L’Anima de’ Roma-3°

1-foroTitoli terza parte:

  • Regazzi  romani
  • Ricordo testaccino
  • Roma bella   Roma mia
  • San Giovanni  de’ Genovesi
  • San Giovanni  e  Paolo
  • San Teodoro e li sacconi
  • Santa Maria dell’Angioli
  • Santa Maria in Trastevere
  • Santa Maria Odigitria
  • Santa Prudenziana e santa Prassede
  • Sant’agnese de piazza Navona
  • Scampagnate e serenate
  • Scudetto  giallorosso
  • Sonetto ar limone
  • Sonetto ar tempo annato
  • Storia  romana
  • Streghe  e  fate
  • Sur Palatino
  • Vecchia Roma mia
  • Via condotti
  • Via de’ coronari
  • Villa malta all’Aventino
  • Volo de notte

_________________________

REGAZZI  ROMANI

La gioventù de Roma
È tutt’affratellata
tutti se senteno fij
de ‘sta citt’ affatata.

‘sta Roma ch’è vecchiotta
ma sempre tanto bella
brilla pé loro come
la più lucente stella.

Li serci su cui viveno
so’carichi de storia
l’orgojo che l’infiamma
nun è fatta de boria.

Ce sta però un momento
che tutti li fa freme
è quanno su li spalti
s’ aritroveno assieme.

Fra strilli: Roma … Lazio
fanno ‘na gran caciara
provocanno  er  subbujo.
Er Derby j’empie l’anima

e succede er miscujo.
Nun pareno li stessi
nun ce so’più fratelli
ma è solo sopra er Campo
cor tifo e la passione…
che presto s’ aritorna
a la giusta dimenzione.

_____________

RICORDO TESTACCINO

Ciò ‘n antico ricordo testaccino
e lo ricconto a voi tutto d’un fiato
perché da la villetta indò abbitavo
sentivo quer fracasso indiavolato
che succedeva a lo Stadio de pallone
pé la durata de tutto er Campionato.

De salì ar Monte però c’era er divieto
che nissun portoghese rispettava
e  a casa ciarivava l’ululato
der coro de quer canto …mai scordato
che faceva tremà tutto l’abbitato
accompagnanno ‘gni punto conquistato .

che puro er Campo Ingrese risvejava
e l’anima dé’gni morto  avrà tifato
pé la Maggica che sempre ha sovrastato.
Forze propio pé questo lo Stadio fu levato
però un campetto romano, mò, c’è ritornato.

_______________

ROMA BELLA   ROMA MIA

Roma bella Roma mia
tu sei piena d’allegria
e ner core de la gente
la speranza sai portà.

Sopra i Colli c’è la storia
sotto l’archi tanta gloria
l’ abbitante d’ogni tera
vo’ venitte a  visità.

Roma bella  Roma mia
pure sì te sei cammiata
te rimane appiccicata
la fierezza e nobbirtà.

Su li ruderi le rondini
fanno voli arditi e fieri
e le cenneri dei Conzoli
certo vanno a risvejà.

Roma bella Roma mia
chi t’ha visto e t’h’ ammirato
te ce resta abbarbicato
e nun te vòle più lassà.

______________

SAN GIOVANNI  DE’ GENOVESI

Era d’usanza e com’è ancora a Roma
donà ospitalità ch’ è sacra e bòna
e a Trastevere ce  sta ‘na chiesa apposta
indove er  pellegrino po’ fa’ sosta.

Ner tempo antico quanno un genovese
seguiva la passione lungo er mare
sapeva che arivato a Ripa Granne
trovava un letto  magara de du’ spanne.

L’ospizzio San Giovanni l’aspettava
e lo stanco navigante lì approdava
e sia d’inverno che de primavera
pé lui era pronto er pasto e la preghiera.

uanno ar momento giusto ripartiva
ner core tanta pace riteneva
poi a cor contento  a casa  riccontava
l’accojenza cordiale che trovava.

______________

SAN GIOVANNI  E  PAOLO

Quella chiesetta ar Celio
nun è assai conosciuta
perché sta un po’ anniscosta
accanto  all’arberata.

Li frati Passionisti
l’hanno sempre curata
perché a Giovanni e Paolo
la fede hanno giurata.

Co’ zelo e co’ costanza
Germano co’ Lamberto
hanno arfin decifrato
qualunque manoscritto:

La chiesa venne eretta
su ‘na casa patrizzia
e questro se po’ vede
da come fu dipinta.

L’affresco più importante
è stato riesumato
e tratta ‘n argomento
davero  assai  pagano:

Ce se vede Proserpina
che se ne sta discinta
sdrajata cò la madre
che jé regge la cinta

e Bacco invita Cerere
a cède ar compromesso
pé fa sì che Plutone
ottenga er gran permesso

de porta’ via Proserpina
quanno annerà nell’Ade
pé tutto quanto l’anno
ner mentre che la sòcera
vorebbe commanna’
dicenno  cò arroganza:
” E’ mejo la metà.”
Pé questo la discordia
seguita a fomenta’.

Ner mentre tutti brinneno
col liquore de pace
Plutone da lontano
resta ingrugnato e tace
penzanno che ‘na sòcera
che de tutto s’impiccia
è giusto allontanalla
o mejo…che sparisca.

Perché nissuno ar monno
dovrà mai separa’
chi s’ama per davero
e assieme vò resta’.

_________

SAN TEODORO E LI SACCONI

S’ incontraveno pé Roma i Fratelloni
de venerdì coperti da sacconi
gentilommini che come penitenti
giraveno cò li più nobbili intenti.

Anonimi chiedenno carità
pé potè poi  li poveri aiutà
ereno spesciarmente i carcerati
quelli che più veniveno aiutati.

Ciaveveno la sede a San Teodoro
e ‘gni loro azzione pura come l’oro
così che tutta Roma rispettava
l’artissimi principi che ciaveva.

In testa a tutto c’era la carità
e nisuno se permetteva de sgara’.
Quela congrega esiste ancora adesso
e ‘na funzione fanno a ‘n’ora fissa.

Ma li Sacconi d’oggi sò diverzi
pur rispettànno l’idealità
‘gni tanto vanno puro a bisboccia’.

_____________

SANTA MARIA DELL’ANGIOLI

Ce penzò Michelangiolo
a organizzalla bene
nell’ambiente più callo
dello stadio Dioclezziano

ce fece ‘na gran chiesa
ar pari d’ un teatro
cò esposti li scenari
come pè ‘ na parata.

Edè in pellegrinaggio
cò somma compunzione
fra un cero e ‘na preghiera
se sta in contemprazzione

davanti ar Crocefisso
ce se sente rapiti
e Sebbastiano martire
che avanti sta prostrato

ce riporta er dolore
de quanno fu ammazzato.
Ritorna la speranza
cò Cristo Battezzato

ner mentre San Brunone
pare che voja di’:
” Io fui sortanto un monaco
fonnai  li Certosini

creanno ‘no statuto
riggido e controllato
co’ ‘na primaria regola
che nega la parola.
e questo è propio quello
che mò me fa soffrì
perché io l’ho da infragne
si vojo interloquì.

Ma quello che ho da divve…
ciascuno ha da sentì :
Abbassa l’occhi a tera
Oh!  Pio visitatore

E bada a lo splennore
Che tu stai a carpesta’
attento allo Zodiaco
co’ le Costellazioni.

Alla Riga Crementina
e a la Stella Polare
cor transito compreto
ch’ancora  ha  d’arriva’ ”.

Co’ ‘ ste parole er Santo
Ce vo’ fa’ raggiona’
su quanto fu scienziata
l’antica civirtà

che puro senza machine
sapeva strolliga’
e le cose der futuro
riusciva a indovina’.

__________

SANTA MARIA IN TRASTEVERE

La prima chiesa che fu operta ar culto
a Roma fu fonnata da Callisto
fu necessario un secolo a finilla
e tante mani eccerze p’abbellilla.

Monumentale, artistica e importante
ancora regge  e pur ‘n ha viste tante
e quanno ariva ‘na astaggione bella
tutti vanno in parata a festeggialla.

La Festa de Noantri sottintènne
de richiamaje intorno tanta gente
assieme a li romani sparpajati
che ‘sta festività tiè raggruppati.

Santa Maria sta quì pé benedilli
e perdonaje li peccati come a fiji
e vede che so’ tutti in ginocchione
‘gni vòrta che lei sorte in processione.

Vorebbe avelli accanto giorno e notte
come le dieci donne savie e matte
che drent’ar tempio fanno guarnizzione

tutt’ammischiate senza distinzione.
De quello ch’hanno fatto nun jé importa
la fine sarà sempre a Prima porta.

_________________

SANTA MARIA ODIGITRIA

Davanti  la sede der Messaggero
ce sta ‘na chiesa che nun è monastero
Filippo seconno ner cinquecento
volle da’ vita propio a ‘st’evento.

Co’ tutti l’obboli che jé rigalava
‘gni sicijano er muro innarzava.
‘sto  Re spagnolo ce lo sapeva
che ‘gni  popolano la chiesa voleva

Quanno a la fine fu costruita
da un quadro importante fu rifinita.
Venne er dipinto da costantinopoli

e l’ammirorno tutti li popoli
ma i sicijani ce vollero ancora
Rosalia vergine ch’er popolo adora.

_______________

SANTA PUDENZIANA
E SANTA PRASSEDE

L’ antica chiesa de Santa Pudenziana
sSe trova propio sulla via Urbana
in precedenza fu casa de Pudente
ce diede a Pietro ‘n alloggio convegnente.

Fu trasformata poi in casa termale
indove l’iggène  sconfiggeva er male
e doppo un par de secoli d’allora
diventò ‘chiesa pé pregacce ‘gni ora.

Fu dedicata a du’ sorelle sante
Pudenziana e Prassede che ar presente
stanno effiggiate proprio sull’ avello
dipinte a medajoni co’ l’agnello.

Li fedeli l’ammireno beati
assieme a li mosaichi preggiati
che fanno vede er Redentore in trono

cor libbro der destino  aperto in mano
e l’Apostoli che co’ lo sguardo strano
guardeno le du’ Sante che j’offreno er Corano.

________________

SANT’AGNESE DE PIAZZA NAVONA

Sant’Agnese ar campanile
ce l’ha mise Borromini
tiè la mano sor’er core
mentre prega con ardore
che la Chiesa sua barocca
mai nun casc hi né dirocca.

Ma le statue de Bernini
gran nenoco a Borromini
ferme in mezzo a la funtana
pare aspettino l’ azzione
che l’antica predizzione
manni tutto in perdizzione

pé distrugge quer portento
che creò tanto scontento
e pé questo so’girate
come fussero adirate.
Da più secoli è così
gnente cammia e stanno lì.

_______________

SCAMPAGNATE E SERENATE

Er romano de ‘na vòrta
quanno c’era l’ottobbrata
se n’annava fòri porta
pè ‘n a bella scampagnata.

Quann’a sera ritornava
coll’amichi se intonava
una serie de stornelli
tutti arguti e risarelli.

Inventava ‘na strofetta
in onore de Lisetta
poi ‘na rima pé dispetto
combinata pé Giggetto .

Fino a ché la stornellata
diventava serenata
sotto casa de Ninetta

che affacciata
alla loggetta
ascortava sospirosa
e buttava giù ‘na rosa.

_____________

SCUDETTO  GIALLOROSSO

Un inno a ‘no squadrone subblimato
da tutti in coro mò verà cantato
a li fedeli e a li  simpatizzanti
de botto se so’uniti tutti quanti

Tenuto pé tant’anni ner cassetto
oggi è sortito assieme allo Scudetto
assai de prescia j’hanno organizzato
festeggiamenti e onori da primato.

La Roma ha dimostrato ancora a tutti
che quanno vo’ sa da’ de bòni frutti
e co’ la squadra pieno de campioni

nun ce saranno più retrocessioni
applausi e vanto a chi co’slancio e amore
s’è meritato de Roma er granne amore.

_____________

SONETTO AR LIMONE

Ve porto ‘na ricetta sopraffina
che pare fatta pé l’arta cucina
e utilizza un pesce de staggione
che s’acconnisce co’ojo e co’limone.

Pijate ‘n’arzilletta già pulita
lessatela nell’acqua ‘n po’ salata
buttatece d’odori ‘na manciata
poi la tirate su tutta scolata.

Posatela ner piatto da portata
cor sugo de limone ‘mbriacatqa
e ricoperta d’erbetta sprofumata.

Co’ spicchi de limone va guarnita
e offritela così poi … all’affamati.
Credeteme! … Sarete ringrazziati.

________________

SONETTO AR TEMPO ANNATO

Primavera m’ariporta
a Pasquetta de ‘na vorta
quanno a fa’ la scampagnata
‘gni famija se n’annava.

Sopra ar Tevere o in campagna
era ‘na vera cuccagna:
Se pagava a la romana
che nun c’era troppa grana.

Co’ la gaia compagnia
se cantava in allegria
e le dorci stornellate
quasi tutti dedicate

alla “bella” der momento
e levava er sentimento
a chi er vino dava in testa
comincianno a fa’protesta

ma  de prescia poi recède
alla vista der “bulletto”
che teneva er cortelletto.
Quanno  tutto s’aggiustava

‘na “cinquina” suggellava
quanto ognuno prometteva.
e se ripijava er coro
mentre un bacio de straforo
concrudeva la giornata
a Pasquetta dedicata.

______________

STORIA  ROMANA

La storia che se studia
in quarta elementare
è quella più avvincente
dell’epoca monniale
tanti episodi maggichi
che lasseno ammirati
e certi eroi fantastichi
ce pareno inventati.

Nun pare manco vero
che Agrippa sia esistito
e che dettò l’Apologo
tutt’ora assai sentito
‘n’antra storiella appare
er fatto de Cincinnato
che lassò la zappa a tera
pé core a fa’ er sordato

ricoprenno un gran compito
datoje dar Senato
che risorvette appieno
da eccerzo generale
cò somma strateggia
e coll’anima leale.
‘sti fatti che la Storia
ancora ce fa vede

ce infiammeno d’orgojo
mentre ce fanno crede
che l’epoche più d’oro
so’ state “le romane”
che a li protagonisti
e pure a li nemichi
daveno la suspance
mejo de …Pilo Vance.

Artro che firmi gialli
e avventure audaci!
Le paggine de storia
so’ quelle più veraci
e tutta quella gloria
ch’adesso è superata
fa ancora bolle er sangue
co’ foga emozzionata.

Quanto sarebbe mejo
rimette ‘st’esempii in paratica
e infiora’ d’amor patrio
ogni energia politica
così ch’ er tempo odierno
troppo spreggiudicato
ritornrebbe degno
dell’Avi der  passato.

_____________

STREGHE  E  FATE

Dicheno che le streghe
sorteno a Sangiovanni
e quanno è mezzanotte
cominceno a fa’ danni.

Co’ scope e campanacci
se danno un gran dafà
ma questo succedeva
tanti tant’anni fa’.

De campanacci ormai
nun ze ne parla più
ma li rumori adesso
so assai assai de più.

Forze perciò le streghe
se ne so’ tutte annate
de notte a Sangiovanni
se vedeno solo…fate.

___________

SUR PALATINO

Sur palatino fra ruderi e sassi
vale la pena de fa’ quattro passi.
da la terrazza che guarda Roma
ce se respira ‘n’ aria più bòna.
La flora classica sta solo a ‘sto sito
e cresce da sola senza smòve un dito
c’è la finocchietta ce sta er rosmarino
e più vicino la mentuccia cor timo.
Lo sguardo se spigne ancor più lontano
che vede perfino lassù Montecavo.
Sì poi quarchiduno conosce la Storia
Assieme all’origgini …ce trova cicoria.

Ritrova er “Solco” e la “Capanna”
indo’ Romolo e Remo annaveno a nanna.
Sur Palatino ce prese dimora
‘gni aristocratico importante d’allora.
Fu Colle-In  residenziale
pieno de “Domuse” de tipo spesciale
ch’ereno tutte assai pitturate
e de marmi e stucchi disseminate.
Funtane, arberi, capitelli
e opere artistiche d’arti livelli.
D’Apollo  l’epoche e de Cibele
ce so’ rimaste sortanto le stèle.

Der dominio de Roma senza confini
quì resta er profumo de prati e giardini.

_____________

VECCHIA ROMA MIA

Su quer quadrato maggico
arato ar Palatino
ce sorse Roma indomita
che poi s’è dilatata.
Odiata e pure  amata
‘sta nostra gran città
adesso segna er tempo
nun c’è gnente da fa’.
L’anni che porta in groppa
l’accusa tutti quanti
la cifra è assai imponente
perché so’ propio tanti.

Le rughe jé se vedeno
nun zà come paralle
e le strade tarlate
nissuno sa aggiustalle
‘na “romanella” ar giorno
nun basta a rinforzalle
le chiese e i monumenti
se limita a incartalli
e passeranno l’anni
prima de riparalli…
Così che ‘sta città
appare imbarzamata

e chi l’ama ce soffre
a vedella trascurata.
Nun te s’addice oh! Roma,
‘sto tempo nevrastenico
cor traffico caotico
a rittimo frenetico.
Perfino er bionno Tevere
se sente abbandonato
e chi prova a pescallo
lo trova avvelenato.
Che decadenza Roma!
Tu eri pascioccona
e adesso nun te resta
manco più l’aria bbòna
che fa passà la voja
de fa’  ‘na passeggiata
ar fresco de la sera
perché…te sei inquinata.
E chi sospira a notte
l’antica serenata
o cià la nostarggia
de fa’ ‘na strimpellata
l ‘ha d’ascortà pè radio …
ma solo reggistrata.

Su! Datte ‘na sgrullata!
Nun fa l’addormentata!
Ripassete la Storia
che a tutti ciai inzegnata.
Ritrova er vecchio ardore.
Mettice volontà…
Vedrai che ‘n pò de gloria
ritornerà a brillà.
___________

VIA CONDOTTI

L’acqua  romana che sgorgava a fiotti
fu incannalata co’ tanti connotti
lungo ‘na strada  davero popolare
che finì pé chiamasse tale e quale

però ner tempo diventò elegante
e frequentata da la mejo gente
che ne fece un ritrovo curturale
e quasi ‘no spettacolo monniale.

Della Chiesa ammirava le facciate
scorpite da più mani rinnomate.

_____________________________________________

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...