Dialoghetti romani

Titoli:

  • Chi paga er conto?
  • Penzieri giornalieri
  • Er boschetto
  • Generazzioni
  • La signorina
  • Li compagnucci
  • Li conziji de la commare
  • Primo incontro o scontro?

___________________________

CHI PAGA ER CONTO?

A sor Giova’ sapete?

Sora Tuta che dite?

E’ stata organizzata
‘na festa eccezzionale…

E voi che fate…ciannate?

Che domanna me fate…
sapete che me piace
‘na festa divertente!
Sì devo èssè sincera
Ciò pronto già er vestito.

Me pare de vedello
sgargiante e trasparente!

Nun solo è luccicante
ma cià ‘lo spacco ardito.

Sarete ‘no spettacolo…
La mejo de ‘sto secolo!
L’avete già pagato
O come vostro solito
Sarà ancora strisciato?

Ma ché me state a di’?
Er conto l’ha pagato
chi m’ha invitato lì.

PENZIERI GIORNALIERI

Sòra Teresa bbòna giornata
Vedo ch’annate a la passeggiata

Che passeggiata … vado ar mercato
E v’assicuro … lavoro ingrato

Nun ve diverte de fa la spesa?
Pijatela come ‘na bella sorpresa.

Bella sorpresa ? E’ ‘na novità
Che ‘gni matina m’angustierà
Perché li prezzi nun zò mai uguali
Pure su articoli che so’ usuali
Aumenta er pane  la pasta er vino
E nun c’è gnente de genuino
E ciò er rimorzo che quello che compro
A’n certo punto se vòrti contro.

Io nun caspisco quello che dite
Sì ‘n pò più mejo nun ve spiegate.

Possibbile propio che nun capite?
Ma voi l’aumenti nu li vedete?
A fa’ la spesa ciannamo contriti
E semo sempre male nutriti

Purtroppo’gni articolo viè da lontano 
E nissun sapore è quello nostrano.

Apposta ve dico ch’è un gran probblema
Combina’ bene sia pranzo che cena
Spennemo tanto pè quer compramo
Magnamo male e in pià s’ammalamo.


ER BOSCHETTO

Ce sta un boschetto
sopra un monticello
ch’è fatt’apposta
péll’innammorati.

Ce schioccheno li baci
cento a cento
sia sott’er sole
che sotto la luna.

Un giorno du’ regazzi
capricciosi
voleveno lassàsse
assai nervosi

dicènnose parole
menzognère
che tutt’e dua
fasceveno soffri’:

Me so’ stufato
Nun me vòi più bbene!

diceva er giovenotto
assai infuriato.

A me lo dichi?
Tu cerchi la scusa
e me so’ accorta
che sei tu a inghigna’.

E,  ner parlà,
du’ lagrime cocenti
tremaveno nell’occhi
luccicosi.

La guardò mejo lui
co’ tanto amore
e co’ la mano
j’asciuttò er visetto

la strinz’ar petto…
jé scoccò un bacetto
e fra le fronne

der fresco boschetto
cantava alegramente
‘n ucelletto.

GENERAZZIONI

Nonnetta bella come sei vestita?
Me pari un maschio accusì combinata!

Cara nipote me vojo un pò aggiorna’
pé ‘st’artro poco che devo da campa?

Ma  fino a ieri penzavi differente
e la modernità nun te diceva gnente
anzi, eri quella che me baccajava
si me vestivo un poco più vistosa.

Ma mò te spiego quer ch’è capitato
e t’assicuro che nu l’ ho cercato
che quasi stento puro io a crede.

Dimme, ricconta  che io me metto a sede.

Hai da sapé che vado ar Centr’anziani
tanto pé divagamme e sta’ ‘n pò assieme…

Vabbè…ma fino a quì tutto va bbene
me pare nun ce sia gnente da discute.

Er fatto è questo cara nipotina
che mò è arivata la telvisione
e vo’ porta’ li vecchi com’esempio.

Allora…me vòi di’ che c’è de strano?

Nu lo capischi?…Vado in primo piano
perché hanno scerto a me come campione
de terz’età che pare giovanile.

Però quello che fai è ‘na mascherata
tutta truccata, cor reggipetto a vista
e li capelli tajati a la maschietta.

Fijetta bella prima de mori’
lo sai che la farfalla mette l’ali?
Così me so’ truccata da farfalla
pé pija’ ne la rete er calbbrone.

A no’ tu er calabbrone lo fai ride…
sai come scappa quanno che te vede
perch’è la carne fresca che jé piasce.

Tu me stai a offènne, che voressi dimme?

Te dico che nun basta l’apparenza
quello che a te te manca è ‘n’antra cosa.

Che manca a nonna tua…’n pò de sciortezza?

Penzo de si …però no fatta pé finta
Sortanto quella de la giovinezza.

LA  SIGNORINA

Sarve, bella signorina.
Permettete? Io so’ Pasquale
E sortanto da du’ giorni
Sò venuto quì a abbità.
Ma scusate si m’azzardo
a parlavvé pé le scale.

Ma che dite? Ciò piacere
de conosce er mio vicino
e pur’io da solo un mese
so’ venuta a abbita’ qua.

Pé davero? Io sapevo
che ce fosse ‘n ‘inquilina
mai però così carina!

Ve dirò co’ confidenza…
‘na regazza, de ‘sti tempi,
vive male a sta’ da sola
e pe’ sta’ ‘n pò più tranquilla
ogni tanto cammia casa.

Ve capisco veramente…
e pur’io p’èssè sincero
nu sto bene a sta’ da solo
E ho lassato er mio paese
proprio pé sta quì in città.
indov’è fascile trovà
compagnia de qualità.

Ma davero state solo?
Senza moje…senz’amiche?

Passo a mejo presentamme:
signorino e possidente…si volete
v’accompagno…..Dov’annate
stamattina?

Grazie, grazie sor Pasquale.
ma io vado un momentino
a trova’ certi bambini
da le monache  ar convento.
Quindi nun ve disturbate,
pé stavorta… v’aringrazzio.

Ma voi fate l’assistente?
E’ lodevole ‘sta cosa
perch’è segno che ciavete
tanto core e zentimento.
Ch’età cianno ‘sti pupetti
penzo che li conoscete?

Direi propio!…Er primo nacque
quann’avevo quinnicianni.
Er seconno a diciassette…
Li gemelli appena a venti.

Sarvognuno, signorina.
ch’età avete pé piacere?

Sor Pasquale, m’offennéte…
Ventidue che nun ze vede?

LI COMPAGNUCCI

Sòra Cecijia mia
dovete stacce attenta
e dite a vostro fijio
de nun mena’ a Nennèlla.

Ma quann’ è stato?…Diteme
si so’ tanto carucci
e stanno sempre assieme
da bravi compagnucci?

Ve l’assicuro invece
l’ ha detto propio pupa
quanno m’è ritornata
co’ la faccett’accesa.

Me sembra tutto chiaro
mio caro Sor’Oreste
a faje er viso rosso
‘so’ stati li bacetti.

LI CONZIJI DE LA COMMARE

‘ sti regazzini so’ propio impicci
risponnéno male te fanno crapicci.

Ma io drent’ar core li metterebbe
p’avelli sempre più accanto a me

Ma loro a la madre nun penzeno mai
tutto è dovere quello che fai

Se sa che li fiji nun pònno sapé
dren’a ‘na casa er lavoro che c’è.

Dovressi guidalli co’ più rigore
e si ce serve co’ quarche schiaffone

Ma ché scherzate? Che so’ ‘ sti conziji?
se vede propio che nu avete fiji!

Cara commare m’avete da crede
si nun zò educati nu li posso vede.

Sì devo avvezzalli fra bòtte e paure
ciavrei d’aspettamme menzogne sicure
!

PRIMO INCONTRO  O SCONTRO?

Drin  drin…drin drin.
Arivo  arivo  e che ve sonate…
momenti scassate er campanello!
Ma chi séte ? Che volete?

Bongiorno Sòra Rosa, scusate,
io so’ Caterina.

Io nun ve conosco.

Ma vostro fijo Giggi non v’ha detto?…

Che me doveva da di’?

Che io che so’ la fidanzata
oggi dovevo venivve a conosce.
v’ho portato puro ‘sto mazzetto…

T’aringrazzio pé le rose
ma io nu sto ar corente de ‘sta cosa…
comunque entra, fija mia, che parlamo.

Grazzie, quanto séte gentile
che bella madre che cià Giggi mio
e ciavete puro la casa bella !

Eh! Si nun me lamento!
Ma Giggi è ito a fa’ er sordato
e de te nun m’ha parlato.

Eppuro me l’aveva assicurato
tanto che ciò creduto
che dopo der sordato
lui m’averebbe sposato.

Già parli de sposa’…
ma certo stai a scherza’?
Quanno  ritornerà
dovrà da lavorà
e no penza’ a sposa’.

Ma io jé vojo bbene
E lo saprò aspetta’.

Io nun te lo conzijo
de sta a spetta’ mi fijo
e quello che t’ha promesso
conziderelo nun detto.

Sòra Ro’ che me dite
e che conzij me date?
A Giggi mio ce credo
Perché so ch’è sincero.

Si ! Ed’è puro un fustaccio
ma cià ‘n caratteraccio
e cò te che sei bassetta
ce farà ‘na porpetta.

Sapete che ve dico?
Cò ‘na madre accusì
Giggi lo lasso quì.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...