Le Traggedie romanesche

Titoli:

  • L’arringa
  • Peppe de Borgo
  • Ar ricovero
  • Appelli e dediche
  • Dramma de Capodanno
  • La fiorara
  • Un fiore tra i capelli
  • L’arioplano
  • Alfredino de Vermicino

__________________________

L’ARRINGA  er fattaccio N.due

Autodifesa de ‘na donna accusata
de ussoriscidio
 

M’ addimannate, perché l’ho fatto fòra?
Embè. Li motivi so’ tanti e tutti veri!

Me so’ sposata quasi ragazzina
nun potevo, de certo, esse indovina
specialmente sì mamma me diceva
che a lei quer giovanotto jé piaceva
perché viveva da solo e assai appartato
e pé questo pareva un tipo assai educato.

Io…me sentivo piena de fervore
perché se crede sempre ar prim’amore
che a quinnicianni te fa sbatte’er core
senza capì che quello nun è amore
ma solamente er primo…batticore
che all’enfatuazzione da colore.

Doppo sposati, lui ch’odiava er monno,
ben presto m’allontanò tutti da torno:
mai più contatti cò parenti e amichi
e drento casa solo noi dua…nemichi
perché ciavevamo l’ idee  tutte contrarie
su tutte quante le cose… le più varie.

La casa piccoletta e assai curata
da tanti fij poi fu rallegrata
e io serena allevavo ‘sti pupetti
tra faticate, favole e giochetti
e io cantavo mentre sfaccennavo
così scordavo quello che penavo.

Co’ l’artre donne nun me confrontavo
e manco co’ quarcuno me lagnavo
pè questo mai nessuno m’ha aiutato
eppure m’ha amato tutto er vicinato
che s’era accorto de quello che passavo
e nun capiva perché nun me sfogavo.

Le umigliazioni e le parole odiose
lui me le rifilava a forte dose
e me sfogavo a piagne, ma intuivo
che a cammià la sorte nu ce riuscivo.
Speravo ch’esse docile e ubbidiente
l’avesse portato a esse più cremente.

Quello che nun capivo era lo sfotte
sortanto pé rifilamme un pò de botte.
Se pònno mai scordà tutte ‘ste cose?
che v’ assicuro so’ spine dolorose
e brutti esempi pé li ragazzini
che viveno ner crima d’aguzzini.

Direte: Sì accusì lui v’ha trattato
se po’ sapé perché nu l’hai piantato?
Nun v’annisconno che ciavrei provato
si quarchiduno m’avesse conzijato!
Ma scioje er nodo co’ li fij appresso
nun era facile come succede adesso.

Li fij nun l’avrebbe mai lassati
in balìa de chi l’avrebbe mar trattati
oppressa sempre ne sarei restata
se via da sola me ne fossi annata
solo ‘sta situazione ragionata
è stata quella che m’ha vincolata.

E ieri all’improviso, com’ è usanza
m’ha rifilato un carcio ne la panza
me so’ mancate le forze in un minuto
e un antro fatto uguale ho rivissuto
quanno co’ ‘n antro fijo drent’ar zéno
me presi un carcio dritto com’un treno.

Er piccoletto sortì prematuro.
D’allora, fra de noi ce crebbe er muro
mentre la vita più triste diventava
e scordai er canto che me conzolava.
Solo de notte, cor viso sur cuscino,
piagnevo e me sfogavo cor destino.

‘St’urtima zampata immeritata
‘na ribellione immensa ha scatenata.
Abbasta – ho detto- e d’impeto ho tirata
la prima cosa che m’è capitata
e disgraziatamente fu un cortello
che jé s’è infilato dritto ner cervello.

Nun zò spiegamme com’è capitato
ma v’assicuro …nun fu premeditato.
Me pare che a ‘sto punto ho detto tutto
me renno conto ch’è un ricconto brutto
nun solamente pé chi l’avrà ascortato
ma puro pé me che ve l’ho riccontato.

Giudicateme adesso, brava gente!
dell’avvenire nun m’emporta gnente
libbera e sola oppure là in galera
mai più conoscerò la pace vera
e  cò coraggio affronterò er verdetto
sì armeno uno avrà creduto quant’ho detto.

PEPPE DE BORGO
Diverzità cattiva

Peppe de Borgo era un ber fanello
Compagno de lavoro a mi’fratello.
L’amavo tanto e lui me ricambiava
Ma questo a mi’ fratello nun garbava
E un po’ alla vorta me l’allontanava
Senza badà a la pena che me dava.

Quanno che Peppe a me me disse addio
Me parve che strappasse er core mio.
Lo disse cò’no sguardo assai avvelito
Spieganno che l’amore era fenito
Ma nun me seppe da’ la persuasione
Perché vedevo in lui la confusione.

Viddi felice solo mi’ fratello
che stava sempre più assieme a quello.
Feci tacé l’amore de sorella
penzanno a la vennetta  solo a quella
e l’appettai decisa cor cortello
ma Peppe se fece avanti pé scanzallo.

Questo sarvò la vita a mì fratello
e Peppe che stramazzò sopr’ar serciato
nun afferò quell’urlo disperato
che me salì dall’animo accorato
mentre che maledivo mì fratello
ch’aveva distrutto ‘n amore così bello.

Disperata penzavo che fusse pé dispetto
e mai capii quer che ce stava sotto.
Io l’ho scoperto drent’ar cellulare
‘ndò parlorno d’amicizia particolare
che m’ha fatto fenì drent’ a ‘sto gorgo,
p’avé ammazzato, lui , Peppe de Borgo.

Mò sto’ rinchiusa fra ‘ste quattro mura
e vedo davanti a me ‘na vita dura,
e ciò un rimpianto solo, ch’er cortello
nun zia fenito in petto a mì fratello.


AR  RICOVERO
Solitudine

Ciò novant’anni e passa e sto in salute
m’ha detto ‘na vecchietta all’Istituto.
Davero?- jò risposto- ciò piacere
ve faccio assai de core tanti aguri !

Piccola arzilla  e dritta com’un fuso,
le guance rosa e l’occhio acuto e vivo.
Me la guardavo mentre che parlava
e de  venimme appresso  nu smetteva.

Tengo tre fij e quinnici nipoti
la mia è ‘ na famija favolosa
e io, qua drento, me ce trovo bene.
Carcò un po’ troppo su – quer tanto bene-

E ripeté – davero ce sto bene !
Lo disse p’evità la compassione
ma l’enfasi me rese sospettosa
e l’attenzione diventò dubbiosa.

Poi me fermai p’offrije quarche cosa
e da la borza scersi’ na scialla rosa
ne fu contenta e me baciò la mano
mentre me ringrazziava piano piano.

La mano me sentii piena de pianto
e questo me commosse proprio tanto
quer gesto rivelò l’immenzo  dramma
che nisconneva quell’anima de mamma

perché quella famija numerosa
nun era come diceva… generosa.
E quela vecchia cò fij e cò nipoti
ciaveva ormai tanti parent’ ignoti.

Adesso nell’ospizzio rintanata
piccoli e granni l’aveveno scordata
la vita sua da quanno era rinchiusa

era tar quale a quella da reclusa.
Compresi in pieno quella sua tristezza
e me l’abbraccicai  cò tenerezza.

La concrusione de la vita è amara
si nun c’è accanto chi ce la rischiara
specè da vecchi …senza più conforto

se mòre prima d’èsse davero morto.

APPELLI  E DEDICHE
Richieste radiofoniche

Tanti fojetti un po’ scarabbocchiati
stanno su la conzolle sparpajati
ce stanno scritti sopra tanti nomi
e spesse vorte pure soprannomi.

Dediche appelli baci salutoni
ma più de tutto titoli de canzoni.
Noi Conduttori semo abituati
a riceve tanti appelli disperati

e nissuno è bòno a risponne
-Che c’emporta !-
Eliminanno sverti la risposta.

Ma dite voi più serio che ce sta
de fa’ contenta un po’ d’umanità
usanno ‘sto mezzo rapido e potente

che allontana la malinconia
e sa creà amicizia e simpatia.
Si se intuisce che fra li dedicati

Traspareno pensieri delicati
che vanno a fa’felice ‘n ammalato
che drento ‘n ospedale è confinato’

oppure esse pronti a da’ ‘na mano
a chi  a sta tutto solo s’è stufato
decidènno st’appello disperato.

A ‘sto punto er sentimento pija er volo
e se vorrebbe conosce quella gente
che ce s’accosta accusì devotamente.

Ve dico che io ‘sto mezzo l’ho trovato
e quarche vorta m’ ha puro rincorato.
Perciò me porto appresso ‘sti fojetti

Che so’ veri trattati de concetti.
E rileggendo a casa tutto quanto
de quarche nome m’aricordo er pianto

o l’eco de quer tizzio sconosciuto
che titubbanno me chiedeva aiuto.
Pé questo ‘sti fojetti  spiegazzati

sò emblemi e specchi dell’animi accorati
che pé trovà amicizia e comprensione
jé basta ‘na parola o ‘na menzione

magara ‘na poesia o ‘na canzone.
Infine poi pé dì la verità
perfino a noi quarcosa resterà.

Pé questo s’ha da esse generosi
cò chi se confida cò sincerità
che de sicuro è incerto e timoroso

Perché è successo in modo cramoroso
D’avé considerato un po’ noioso
Un pòro disgrazziato abbandonato

E quello …drent’ar fiume s’è buttato.

DRAMMA DE CAPODANNO
Miseria e allegria

Notte de capodanno scintillante
dovressi èsse pé tutti sfavillante!
Ce so’ purtroppo tanti scuri drammi
che sfateno l’entusiasmi tutti l’anni.

Chi nun gioisce perché cià qualche pena
e chi regge la vita a malapena,
ce stanno poi l’azzioni deprimenti
che so compiuti dalli delinquenti…

L’aria gelata sferza ‘gni passante
che va de corza senza guardà gnente
stasera a quarcuno l’aspetta er gran cenone
e lo compreteranno cor vejone.

Ner freddo de la strada un fagottello
st’ abbandonato accanto a ‘n alberello…
Lo fiuta solo un randagio derelitto
lui pure solo e ce va dritto dritto.

Spigne er fagotto cò la zampettina
e scopre er viso de ‘na ragazzina.
L’annusa e fiata pé daje calore
e abbaia forte…abbaia cò fervore

pé fa’ capi’ a chi va gioconnamente
che serve aiuto pé ‘na pupa ch’è morente.
Infatti la pupetta abbandonata
è mezza morta quasi assiderata

fortuna che de lì passa un barbone
che se sbriga a offrije protezione
portannòla in un zito più appropriato
indo’ quarche aiuto jé venga assicurato.

All’ospedale la pupa è riscallata
e da tutti l’infermieri spupazzata
ner mentre penzeno a la madre sciagurata
che cò quer freddo la fija ha abbandonata

Come la passerà  quela nottata?
Potrà inaugurà er nov’anno spensierata?
Intanto quella povera neonata
nun saprà mai chi l’avrà creata

e solo un cane… un barbone
e un pochetto de calore
j’ hanno ridata la vita
co’ disinteressato amore.


LA FIORARA
Sacrificio e dignità

Ne lo scialle de lana intorcinata
la fiorara da ore sta appostata
co’ la canestra sur braccio infreddolita
e dar profumo de li fiori un pò stordita.

Ancora sta diggiuna la pòretta
che de pecugna è vòta la borsetta
e spera  rimedià qualche sordino
p’annasse a riscalla’ cor cappuccino.

C’è la “Prima dell’Opera” stasera
pé lei po’ èsse ‘na serata bòna
lontana c’è l’ orchestra che già sòna
però fa freddo nun è ancora primavera.

Quante carozze cor cavallo ar trotto!
E puro ‘sto spettacolo è assai ghiotto:
le granni dame ariveno agghindate
da lustri cavajeri accompagnate

a questi la fiorara speranzosa
offre li fiori cò la mejo posa
“Signore bello vo’ crompa’ ‘na rosa?
starebbe bene in petto a la su’sposa

e puro a lei ‘na cameja sur vestito scuro
jé compreterà er vestito de sicuro.
Ma  de niscosto poi sospirerà
penzanno ar tempo che nun tornerà.

‘na vòrta puro lei fu ” gran signora”
e a teatro annava qualche sera
e l’omo suo li fiori jé crompava
dicenno che a ‘na rosa  assomijava.

Ma queli tempi ormai so’ tramontarti
e a da penzà a li fij sempre affamati
dar triste giorno che vedova è restata

pé questo, mò, fiorara è diventata
e ricordanno tutto a core stretto
seguita a preparà fiori a mazzetto.

Core e pensieri stanno assai lontano
accanto a li fijetti ar sesto piano
che tutt’e quattro bòni ner lettino

aspetteno mamma cor latte e cor panino
e solo quanno lei jé starà accanto
abbozzerà pé loro puro un canto.

UN FIORE TRA I CAPELLI
Destino crudele

A dodicianni s’è stroncato un fiore
er cèlo è tutto scuro de dolore
era ‘na fija estrosa e inteliggente
e vive lei voleva  fortemente.

A tutti lo diceva ‘gni momento
piena de slancio e cò tanto sentimento:
” A me me piace tanto da studia’
e assai presto me vojo diploma’. ”

Un brutto giorno se svejò spossata
e p’anna’ a scòla se preparò svojata.
Da quer momento pé quella ragazzina
fu tutt’un dolore de sera e de matina.

E fu l’istessa cosa all’ospedale
indove inizziò’na cura assai speciale
papà che se prodigava senza sosta
pè Pupa sua nun trovò risposta

puro quanno  lei  voleva uscì
lui la convinze a curasse proprio lì
e mamma che la guardava e poi piagneva
ner vedélla patì ce se struggeva.

Nun voleva ammette che ‘n’innocente
dovesse soffrì p’un morbo prepotente.
Nun ebbero quell’esito sperato
I sei mesi de carvario disperato.

Lauretta ch’aspettava ansiosa maggio
fu sopraffatta margrado er gran coraggio
e a febbraro chiuse l’occhi all’improviso
mentr’er fratello j’accarezzava er viso.

De questa ragazzetta eccezionale
è apparza ‘ na bella foto sur giornale
indò soride co’ l’occhioni belli
mentre s’appunta un fiore tra i capelli.


L’ARIOPLANO
Tragico atterraggio

Guardavo sere fa su verzo er cèlo
schiarito da la luna inargentata
mentre fantasticavo assorta e stanca
godènno in pace la magica nottata.

Framezzo ar brulichio de tante stelle
passaveno artre luci rapide e belle,
ne fissai una lontana e intermittente
che parve ‘na lucciola lucente.

Me dispiaceva che s’allontanava
mentre lo sguardo mio la rincorreva
e cor pensiero corsi a quella gente
che stava in viaggio spensieratamente.

Spezzai la poesia de quer momento
scordai l’afoso attimo d’incanto
e me misi a penzà prosaicamente
alla personalità de quella gente.

Sull’arioplano chissamai chi c’era?
Da ‘ndò veniva? Indove se n’annava?
In viaggio de lavoro o de piacere?
Da quanto abituati a ‘ste crocère?

Sarebbe stato bello stacce insieme
pé diverzificà ‘ste mie giornate
sempre penate e tanto faticate!
In quer momento forze l’ho invidiate

Er velivolo virò giranno storto
de sicurò diretto all’arioporto.
Allora er viaggio era terminato
e ognuno quanto avrebbe riccontato!

Er pensiero continuò a staje vicino:
Chissà si c’era quarche regazzino
forze impaurito der suo primo viaggio
che voleva dimostrà d’avé coraggio?

Quello che se trovava più a suo aggio
sicuramente era l’equipaggio
io cò la fantasia l’immaginavo
fantasticanno fino ar “dopoarivo”.

Intanto er sonno me nannò a dormì
e all’arioplano nun ce penzai più
ma la matina a bon’ora sur giornale
lessi  ‘na cosa che me fece male:

Un aereo passeggeri all’atteraggio
sartato in aria cò tutto l’equipaggio.

ALFREDINO DI VERMICINO
Tutto inutile

Sperduto in mezzo a un campo maledetto
ce stava un pozzo scuro stretto stretto.
Passava allegramente un ber Pupetto
che pé gioca’ s’avvicinò un pochetto.
fu risucchiato come in un imbuto
er povero Arfredino e fu…perduto.

Pé ore e ore ce rimase a spigne
e ognuno se sentiva er core strigne.
Sola e impaurita la pòra craturella
era straziata da la gran “trivella”
che sgranava la tera parmo a parmo
mentre che Nando jé diceva carmo:

Nun piagne piccole’…su, nun t’abbatte
che adesso viè Mazzinga, lì, a sarvatte.
Er piccoletto però ricominciava…
se sentiva la voce che implorava:
Ma fate presto! Quanno me pijate?
Nun vedo proprio l’ora ch’arivate!

Intanto più strillava e più calava
in mezzo a quell’argilla e s’impastava
diventanno ‘na statua de dolore
e pé sarvallo nun bastò l’amore
de tanti eroi che coraggiosamente
hanno lottato disperatamente.

Spericolati fino ar sacrificio
senza ricavà manco un beneficio
che ormai er fanello s’era già sfinito
cor corpicino tutto annichilito
Da quell’attesa spasmodica e fremente,
ciaveva sete e nun capiva gnente.

Ma quanno che la sorte fu segnata
dall’urtima più difficile affonnata
ner core d’Arfredino so’ rimaste
l’eroiche voci generose e meste.
So’ state quelle er viatico preciso
pé fallo tranzità ner Paradiso.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...