Come formiche

1-tempioTitoli:

  • Alla prima nipotina
  • All’operatori ecologgichi
  • Ar Capitano Totti
  • Ar ricovero
  • Canto de poeta
  • Chedè la pennichella?
  • Ciao Lira
  • Come formiche
  • Compagna de scola
  • Educazzione cani civica
  • Er battesimo de Pupa
  • Er dentista
  • Er giornalista doc
  • Er Papa der soriso
  • Er pennolo antico
  • Er sole fa er prezzioso
  • Er vennitore bravo
  • Fàmose coraggio
  • Gioventù
  • Grazzie de core
  • La chiave d’argento
  • La favola der gatto
  • La passeggiata della ciummaca
  • La santa Eucarestia
  • Li caffè dell’artisti
  • Li conduttori e le dediche
  • Li disturbatori
  • Li portaritratti
  • Li poveri sfrattati
  • L’infruenza
  • L’orzaroli innamorati
  • Passeno le donne
  • Pedalate da campioni
  • Pizza e mortadella
  • Poeti a convito
  • Regazzo impegnato
  • Ricordo Testaccino
  • Risvegliati Roma!
  • Sempre avanti
  • Sempre uguale ariva Natale
  • Senza Roma nun po’ sta’
  • So riuscita a “prendette”
  • Soli su la tera
  • Sonetto ar limone
  • Spaghetti e porchetta
  • Streghe e fate
  • Un padre come tanti
  • Veleno

_____________________________

AR CAPITANO TOTTI

Da bambino portavi er pannolino
e sei cresciuto da bravo regazzino.
Ancora avanti cò la “Primavera”
carcianno sempre da matina a sera.

Cò Roma in còre te facesti onore
dimostranno che ciavevi gran valore
e daTrigoria fra corse e allenamenti
hai superato tanti imprevisti eventi.

Già ne la tua mente l’avevi proggettato
che Capitano saresti diventato
e finarmente s’è visto er risurtato
quanno cò te la Roma

ha vinto er Campionato
e ogni còore romanista
hai conquistato.

**************

AR RICOVERO

Ciò novant’anni e passa e sto in salute
me disse ‘na nonnetta all’istituto.
Davero? jé risposi. Tanti aguri
pé tutti i vostri lunghi anni futuri

Piccola, arzilla e dritta com’un fuso
co’ l’occhio vivo e le guancette rosa
me la guardavo mentre che parlava
e me veniva appresso e ripijava:

Tengo tre fiji e quinnici nipoti
la mia è ‘na famijia favolosa
e, io, quà drento me ce trovo bbene,
dico davero, ce sto tanto bbene.

Carco’ un pò troppo su – quer tanto bbene –
che disse p’evità la compassione
ma l’enfasi me rese dubbitosa
e  l’anima me se strinze penzierosa.

Quanno de slancio me baciò la mano
ner mentre la bagnava cor suo pianto…
Voleva ringrazziamme  dé quer poco
Che  pell’Ospizzio avemio fatto in loco

p’arillegrà quer povero Natale
co’ Musica, poesie, libbri e rigali.
Lei, co’ quer gesto rivelò un gran dramma
Dimostranno che  la solitudine era somma

perché da quanno stava”rintanata”
era come si fusse abbandonata
e la famija che -diceva- nummerosa
nun ze mostrava pé gnente affettuosa.

Scordata lì pé tutto quanto l’anno
senza un saluto manco a capodanno.
Quer bacio così timido e fugace
m’emozzionò e non fui più capace

de  ride e de scherzà cò quela gente
che da la vita nun aveva più gnente…
Me strinzi la vecchietta co’ dorcezza
penzanno a quanto è triste la vecchiezza

******************

CANTO DE POETA

Er core d’un poeta
È appassionato
Che d’ogni cosa bella
È innammorato.

Vorebbe cammià
Er monno sì potesse
Perchè ‘gni òmo
Ar mejo lo godesse.

Ner canto spiega
Ogni sua passione
Portanno tutto a galla
A precisione

E dedica la rima
E la strofetta
Sia a la natura
Come  a’ na regazzetta.

Ma puro  ar barbone
Solo  e  sfortunato
Che  da  la societa
s’ e’ allontanato.

***************

CHI VIVE A ROMA E’ FORTUNATO

Conosco un gran signore
ricco assai
che a Roma s’è stufato
d’abbita’.

Jé   fò: Nun me lo di’
che nun ce credo
nissuno se rifiuta
de sta’ qui

te sei annoiato ?
Ma spescie co’lo sordi
che ciai tu

te poi leva’
sia sfizzi che crapicci
e quinni ‘ste frescacce
nu le dì.

Rimani perciò qua
caro signore
vedrai che si ce penzi
un po’ de più

te sentirai perfino
fortunato
de vive a Roma
che nun te movi più.

******************

CIAO LIRA

Cara Lira te saluto
nun ciavrai più er benvenuto
der ber tempo ch’arivavi
e tanti amichi te facevi.

Oramai tu vai in disuso
nun te vòle più nissuno
quarche avanzo miccio miccio
resterà in quarche cassetto.

Poi ner tempo che verrà
nun te se ricorderà
manco chi pé guadambià
nun smetteva de sgobbà.

*******************

COMPAGNA DE SCOLA

Era ‘na regazzina scanzonata
inteliggente e pronta, se vedeva,
che sempre fra le prime se piazzava
studiava sodo perché già penzava
a quello che la vita jé serbava.

De volontà lei ce n’aveva tanta
forze pé questo nun se sentiva affranta
scejenno poi er lavoro preferito
ne fece ‘n ideale assai sentito:

Maestra camiciara rifinita
per quale ha lavorato pé ‘na vita
e ner contempo madre rispettata
e puro a li nipoti dedicata.

L’ho rincontrata p’un caso fortuito
giranno fra li banchi der mercato
ne li tratti der viso ho ritrovato
li tratti de quer viso conosciuto

Le mani se sò strette …ero commossa
e puro lei sorise… tutta rossa:
Ce penzi?  Quarant’anni so’ passati
e manco tutti rosa poi so’ stati

cò tanti fiji e tanti nipotini
che adesso cianno artri regazzini.
Vedé ‘sta testa bianca me confonne
jé dico- Puro a me, lei me risponne

e la sorpresa che io ho dato a te
la provo uguale puro io pé te.

*******************

ER DENTISTA

che sta pronto a tutte l’ore
co’ passione e co’ bravura
caccia i denti o te li cura.

Quanno arivi zitto e moggio
lui cor fiuto da seguggio
te fa presto oprì la bocca
e sur er male poi te tocca.

L’ignezzione presto appronta
e cor trapano t’affronta
senza tanti comprimenti
e te leva due o tre denti.

Si te guardi ne lo specchio
te par d’èssè un pòro vecchio
e stai lì tutt’accorato
co’ la bocca da sdentato

brutto gonfio stralunato
e lo sguardo rabbujato
ma nun poi manco parlà
pè potette disperà…

Ma er dentista quì te dice:
tutto fatto…che ne dice?
M’aritorni fra un mesetto
che la protesi jé metto

e vedrà che lei ciavrà
un soriso da incantà!
Te ne vai e pé 30 giorni
magni poco e poi…ritorni

cò la mano sua leggera
te sistema la dentiera
e la voja de magna’
te comincia ritorna’.

Pur sì er conto è assai salato
te ce senti rinnovato
mentr’er male ch’hai passato
pé fortuna l’hai scordato.

*********************

ER PENNOLO ANTICO

Er pennòlo 800 ‘na sera s’è  fermato
e lì sur muro appeso pareva fa’ l’offeso
l’ho subbito staccato sbattuto  smucinato
ma quello come un rudere nun m’ha propio penzato.

N’è passato de tempo da quela brutta sera
e su quela parete restato è in quarantena.
Ma ieri j’ho parlato mentre l’ho sporverato:
“Certo che sei ‘nvecchiato…hai misurato er tempo

da un secolo passato! ” Se vede ch’ha capito
e se n’è risentito che fasse pijà pé vecchio
no, propio nun c’è stato…

E oggi a mezzoggiorno le dodici ha sònato
sentillo all’improviso m’ha puro spaventato!
Forze quer discorzetto l’avrà scosso un pochetto?

O l’aria de primavera l’avrà risuscitato?
Si devo èsse sincera …’sto dubbio m’è restato.

***********************

ER VENNITORE BRAVO

Sì er vennitore è nato cor mestiere
Sempre lavorerà co’ gran piacere
E coll’istinto veramente innato
Lo farà èssè puro affortunato

Giacché lui sa che tutto è garantito
appena ‘na signora o signorina
se ferma a rimiraje la vetrina.
Lui pronto fa:  Vo’ vede da vicino?

Abbasta che lei entri un momentino!
E la perzona ch’è stata interpellata
cià un pò d’esitazzione… ma è già entrata.

Se guarda un manifesto lì attaccato
Indò ‘gni cosa cià er prezzo già scontato.
Incominceno accusì le trattative

Pé tutt’e due le parti positive.
Infine poi cò un carcolo mentale
lui aggiunge ‘n antro sconto eccezzionale

riserbato a ‘sta criente ch’è spesciale.
Questa è la chicca che lusingherà
la nòva criente ch’aritornerà.

********************

LA PASSEGGIATA DE LA CIUMMACA

Me so’ fermata com’ affascinata
A rimirà ‘na ciummaca arampicata
O mejo che strusciava a passo lento
Su ‘n arberello storto e macilento.
La donnolava er vento
E se reggéva a stento.

Ner mentre la guardavo
Io fra de me penzavo:
Quale sarà l’intento
Che la spigne controvento?
Chi jé l’ha commannata
‘sta granne faticata?

Sì ar monno nun c’è movenza
Senza ‘na convegnenza
Perché ‘sta ciummachella
Se fa ‘sta penitenza
Senz’èssè ripagata
Doppo ‘sta camminata?

Nun ciavrà ‘na fronnetta
E manco ‘na formichetta.
Eppure ciavrà un valore
Che sfugge all’attenzione?

Co’ ‘n po’ de rifressione
Tovo la soluzzione:
Lei striscia verzo er sole
Attirata dar calore
Che come provvidenza
Jé da sopravvivenza.

******************

GIOVENTU’

‘Na regazzetta giovane e slanciata
sta curiosanno mentre sta’ffacciata
guarda cò granne impegno un regazzone
che st’appoggiato propio sur cantone
l’aveva già intravisto giù ar mercato
mentre comprava un chilo de moscato.

E mò ch’er sole è quasi tramontato
à sotto la finestra s’è incantato
e lei  che già se sente emozzionata
ricordanno de come l’ha guardata
se trova a facce quarche rifressione
pé indovinà se cià ‘incrinazzione:

“Chissà che me dirà si se parlamo?
Possibbile che de me s’è innammorato?
Si  quant’è  bello così tutt’abbronzato
ma nun vojo mostrà che l’ho sgamato…
e che capijatura mora e inanellata…
chissà si la proposta ha già abbozzata?

Farò l’indifferente fino allora…
e domattina sorto de bon’ora
facenno vede ch’è ‘n’improvisata…
comunque è mejo annacce preparata!”

**********************

LA SANTA EUCARESTIA

Un mucchio de pupetti assai impazzienti
stanno presso l’artare coi parenti
oggi nell’Eucaristico Mistero
ognuno pare ‘n angioletto vero.

Tutti cianno nell’intimo un probblema
ch’è quello d’ingoja’ l’Ostia Divina
come j’hanno inzegnato a la Dottrina
facenno le prove più de ‘na matina.

Trepideno ‘sto momento assai importante
perfino er core se senteno tremante
intanto invieno ar cèlo la preghiera
che più de prima oggi è più sincera:

Signore granne, Santo e Benedetto
nun te scordà de me tiemme protetto
perché da ‘sto momento te prometto
d’èssè un cristiano vero, anzi, perfetto.

 

*****************

ALLA PRIMA NIPOTINA

Io mìarisento ‘n’antra vòrta madre
davanti a mi’ nipote piccoletta
e me rivedo quanno da sposetta
m’ aritrovai a èssè mamma giovanetta.

Ritorneno penzieri  gioie e affanni
de quer momento doppo tanti anni.
‘sta bamboletta tutt’infiocchettata
me pare ‘na fatina pitturata

che manna baci a tutti cò le mani
comincia a ffà li passi e a di’ li nomi
oggi fa un anno e tutta la famija
pare impazzita pé ‘st’avvenimento

E io ? La nonna sò la più commossa
bacianno ‘sta faccetta bianca e rossa…
Pé ‘sta cratura chiedo ar cèlo aiuto

Pé faje avé quello che nun ciò avuto:
fortuna amore e gioie in quantità
e questo a nonnetta darà serenità.

*******************

ALL’OPERATORI ECOLOGGICHI

‘Na vòrta la monnezza s’ammucchiava
drent’alla pattumiera e se copriva…
a la matina presto er monnezzaro
saliva su cor sacco e la svotava.

Adesso ‘sto lavoro se fa ancora
ma for de casa a qualunque ora…
Ne li secchioni avanti a ‘gni portone
se porteno le buste intorcinate

e ‘ gni operatore dell’ecologgia
s’attrezza co’ li guanti e mascherina
pé tené a bbada iggène e malatia.

Quarche lavoratore è diplomato
e ar lavoro modesto s’è adattato.
Ner mentre svòta queli cassonetti

a la filosofia de li sacchetti
studianno la ricchezza e povertà
seconno er sito indove passerà.

E quarche vòrta cor core che jé dòle
sarva un neonato che nissuno vòle.

 

*****************

CASTELLI ROMANI

Castelli romani
parata de sole
de vita de canti
de gioia e d’amore.

ste gemme incastrate
tra colli e vallate
appreno cime
colline incantate.

Ner vede ‘sto cèlo
sereno e turchino
ner beve quer vino
leggero e genuino

er core s’allarga
l ‘anima  canta
e’ sto canto divino

ciascuno lo manna
a ‘sto cèlo
a quer vino.

***********

CHEDE’   LA PENNICHELLA?

E’ un allungasse doppo avé magnato
quanno che ciai lo stommico tirato
nun penzi a gnente, l’animo è leggero
stai lì disteso e l’animo è leggero.

Nun ciai ar momento più nissun probblema
solo si chiudi l’occhi è già un poema
se schiarisce la mente pé maggìa
e li penzieri brutti vanno via.

Senza più desideri né rancori
manco l’orecchie vònno avé rumori.
Si poi te struscia addosso er ponentino

te senti fresco come un regazzino.
E’ mejo de ‘na gita in carozzella
restà mezz’ora a ffà la pennichella.

****************

COME FORMICHE

Dar dì che l’omo è ito su la luna
io guardo er monno co’ ‘no sguardo novo
tutto m’appare maggico e importante
perché de novità ce ne sò tante
e tutto pò succede all’improviso
ner mentre te ne stai a sciacquatte er viso.

Allora penso: Che coremo a fà
si giorno doppo giorno  cammierà
quello che costruimo cò tanta volontà
e che all’improviso forze sparirà ?

Come formiche  noi poveri  cristiani
coremo a destra e a manca  tutti i giorni
ma confrontanno er tempo cò lo spazzio
tutta ‘ sta corsa ce da solo strazzio

specie si  messa appetto all’infinito
vedremo che a la fine der destino
er risurtato sarà uguale e scontato:
porvere a le formiche e a ‘gni cristiano.

 

*****************

 VELENO

A Enotria l’antica terra der boccale
se festeggiava spesso er baccanale
c’era ‘na festa allegra e conviviale
fonnata da Dio Bacco er più cordiale.

E questo ch’era er re dell’allegria
scolava er vino pieno d’euforia
perché sapeva anzi era sicuro
che lo sciurio era assai sincero

Si ritornasse adesso…che impropèri
che mannerebbe ai nòvi vinaroli…
li chiamerebbe : l’avvelenatori
e prima de brinnà cò li bicchieri

dovrebbe facce sopra un penzierino:
O mannà giù quarcosa d’impreciso
oppure accettà d’ èssè avvelenato

giacché da ‘n pò de tempo
lo Stivale è un boccalone
tutto avvelenato.

*************

EDUCAZZIONE CANI CIVICA

Storie de cani devoti e inteliggenti
Ne conoscemo de stupefascenti
Ma er cucciolo ch’ho visto ar Trionfale
È degno d’èesse messo sur giornale.
In du’ parole ve la dico tutta
E capirete perché sò stupeffatta:-
Annavo de bon’ora lèsta lèsta
a la fermata der tranve verso destra

quanno me s’è affiancato un cuccioletto
de pelo liscio e cor musetto dritto.
Trotterellava é li fatti sua
sur marciapiede stretto de la via.

A ‘n certo punto se fermò de scatto
quasi volesse attraverzà de botto
ma s’orientò preciso ar pedonale
segnato da la striscia orizzontale

ma ar semafero rosso pose mente
e s’accucciò assai pazzientemente…
Scattato er verde s’avviò squadrato
sì come ‘no scolaro assai educato.

L’avrei proposto lì seduta stante
pè ‘na onoreficenza assai importante
e cò ‘na scritta davero eccezzionale :
” Educazzione canicivica spesciale”.

******************

ER BATTESIMO DE PUPA

E’ nata ‘na pupetta rubbacore
Ch’ è bella e profumata com’un fiore
e com’un fiore sparge drento casa
un soffio vivo che se chiama amore.

Oggi è un gran giorno perché se fa cristiana
e jé daranno un nome da romana
e ‘sta fijetta piccola e carina
sarà pei genitori ‘na fatina

E crescerà robusta e inteligente
trovannose assai bene fra la gente
dispensanno sorisi a tutte l’ ore

sarà predisposta pure ar bonumore
e assieme a lei felice ognor sarà
chiunque ar monno l’avvicinerà.

*******************

ER PAPA DER SORISO

Papa Luciani Papa der soriso
che a quell’Artare tutt’incoronato
da ‘gni sommo prelato assai agognato
ce se trovò così quasi pé caso

Er primo motto suo fu assai faceto
pé fasse perdonà d’esse … arivato
ma er trono fu fatale ar papa bòno
che cò la farce in pugno…la “cattiva“

in pochi giorni l’ha portato via
strazzianno chi l’amava e chi pregava
pé l’avvenire dell’umanità
che solo un po’ de pace sta a’spettà

Ma si l’opera sua restò incompiuta
ciavemo la certezza più assoluta
che le benedizzioni e quer soriso
ciariveranno a noi dar Paradiso.

********************

ER SOLE FA ER PREZZIOSO

Dar dì che fu creato, er sole guarda er monno
e l’ha sempre scallato pé quanto è largo e tònno.
senza meravijasse de quello che succede:
le staggioni che cammieno, le guere, l’alluvioni
lui le guarda dall’arto cò savie comprenzioni
e rimanenno freddo de fronte all’invenzioni.

Però quanno discuteno de cose sue perzonali
s’adombra incattivito perché nun vo’ intrusioni
nu’ è vero che le sue”macchie”causeno li disastri
perché nell’univerzo ce stanno tanti artri astri…
Adesso puro er calore jé  vònno portà via
perchè dicheno: Er sole scalla in ecomia!

Se comincia cor di’ che bigna risparagnà
ma poi se va a fenì ch’er doppio costerà
allora, inzuperbito, er sole fa er prezzioso
induggia fra le nuvole e manna ‘no sgrullone
così chi se prepara pé fa ‘na scampagnata
dovrà prevede sempre ‘na grossa frascicata.

****************

LI PORTARITRATTI

Ogni famija cià l’arbo dei ritratti
casa mia n’ho conzervati tanti
delle generazzioni più arretrate
e cò quelle recenti… più aggiornate
‘gni tanto me li sfojo riverente
e vedo ch’è sparita tanta gente.

Pé ogni effigge un ricordo ne la mente
che me fa velà l’occhi tristemente
parenti amici e ricorrenze antiche
e nozze e viaggi e tante tante amiche

Un fojo appresso all’artro vado avanti
er tempo è lungo e li ritratti…tanti.
A un cero punto vedo incorniciate
‘na fila de pupe linde e pettinate

che fisseno er “lampo” come spaurite
de queste…quante quante già sparite
che sò compagne de la prima scòla
e quì er penziero presto me s’invola.

Si me fusse concesso per incanto
vorei riavelle p’un momento accanto
e ritrovà quell’aria sbarazzina
semprice e pura de ‘gni regazzina.

***************

LI DISTURBATORI

Un poveretto sprovveduto e bono
quando disturba viene perdonato
e certamente sempre compatito.
Ma chi disturba  già premeditato

appare proprio come un deficiente
che vole fà der male solamente,
e cò grettezza e malignità
dimostra a tutti la sua nullità

evidenzianno la cattiveria innata
di cui la sua natura s’è impastata.
Ma quando tal persona è individuata
sarà da tutti quanti allontanata.

***************

LI POVERI SFRATTATI

De regola ‘na vorta se sfrattava
chi a pagà la piggione se incantava
ma de ‘sti tempi spesso l’ingiunzione
ariva a tutti senza spiegazzione.
e li sfrattati nun cianno soluzzione

che la penuria dell’abbitazzioni
li costringerà a trattà cò li vorponi
che proponenno locali ammobbijati
oppure solo a uffici destinati
pretenneno l’affitti  riddoppiati.

Fra bonuscite, compenzi e trattative
ce vònno cifre troppo impegnative
e ‘na famija cò tanti regazzini
dove li trova tutti ‘sti quatrini?
Dovrà annà a vive solo a li giardini!

Così fra poco noi potremo vede
‘na cosa straordinaria che prevede:
li Rom tutti quanti assistemati
e li Romani, da poveri sfrattati,
li zingheri faranno appatentati.

****************

L’INFRUENZA

C’è un malanno che s’attacca
che te blocca e che te sfiacca
costrignenno a resta’ a letto
perché doleno ossa e petto.
Le supposte e li sciroppi

che a le vòrte sò’n pò troppi
danno l’urtima mazzata
peggio de ‘na bastonata

e te senti nauseato
pé ‘gni cosa ch’hai pijato
in aggiunta ner borzello
nun ciai manco più ‘n granello

Speciarmente ‘sto momento
che ‘gni cosa va all’aumento
p’ogni pillola che crompi
devi prima fa li conti.

Poi rifletti: pé sta bene
posso pure avé ‘ste pene
cò li sordi der magnà
me ce devo da curà…

Accusì pé colazzione
devi fatte l’ignezzione
pé merènna …l’aspirina
poi pé cena…la cartina.

Quanno poi è passato tutto
per davero sei distrutto
e te trovi lì pé lì
a parlà propio accusì :

Ciò la testa che me gira
er magnà più nun m’attira
nun ciò forza né pazzienza…
Maledetta l’infruenza!

Ma c’è un piccolo piacere
che te smorza er dispiacere:
Scorticata hai l’infruenza
cor riposo in abbondanza
e margrado l’amarezze
sei rimasto fra le pèzze.

*******************

PEDALATE DA CAMPIONI

Mamma cuciva e mai nun ze stancava
anzi cantava mentre lavorava
e puro si’n’era ‘na sarta de mestiere
a la machina ce stava cò piacere
e sur cimejo che ancora a casa tengo
ce pedalava mejo de Girardengo.

Sur piano de fèro che stava allo scoperto
pur’io imparai er primo punto incerto
Ingenuamente cò ‘na semprice pezzetta
ma coll’impegno de regazzinetta.

Ciebbi cor tempo ‘na machina aggiornata
ma solamente quanno fui sposata.
Su questa quante ore ciò passate
e quante belle cose ciò create!

Ricordo…pedalavo come Coppi
quanno che li lavori ereno troppi.
La vita assieme a lei l’ho conzumata
e come amica io l’ho sempre amata.

Puro mi’ fija, nun è stata da meno
e su la sua ce core come un treno
ma mò er pedale tiè elettricizzato
e ‘gni lavoro ce l’ha programmato.

La fija sua  che sarebbe puro attratta
ha da studià le lingue no fa’ la sarta.
E  mò che sa parla’ spagnolo e ingrese

potrebbe dedicaje un’ora ar mese
fra la palestra e le specializzazzioni
fa prima annà a comprà le confezzioni.

***************

FÀMOSE CORAGGIO

Er core alegro
aiuta la salute
e n’a risata vale
‘n’ignezzione.

Pe’ questo se dovemo
fa coraggio
pe superà qualunque
situazzione.

Si ‘sto messaggio
ariva a tutti quanti
li benefici poi
saranno tanti.

***************

GRAZZIE DE CORE

V’ho riascortato cò carma stammatina
in quer  nastrino tanto appassionato
e a ogni nome l’anima ha tremato.
Amici tanto cari e sconosciuti
dé quali sò capì i momenti scuri
m’avete detto de volemme bbene!
Embé ! ‘sto fatto m’ha rimescolato
er sangue ardente che ciò nelle vene.
Quarche perzona la conosco, è vero,
ma i più li riconosco solo a voce
e  vojo ringrazziavve tutti assieme
dicennove: Pur’io ve vojo bbene!

Voi lo sentite e in più l’indovinate
quanto traspare da poesie e canzoni
che vorebbero levavve tutt’i mali.
Sempre capite da poesie e canzoni
che nascheno d’istinto e con amore
che a tutti quanti voi sò dedicate.
Credeteme  io oggi sò felice
e devo a voi la gioia ch’ho sentita
perché s’è confermata la certezza
ch’abbasta solo un moto d’amicizzia
p’arinnovà l’attaccamento a vive
puro a chi s’è stufato d’ann’ avanti.

Pé questo dico che le mejo cose
Ch’ er monno cioffre sò Amicizzia e Amore!
E v’aripeto Grazzie assai de core
che me l’avete fatto sentì cò gran calore.

*********************

  LA FAVOLA DER GATTO

C’era ‘na vòrta un gatto
che tutto quanto er giorno
stava sdrajato ar sole.
Prima de notte a un tratto

sartava come un matto.
Avenno perzo tempo
adesso rimediava!
Ron ron fusava er gatto

così co’du’moine
e quarche strufinata
metteva tutto a posto

e piano a passo furtivo
cominciava un giretto
da strada fin’ar tetto.
Leccanno un filo d’acqua

ruspanno a ‘n angoletto
appostava ‘n sorcetto
tremante in un bucetto

intanto sgraffignava
quello che’j’aggarbava
dovunque lo trovava.
Quinni ciariprovava

e aritornava ar tetto
felice e soddisfatto.
La vita pé quer gatto
era riposo e ratto.

**************

LI CAFFE’  DELL’ARTISTI

Faraja  Aragno  Greco  Grann’Itaja
ereno li ritrovi scanzonati
de artisti bochemienne e letterati
abbituati a ritrovasse assieme

La gente se piazzava là davanti
passànnose parola p’ammiralli
tanto pé di’ : Quer Mito ier mattina
l’ho visto pé un’ora traverzo la vetrina

Quarche locale der   tempo nun c’è più
e tanti personaggi  so’ lassù
però hanno lassato ancora in sede

quadri  e disegni  che se pònno vede.
E’ la spenzieratezza quella  antica
de Roma de ‘na vorta ch’è sparita.

******************

LI CONDUTTORI E LE DEDICHE

Tanti fojetti un pò scarabbocchiati
stanno su la conzolle sparpajati…
Ce stanno scritti sopra tanti nomi
e quarche vorta puro soprannomi.
Dediche, appelli, baci, rifressioni
e morto spesso richieste de canzoni.

Noi Conduttori  ce semo abbituati
a ricevie puro messaggi disperati
e nun sapemo risponne: Che ce ‘mporta
buttanno là, a la sverta, ‘na risposta.
Ma dite voi …de più bello che ce sta
a fa’ contenta un pò d’umanità ?

E co’ ‘sto mezzo maggico e potente
potemo fa’ felice un po’ de gente.
Si poi intuimo che fra li dedicati
Traspareno penzieri delicati
Che li riceverà chi sta malato
oppuro chi a ‘sta solo s’è stufato.

Embè! A ‘sto punto er core pija er volo
e l’occhi ce s’appanneno da un velo…
Voressimo conosce quela gente
che a noi s’accosta accusì devotamente.
E ve dirò che un mezzo l’ho trovato
e devo di’ che puro a me ha aiutato!

Io ‘sti fojetti nu li butto affatto,
li piego e li conzervo – detto fatto –
perché poi rileggénno tutto quanto
de quarche voce m’aricordo er pianto
o l’eco de quer tizzio sconosciuto
che titubbanno me chiedeva aiuto.
Perciò, ‘sti pochi foij inciafrujati.

Sò emblemi e specchi dell’animi accorati
che pé trova’ amicizzia e comprenzione
dicheno un nome e vònno ‘na menzione
oppuro ‘na poesia o ‘na canzone…
Infine poi,  pé dì la verità
quarcosa  ar Conduttore resterà
che ‘na parola dorce o ‘na canzone
riarza er morale a tutte le perzone.

******************

L’ORZAROLI INNAMMORATI

Ariveno assai presto la matina
e via…  saracinesca cò vetrina
ner mentre er cascherino cor cestone
rovescia er pane fresco sur bancone.

Lui intanto aggiusta er tajo ar formaggetto
e lei conta li spicci ‘n der cassetto
ner mentre che se smincia a lo specchietto
e poi sbadija ar primo regazzetto.

Soride a la criente mattutina
che puro quella è ancora inzonnolita
in un baleno poi j’empie la borza
e la criente paga…va de corza.

Ma mentre sòrte vede la pizza calla
e se riggira subbito a compralla.
Intanto la bottega s’è affollata
chi vò la pasta e chi la marmellata

‘na regazzina chiede la nutella
che lei jé mette ne la pagnottella
a d’annà a scòla e vò la precedenza
e passann’avanti cò poca crianza.

Più là er marito sta a servì compunto
e cò la mente pija quarch’appunto
e de sfuggita guarda la mojetta
ch’è giovane carina e sverta sverta.

E’ poco tempo che se so’ sposati
ma la bottega li tiè separati
ogni minuto jé vorebbe di’ : Sei bella
puro ner mentre affetta mortadella.

E lei ‘gni tanto penza: Amore mio
tu me vòi bbene si… ma de più io
ma fra un criente e l’artro da servì
solo alla sera se lo pònno di’…

Mò cò la confusione che ce sta
nun troveno un minuto pé parla’
er desiderio j’arimane in core

e se lo coveranno ore e ore.
Se sà a bottega s’ha da lavorà
e solo de notte se pònno conzolà.

******************

PASSENO LE DONNE

Quanno riviè l’estate
le donne tutte quante
se vesteno de fiori
e fanno concorrenza
ai  prati alla natura.

Leggere e svolazzanti
fra rose e gerzomini
Violette e ciclamini
de mille e più colori
che pareno farfalle

Colle boccucce ardenti
e l’occhi come stelle
sò tutte giovanili

così tanto attraenti
che pare ‘no spettacolo
guardà passà le donne
quanno riviè l’estate.

*******************

PIZZA E MORTADELLA

Ce so’ sapori che nun te perdi mai
puntualizzanno momenti cari assai
presempio cò la pizza e mortadella
se fà ‘na colazzione scrocchiarella.

E l’euforia che mette quer profumo
è genuina e sta ar nnummero uno
perché soddisfa lo stommico e er palato
e ‘gni boccone te pare prelibbato.

Passeno l’anni ner mentre cammia er monno
ma ‘st’assaggio de matina nun va a fonno
sippure è un pasto povero e usuale
pé li romani sarà sempre speciale.

****************

ER GIORNALISTA DOC

Er giornalista d’oggi è assai impegnato
e  in parecchi settori sta integrato
ma questo vale pé l’òmo e pé la donna
che puro questa prima o doppo sfonna.

Informa su qualunque avvenimento
sia s’è un fattaccio oppuro un lieto evento
e sa scoprì li fatti perzonali
tanto quelli anniscosti o quelli eccezzionali.

Sempre in campana pé sapé ‘gni cosa
e la ricama puro si è tediosa.
Si poi s’afferma cò celerità
sta sempre in mezzo alle celebbrità.

Abbasta questo pé figurà in Tivvù
E dda ‘sto momento nissuno lo tiè più
così er soggetto fa “scuppy” in quantità
e si nu li trova poi…l’inventerà.

******************

REGAZZO IMPEGNATO

Se sente  di’ da un pezzo dapertutto
Ch’er regazzo moderno nun cià grinta
Che pare apatico e ‘n pò superfisciale
E nun za da importanza a quer che vale.

Abbasta invece un pò guardass’ attorno
p’ariconosce che so’tutte balle
perché dimostra d’èssè assai deciso
ner ricercà er lavoro più preciso

Le cose sue se l’organizza appieno
e ogni giorno cell’ha tutto pieno
in ogni cosa se mostra preparato
e spesso a diciott’anni è già integrato.

Cià mente sveja e l’occhio sempre attento
spescie nell’informatica è un portento.
Conosce li linguaggi forestieri
pé questo viaggia spesso e volentieri.

C’è solo ‘no svantaggio in tutto questo
che a quarant’anni se sentirà già vecchio
perché coll’esperienza ch’ha acquistata
‘gni cosa de ‘sto monno ha assaporata.

********************

RISVEGLIATI ROMA!

Città turbinosa ritrova i tuoi fasti
Con uomini giusti rimuovi i contrasti
Ritorna a insegnare con tutto l’ardore
Riscopri la gente che ancor ci sa fare.

Da sempre la Storia di te ci ha narrato
Ritrova l’ardire del tempo passato!

L’alloro  verdeggia là sopra i tuoi colli
Per cinger le fronti di nuovi poeti
Che cantano Roma coi cuori sinceri
E la vogliono grande col rispetto di ieri.

*****************

SEMPRE AVANTI

Lo Scudetto romanista
Mò ch’ è issato sur pennone
sventolanno con orgojo
da più vanto allo Squadrone.

Er tifoso che l’ammira
lo vorebbe imperituro
ma la storia  che viè avanti
mai nun sa qual’ è er futuro.

Solamente un grann’ impegno
potrà sempre sostene’
quer valore ch’ ha portato
finarmente a primeggia’.

Forza dunque granni Lupi
nun lasciateve irreti’
da fuorvianti calamite.

Vostro compito è gioca’
e sur Campo ben giostra’
così a tutti  dimostra’
che la Roma ce sa fa’.

***************

SENZA ROMA NUN PO’ STA’

Pò èsse er Campionato senza Roma?
Ma nun esiste! Propio nun pò sta!
Possibbile che nun ze trovi accordo
che fra galantommeni faccia raggiona’?

Io m’aricordo che quarziasi bèga
feniva co’ la stretta de la mano
e nun capisco mò ‘sta nòva Lega
che pare voja tutti contromano.

Ma er Carcio nun è nato come gioco?
Nun dev’èsse ‘na  strega messa a rogo
che fà devià dar giusto sentimento!

Perché a ‘sto punto viè er compatimento
d’avecce un Campionato zoppicante
che de brutte figure ne fa  sempre tante.

*****************

SOLI SU LA TERA

Nun so da quanto tempo er monno è monno
però sò che la luna è sempre quella
in mezz’a ar cèlo splènne da reggina
e cammia faccia solo cò le fasi.

Ma adesso li scienziati ch’hanno fatto?
Hanno trovato er modo de scoprilla
squarcianno li misteri che contiene
e su la luna è sempre un va e vieni.

Penzo che piacerebbe a tutti quanti
facce un viaggetto p’annacce a curiosà
o rimané lassù pé trova’ pace.

Ma riflettènno poi ce verà er dubbio
che su la luna andranno tutti quanti
e allora pé sta commodamente

aspettamo de vede scappa’ tutti
e finarmente soli su ‘sta tera
potremo dì de vive bene e in pace.

***************

SONETTO AR LIMONE

Ve porto ‘na ricetta sopraffina
che pare fatta pé l’arta cucina:
e utilizza un pesce de staggione
che s’acconisce cò ojo e cò limone.

Pijate ‘n’arzilletta  già pulita
lessatela nell’acqua un po’ salata
buttatece d’odori ‘na manciata
poi la ritirate su tutta scolata.

Mettetela ner piatto da portata
cor sugo de limone ‘mbriacata
aricoperta d’erbetta sprofumata.

Co’ spicchi de limone va guarnita
e  offritela così poi all’affamati.
Credeteme sarete ringrazziati.

***************

STREGHE E FATE

Dicheno che le streghe
sorteno a Sangiovanni
e quanno è mezzanotte
cominceno a fa’ danni.

Co’ scope e campanacci
se danno un gran dafà
ma questo succedeva
tanti tant’anni fa’.

De campanacci ormai
nun ze ne parla più
ma li rumori adesso
so assai assai de più.

Forze perciò le streghe
se ne so’ tutte annate
de notte a Sangiovanni
se vedeno solo…fate.

****************

UN FIORE FRA I CAPELLI

A dodicianni s’è stroncato un fiore
e pur’ er cielo è scuro de dolore.
Era ‘na pupa estrosa e intelligente
e vive lei voleva vive fortemente.

A tutti lo diceva ogni momento
co’ tanto slancio e uguale sentimento:
“A me me piace tanto de studià
perché me voio presto diploma’ “.

Ma un brutto giorno se svejò spossata
e p’anna’ a scola  se preparò svojata.
Da quer momento pé ‘sta regazzina
ce fu er dolore de sera e de mattina.

L’istessa cosa puro all’ospedale
nun se trovò la cura pé quer male.
papà che se prodigava senza sosta
pé Pupa sua non trovò risposta.

Mamma se la guardava e poi piagneva
quanno Lauretta sua nun la guardava
sovrastata da quer morbo prepotente
che stava a rubba’ la vita a ‘n innocente.

E fu un carvario lungo e disperato!
Ma fu un combattimento inzuperato
perché Lauretta margrado er gran coraggio
chiuse l’occhi pé sempre propio a maggio

E della regazzina eccezzionale
vedemmo tutti la foto sur giornale
che ce guardava co’ l’occhioni belli
appuntannòse un fiore fra i capelli.

****************

LA CHIAVE D’ARGENTO

Dren’ar cassetto chiuso
da ‘na chiave d’argento
ce sò ricordi antichi
pieni de sentimento.
‘gni vòrta che li guardo
me sale all’occhi er pianto
e penzo ar ber passato
cò tantissimo rimpianto.

L’oggetti conzervati
li tengo assai gelosi
pé questo l’ho riposti
perché me so’prezziosi.
Rigali de mi’ padre
a mamma ch’adorava
che quanno li portava
più bella diventava:

Un ventajo de piume
un’occhialetto argento
assieme a un braccialetto
e a ‘ n orologgetto.
C’è poi un binnocoletto
bianco madreperlato
che lei se l’addoprava
quanno a teatro annava.

‘ste cose l’addoprate
sortanto quarche vòrta
ma io nun sò addopralle
da quanno che lei morta.
Er bianco der ventajo
adesso s’è ingiallito
e l’oro der bracciale
s’è pure un pò scurito

mentr’er binnocoletto
è un tantino scrostato
perché da troppo tempo
nissuno l’ha ‘ddoprato.
Nell’oprì quer cassetto
rivive l’infanzia mia.
Poi la chiave d’argento
li sogni ariporta via.

****************

POETI A CONVITO

Urtima sò arivata
a quela tavolata
v’ ho preso posto subbito
pé gode la serata.

C’ereno propio tutti
li Granni e li discreti
ma tutti sminchionati
come sò li romani.

‘gni tanto ‘na frecciata
‘ na barzelletta arguta
cò tanto spasso vero
e cor riso più sincero.

Tanti Poeti assieme
nun l’avo visti mai
e puro l’appetito
m’era passato ormai.

Coll’animo leggero
me sentivo beata
ma devo riconosce
che ero emozzionata

perché pur’io fra loro
ero stata invitata.
Fu ‘na serata unica

davero eccezzionale
e tutta dedicata
ar verso dialettale.

****************

RICORDO TESTACCINO

Ciò ‘n antico ricordo testaccino
e lo ricconto a voi tutto d’un fiato
perché da la villetta indò abbitavo
sentivo quer fracasso indiavolato
che succedeva a lo Stadio de pallone.
pé la durata de tutto er Campionato.

De salì ar Monte però c’era er divieto
che nissun portoghese rispettava
e nun ve dico quer che succedeva…
A casa ciarivava l’ululato
ner momento che ‘gni  gol era centrato
e, a quer tempo – sapete- ereno tanti!

Se risvejava perfino er cimitero
quello acattolico che stava propio accanto
e ogni anima de certo avrà tifato
pé la Maggica che disputava ar canto
dell’inno de quer tempo …mai scordato.

Forze propio pé questo lo Stadio fu levato
però un campetto romano, mò, c’è ritornato.

*************

SEMPRE UGUALE ARIVA NATALE

L’agurio de natale è sempre quello:
Tanta felicità e ‘n anno più bello!
Però, ‘gni anno all’artro è sempr’uguale
e puntuarmente ariverà Natale.

Preparamo er Presepio e l’Arberello
sereni e speranzosi ner pregallo
pé propizzià l’arivo der Messia
chiedènno che ‘gni pena porti via.

L’umanità però nun pò àsse paga
ner vede tanta infamia che dilaga
ostacolanno qualunque inizziativa
e facenno risartà l’ipocrisia…

e quela Pace ch’è da tutti attesa
rimane sempre la più grann’impresa
che fra congressi chiacchiere e riugnoni
resterà un mito pé tutte le nazzioni

seppure neutrali apolitiche e sincere
parlanno de pace …prepareno le guere…
perciò ‘sto desiderio è un ritornello
e nu  resta che girallo ar Bambinello.

*******************

SO RIUSCITA A “PRENDETTE”

Ce l’ho fatta …finarmente
che fatica pé prendette!
Mò, le cose ch’ho da ditte
me so’ escite da la mente.

Da tant’anni ‘ste parole
le sentimo giornarmente
su quell’onna modulata
ch’ascortamo puntuarmente.

E chi parla a la conzolle
riconosce quela voce
che se sfoga assai contenta
ner sentisse ormai appagata.

Sembra un canto de vittoria
doppo ‘na battaja ardita
che s’è svòrta sur quadrante
der telefono de casa.

Ce lo spiega la persona
attaccata ar Conduttore
che ce sforma e se dispera
quanno trova l’occupato.

Poi co’ tigna e co’ pazzienza
ce se prova e s’ ariprova
fino a quanno finarmente
Sente er “Pronto” a lei sola

destinato. A ‘sto punto…embè
se sfoga e se sente fortunata
che sippure ha perzo tempo
mò po’ di’ quer che jé pare.

Ma che sforzo e che fatica
ogni vòrta pé “prendette”
finarmente… mò …parlamo.

***************

SPAGHETTI E PORCHETTA

Appena guardi un piatto de spaghetti
té viè ‘na voja matta d’assaggialli
tanto si so’acconniti a buro e grana
oppuro all’ajo e l’ojo a la romana.

Però l’odore t’avrà già avvisato
ma tu li voi sentì sotto ar palato
si cianno er gusto che te sei ‘nzognato
e questo lo saprai su la forchetta

facenno concorrenza a la porchetta
che a certe feste mai nun mancherà
e mai nisuno ce rinuncerà.

‘sti piatti sò essenziali pei romani
perché sò piatti semprici nostrani
e chi li magnerà sarà appagato.

*************

UN PADRE COME TANTI

Tu sei vissuto fra lavoro e casa
li fij l’hai cresciuti tutti a modo
che coll’esempio fatto de dovere
l’hai ben temprati pé le prove vere.

L’anni che sò passati sò volati
e li  capelli ormai se sò sbiancati
le pene c’hai passate l’hai scordate
e mò ricordi solo l’ore liete.

Sei stato granne cò l’animo possente
e nun te sei sentito mai perdente.
perché hai conquistasto la stima cor decoro
questo pé te è importante più dell’oro.

Mò stai in penzione e te senti pigro
e certo er giorno tuo non è assai allegro…
pè quer c’hai dato nissuno te sa dà
ma fai un sospiro e seguiti a campà.

_______________________________________________

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...