L’Anima de’ Roma-2°

1-tiberinaTitoli seconda parte:

  • Er Teatro dell’Opera
  • Er Tempio de Vesta
  • Er tifo de ‘na vorta
  • Er Verano
  • Er Vittoriano
  • L’anima de Roma
  • L’Arcispedale
  • La Basilica Lateranenze
  • La casa de Livia
  • La casa de li mostri
  • La casa delle Vestali
  • La  chiesa de la Maddalena
  • La chiesa de san Rocco
  • La chiesa de san Sabba
  • La chiesetta der  “Quo Vadise ?”
  • La Funtana de li Fiumi
  • La funtana de Trevi
  • La funtana  del  Moro
  • La  funtana der Nettuno
  • La pietra der martirio
  • La Piramide
  • La quercia der Tasso
  • La Scala Santa
  • La tomba de Cecija Metella
  • La torre de’ Borgia
  • La via Sacra
  • La via Scellerata
  • L’Acqua Vergine
  • La  lapide in pescheria
  • L’ara Pacise  cor mausoleo
  • L’arco de Costantino
  • L’arco  de  Tito
  • Le funtane de Sanpietro
  • Le piazze de Trastevere
  • Le statue parlanti
  • Le Terme de Caracalla
  • L’eroe der Giannicolo
  • Li caffe’  dell’artisti
  • Li ” souvenire ” de Roma
  • L’isola Tibberina
  • Marcaureglio
  • Monti e montisciani
  • Palazzo Strada
  • Passeggiata ar Pincio
  • Piazza der Popolo
  • Piazza  Navona
  • Piazza Quattro Funtane
  • Picchietta  bella
  • Pippo  bbono
  • Ponte Mirvio… Mollo
  • Ponte sant’angelo
  • Ponte sisto e l’occhialone
  • Porta  Portese
  • Primavera  romana
  • Quadretto  romano

______________________________

ER TEATRO DELL’OPERA

Ner centro ar  Largo de Via Viminale
esiste un teatro de fama monniale
indò fra mignani  affreschi e bozzetti
ce so cinque Muse che fanno l’occhietti.

C’è chi ricorda li tempi più belli
quanno arrivaveno carozze e cavalli
cò le signore in cappello e gioielli
che a le serate ereno sempre presenti.

Era er Costanzi assai frequentato
e a ogni Prima era affollato
facenno crede accusì a prima vista
che la miseria fusse solo ‘na svista.

Er popolino de misera gente
vedeva quer lusso cò invidia impotente
e p’ammirà quer corteo artolocato
scordava puro che nun aveva magnato.

Fra tanta carca che curiosava
c’era più d’uno che la musica amava
ma cò li prezzi sonanti d’allora
era impenzabbile un’opera intera.

Mò sé risorve cò le ” Popolari”
cò repliche Diurne e Famijari
ma ancira sortanto chi sur vitto risica
potrà perméttesse ‘na sera de Lirica.
______________

ER TEMPIO DE VESTA

Prima de Cristo er tempio fu creato
e da Tibberio fu restaurato
fu er primo in marmo che fu costruito
e da colonne carinzie e circonnato.

Se va dicenno però ch’hanno sbajato
credenno che a Vesta fusse dedicato
da come invece dice l’iscrizzione
fu deicata a Ercole Faticone

che pé diritto quale Dio Vincente
Roma identificò: Superprestante.
Adesso queli muscoli a gonfiore
nun farebbero più tanto scarpore.

abbasta dedicasse ar curturismo
p’ariformasse in mejo l’organismo
e puro un ometto piccolo e un po’frusto
potrebbe trasformasse in Superfusto.
___________

ER TIFO DE ‘NA VORTA

Me piaceva de fa’ er tifo  quann’ero regazzina
‘gni azzione era sincera, spontanea, genuina.

L’atleti gareggiaveno gajardi e appassionati
quanno cò pochi sordi veniveno ingaggiati.
La purezza de le Squadre nun s’era mai intaccata
perché dalla politica nun era contaminata.

Oggi nun ze capisce indo’ sta er farzo e er vero
e quello che corpisce è che nissuno più è sincero!

Li sprechi de mijardi sia dati o ricevuti,
l’accordi misteriosi che lasseno contrariati
e li campioni nostri sempre più sminuiti

co’ quelli che dall’arto vengheno strumentati…
So’ tutte cose serie che smorzeno la fede !
Così che, daje e daje,  er vero “tifo” cede.

_______________

ER VERANO

Er cimitero nostro  a mezzoggiorno
de ‘sta triste giornata de novembre
pare un giardino sì tanto profumato
perché de fiori è tutto imbriacato.

E’ come un paradiso un pò incantato
visto sìi come un quadro pitturato,
io credo che lì’ sotto quelle pietre
li morti sentiranno ‘sto profumo

e noi che stamo quì co’ cor contrito
penzamo che quell’urtimo soriso
ch’ha rischiarato er viso  ne la morte

rimasto a noi come ricordo forte
sarà fissato su le labbra amate
pé daccélo ‘gni vòrta che portamo

un fiore e un cero su le pietre bianche.
E sempre ricordanno quer soriso
ce scegnerà ‘na lagrima sur viso.
______________

ER VITTORIANO

Arto e imponente spicca er Vittoriano
e lo conosce bene ogni romano
più su, solenne, sopra  er monumento
c’è un zimbolo ch’è mito e sentimento.

Quer sentimento che alimentò la gloria
quanno  all’Itaja arrise la vittoria.
E là riposa quer sordato Ignoto
co’ ‘na fiaccola perenne messa  a voto.

La statua de Roma lo veja notte e giorno
e tanti ucelletti  cinguettano lì attorno
quasi pé dije: doppo eroiche gesta
è solo ‘na bara quello che ce resta.
_____________

L’ANIMA DE ROMA

Roma fu granne ai tempi dell’Impero
quanno dettava legge ar monno intero
ciebbe Saggi Docenti e Militari
ommeni veri e quarche vorta rari.

Fu Caput Mundi ce lo sanno tutti
ma mò se semo messi proprio brutti
giacchè le razze se so imbastardite
e tante vecchie usanze so’ sparite.

Qui capiteno le cose più impenzate
e quasi tutte so cose importate
eppuro ancora er popolo romano
è allegro e schietto semprice a la mano

s’intenerisce pè ‘na strimpellata
o pè ‘na storia triste e disgrazziata
e l’Anima de Roma è ancora questa:
er core bòno de la gente onesta.
_____________

L’ARCISPEDALE

E’ Santo Spirito l’Arcispedale
creato ar centro de la capitale
a lungotevere sta situato
e ogni romano ce viè curato.

Se vede ancora accanto a la porta
la rota de legno che c’era ‘na vorta
indò li fijetti indesiderati
veniveno spesso lì abbandonati.

Ce penzavano sempre li fraticelli
a falli cresce da… trovatelli.
Adesso pè questo c’è ‘n antro sistema
che a certe donne risorve er probblema:

in allegria e senz ‘ ambasce
ce penza la pillola… a nun falli nasce.
______________

LA BASILICA LATERANENZE

Ner Patriarco abbitorno li Papi
da Costantino fino a Avignone.
E su la piazza de tanto rione
ce fecero sorge un Basilicone

o pé di’ mejo la Cattedrale
che da artro tono a la Capitale.
E’ copia in brutto de palazzo Farnese
che vengheno a vede da ogni paese.

Er Bervedere riscòte conzenzi
perch’é tutto bello  da tutti li senzi
assieme alla Loggia fa gòde lo sguardo
e tutti dicheno: E’ straordinario!

Tutto  l’inzieme c’ Obbelisco e Funtana
Gode territorialità pia vaticana
e quanno che s’entra ner Battistero

se  sente un sòno che sa de mistero
così rimbombante e innaturale
che par’er tono de un temporale.

Sippuro er tempo ha cammiato quarcosa
sempre ‘sta  musica rimane curiosa.
________________

LA CASA DE LIVIA

Le “prime donne” se sènteno importanti
Figuramèse le “rappresentanti”
Fra queste Livia moje de nerone
Che ciebbe ‘na casa da vera esposizzione

‘gni cammera ciaveva pitturata
pé cui da ogni femmina invidiata.
Le tracce stann’ancora ar palatino
Pé dimostrà quer gusto sopraffino.

Lo  sguardo de chi visita è appagato
Perché ogni stile fu evidenziato:
er tricligno dipinto co’ finestre
e ‘n’antra sala , invece, era campestre.

Ner tabligno lo stile pompejano
poco più là traspare l’egizziano.
Quest’addimostra che nell’umirtà

‘na donna famosa nun za sta’
così che l’òmo accanto a lei nun è da meno
e j’ piasce fasse invidià dar monno intero.
_______________

LA CASA DE LI MOSTRI

Er palazzetto de via Gregoriana
indove se trova la bibrioteca Hertziana
tiene ‘n ‘architettura origginale
che è dificile trovanne un’artra uguale.

‘na bocca spalancata fa da portone
che nun è umana ma quella d’un dragone
le finestre so tanti spiritelli
invece d’esse fatte a capitelli.

Penza’ che in quella strana palazzina
ner 700 fu ospitata ‘na damina
che era la reggina de Polonia
e amava de sta’ qui come in colonia

ce se sentiva tanto bene accetta
che voleva restacce senza fretta
perché fra arte svaghi e ‘sto ber clima
a Roma  lei se sentiva… più Reggina.

____________

LA CASA DELLE VESTALI

Dar giorno che Nerone appiccò er fòco
senza risparammià neppure er Foro
puro la Casa delle pie Vestali
seguì la sorte de tant’artri lari.

Poi pé rimorzo o pé superstizzione
chi la ricostruì? Fu lui : Nerone!
Così la casa ritornò splennente
cò artri abbellimenti appariscenti.

C’ereno vasche  statue  giardinetti
però tutto vietato a li maschietti
pé cui le pie Vestali rinzerrate
passaveno sole noiosissime giornate.

Le vergini guardiane ar sacro fòco
se doveveno accontentà de quarche gioco
senz’azzardasse a fa’ de testa loro.
poteveno solo inzogna’ quarche ber mòro.

L’unica che scappò p’esse cristiana
fu solo Claudia che mai fu perdonata
ar punto d’esse detta: donna inzana.

e a pubblico dispreggio fu additata.
Ma proprio pé quell’azzione sciagurata
mejo dell’artre viè ancora ricordata.
_______________

LA  CHIESA DE LA MADDALENA

De stile rococò
è la Maddalena
che cammia cor cammia’
de la giornata.
de fatti sì se guarda
in mattinata
te fa l’effetto che
sia inargentata.
ce passi un pò più tardi
è trasformata
e vedi che de luce
s’è aricchita.
Poi cor passar dell’ore
s’ariscalla…
Così piena de sole
è ancor  più bella!
La sera infine da malinconia
co’ toni chiari e scuri
de poesia.
Chi sta a guardalla
sempre più l’ammira
senza spiegasse ciò  più
l’attira
giacché su tutta quanta
la facciata
s’arterna er rittimo
de tutta la giornata.

_______________

LA CHIESA DE SAN ROCCO

A Ripetta la chiesa de san Rocco
ce fu impiantata prima der barocco
accanto ar porticciolo, sì famoso,
ma meno de Ripa granne più grannioso.

La via de fiume assai movimentata
era ‘gni minuto frequentata
che ciarivava pé la via fluviale
sia  la merce commune che spesciale.

Papa Borgia la volle a li Schiavoni
perché san Rocco portasse protezzioni
propio a li  fiumaroli che sur Tevere
rischiaveno la vita come pecore.

quanno ch’er fiume grosso straripava
su quell’Artare ognuno ce pregava
e li  fedeli che furono sarvati

___________

LA CHIESA DE SAN SABBA

‘N’antra chiesa de Roma sta inguattata
ar piccolo Aventino ed è isolata
e er Ponentino da sempre ciarivava
e puro santa Sirvia ce abbitava.
Verzo l’ottavo secolo preciso
de costruì la chiesa se decise
e dedicalla ar monaco orientale
che si nun aiutava tutti stava male.

Quer tempio quante vorte fu arifatto
co’ quattordici  colonne e capitelli
e tanti  affreschi tutti quanti belli:
in uno un paralitico guarito
un antro co’ li monachi …è sbiadito.
C’è puro un ber sarcofago sbarzato
e un portale a Innocenzo dedicato.

L’ Annunciazzione è quattrocentesca
e la Sedia dell’Artare è comatesca.
Meravijosa la Madonna in trono
co’ tutti li Santi che jé fann’er coro.
Li stili veramente so’ammischiati
perché ner tempo ce se so’ assortiti
e ce se gode l’Arte de ‘na vòrta
appena che se supera la porta.

_____________

 LA CHIESETTA DER  “QUO VADISE ?”

Domine quo vadise? Jé fece Pietro a Cristo
mentre terorizzato scappava via da Roma
così rispose Cristo entranno verso Roma:
Me vado a crucifigge un’antra vorta ancora.

Fu tanta la vergogna che s’impossessò de Pietro
che sverto a testa bassa rifece marcia addietro
p’anna’ affronta’er martirio che jera destinato.
Ce vò sempre ‘no stimolo pé rismòve er rimorso

tanto che du’ parole cò l’accento accorato
dette dar suo Maestro fin’allora venerato
fecero sparì subbito paura e disonore
ch’ aveveno annebbiato tento Divino Amore.

L’impronta de li piedi Divini der Zignore
sull’Appia stanno ancora sopra ‘na pietra incisi
davanti  a ‘na chiesetta piuttosto rintanata
che ancora doppo secoli  da tutti è venerata.

____________

LA FUNTANA DE LI FIUMI

Un genio che quì a Roma
tante opere creò
fu quer Bernini eccerzo
che un papa disprezzò

infatti Innocenzo decimo
spesso jé ostacolò
quell’arte arifinita
ch’er tempo conzacrò.

Fra tre funtane degne
che furno messe in piazza
e questa de li  Fiumi
che tutte l’antre spiazza.

De fronte a ‘sto lavoro
così bello ingegnoso
perfino er Papa disse:
“Lavoro portentoso! ”

Ar tempo che der monno
se conosceva poco
furno quattro li fiumi
che se misero in gioco:

Danubbio  Nilo e Gange
assieme a Rio de Plata
l’artista mise in gruppo
in mezzo a la funtana.
___________

LA FUNTANA DE TREVI

La piazza nun è granne è piccoletta
ma la visione maggica è perfetta
er gruppo equestre che domina imponente
affascina e fa presa su la gente

Oceano giganteggia  maestoso
nella nicchia centrale edè grannioso
e tiene a bada la foga impetuosa
de li cavalli che a malapena doma.

Salvi che modellò tanta prestanza
nun saprà mai chi generò l’usanza
de buttà ‘na moneta drent’all’acqua

pè augurasse de ritornacce a Pasqua
rivisità de nòvo tutta Roma
e rinnovà er ricordo favoloso.

___________

LA FUNTANA  DEL  MORO

La statua dell’etiopico
che lotta cor derfino
fu aggiunta a la funtana
p’accontentà ‘na dama
cgnata de quer Papa
nemico de Bernini-

Fu proprio pé dispetto
che Donna Olimpia “La Pimpa”
diede ordine all’Artista
demette er Fusto in vista.
péfa’ che li romani
restassero ammirati

Però pé fa’ er confronto
cò li Tritoni attorno
diventa assai palese
che nun basteno li muscoli
p’evita’ losche imprese
e questo in ogni paese.

L’ origginali infatti
de Maschere e Tritoni
sparirono un ber giorno
come se dice?…All’ingrese!
Quanno se so’ riviste
Se so’ scoperte “copie”.

Mò stanno in mostra artrove
e chi le volesse vede
vada a …Villa Borghese.

_____________

 LA  FUNTANA DER NETTUNO

Piazza Navona è così capace
che ce so’ entrate tre belle funtane
quanno la terza però fu fenita
appetto all’artre parve sguarnita.

P’arimedià ce  piazzòrno Nettuno
er Dio der mare accusì nerboruto
che su la Piovra gigante e avvorgente
doveva pé forza èsse vincente.

Nereidi e Putti se lo stanno a vede
assieme all’arditi  cavalli marini
che nell’impatto se sò un po’ avveliti

perché la funtana nun è come er mare
e pè sta’ accanto ar Dio marino
se senteno stretti drento a un  bacino.

______________

LA PIETRA DER MARTIRIO

La chiesa de San Vito  e San Modesto
conserva ‘na  reliquia un po’ speciale
sta sull’entrata  quasi nun  ze vede
perché murata a sinistra dell’artare.

Embé! Su ‘sta pietra è morta tanta gente
che proprio de male nun faceva gnente.
Anzi! Ereno anime de prima qualità
che cor martirio acquistorno santità.

Defatti ne la prima Era cristiana
la federtà a la Croce fu un tormento
e li credenti de puro sentimento
pé pregà in pace cercavano ‘na tana

e pé salvasse da qualche bojata
mejo che fusse anniscosta e riparata.
Si però poi arivava la spiata
‘na sorte tremenda j’era assicurata.

La prova è in quela pietra conservata
indove’ na perzona condannata
veniva martirizzata e lapidata
come successe a queli du’ Martiri Santi
che resteno d’esempio a tutti quanti.

___________

 LA  PIRAMIDE

La tomba de Caio Cestio Epulone
fu ‘n’ architettura speciale
che  cor Culiseo e er Cupolone
fa onore a la Capitale.

E’ un monumento a forma piramidale
realizzato in tempo eccezionale
trecentotrenta giorni so’ abbastati
e questo è vero perché l’hanno contati.

Cià er basamente fatto in travertino
de marmo lunenze  rivestito.
Fòri d’ Eggitto è l’unico ch’esiste
e all’usura de li secoli resiste.

A chi l’ammira par de sta’ in Oriente
appena che ‘t’embocca la via Ostienze
così er turista  invece dell’Eggitto
se sceje Roma e ce viè dritto dritto.

____________

 LA QUERCIA DER TASSO

Risalènno sur Giannicolo
ar disotto der piazzale
ce se trova, na spianata
che da pini è circonnata.
In quer sito Pippo Bòno
fece er un punto de ritrovo
pé li gioveni sbannati
che istruiva e proteggeva.
Mò è sparita l’aria fina
che puro Tasso ricercava
pé resta’ in raccojmento
e poi scrive con impegno.
Quanno all’ombra se sdrajava
quanto tempo ce restava?
Tutto preso ner compone
puro er pranzo se scordava!
E la quercia che ombreggiava
tante cose jé ispirava!
Quela zona s’è cammiata
e la Musa s’è squajata
ce se fanno discussioni
sempre corme de tenzioni
che si er Poeta ritornasse
scapperebbe sconcertato
perché l’arbero adorato
mò fa ombra solo ai pazzi.

____________

LA SCALA SANTA

Tutta la Scala Santa
se sale a ginocchione
preganno cò fervore
e tanta devozzione

lassù nella Cappella
ce stanno le Reliquie
che so’ tant’importanti
perché so’ oggetti santi.

Calzari de Gesù
frammenti de la Croce
quarche goccia de latte
der petto de Maria.

Ma quello che più sturba
è quer ritratto de Cristo
fatto da mani d’angioli
che a ogni calamità

sortiva pé la città
pronto a miracolà.

____________

LA TOMBA DE CECIJA METELLA

La fijia de Metello fu Cecija
ce resta er Mausoleo sull’Appia antica
chedè ‘na tomma tanto suggestiva
che se riconosce puro in cartolina.

Ar terzo chilometro spicca ‘sta rotonna
e ner guardalla ‘ gni penziero affonna
perch’è massiccia e ppuro assai elegante
e come quella nun zo’ arimaste tante.

De sotto è fatta tutta in travertino
de sopra invece pare ricamata
cò tutti quei festoni e li bucrani

e smerli ghibbellini tutt’attorno
che a Sisto quinto parvero uno scorno
tanto che disse: ” Fateli spari’ ! ”

ma st’ordine nissuno lo sentì
perché li  smerli
stanno ancora  lì.

_____________

 LA TORRE DE’ BORGIA

La  casa dè Borgia  ciaveva ‘na torre
che s’addrizzava su vicoli e forre
ma nell’interno delitti co’ intrighi
se fomentaveno fra amichi e nemichi.

La sòra Lucrezzia  cò pappe e veleni
faceva rimpone li giorni sereni.
Amanti e parenti e chi nu j’annava
in quattr ‘e quattr’otto magnava e spariva.

Alegramente faceva l’inviti
e presentava bei i piatti conniti
ciaveva lodi pé come curava
le belle pietanze che presentava.

di quela torre che ognuno ammirava
chissà li segreti che ce nisconneva.
Tocca a li frati che mò stanno là

pé ‘st’anime perze sta’ sempre a pregà
ner mentre la Torre resiste ner tempo
e domina Roma cor sole e cor vento.

____________

LA VIA SACRA

La strada dedicata a le funzioni
attraverzava tutto quanto er Foro
ce passaveno solenni processioni
ed era Sacra come fusse d’oro.

Li vecchi santuari tutt’in fila
mò so’ restaurati come prima
e stanno lì solenni ed eloquienti
che fanno rifrette su certi avvenimenti.

Ricconteno le imprese subblimate
che dalla Storia so’ state tramannate
ma certi riti un po’ superstizziosi
ce lasseno nell’animo dubbiosi

perché mentre innarzaveno er vincente
a la gogna metteveno er perdente
senza nemmanco ‘na giustificazzione
e manco chance pé riabbilitazzione.

Intanto fra sconfitte e fra vittorie
staveno sempre a celebbra’ le glorie
e che ‘sta strada ‘gni giorno  celebbrava
perché ‘na guera veniva e’n’antra annava.

___________

LA VIA SCELLERATA

Servio Tullio fra i sette Re de Roma
fu quello che fece onore a la corona:
etrusco sempriciotto e giudizzioso
seppe tenesse er popolo prezzioso.

Ma ciebbe in sorte ‘na fija marcreata
cò un ‘indole contorta e snaturata.
‘sta bonadonna Tullia se chiamava
e a  sede sopra er trono lei mirava.

S’accordò cor cognato che l’amava
e che er potere puro lui attirava.
Un tranello feroce maturorno
pé levasse er vecchio  Re da torno

Er corpo jé trafissero a cortello
schiacciannòlo còr cocchio e cor cavallo
pé vedello spirà sopra ar serciato
prima de presentasse ner Senato

indove Tullia in pompa usurpò er posto
assieme ar cognatino …bòno arrosto.
Senza rimorso quelli  sciagurati

raggiunzero li scopi prefissati
e Vico Cipro indò ce fu ‘sta vijaccata
d’allora se chiamò Via Scellerata.

_____________

L’ACQUA VERGINE

Ricorda ‘na leggènna fantasiosa
Nata ner dicinnove avanti Cristo
che la prim’acqua Vergine de Roma
venne scuperta pé ‘n azzione bbòna.

Fu ‘na regazza pura assai pietosa
che dissetò ‘ na schiera vittoriosa
quella che Agrippa riportava in sede
stanca,  affamata e  morente da la sete.

L’acqua sorgiva l’invocò l’ancella
e fu ‘na soluzzione propio bella
quell’acqua Vergine pertanto se chiamò
e da quer giorno er nome jé restò.

_____________

LA  LAPIDE IN PESCHERIA

Ar Portico d’Ottavia
er pesce se contrattava
e a tutti l’assessori
la zuppa  assicurava

A causa de ‘na pietra
che faceva da misura
riempiveno la canestra
‘gni giorno a dismisura.

Ar pesce più lunghetto
tajaveno un pezzetto
e sempre era la testa
ch’annava ne la cesta.

Er gabbejere pronto
j’aregolava er conto
e a quello che toccava
er pasto assicurava.

‘sta pietra come Lapide
a Sant’angelo sta murata
e da li gatti romani
ancora viè leccata.

_______________

L’ARA PACISE  COR MAUSOLEO

Nun è ‘na cosa nòva  er memoriale
perché perfino all’epoca imperiale
se lasciavano l’impronte perzonali
scorpite su obelischi o nei cortili

Agusto l’ha lasciate all’Ara Pacise.
Quello ch’è certo nun ha adoprato l’apise
perché sur bronzo er  suo cammino ha inciso
e su le sue gesta mai nessuno ha riso.

Sur basamento dell’enorme teca
ce se po’ lègge come in bibrioteca
e ner mausoleo ce so’  le spoje
de arti personaggi e de su’moje.

Sull’Ara  Agusto ce stabilì la Pace
doppo conquiste su nemiche tere
e a li romani  ‘sta parola piace
Sippure ar monno ce so sempre guere.

_______________

L’ARCO DE COSTANTINO

L’Arco che sorge sotto ar Palatino
llo dedicò er Senato a Costantino
pé festeggià er trionfo der gran fijo
sopra Massenzio  giusto a ponte mirvio.

Filosofo guerriero e letterato
Costantino da tutti fu ammirato
e sia le genti bianche o de colore
s’inchinorno all’ indiscutibbile valore.

Peccato che la costruzzione colossale
nun sia riuscita proprio trionfale
perché manchevole de plastichi perfetti
de certo fatti da mediocri artisti

forze assunti de prescia o mar pagati
o perché li mejo ereno già impegnati
come succede puro ai giorni nostri
che li più “cari” so quelli Maestri.

In de ‘sti casi bisogna accontentasse
e penzà puro a come pagà le tasse
allora pé poté risparmià in parte
doppo de li “sesterzi”…se mette l’Arte.
_____________

L’ARCO  DE  TITO

Laggiù a Gerusalemme ner settanta
se combatté ‘na guera detta santa
E Tito assieme ar padre Vespasianoe
tornò vincente e eroe fu conzacrato.

Tempo dopo a ricordo de ‘st’evento
Domizziano propose un monumento
nella Via Sacra sulla sommità
e fu quell’Arco che sta ancora là.

Da secoli  mostrà cò tante ncisioni
che Roma sfornava sempre dei campioni
che bramaveno l’alloro dei  vincenti
preferenno morì che ritornà perdenti.

Adesso nun c’è manco ‘no stragnero
che rinunci a visità ‘st’Arco dar vero
pé poté in rilievo lègge le vittorie
che ricordeno a tutti le romane glorie.

__________

LE FUNTANE DE SANPIETRO

Funtane che a Sanpietro
troneggiate
traverz’er sole tutte
luccicate.

Coll’acque iridescenti
zampillanti
parete fatte
solo de brillanti.

Er triplo colonnato
a cinturone
ve gira attorno
come a protezzione.

Ner mentre er Cuppolone
prorompente
guarda dall’arto Roma
così potente.
______________

LE PIAZZE DE TRASTEVERE

Le piazze de Trastevere
so’tutte  rannicchiate
fra logge case e vicoli
e chiese arabescate.

Er sole ce se infiltra
creanno chiaroscuri
e forma li scenarii
pé innummeri tesori.

Resta la nostarggia
der tempo ch’è passato
pé mette a li romani
tanta malinconia.

E’ duro d’adattasse
alle  modernità
ma quanto c’è arimasto
chi mai lo sarverà.

____________

LE STATUE PARLANTI

Cò Lucrezzia e cò Pasquino
raggionava er popolino
le domanne che faceva
sopra er marmo l’appenneva.

Le risposte che trovava
tutte in giro le passava
era un modo scanzonato
de parla’ senza gran fiato.

Sempre pronto a tempo e loco
più de tutto era ‘no sfogo.
Quanno a Roma succedeva
Ttnta gente ce rideva.

Ma s’è pèrza quest’usanza
che sfotteva la creanza.
Mò la gente pé parla’
cià li mezzi a volontà.

Pé risponne e interloquì
stanno tutti pronti lì
cor microfeno davanti
de la radio e artoparlanti.

La domanna è più inzidiosa
e la voce misteriosa
accusì er contradditorio
pija tutto l’uditorio
e diventa a ‘sta magnera
la risposta più sincera.

___________

 LE TERME DE CARACALLA

Se riuniveno a le Terme li romani
pé curà er corpo èsse più sereni
e da’ ‘na ripulita a li penzieri.
L’impertanza der sito era scontata
giacché pé tutte le necessità
lo spazzio se carcolava a volontà.

Fra bagni bibrioteche e passeggiate
sostaveno le classi più privileggiate
penzanno solamente a rinfrancasse
e doveri e occupazzioni de scordasse.
Conzoli duci guerrieri e senatori
ereno li più assidui frequentatori.

come sò adesso li commennatori
che ogni vichenne fanno i pennolari
su quarche spiaggia amena o nei Safari
sprecanno bei sesterzi  … no denari.
Dar ché se vede che gnente è cammiato
e sempre ‘sto fatto verrà costatato:

che li svaghi più costosi  e organizzati
so pé li Capoccioni  ariserbati
mentre ch’er popolino aspetta er callo
pé core a Ostia e  lì buttasse a mollo.

____________

 L’EROE DER GIANNICOLO

Giuseppe Garibaldi
che domina er Giannicolo
sta in mezz’a ‘n’a spianata
e no vicino a un vicolo.

Doppo avé scorazzato
pé mari e pé città
nun jè rimasto artro
che Roma da guardà.

Penzanno a le battaje
compiute qua e là
s’è accorto che le guere
sò inutili da fa’.

Annida puro lei
che lo sta a rimirà
ricorda quanto tempo
dovettero scappa’

margrado che fra de loro
ce fusse felicità
nun poterono mai godesse
un po’ de tranquillità,

lì sopra quer cavallo
cò troppa fissità
nun jé pare più l’Eroe
che la seppe affascinà.
Così come pé tutti
la vita nun za da’
adeguato compenzo
artro che all’ardilà

e ‘na morale sola
pé chiunque ce sarà:
cò la morte ‘gn’ideale

se deve da lassà
e solo chi cià gloria
vivrà in eternità.

_____________

LI ” SOUVENIRE ” DE ROMA

Quanno ch’ariva a Roma ‘no stragnero
se trasforma nun pare forestiero
cammierà tutto: mode detti usanze
pé prima cosa cammia le pietanze.

A casa sua s’attrippa cò la zuppa
da noi vò invece sempre pastasciutta.
scatta fottografie pé ogni dove
e in cinepresa puro quanno piove.

Però ce sta ‘na cosa poco urbana
e pé fa’ questo nun ce sborza grana
qualunque sito visita un momento

se po’ sta certi…rubberà un frammento.
Si annamo avanti ancora de ‘sto passo
a  Roma nun ce resta manco un sasso.

_____________

L’ISOLA TIBBERINA

Un Santuario nell’antica Grecia
l’aveveno creato p’Esculapio
e a simulacro de quer gran dottore
veniva venerato un serpentone.
Un giorno fu richiesto a quela gente
d’imbarcà  su ‘na nave er Dio serpente
che commodo fu messo fra le ceste
mannato a Roma come “ferma peste”.

La bestia stette bòna tutto er viaggio
ma poi arivonno sotto l’Aventino
guizzò ner fiume come un lattarino
esverto s’ enguattò in mezzo canneto
ch’aricopriva l’Isola ar compreto.
Da quer momento nun fu più trovato
tanto che parve un zegno d’Esculapio
pé fa’ capi  ch’ era predestinato.

Er primo ospedale che poi ce fu creato.
Cosicché l’Isola  fra l’antichità
Tié ancora l’Ospedale der passato
Ma grazziaddio assai rimodernato.
____________

MARCAUREGLIO

Sur cavallo Marcaureglio
sta de guardia a Campidoglio
le battaje so’ fenite
lui nun cià gnente da fa’.
Passa er tempo a guarda’ tutto
ma dovunque è tutto brutto.

Si potesse mette bocca
(pur se gnente più lo tocca)
lui direbbe che a ‘sto monno
nun c’è gnente che jé piace
e la Storia che vie’ avanti
fa vergogna e nun dà pace.

Specè Roma che granniosa
dettò Legge e fu famosa
sembra in tutto trasformata:
pare ‘na città stregata.
Nun cià voce nun cià grinta
ogni cosa pare finta …

Marcaureglio sur cavallo
soffre e nun vorebbe vede
tutto quello che succede
e  pé questo se n’è ito
perché più nun jé sta bbene
de vedé li cambiamenti

de quartieri e monumenti.
Tutto mò è sofisticato
e a lui pare ch’è sbajato
d’aggnentà tutto er passato.
ornerà sur piedistallo
solo sì sarà sicuro

che guardanno ner futuro
nun ciavrà da mugugnà
su ogni cosa che avverrà.

________________

MONTI E MONTISCIANI

Rione Monti è davero importante
e de politiche ‘na viste tante
Le nove cisterne e er Battistero
so sempre ammirate dar monn’intero.

Ricco de storia ‘sto vecchio Rione
in ogni abbitante cià un centurione
e da tutta Roma viè ricordato
perch’è er primo sito che fu proggettato

cò tanti palazzi fra orti e frutteti
indove abbitorno li ricchi preti
che se rintanaveno pé sta’ sicuri

pé via che li tempi ereno scuri
così che ‘gni nobbile in arto restava
ner mentr’er popolo sotto penava.

Li montisciani ciaveveno in petto
solo l’invidia  der “moccoletto”
quanno a Trastevere pé Santamaria

la processione sfilava pé via.
Fra li sfottò e li tiri de sassi
pericoloso era fa’ quattro passi

e puro la fede più viva spariva
e fra la cagnara quarcuno moriva
______________

PALAZZO STRADA

A Roma ce so’ tanti cortiletti
co’certe  prezziosità poco apprezzate
perché stanno anniscoste e rintanate
e pell’appunto  ner Palazzo Strada

c’è ‘na funtana  fatta da Bernini
ch’è alimentata dall’acqua Felice
coi tritoni che reggheno lo stemma.
e sopra du derfini e ‘na conchija

Nun è assai granne questa funtanella
però è ‘n incanto perch’è propio bella
e poi fu fatta come omaggio ar Papa

che essenno amico alla famija Strada
jè permise d’avecce l’acqua a casa

__________

PASSEGGIATA AR PINCIO

Dar bervedere der Pincio
se spazzia su tutta Roma
che da lassù ciappare
più artera e più regale
come ‘na bella donna
dar sole accarezzata
mentre che s’ariposa
coll’aria trasognata.
Quer sole sforgorante
che indora chiese e colli
su tutte le ruvine
pare che più sfavilli.
Mentre lo sguardo vaga
ritorneno li ricordi
e riviveno li penzieri
che mai der tutto scordi
se risenteno strumenti
de Bande communali
che allietaveno le famije
nell’ore domenicali
Accummunati assieme
l’anziani e li pischelli
mentre  se ricreaveno
coll’accordi de Ponchielli.

Quell’aria ch’era allora
pulita  e ossiggenata
se la ricorda solo
chi cià l’età avanzata.
____________

PIAZZA DER POPOLO

Nu l’avrebbe mai penzato
er compianto Valadiè
che la piazza sua più bella
diventasse quer che è.
Sia de notte che de giorno
Trombe, strilli, clacchéson
e comizzi a tutto circolo
che par d’esse a Novajorch.

L’obbelisco de dio Sole
che quì Eliopoli manno’
arto su quattro leoni
puro er furmine spacco’.
Sull’esedre de contorno
ce so’ Sfingi assai enigmatiche
de staggioni ormai lunatiche.

Sorge Roma arta e imponente
lì fra er Tevere e l’Agnene
ormai  ha perza quella pace
che ai romani tanto piace
spescie all’ora della siesta
ogni pènnica è ‘na festa.
Mò er Nettuno fra i Tritoni
nun ze sente Re der mare
ma fra urli e fra cagnare
oggi è Re delle casciare

______________

PIAZZA  NAVONA

Piazza Navona è splendida
de qualunque giornata
sia che ce piova a dirotto
o dar sole illuminata.

La forma fatta a nave
le tre granni funtane
invita le mortitudini
a facce ‘na puntata.

Ce so tesori autentichi
e bene conzervati
cò tanti indirizzi artistichi
dell’epoche passate.

Le quattro chiese nobbili
er Chiostro der Bramante
l’affreschi de Giacquinto
la Chiesa Santagnese.

Perfino addietro l’angolo
ce se ritrova afflitto
er torzo de Pasquino
che mò sa da sta’zitto.

Leggenne e storie vere
circonneno la piazza
che quann’è la Befana
‘gni fijo ce se spupazza.

______________

PIAZZA QUATTRO FUNTANE

Er quadrivio più bizzarro
sta centrato proprio a Roma
‘sto simbolico scenario
è davero favoloso.

Li zampilli che so’ quattro
e nun so’ proprio funtane
danno un tono artisonante
alle statue collocate.

Da ‘sto punto indò se guarda
c’è ‘na muta ammirazzione
e ‘sto fascino se sente
quanno da la suggestione.

Arno Tevere Giunone
so’ imponenti  a ‘gni cantone
mentre senteno che dice
la dea Diana cacciatrice.

Si potessero spostasse
Dalla fredda posizzione
annerebbero a informasse
èé le strade d’urrione

che nun zo’ quelle der tempo
senza luce e assai sguarnite
mentre adesso luccicanti

co’ vetrine e cartelloni
danno esatta l’impressione
d’una quarta dimenzione.

_______________

PICCHIETTA  BELLA

Picchietta bella  sei de Roma er fiore
quanno che passi tu passa l’ amore.
‘gni giovenotto s’arivòrta e fischia
p’addimostratte quanto sei caruccia.

Ma tu però sei troppo dispettosa
e quarche vòrta pure te diverti
a  fa’soffrì ‘sti còri infatuati
pronti a giuratte d’èsse innamorati.

Ma in fonno sei modesta e nun ce credi
che so’ pronti a morì pè te d’amore.
A te t’abbasta un core ma sincero.

………………………………………………
Sarai pé lui la stella la reggina
e a quello solo donerai la vita.

___________

PIPPO  BBONO

Li Santi sò dell’esseri spesciali
co’ sentimenti puri e celestiali
viveno in ogni sito e fanno er bene
e leveno le perzone da le pene.

De questi a Roma ce n’è stato uno
che nun abbandonò proprio nissuno
e nun zapeva de fa’ tanti miracoli
giranno nott’e giorni fra li vicoli.

Appianava contrasti e dispiaceri
conzideranno tutti amichi veri
l’aiutava pazziente e generoso
magara co’n conzijo giudizzioso.

Adorato da tutti li romani
che commossi jé baciaveno le mani
e devotamente poi pé faje  dono
lo chiamorno pé sempre: Pippo Bbono.

_____________

PONTE  MIRVIO… MOLLO

Er ponte co’ più storia  e co’ più amore
è ponte Mirvio voluto da un Censore
nell’anno centonove avanti Cristo
e come quello nun s’era mai visto.

Da Garibardi fu poi sconquassato
pé fa’ trova’ er passaggio ostacolato
a li  francesi in marcia verzo Roma.

Però poiché rotto nun poteva sta’
penzò Pio nono a fallo riaggiusta’.
Poi tempo dopo a sorveja’ l’entrata
ce piazzorno Giovanni e Immacolata.

Er Tevere che score fra l’arcate
ricorda tutte le più gloriose date
e ‘gni passante  mai se stufera’
er bionno fiume sempre d’ammira’

senza  scordasse che s’è infrascicato
millanta vòrte quanno è straripato
tanto che accusì fra capo e collo
decisero de chiamallo: ponte Mollo.

___________

PONTE SANT’ANGELO

Er ponte più cristiano
è quello pieno d’angioli
che porta
ar Vaticano
e piace a ‘gni cristiano.
Era chiamato Elio
quanno a tre sol’arcate
serviva da passaggio
dar Tevere a la Mole.

Ciaggiunzero pé guardia
san Pietro co’ san Paolo
e in seguito diec’angioli
coi segni de Passione.
Ogni statua tiè un zimbolo
pé cui nostro Signore
fu condannato a morte
in nome dell’Amore.

Cartijo, lancia e chiodi
colonna, veste e dadi
flaggello e vorto santo
la spugna e poi …la croce
infine …la corona.
‘gni vorta che ce tranzito
so’ presa da timore
e penzo: mio Signore
ch’è varzo de mori’
sì er monno va così?

______________

PONTE SISTO E L’OCCHIALONE

Coi proventi delle tasse
delle Belle dell’amore
fu rifatto Ponte Sisto
della Porta Settimiana

A quer tempo spesso er fiume
se gonfiava e straripava
allaganno tutta Roma
che de questo s’angustiava.

L’Occhialone sott’er ponte
ce fu messo pé misura
accusì quanno che l’acqua
su quer punto sopranzava

chi abbitava raso tera
sverto sverto se n’annava.
Oramai c’è er murajone
che jé leva er mammatrone.

Quanno er Tevere ricresce
e ricopre l’ occhialone
li romani là affacciati
se lo guardeno beati.

_______________

PORTA  PORTESE

Quest’ er mercato de Porta Portese
che attira  gente de ogni paese.
ce so’ fiorite tante leggenne
e ce se sbraccia pé comprà e venne.

Fra strilli richiami e tanti schiamazzi
ce sta chi disegna per tera pupazzi
e ogni artista cò estro s’esprime
p’allontanasse da quanto deprime.

Troppa la merce sui banchi mostrata
a la rinfusa com’ inzalata
ma cò pazzienza e un po’ de fortuna
ce scovi tutto… puro la  luna.

Tant’è che cercanno fra le cianfrusaje
scovi l’anello che fa  pé tu moje
e accanto a un libro e un pezzo antico

rivedi  perfino un quadro sparito
che alla verifica… è capitato
è proprio quello der tuo antenato.

__________________

PRIMAVERA  ROMANA

Roma de primavera
è tutta spumeggiante
e fa canta’ ner core
le gioie le più sante.

Giardini profumati
funtane zampillanti
basiliche maestose
colli lussureggianti.

Ariveno ogni giorno
mijoni de turisti
che vanno a vede tutto
coll’occhi dell’artisti.

‘sto sole li riscalla
se senteno beati
e su ‘sta tera nostra
vorebbero esse nati

così a ‘gni forestiero
ch’aggusta tutto quanto
jé resta drent’all’animo
de Roma er grann’ìincanto.

________________

QUADRETTO  ROMANO

Funtane chiese e vicoli
e mignanelli in fiore
e fra lifiori l’angeli
che fanno sbatt’ er core.

Sia sotto er sole d’oro
che ar chiaro de le stelle
è usanza manna’ in coro
canti alle ciummachelle

Che so’ come reggine
e tutte quante belle.
Ghitara appassionata

canto de voce amica
sei parte incontestata
de Roma nostra antica.

_______________________________________________________segue

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...