Gocce d’acqua

1-ponteTitoli:

  • All’Incannucciata
  • Anniverzario de ottobre
  • Ar penzionato
  • Biancaneve e i sette colli
  • Cenerella
  • Chi se scorda de Natale
  • Dorci angioletti
  • Er nome de Maria
  • Er cottìo
  • Eroico sarvataggio
  • Felice anniverzario
  • Ggente sportiva  
  • Gocce d’acqua  
  • L’alluvione  
  • L’amico de li vecchi  
  • Leggènno se impara  
  • L’olivaro  
  • Mario Riva l’amico…  
  • Me so’ stufata  
  • Mi’ marito  
  • Nozze d’oro  
  • Olimpiade romana 1960  
  • Perchè succedeno le cose?!  
  • Riconcijazzione  
  • Rime spassose  
  • Rimette allegre  
  • Scudetto giallorosso  
  • Se va in campagna  
  • Sposalizzio de marzo – 1985  
  • Sposi d’agosto  
  • Sussistenza  
  • Troppa prescia  
  • Un piatto tricolore  
  • Un pieno de dorcezza  
  • Verzo er sole  
  • Visione

________________________________

GOCCE D’ACQUA

Quelle gocce sartellanti
così fresche e rilucenti,
tutte quante iridescenti,
sò manciate de brillanti.

Perle chiare scintillanti,
sì le guardi contro sole,
incolori e trasparenti
come lacrime d’amore.

Sia de fonte o de funtana,
sia de bbrina o de ruggiada,
gocce d’acqua de ‘na roggia,
der zampillo de ‘na strada.

Gocce d’acqua de ‘na vorta,
quanno tutto era pulito
che lo “smogghe” inzaccherato
piano piano v’ha inquinato.

Cascatelle adamantine,
ritornate cristalline!

____________________

RIMETTE ALLEGRE

Se lamentamo tutti:
Nun se po’ più campà!
Ma poi, quello che serve,
lo coremo a comprà.

La moje fa ar marito:
Nun sei bbono da gnente!
E lui ppè vive in pace
fa finta che nun sente.

Dice la zitellona:
Com’era bella… allora!
Ma forze pure allora
era ‘na chiacchierona.

La signorina dice:
Non esco mai di casa!
Ma quello che nun dice
è che “sola” nu sta a casa.

_______________

L’AMICO DE LI VECCHI

L’amico de li vecchi
è solo er sole,
er più sincero e vero,
er più devoto
che je riscalla er corpo
e li conzola
facenno scorre er sangue
più veloce

Li vedi a sede assieme
a li sedili
de li ggiardini verdi
e profumati
e stanno tutti quanti
arillegrati
si parleno der tempo
ch’è passato.

Lascianno ner ricordo
ogni rimpianto
perleno delle cose
ch’hanno fatto
e dell’amori avuti
e de li fiji
e d’amicizzie salde
ormai scomparse.

Pe’ questo jarimane
solo er sole
che si nun antro
j’ariscalla er core.

_______________

CENERELLA

Cenerella è ‘na gattina
che cià l’aria biricchina
e v’appresso alla padrona
mentre fà qualunque cosa.

Sotto ar letto jè se mette
aqquattata a zampe strette,
ma er rumore der “piattino”
je fà smette er rimpiattino.

Corre sverta ppè magnà,
nun se fa manco chiamà.
E’ bellissima, sorgnona
e abbastanza dormijona,

‘sta simpatica micetta
per davero un pò cicetta
che conquista tutti quanti
cò le fusa e cò li pianti.

Ma si c’è ‘na porta chiusa
tutti i mezzi che cià usa
e se la mette a sgraffignà
ppè potella spalancà.

E’ dde razza assai curiosa
e fiutanno va ogni cosa
ch’er mistero nun je piace
tant’è vero che se tace.

la padrona ner cucì,
lei la radio va a sentì
che la musica je piace…
ce s’addorme in santa pace.

__________________

L’OLIVARO

L’ometto che ‘ncontravo la matina
da mò che nu lo vedo ppè la via…
Spigneva er carettino cor bastone
e se fermava, accanto a ‘gni portone.

Era aspettato da li regazzini
ch’annaveno a comprà li bruscolini
oppure l’olivette dorci dorci
che se crompaveno co’ ‘n po’ de sordi spicci.

Quell’olivaro vecchio nun c’è più
e dde sicuro adesso sta lassù…
Quasi de certo lui ciavrà piacere

si ricordamo quer contenitore
che lui portava sopra ar carettino
ppè ffà felice quarche regazzino.

E ppè li “Morti” forze a Camposanto
invece de li fiori e le cannele
vorebbe tante olive verdi e nere.

__________________

LEGGÈNNO SE IMPARA

La scenza che mè’ntrata ne la testa
la devo tutta a certi libbrettini
che me leggevo in piedi lesta lesta
fra i giochi e strilli de li regazzini.

L’ho conzervati poi gelosamente
come tesori chiusi ‘n der cassetto
‘gni tanto poi pè riténelli a mente
l’ho ripassati quasi con affetto.

Ciò ritrovato tutto de preciso
e quer ch’ho imparato m’è rimasto inciso:
conzij ricette massime e concetti
pé vive cò critéri sani e retti.

A ‘ste dispenze m’abbonò mi padre
me le leggevo assieme co’ mi madre
e so convinta che nun zerve un libbrone
Pé mannasse a memoria ‘na lezzione.

__________________

SUSSISTENZA

Mi’ Padre che ha militato
in “Sussistenza”
é sempre stato
pieno d’efficenza:

scovava l’acqua
pure indò nun c’era
e mai l’ha fatta mancà
lassù in trincera.

Ce lo sapeva Lui
che li sordati
annaveno prima de tutto
confortati.

Che pane e carne
e li “caffè corretti”
l’avrebbero riarzati
e assai sorretti.

Sempre a ‘sto modo
mi Padre ha confortato
ogni pòro regazzo
trincerato.

_____________

OLIMPIADE ROMANA 1960

A Roma è convenuta tutta quanta
la mejo gioventù der monn’intero
pé gareggià cò tutta la passione
a ognuno de li giochi arditi e fieri
che fureno d’Olimpia er primo vanto.

Ma puro sì li tempi nun zò quelli
lo spirito è rimasto tale’ e quale
tenteno de gareggià cò eguar valore
e l’arditezza d’ogni core puro
senza paura e manco presunzione.

L’avemo da piantà cò la manìa
de mette lo scompijo ne lo sport
ché le discordie spesce fra l’atleti
nun fanno prevedé bòni fruttati
e i brutti figuroni so scontati.

Si nello sport nun regna l’armonia
l’atleti sò rabbiosi e dispettosi
e questo sorte fôra in ogni gara
e la votazzione poi risurt’amara.

_________________

CHI SE SCORDA DE NATALE

Nessuno mai se scorda
de Natale
ch’er venticinque
ariva puntuale
ner mese de dicembre,
assai ggelato,
ma dall’amore de tutti
é riscallato.

Davanti all’arberelli
illuminati
e all’asinelli e alli bovi
accovacciati
ce stanno le speranze
e le promesse
che quarche vorta
rimaneno… promesse.

Quest’anno invece
sur filo de tant’onne,
le voci se sò sparze
assai profonne
e a quest’appello avemo
risposto in tanti
e avemo rigalato
tutti quanti.

Sia i piccoli orfanelli
che i nonnetti
riuniti assieme,
adurti e regazzetti,

cianno avuto un Natale
assai speciale:
quasi anteprima
de Pace Univerzale.

_________________

RIME SPASSOSE

La maestra de ‘na scola
pare tanto sapientona,
ma poi a casa, sola sola,
fa le cose… a la carlona.

Ammiravo ‘na signora
artezzosa, assai glaciale…
taccheggiava de bon’ora!…
L’ho saputo dar ggiornale.

”na signora poverella
vole fasse compatì
elencanno le gran cose
che ‘gni ggiorno ha dda compì:-

Quante cose debbo fare!
Non so dov’incominciare!
Ner frattempo se prepara
e s’aggiustà ppé sortì…

Perché tutto er su dafare
è sortanto… spasseggiare!

_______________

AR PENZIONATO

Caro Amico penzionato
è ‘na vita che lavori,
la penzione ch’hai raggiunto
è er traguardo più agognato.

Ner penziero ciai er ricordo
der ber tempo ch’è passato,
ma ‘sti ggiorni sò più belli
te l’aggusti in santa pace.

Ppe tant’anni priggiognero
der lavoro e der dovere
nun potevi lassà corre
nè penzà sortanto a tte.

Solo adesso finarmente
sei padrone d’ogn’istante,
si tte ggira veramente
pòi ffa puro… proprio gnente.

Te vòi ffa ‘na pennichella?
Vòi godette un po’ de sole?
Te pòi sceje indifferente
de ffà quello che tte pare.

Nun ciai orarii nè premure
senza turni e cartellini.
Mò però quello che conta

è dde sta’ sempre in gran forma
e cor core in allegria
ricominci ‘n’antra vita.

________________

ALL’INCANNUCCIATA

Er penziero me riporta
a Pasquetta de ‘na vorta
quanno a ffà la scampagnata

‘gni famija se n’annava
e pagava a la romana
ogni cosa che magnava.

Sopra ar Tevere, felici,
coi parenti e coll’amici
nella fresca Incannucciata

se brinnava e se cantava
e ridenno e chiacchieranno
se buttava via ‘gni affanno

De quer tempo entusiasmante
nun se scorda proprio gnente
‘gni perzona staggionata

che a quer tempo st’ancorata
perchè ormai la gioventù
de quell’anni… nun c’è più.

_____________________

ANNIVERZARIO DE OTTOBRE                     

Fra le vendemmie e le bell’ottobbrate
ce stanno tante feste celebbrate
e proprio in quest’ottobbre tanto bello
du’ Sposetti scammiarono l’anello.

Inginocchiati, cò’n po’ de batticore
se dissero de sì cò gran fervore
e in tutti’st’anni che so’ ormai passati
der loro amore nun se sò scocciati.

Appunto oggi ppè festeggià ‘st’evento
je famo i mejo auguri a cento a cento
perchè l’esempio che cce dà ‘sta data
è quello de ‘na coppia innamorata.

_______________

PERCHÈ SUCCEDENO LE COSE!?               

Quanno aveva vent’anni
er sangue je bolliva!
Bastava ‘na parola
ppè nun vedecce ppiù.

‘na vorta, sotto l’armi,
proposto ppè li gradi,
jè fecero ‘no scherzo…
che nun seppe abbozzà.

Volò ‘na gavettata,
quarcuno fu ferito…
ppè questo de li gradi
nun se ne parlò ppiù.

Sotto la tenda, ar sole,
imprecò a la brutta sorte
perchè quer gesto insurzo
l’aveva declassato…

Doppo vent’anni e passa,
ar tempo de la guera,
ce furno i “richiamati”
ppè primi i “graduati”

che vennero spediti
ben ortre li confini
e disgrazziatamente
nissuno aritornò.

Quer fatto che l’afflisse
nell’età sua più ardita,
chissà che non successe
ppè sarvaje la vita?

________________

MARIO RIVA L’AMICO DER SABATO SERA

Ciaveva un core granne com’er mare
chi l’accostava je voleva bbene,
l’Amico era de poveri e signori,
solo felice de ffà un po’ dde bbene.

Cò ‘na battuta arguta e sminchionata
rallegrava d’un tratto la platea
e chi se l’ascortava da lontano
d’un subbito capiva ch’era bravo.

E mò, chi avrebbe detto che cò un “zompo”
avrebbe fatto piagne tutto er monno?
Ma chi l’amava o solo l’ammirava
mai se potrà scordà de quell’Amico

che a tutti rigalava er buonumore
da dietro ar vetro der televisore.

____________________

MI’ MARITO

Mi’ marito che smagnoso!
Nun je va mai bbene gnente!
Smagna, sbuffa, strilla, scatta,
cò li nervi a fior de pelle.

Ogni cosa che chiedo
m’arisponne sempre:… Noò!
Manco je chiedessi er sole
o ‘na villa in riva ar mare!

Parla solo de l’affari
e ddé mali scuri e strani.
Pure lui ciavrebbe tutto
ppé stà bbene in allegria:

Quattro  fiji bboni e belli,
‘na casetta ch’è ‘n amore,
e ‘n saccoccia un po’ dde grana.

Ch’artro vòle dalla vita?
A mme pare che se cerchi
li penzieri cor lumino
ppe sta’ svejo pure a notte

e sta’ sempre a borbottà.
Quanno invece è tanto bello
vive carmi, in santa pace
e ffà puro ‘na risata
ch’arillegra la ggiornata.

____________

ME SO’ STUFATA

Sò proprio stufa
de ‘sta vita amara
che pure de conforto
resta avara:
ha riserbato a me
solo amarezze
e sò cinquant’anni
che mme dà tristezze.

Nun sò padrona
manco a respirà,
ce vò er permesso
puro pe’ parlà
e questo nun è certo
un ber campà.
Tutta ‘sta gelosia
m’ha torturata…

Nun ciò raggione
si me sò stufata?

___________

UN PIENO DE DORCEZZA

Er Natale sta in arivo
e l’augurio è sempre vivo:
che salute, gioia e amore
regni drento a ogni core,

l’amicizzia resti bella
e sia bbona ogni novella,
l’anno novo possa avè
quarche cosa ppé godé.

Così pure ogni nonnetto
lo circonni tanto affetto
che disperda l’amarezza
e avé un pieno de dorcezza.

_____________

SPOSALIZZIO DE MARZO – 1985

Marzo ch’è un mese estroso
e pazzarello
v’ha combinato ‘no scherzo
poco bello
perché ha innevato tutto
er Campidojo
metténnove dde botto
in gran subbujio.

Su quer piazzale storico,
er serciato,
fra neve e pioggia
s’é tutto fracicato
e invece de’ ndossà
l’abbiti belli
p’annà a sposa
dovrete usà l’ombrelli.

E, dopo pronunciato
er sacro Sì
ritornerete a casa
cò li sci.

___________

SCUDETTO GIALLOROSSO

Un inno a ‘no squadrone subblimato
da tutti in coro mò verà cantato
a li fedeli e a li simpatizzanti
de botto se so’uniti tutti quanti.

Tenuto pè tant’anni ner cassetto
oggi è sortito assieme allo Scudetto
assai de prescia j’hanno organizzato
festeggiamenti e onori da primato.

La Roma ha dimostrato ancora a tutti
che quanno vo’ sa da’ de bòni frutti
e co’ la squadra piena de campioni

nun ce saranno più retrocessioni
applausi e vanto a chi co’slancio e amore
s’è meritato de Roma er granne amore.

 

_____________

EROICO SARVATAGGIO

Baldo ragazzo dar core generoso
davanti ar mare scuro e burascoso
t’è sorto drento un lampo luminoso
ppè compie un sarvataggio prodiggioso.

Davanti a tanta ggente indifferente
te sei buttato… senza penzà a gnente.
Perchè l’hai fatto? Dimme, ch’hai sentito?
Sei stato come un Angelo der celo
che ha fatto er su dovere solamente.

Coll’anim’artruista ce sei nato!
E’ mamma tua che te l’ha regalata!
E questo lo dimostri veramente
quanno aggisci così impursivamente.

E ppè sarvà ‘na vita sconosciuta
quasi la tua, ciavevi già perduta.
Adesso ripenzanno a quell’istante
t’accorgi d’avè rischiato anche la morte
che se n’è ita davanti ar tuo coraggio.

Quer giorno ormai è passato
scordalo tu
e resta accanto a mamma
un po’ dde più.

___________________

L’ALLUVIONE

Quant’acqua!… Mamma mia!
E tutta a casa mia,
p’annà sulla loggetta
me ce vò la barchetta.

La robba ar corridore,
sta a mollo da du’ ore…
Potrei restà ‘n der letto
però farei… er bagnetto.

In più, mò sto all’oscuro
che i fili drent’ar muro
sò tutti furminati
perchè sò infracicati.

__________________

RICONCIJAZZIONE

L’occhi sò ancora
lucenti de pianto,
pianto verzato
ppè chi m’ha tradito.

Ma sento er passo
che bbene conosco…
E’ lui ch’aritorna
da tanto lontano.

Corro felice…
rivedo quel viso
e sopra ar pianto
ritorna er sorriso.

Lui ch’è pentito,
me chiede perdono…
Io, cò ‘n ber bacio
l’ho ggià perdonato.

__________________

TROPPA PRESCIA – (1° Ragioneria)

‘ste ragazze sò farfalle
così fresche e spenzierate
che se coveno speranze
granni e arzigogolate.

Li destini differenti
nella vita poi c’iavranno,
ma quest’anni effervescenti
tutte li rimpiagneranno.

Regazzetti mori e bionni
un pochetto intolleranti
cò ner core li fermenti
nun ancor concretizzati,

cercherete con affanno
quelle mete tanto ambite
che daranno li doveri
alla vostra ingenuità.

A suo tempo, tutti quanti,
tante cose imparerete,
maturanno, l’esperienze
ve daranno libbertà.

Quanno poi ricorderete
queste vostre insofferenze
capirete che ‘sti ggiorni
così acerbi e dubbitosi

dovevate conzervalli
un pò a lungo, in verità
mentre invece assai de prescia
volevate maturà.

___________

UN PIATTO TRICOLORE

Er cavolo, quer coso fatto a fiore
se magna quarche vòrta a malincore
perché pare alimento popolare
e nun ze presta p’un magnà spesciale.

Ma nun è vero! Abbasta accomodallo!
e su ‘gni tavola potemo presentallo.
Bigna de daje un pò più d’importanza
e poi guarnillo come gran pietanza.

Doppo avello lessato senz’er torzo
v’assistemato sopra un piatto grosso
co’attorno tante e tante cipollette
messe precise e sbollentate ar dente

tutte arternate a ciuffi de spinasci
cotti a vapore p’èsse più verasci
fra queste e quelli le carore rosse
passate ar forno e affettate grosse.

Er tutto, poi, connito de limone
cò la mostarda p’aricchì l’odore
e ‘n pò de sale e pepe pèr sapore
poi d’ojo de frantòjo ‘no spruzzone.

Ve garantisco che co’ ‘sta corona
‘sto cavoletto fa ‘na figurona…
puranco su ‘na tavola d’onore,
fa un bell’effetto ‘sto piatto tricolore.

____________________

BIANCANEVE E I SETTE COLLI

Roma cià avuto sempre tutto
E nun je mai mancato lo splennore
Però la neve ha sempre scarseggiato
E su li Colli mancava Biancaneve.

Mò c’è un Programma che pè falla breve
fra giallo e rosso ha messo der biancore
e su Radioincontro s’irradia con amore
E financo fòri Roma vià ascortata.

E Biancaneve adesso s’è affermata
E da illustri personaggi è frequentata:
Ce stanno giornalisti valutati
E giocatori da tutti idolatrati.

All’ascortatori… quelli affezzionati
Nun sfuggheno li malèntenzionati
Che vònno attaccà briga in malafede
Buttanno là parole da nun crede…

Però Marcello nun zè fà smontà
E cò saggezza se sà destreggià.

_____________________

SE VA IN CAMPAGNA

E’ ggià arivato er callo,
tutti scappeno via
dalla città infocata
che nun ffà respirà.
Nun penzeno però
che se lasseno addietro
tante comodità.
Ce penzeno sortanto
doppo avè scerto er posto
e sò arivati là
credenno che ar più presto
se pònno rinfrescà.

Nun troveno “AcquaMarcia”
la deveno da pompà.
Er fero ppè lo “stiro”
riempito de carbone
fa pure più sudà.
La luce drento casa
è solo a tre… cannele
e pure ppè la strada
c’è un misero lampione.
De frigo nun se parla
e manco de Ti Vù
così che le ggiornate
sò lunghe ancor de più.

Li canti che se senteno
sò de galletti e grilli,
la pace che voleveno
li sta quasi a sfinì.
Passati i primi ggiorni
de la curiosità
senteno che la noia
nun ponno sopportà.
E’ bella la campagna
nun c’è proprio da di,
ma ppè chi vive in “metropoli”
nun cià gnente da offrì.

Se rifanno li bagaji
p’aritornà in città
e dde vive in campagna
mai più se parlerà.

___________

DORCI ANGIOLETTI

Dorci angioletti sete saliti ar cielo
vinti e distrutti dar morbo crudele,
a tante madri i còri so’ spezzati
perfino i cor de donne senza prole.

L’infanzzia che dovrebb’esse felice
a voi pupetti, ha ddato un male strano
rubannòve la vita e ‘gni diritto
che a ogni essere umano ha riserbbato;

Ma ggià!… Quali saranno ‘sti diritti?
Si manco i primi dua so’ arispettati!
Vita e Salute, dico, manco quelli
vengheno garantiti ai piccoletti.

Virgurti tenerelli e già indifesi
destinati a soffrì li primi ggiorni
ppe mancanza de mezzi e inizziative
e fra l’indifferenze più nocive.

Angioli! In cielo adesso, troverete
quello de cui la tera v’ha negato!
Nulla chiedeste qua… nulla lassù,
ma ciò c’avrete in cielo è assai de ppiù.

____________

PAPA GIOVANNI

Er monno s’è inchinato riverente
davanti alle sue doti de bontà
e quer soriso pacifico e cordiale
sapeva infonne la serenità.

Da tutti fu chiamato Papa Bòno
e li derelitti annava a visità
voleva vedè tutti affratellati
e le religgioni voleva unificà

e questo mai mancò de predicà
pure cò la salute funestata
che lo ghermì in odor de santità.

E mai nissuno ar monno ce sarà
quarcuno che de Lui se scorderà
e papa della Pace resterà.

 

________________

VERZO ER SOLE

Cordojo de ‘na vita
tant’amara
che tte ffà vive
senza fatte vive.

Passeno l’anni
sempre tutt’uguali
cò ‘n desiderio vivo
in fonno ar core.

Desiderio de core
incontro ar sole
che nun t’abbrucia
perchè troppo lontano,

ma pure fra le nuvole
anniscosto
spann’energia
come fuss’agosto.

Elemento vitale
che rafforza
e spron’all’azzione
senza mai ‘na sosta

quann’anche nun ze pò
correje ‘ncontro
se sa ch’esiste…
E solo quest’abbasta.

_______________

VISIONE

Ppè ‘na divinazzione
ciò avuta ‘na visione:
io me sò vista stesa
che l’anima avo resa.

Li fiji me piagneveno,
nun se capacitaveno.
Er primo me guardava
e intanto sospirava:

“Pora mamma, quaggiù,
nu la vedremo ppiù!”
Quell’artro tutto smorto,
pareva ‘n antro morto:

Che ce potemo fà?
S’è ita a riposà!”
La femmina fremeva,
la testa se reggeva

piagnenno disperata:
“Mi’ madre m’ha lassata
me sento disperata,
sò proprio sfortunata!”

Er quarto bianco e rosso,
ciaveva er fiato grosso…
Vedevo che penava
e intanto se lamentava:

“Nun me pareva ancora
che fusse giunta l’ora!
Avrei voluto dì:-
“Nun piagnete accusì…!”

Fra tanta confusione
presi l’assoluzione,
la bara me coprì
e tutto… finì lì.

___________

GGENTE SPORTIVA                                  top

Folla onesta e giubbilante
nello Stadio stimolante
che tumurta allegramente
e nun vò perdèsse gnente.

Carci, lanci e capriole…
Veri fatti e nno parole
e coll’impeto d’ariete
‘n antro “gol” centra la rete.

Un applauso allo Squadrone
che primeggia da campione
e tutti tifeno dde più
ppè vedello salì su.

La battaja se ffà ardita
e la folla è già impazzita
mentre arto sopra er tetto
sale in gloria lo Scudetto.

S’ode un urlo soddisfatto:
Viva viva lo Scudetto!

___________

NOZZE D’ORO

Sò cinquant’anni che sete sposati
ppè voi la vita nun cià più segreti,
fu bello allora e adesso è ancora bello
guardavve drent’all’occhi e dì:”Ricordi?”

Già! De ricordi ce n’àvete tanti…!
Forze non ttutti belli
spenzierati, però in compenzo
ve volete bbene!

E’ questo che più conta, nun ve pare?
Sò lunghi cinquant’anni ppè ‘n’ugnone!
Ma si viè cementata dall’Amore
diventerà ‘na torre de granito.

E resta com’esempio all’infinito!
E mò che la famija ve st’attorno
Ppè favve allegramente
i mejo auguri

pure ‘n poeta se vò unì cò lloro
ner mentre brinna dice cò calore:
‘sta festa riscallata dall’amore
è come un firm de ‘na vita intera;

e fra parenti e fra amicizzia vera
andrete avanti ancor felicemente
p’aribrinnà a le Nozze de diamante.

______________

FELICE ANNIVERZARIO

Le vostre nozze d’argento sò arivate
e come er primo ggiorno voi ve amate
perchè quanno ‘na coppia è assai affiatata
sarà sempre ‘na coppia innammorata.

Inginocchiati ai piedi dell’artare
ve sete detti Sì cò tutto er core
L’uno coll’artra ve giuraste Amore
e de restà uniti pure ner dolore.

E oggi che rinnovate er giuramento
sete felici come quer momento
ner mentre la famija affezzionata

brinna contenta a questa bella data
e allegramente v’augurano tutti in coro
de rivedesse ppè le Nozze d’oro.

________________

ER NOME DE MARIA

Esiste un nome, quello de Maria
che sempre in ogni lingua fa poesia,
canzoni, stornellate, o canti austeri,
‘sto nome ispirò sempre artisti veri.

Maria, Mary, Mariù o Mariolina
chi porta ‘sto nome se sente ‘na reggina
perché se paragona a la Madonna
ch’è simbolo de Madre e dde pia Donna.

Ner calennario ce ricorre spesso
e se ne semo accorti mejo adesso
perchè sì a ‘n antro nome st’accoppiato
cammierà a un tratto quer significato.

Cò Anna, Teresa, Isa, Rita o Rosa…
Maria diventa… tutta ‘n’antra cosa!
Chi ciò ‘sto nome se ne sente fiera
tanto si è sottomessa o battajera.

‘sto nome piace e sempre nummerose
fiorischeno le Maria, come le rose,
e annummeralle dar nummero uno
ogni famijia ce ne dà più d’uno.

Ppè tutte quante irradio ‘sto messaggio
che vòle esprime er mio sentito omaggio
auguranno ‘na vita assai radiosa

a ogni Maria che sia regazza o sposa
speranno che a ciascuna cò letizzia
jè arivi come un segno d’amicizzia.

_________________

SPOSI D’AGOSTO

Sole d’agosto ardente ed infocato
infiammi ancor dde più questa giornata
ch’è quella che corona ‘n ideale
de gioventù e d’amore assai leale.

L’aria sprofuma de millanta fiori
ch’arivesteno l’Artare de colori
e ‘gni perzona che sta lì invitata
ammira la coppietta inginocchiata.

Li genitori poi, cò l’occhi rossi,
vònno ffà vvede che nun so’ commossi.
Quanti penzieri e quante… faticate!!!
Oggi però sò tutte superate.

Oggi la gioia nun cià più confini
ppè ‘sti fijietti non più regazzini
che pronti sò ppè la felicità
cò l’augurio de mamma e dde papà.

________________

ER COTTIO

In ogni antiviggija de Natale
se prepara ‘na notte eccezionale
de trascore ar Mercato generale
ar Cottio pescheria senz’eguale.

Li banchi illuminati a luce piena
cianno li pesci tutti messi in fila
de tutte le qualità pure stragnère
che spargheno lì attorno odor de mare.

Le squame rilucenti com’argento
pareno dipinte sopra er marmo
le pinne scure e dritte fanno testo

che quella notte é der più pien’inverno
si c’è siffatto pesce accusì vivo
è mejo sceje er magro lì ar cottio

p’arenne più sciccoso er gran Cenone
e ne la réssa de un pubblico spesciale
tutti se fanno l’auguri de Natale.

_______________________________________________

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...