò.

Se mise er camiciotto
raschiò pé bene er “ciocco”
levò la segatura
poi prese l’acciarino

sbattenno sur ginocchio
se lo legò in cintura
p’addimostra’ che in fonno

lo sapeva addopra’.
Guardò tutti li “taji”
la pezza, la costata,
li fritti, la lombata…

da dove incomincia’?
Tutto quer sangue rosso
jé dava soggezzione
ma vinze l’esitazzione
e cominciò a lavora’.

Er tempo passò presto
lui diventò maestro
da pòro garzoncello
padrone diventò

La crientela aumentava
er lavoro cresceva
così passò parola
pé fasse un pò aiuta’.

Passato quarche giorno
mannorno un regazzino
che ner negozzio nòvo
entrò tutto avvelito.

Lui ripenzò a quer giorno
che ner mestiere entrava…
mò puro pè quest’antro
la vita incominciava.
__________________

ER ZEGNO DE LA CROCE

Davanti a ‘na disgrazzia
sarvognuno
che fai ? Te segni
p’affidatte a Dio.
Quer gesto puro e semprice
te pare che te dia forza
nei momenti scuri.

Te pare in quer momento
d’esse solo
appetto ar Padreterno
e te conzoli
che Lui te guarda e sa
che sei infelice
e co’ quer gesto
tu lo vai a cerca’.

Er zegno de la croce
benedetto
t’infonne co’ la forza
che possiede
tanta speranza in core
e quarche vorta
te sa riapri’ la porta
de la fede.
________________

ERA DE PRIMAVERA

Quanto soffristi Mamma
nell’urtimi momenti,
guardavi tutti quanti
senza poté parla’…
Du’ lacrime lucenti
te scesero sur viso…

Volasti in Paradiso!…

Tra li singhiozzi subbito
te misero er vestito,
te composero er viso,
ma sulle labbra pallide
rimase un ber soriso.

Era de primavera…

E tante rose e viole
te fecero ghirlanda
su quella bara bianca.
Com’eri bella Mamma!

Sembravi ‘na Madonna!

Quer tuo ber viso semprice
sembrava che parlasse
dicenno a tutti noi
che piagnevamo accanto:

Io nun volevo questo…

Perché v’amavo,
oh! Quanto!
Scusateme davero
de favve soffrì tanto

Era de primavera…

Rivedo quela bara
tutta piena de fiori
Quer profumo de viole
che m’arivava ar core

risento…

E ancora piagne
quest’anima ferita..
________________

LA BARCHETTA

Du regazzine, drent’a ‘n fontanone
cianno messo ‘na barca de cartone:
ner gioco la barchetta pare vera
che quasi jé pare de facce ‘na croscera.

Ma doppo un pò che l’acqua l’ha bagnata
la misera barchetta s’è ammosciata,
pé falla galleggià ‘n antro pochetto
ognuna la vò spigne cor braccetto.

Ma se sporgheno troppo e, tutt’un tratto,
finischeno nell’acqua a capo sotto…
Quer viaggio breve e nato cor soriso
lo finiranno assieme in paradiso.
_________________

LA GABBIETTA

Ne la gabbia de legno
ce stava ‘n ucelletto
che invece de cantà
piagneva pé dispetto.

Er padrone avvilito
ner sentillo pena’,
de fero brunito
jè la fece rifà.

Ma l’uscello piagneva
era sempre scontento.
Perché ? Che voleva?
La gabbia d’argento?

Quello ancora piagneva
e lui jé domannò:
” Si  la pretenni d’oro,
così te la farò!”

-Né d’oro né d’argento
me piace la priggione
però sì tu permetti
c’è ‘n’antra soluzzione,

sì me vòi fa’ contento
e vòi senti’ canta’…
oprime la gabbietta…
ridamme la libberta’-.
___________________

ER LIBBRO DER DESTINO

Hai da sapé che ar monno
gnente è dovuto ar caso,
ma tuttociò che avviene
è già predestinato
da chi regna e governa
tutto quanto er Creato

Ognuno quanno nasce
cià già tutto segnato
e  quello che jé capita
nun l’avrebbe mai penzato.
E’ inutile pé questo
De ribbellasse ar Fato.

Dar punto che se sveja
A quello che s’addorme
Tutto è già stato scritto
Ner libro de la sorte.
_______________

SOGNO E REARTA’

Ripenzo a quann’ero ‘na pupa
felice fra mamma e papà
giocavo cantavo ridevo
‘gni giorno ‘na festa pareva

Ma puro fra tant’allegria
‘na pena segreta ciavevo
penzavo che ‘st’ore serene
sarebbero un giorno fenite.

‘na notte ner mentre dormivo
sudanno e piagnenno accorata
io me risvejai disperata…
Indovina che m’ero inzognata?

Avevo sognata la morte
che m’era venuta vicino
rubbanno ‘na cosa prezziosa
che s’era portata lontano.

Mi’ madre che corze a li pianti
me disse strignennome ar core:
” Sta zitta…su dormi serena,
tu a questo nun ciai da penza’

ancora ‘n’ è ora “… Diceva.
Passareno l’anni, nun tanti…
Adesso ‘sta pena è tornata!
Più forte, più dura, più cupa

la morte stavorta è venuta
portanno via Mamma co’se’.
_____________________

PASSEGGIATA ALL’ARBA

L’aria de la matina
è fresca e profumata
er sangue se depura
la mente s’arischiara.

Giranno in mezzo ar verde
d’un prato fòri mano
va più leggero er passo
e un pò più sverto er core.

Quest’aria dorce e pura
er sole che se sveja
te danno l’illusione
d’arinnova’ la vita.
____________________

PRIMAVERA E’ CAMMIATA

‘na vòrta a primavera
la rondine arivava
e mò arivati a maggio
ancora nun ze vede.

Se so’ cammiati i tempi
i mesi  le staggioni.
adesso in ogni campo
ce so’ rivoluzzioni.

L’ommeni capelloni
le donne a la maschietta
la vita è diventata
tutta ‘na gran macchietta.

Pijamola com’è-
puro sì nun ce va-
tanto le novità
nissuno le pò cammia’.
__________________

LA NOTTE PORTA CONZIJO

Mentr’ er manto de la notte
scegne sopra le città
me preparo p’anna’ letto
pé potemme ariposa’.

Ma tormento pene  affanno
ner cervello frulleranno
e penzanno e ripenzanno
piano piano ariva er sonno.

Quanno poi, spuntato er giorno.
m’arisvejo co’ n sospiro,
de le pene m’aricordo
e incomincio a tirà er filo

E’ più facile stavorta!..
Quele pene mie imbrojate,
nun zò com’è capitato,
ma m’accorgo che la notte
certe cose ha sistemate.
______________________

L’ARBERO SECCO

Dall’arbero stecchito
casca ‘na foja gialla
coll’autunno è fenito
er verde e l’aria calla.

Mò resta solo er gelo
dell’inverno e der gelo.
La foja casca lenta
e s’adaggia per tera…

Caro arbero stecchito
nun sta così avvelito
te tocca co’ pazzienza
accetta’ ‘sta prepotenza

sortanto a primavera
ritornerà er calore
allora avrai er tepore
e tante foje nòve

e fra li rami ancora
saluterà l’aurora
dar nido er passeretto
che te dimostra affetto

cantanno tutto er giorno
girannote d’attorno.
e scorderai der tutto
l’inverno tanto brutto.

Sortanto li cristiani
nun ciavranno domani
quianno la foja gialla
dimostrerà che l’anni
sò tanti e i rami secchi
nun torneranno verdi.
____________________

PERCHE’  SCRIVO

Tu vòi sapé sì come
me spasso e me diverto?
Mò te lo spiego subbito,
basta che stai a sentì:

Pijo un fojetto bianco
un apise appuntito
e giù me metto a scrive.

Nun ho studiato tanto,
ma so compone rime…
Scrivo come me sento
così cor core in mano.

Scrivenno me conzolo
de tutte l’amarezze
er tempo passa presto
e più nun conto l’ore…

Me da lo spunto er cèlo
er vento er mare er sole
descrivo ‘na serata
oppure un grann’amore.

Ma quanno scrivo Mamma
me trema tutto er core.
Mamma!  Parola maggica,
Santa per ogni fijo,
Ma amara e tanto triste
quanno nun ce sta più.
_____________

VITA DA CANI

Li cani che cammineno
vorei sapé indo’ ariveno!
cor passo sostenuto
nun perdeno un menuto.

Loro nun cianno mète
nun zo’ schiavi de diete
nun cianno li doveri
che fanno priggionieri

e vanno  vanno  vanno
pé tutto quanto l’anno.
Quanno nun c’è padrone
‘gni strada va benone!

Li chiameno randaggi,
ma so’sortanto saggi!

Quela vita “da cani”
diverza a tutte l’ore
me pare sia mijore
de quella de’cristiani
_________________

L’ARTARINO

Là sotto casa mia ce sta un giardino
in un cortile mezz’abbandonato
all’ angoletto sotto er pergolato
ce sta ‘na Madonnella cor Bambino.

In mezzo a canti e strilli, l’Artarino,
rimane tutt’er giorno un pò scordato;
me fa ‘na pena così trascurato
quer povero Artarino scolorito!

Ma quanno viè la sera e tutto tace
quarcuno s’aricorda de sicuro
d’ acenne piano piano un lumicino.

Sarà quarcuno che nun trova pace
e a chiede va ‘na grazia lì all’oscuro
inginocchiato sotto all’Artarino.
__________________

LA STRADA DER PARADISO

C’è ‘na strada serpeggiante
Che te porta in paradiso
Da lassù se vede un monno
Tutto verde e rigojoso.

Mò ‘sta strada de sicuro
Vòi conosce puro tu?
E’ la Srada de li Laghi
Che te porta a Monte Cavo.

A chi viè da la città
‘sta montagna pare un sogno
ciai vicino er cèlo azzuro
che te pare de toccallo;

roccia rossa, sole ardente
castagneti cò uliveti
ciclamini delicati
e le vigne ben curate
che t’inviteno a brinna’

E le tazze de li Laghi
increspate e trasparenti?
Sò dell’antre calamite
e tutti fanno entusiasma’

Che Castelli che ciavemo!
Nun se sa qual’è da sceje
perché tutti troppo belli.
____________________

LA QUERCIA

La vecchia quercia è lì
da ducent’anni,
quante ‘na viste
cor passa’ der tempo.

Se so’ cammiati
modi  detti  usanze
ma lei possente
resta sempre uguale.

Solo che adesso
è diventata rara
e pò servi’ sortanto
p’esse bara.
__________________

LI GATTI PADRONI

Jana vive rintanata
ne la casa un pò antiquata
fra li ninnoli e i ritratti
lei ce tiè puro du’gatti
che la tengheno occupata
tutta quanta la giornata.

Uno sarta sopra ar letto
l’artro j’entra ner cassetto
ogni tanto presto e in fretta
va a votaje la cassetta.
Li gattini Pucci e Cico
già j’adocchieno ner frigo

riveriti e rispettati
da cristiani so’ trattati!…
Benpensanti sò ‘sti gatti
lo dimostreno coi fatti
che l’affari quelli d’oro

sanno fasse bene loro
e defatti la padrona
che giammai nu l’abbandona
loro, l’hanno ormai adottata
e in servetta trasformata.
__________________

NASTRI COLORATI

Le parole so’nastrini
che se legheno a piacere
sia pé scrive penzierini
che pé fa’ le tiritere.

Chi cià pronto l’argomento
nun sta zitto mai un momento,
trova sempre quelle adatte
addopranno frasi fatte,

chi le cose più banali
le va a scrive sui giornali
le parole più scontate
le fa tutt’infiocchettate.

Li penzieri convincenti
che spremuti dalla mente
vanno in giro fra la gente
so’ nastrini evanescenti

Ma se un tipo un pò impurzivo
se dimostra troppo vivo
co’ le mosse e co’li “nastri”
te farà tanti disastri.

Pé legà ‘sto ber figuro
ce vò un nastro tutto scuro
in risposta a le mossacce
ciavrà solo parolacce.
__________________

NUN SOFFRENO D’INZONNIA

L’ucelletti che voleno
nun sanno
quanta malinconia
ce sta la notte.

Loro che so’ più saggi
e più sereni
chiudeno l’occhi
e dormeno de notte
__________________

STORNELLO

La notte c’è chi dorme
e chi sospira

io penzo a lei che sta
tanto lontana

senza  bisogno
che la chiami a nome

che lei me penza
e me risponne: Amore
________________

UN FASCIO DE GINESTRE

Un fascio de ginestre
drent’a un vaso
me porteno l’odor
de la campagna

e pé chi sta in città
in mezz’ar cemento
è come ‘na ventata
d’aria pura.

S’ immaggina li prati
e le montagne
bagnati da la fresca
rugiadella.

e le ginestre dar color
der sole
te parleno de quiete
e pulizia.

Sarebbe bello assai
sdrajasse ar prato
e mannà tutti
li penzieri ar vento…

Ma pure avenno
in cor’sta nostargia
me trovo sempre mejo
a casa mia
________________

MATTINO DE SOLE

Primo mattino
er cèlo se rischiara
lavato da la brezza
ruggiadosa.

er sole sorte
e indora la città.
Se li penzieri  amari
so’ arimasti

rinchiusi e incatenati
fra li sogni
mò vedi tutto rosa…

Er giorno nòvo
te da la forza
de ricomincià
_______

LA SBINNONNA

Sbinnonna è diventata
Grinzosa come un rudere
L’anni che jé se conteno
Nun zo’ più primavere.

De cose e de staggioni
N’ha viste passa’ tanti
Le novità più ardite
Jé passeno davanti.

Lei abbozza e gnente biasima,
ma in fonno drent’all’anima
rimpiagne er tempo suo…

Er tempo ch’è passato
nun ze l’è mai scordato!
Quanno da regazzetta

sognava ‘na casetta
co’ ‘n omo tutto suo!
Ma la cui gioventù

fu tanto breve …fu!
Da che rimase sola
er tempo più nun vola

vissuta è de ricordi
puro co’ pochi sordi
senza penza’ ar domani

che tanto a quest”età
l’oggi conta de più
e quer che sarà …sarà.
____________________

LA TELA DE RAGNO

Sembra come un merletto
fatto coll’uncinetto
pare che sia strappata
sì tira ‘na ventata.

Invece è rafforzata
quantunque traforata
e facile d’attirà
la mosca che sta a vola’

Più quella è frastornata
più arimane invischiata.
Così è la vita intera!

Come ‘na ragnatela
pure chi più è angustiato
ce rest’ appiccicato.
__________________

NUN C’E’ PIU’ PAZZIENZA

Sì esiste la pazzienza
Se sa aspetta’ ogni cosa,
ma questa è ‘na virtù
che nun esiste più.

Assaporanno tutto
più prima der previsto
s’ariva a un certo punto
d’avé già tutto visto

un tempo s’aspettava
‘gni cosa… sì arivava…
adesso c’è la prescia
de vive e de…morì
________________

VIVA CARNEVALE

Carnevale ariva sempre
Quann’er tempo
È più incremente,

ma nissuno se dispiace
sì fa freddo e c’è la neve
perché solo a carnevale

ce se scorda de ‘gni male
e coll’animo gioviale
semo pronti a fa’casciare.

L’anni passeno scontenti
fra l’angustie e li mugugni
e apprezzamo le bardorie

solamente a carnevale
ritrovanno l’allegrie
fra li scherzi e mascherate

Ridiventa spenzierato
puro l’omo più ingrugnato
e dispiace che ‘sta festa

se ne passi troppo lesta-
___________________

TARGHE PARI E TARGHE DISPARI

Chi punta a pari o dispari
ce perde sordi e onore
e sempre co’ li nummeri
se perde er bonumore.

Se per un giorno intero
vòi fa’  ‘na scampagnata
sì nun combina er nummero
la gita è rimannata.

E’ tutto tempo perzo
cò targhe pari e disperi
sì er turno non viè a verzo
la corpa è delli nummeri.

Ma questa è ‘na manfrina
nun servirà a gran cosa
giacché poi er risurtato
nun è quello sperato.

Ormai la doppia macchina
pé tutti è de prammatica
badanno che ce sia
la targa pari e dispari.

Così che ‘gni  domenica
se fa’ doppia benzina.
_________________

L’ORO NERO

Dar giorno ch’ha scoperto
l’oro nero
l’arabo s’è imparato
a fa dispetti
e domina cò questo
er monno intero
chiudenno a suo piacere
i rubbinetti.

‘St’evento che pè tutti
è assai spiacevole
porta a la concrusione
più sgradevole
che come er petrojo
è nero de colore
l’arabo mò cià nero
puro er core.
________________

L’AMICA D’INFANZIA

Se conoscemo fin da regazzine
se semo sempre più vorzute bene
diviso avemo tutto gioia e pene.
Tu sei pé me l’amica mia più cara
io sò pé t l’amica più sincera.

Quanno che l’amicizzia è cos’ì vera
Io credo nun ce sia cosa più santa
t’allarga er core e te pò da speranza
e bramerebbe che l’esmpio nostro
affratellasse a un tratto tutto er monno
____________________

NATALE  AUSTERITY

‘Sto Natale è micragnoso
senza gnente de grannioso
l’arberello  senza luce
le saccocce tutte vòte.

E la gente mò connuce
Vita grama fra l’agguati
Furti  bombe e attentati
Ce se semo rassegnati.

Pare come se la tèra
Fusse sempre in piena guera
Se ritorna all’anarchia…

Ma er Bambino nasce ancora
Ne la stalla come…  allora
E la Cometa come…allora.

Er Presepio ce sta ancora.
Co’  ‘sti segni de speranza
Resta pur la fratellanza
Fra chi, invece de parole

Saprà da’ cò tutt’er core
Tanti fatti e no…parole.
_________________

LE  FRAGOLE

Le fragole ner bosco
occhieggeno fra er verde
sembreno còri ardenti
che assieme cor soriso
ce sanno rigala’
‘no spicchio de paradiso.
_______________

‘NA SCARPINATA

Ha fatto fòri Porta ‘na lunga scarpinata
che nun jé pare vero d’essene ritornata.
E’ ita  cò li fij a fa’ ‘na passeggiata
pé respirà, là fòri, un pò d’aria ossiggenata.

Er guaio grosso è questo che nun c’è abbituata
e pé trovasse un prato cià messo ‘na giornata
che mò in città la strada è assai movimentata

e solo in autommobbile se gusta la passeggiata.
Mò cià li piedi gonfi è puro sderenata
e pé parecchi giorni s’è bell’e sistemata.
________________

SERA DE GIUGNO

Sera de giugno
brillante de stelle
c’è er canto de grilli
cò le raganelle

‘no spicchio de luna
sull’arco der cèlo
e io tutta sola
cor core de gelo.

Si guardo fra er pianto
quer bianco chiarore
‘sto nodo de pianto
nun da più dolore.

Me sento rinasce
nun zo’ più penata
‘sta sera de giugno
m’ha già conzolata.
_________________

LI GRILLI  DE  LI  CASTELLI

Er sole che tramonta su li Colli
tigne de rosso er tufo de li monti
file de viti riempieno le vigne

Intanto là più giù ne le vallate
se senteno cantà li grilli in coro
canteno le bellezze de ‘sto monno
dcheno che so’ lieti d’èssè vivi.

Dicheno? E che parleno li grilli?
Certo! E se pò spiegà sì tu ce penzi!
Perché questi so’ grilli un pò speciali:

so ‘ quelli de Marino Ariccia e Nemi
Castergandorfo Arbano e de Genzano
che invece de zirla’ canteno in coro

spieganno che sò stati fortunati
d’ èsse nati quassù ne li Castelli
fra le vigneti e er canto dell’uscelli.
_________________

LA VOCE DER CREATO

Si tu t’appronischi cor penziero
su tutte le bellezze der creato
t’accorgi che sò nate  dall’amore
e tutte quante sanno parla’ ar core.

Er mare parla cor frusc’o dell’onne
le foje te sussureno cor vento
er cèlo fa l’occhietto cò le stelle
e ognuno dice sussurranno piano:

ognuno che sta ar monno ciù ‘na stella
che pé guidallo accènne la fiammella
si pure nu la vede jé sta accanto.
‘sto fatto ce conzola de ‘gni male

perché ‘na cosa è certa ed è reale:
chi è solo soffre de malinconia,
ma soffre meno chi sta in compagnia.
_______________

LEGGENNO LI GIORNALI

Leggenno li giornali der mattino
ce trovi le notizzie più curiose
che confrontate a quelle de ‘na vòrta
fanno penzù che mò la vita è storta.

Le donne se sò messe li carzoni
l’ommeni li capelli hanno allungati
ce sta chi va a passeggio su la luna
chi invece se fa casa in fonno ar mare.

Li balli nun zò balli ma tremori
l’urli da matti li chiameno canzoni
li regazzini nascheno imparati
e li magna’ sò tutti congelati.

Che c’è rimasto …dite, de ‘na vòrta?
Nun ciò raggione che mò la vita è storta?
__________________

L’AQUILONE

L’artro giorno dar barcone
me sò vista ‘n aquilone
tutto bello colorato
che s’arzava sopra un prato.

Su ner cèlo vorteggiava
mentre er filo se spiegava
lo guardavo a naso in zù
mentre annava su e giù.

Ma interuppe la salita
‘na ventata un po’ più forte
come accade ne la vita
quann’ è l’ora de la morte.
_________________

LA NEVE A ROMA

A Roma quanno nevica
se paralizza er traffico
li tranvi nun cammineno
s’intaseno i telefoni.

La luce nun s’accènne
da casa più nun s’esce.
sortanto li regazzi
che sarteno la scòla

felici ne la strada
fanno a pallate in testa.
però tanto nun dura

‘sta bianca copertura
che quanno er giorno appresso
t’affacci giù ar portone

pé vede come và
ma nun fai manco a tempo
a mette un piedi fori

ciai pronto un ruzzolone
e nun te poi sarva’
er fatto è questo quà

che abbituati ar sole
nojantri su la neve
nun ce sapemo annà.
_________________

L’ESAMI

Quanno che s’avvicina
er gran momento
pé tutti li studenti
è un gran tormento

puro sì tutto l’anno
hanno studiato
pare che tutto quanto
hanno scordato.

Credenno de fa’ mejo
alla vigija vejeno
pé ripassasse ancora
quarcosa che nun va.

così ch’er giorno
tanto paventato
ogni studente
appare smemorato.
_______________

POVERA FARFALLA

‘Na farfalla poverella
se credeva d’èsse bella
ma cò ‘n’ala bruciacchiata
camminava strascicata.

Sopra un fiore profumato
s’appoggiò pé pija’ tempo
finché questo  arcistufato
la sgrullò dicenno ar vento:

” lei se crede  d’èsse quella
che volava alegra e bella
quanno er nettare jé davo
ce godevo e me beavo”

la farfalla a ‘ste parole
sente er core che jé dòle
ripenzò com’era  stata
variopinta e spenzierata.

Ricordò che un giorno er fiore
jé giurò l’eterno amore…
mò bruciata e scolorita
la sua vita era fenita.
_____________

LA PARTITA A CARTE

Cominciorno a gioca’ ch’era già sera
così pé passa’ er tempo a ‘na magnera.
manco j’annava troppo e indifferenti
pareveno in principio tutti quanti.

Poi piano piano l’aria s’è scallata
li sentivi strilla’ fino pé strada:
” Tu m’hai ‘mbrojato, fesso, rimbambito”
– Io mò te rompo er muso, scimunito-

” Si te le do più nun te metti a sede”
-Provece poi vedemo che succede…-
Successe er finimonno in un minuto
e fu pé loro l’urtimo saluto

ché a la fine pé chiude la partita
passorno tutti quanti all’ospedale
pé fasse medica’ quarche ferita.
_______________

LA STRADA DER SUCCESSO

Q uant’è lunga la strada der successo!
La percori tant’anni a passo lento
E quanno che te credi d’esse ammesso
taccorgi cò ‘n sospiro che fai fiasco

e tutto quer ch’ hai fatto è un fallimento.
Hai tutto da rifa’ come ‘na vorta
né più né meno come un regazzino
hai raddrizza’ la rima che va storta.

descrivi ‘no stornello o ‘na canzona
ma la rima che quadra nu la trovi
te senti vòto e senza ispirazzione

voressi scrive mejo e nu lo sai
voressi  buttà tutto e nu lo fai.
Infine ciariprovi e in arto vai.
________________

RONDINI AR SOLE

Sto cò lo sguardo arzato
penzanno a tante cose
ce sò tristi e penose.

D’un tratto un mucchio alato
E tante note acute
me fanno sobbarza’

So’rondini felici
ce fanno er girotondo
strillannome d’attorno:

” Si ciai penzieri strani
rimannéli a domani
oggi guarda ‘sto sole
che t’arillegra er core”.

So’ sagge ‘ste parole
rimanno li penzieri
e vado incontro ar zole.
_________________

NONNA RICCONTA

Sedute accanto io e nonna
nun avenno che fà
così da donna a donna
cominciamo a parla’:

Jé fò, dimme ‘na cosa
tu nun zei mai nervosa
ma nun te sei stufata
de vive disgrazziata?

Tutto tempo perduto
si nun hai mai goduto!
Io tutto vojo avé
nun farò come te!”

Me fà : -Senti Niné,
mò me confido a te,
pur’io da regazzetta
ciò avuti grilli in testa,

ma quanno incontrai nonno
me scordai tutto er monno.
Fu annanno a fa’ ‘na gita
e m’ha riempito la vita.

‘st’incontro fu fatale…
sposamio pé natale,
li sòrdi ce mancaveno,
ma li baci se sprecaveno-

Nonna ride e ricconta:
-e’ questo che più conta,
gioveni e innamorati
se semo accontentati.

Ciò avuti pochi sòrdi,
ma ciò tanti ricordi! –
Nonna che a tutte l’ore
è arguta e risarella dice:

la vita è bella!
La vita mia è operosa
perciò nun zò nervosa,
dell’antri nun me curo

de piagne nun ciò voja,
la vita t’assicuro
nun m’è venuta a noia.
________________

LE MORE

Ner vede tante more
senti la tentazzione
de risentì er sapore
penzi, ma che ce  vò,

basta allunga’ ‘na mano
con gesto sempricissimo.
Perché sto vicinissimo-
Manco te sei accostato
sei tutto sgraffignato …

che te passa la voja
e penzi a la marmellata
più facile  e etichettata.

____________________________________________________________

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...