Penzieri vecchi e novi

Titoli:

  • A nonna
  • All’angelo custode
  • Bella griggiona
  • Cantata a Roma
  • Che  natale  e’?
  • Chiacchiere busciarde
  • Er canto der gallo
  • Er divano
  • Er postino e le bollette
  • Er principe azzuro
  • Er  berzajere
  • Fiorenzo se n’e’ ito
  • Gentilezza e’ …
  • Grazzie  Arberto
  • La dieta
  • La favola der gatto
  • L’ammazzatora
  • L’assolo
  • Le buscie…
  • Li Boccetti felici
  • Li fij propi so’ sempre li mejo
  • Lo scippatore
  • L’orologgiaro
  • Macche’ bacchetta maggica
  • Maggica Roma
  • Materazzo  e  materazzaro
  • ‘Na pochetta de felicita’
  • Oggiggiorno
  • Ottimismo
  • Ottobbrata
  • Parla’ sincero
  • Permalosita’
  • Pesca miracolosa
  • Poesia in… Vermi
  • Quanno tengo mi’ nipote
  • Quarto de luna
  • Roma sparita
  • Sabbato santo
  • Scampanata de pasqua
  • Stelle cadenti

_________________________

QUANNO TENGO MI’ NIPOTE

Quanno  spupazzo in braccio  mì nipote
me sento soffocà dall’emozzione
sparisce tutt’er monno in quell’occhietti
e  me lo magnerebbe de bacetti.

Quelle manucce rosa e delicate
pareno petali de qualità preggiate
e mentre jé bacio li diti uno a uno
felice come me nun c’è gnisuno.

De latte e borotalco è improfumato
e fra le  braccia se ne sta beato.
Me infonne forza p’asffronta ‘gni evento

e li pensieri scuri butto ar vento.
E penzo solo a quanno dirà nonna
ner mentre lui ner sonno già s’affionna.

*****************

ALL’ANGELO CUSTODE

Un Angelo custode
ce sta accanto
e sa come guidacce
ogni momento

ce da ‘na mano
quanno semo incerti
tanto sì annamo avanti
o s’inciampamo.

S’ha da rifrette
quanto sia importante
avé ‘st aiuto
che nun costa gnente.

Pé quanto m’ariguarda
io la sento
‘sta protezzione
tanto confortante

che me dà forza
in ogni situazzione
e quanno me ce affido
sto benone.

________________

ER  BERZAJERE

Er berzajere co’ le piume ar  vento
sente l’orgojo de la Roma antica
e primeggianno corre a cor contento
applaudito da la folla  sempre amica.

Spavardamente rènne loro omaggio
mostranno a tutti l’ indomito coraggio
è  er patrio amore che jé da vigore
compienno ovunque atti de valore.
uistatore d’anziane e de pischèlle
se sceje però sempre le più belle
e quanno la fanfara da la squilla

se garvanizza e ancora de più brilla.
e sventolanno er suo piumetto ar vento
sa dimostra’ che dei romani è ” er mejo”

***************

A NONNA

Nonnetta bella
piena de salute
esperienze svariate
hai conosciute

co’tanto sacrificio
l’hai affrontate
e quelle brutte
l’hai puro scordate

Quest’addimostra
propio co’ raggione
che la pazzienza
è la mejo soluzzione

pé supera’ le prove
ch’hai affrontate.
Mò alegramente,
er tempo ché birbone,

te le fa’vede
da ‘n’antra posizzione
indo’ sei spettatrice
solamente

e de ciò che succede
nun te fai coinvorge
sei ancora attiva

arguta e risarella
e pronta a dicce
che la vita è bella.

________________

BELLA GRIGGIONA

Bella bella Griggiona
dall’aria pacioccona
nun ciai più quella chioma
ch’er cèlo te donò.

Un tempo color d’oro
oppure fu corvina?…
La giovane testina
che un omo innamorò

Come Lady Godiva
nun ciai più l’ornamento
ma quei capelli griggi
so’ belli com’ allor.

Possiedi ‘na corona
che te sa fa’ reggina
sippure “pepe e sale”
quela corona vale!

Giacché tanta saggezza
sa tutti entusiasma’
e chi te sta a guarda’
sempre t’ammirerà:

Col labbro soridente
tu offri a tanta gente
l’ accorto e pio consijo
che quarcuno aiuterà.

_________________

CANTATA A ROMA

Vado pé Lungotevere
Co’ li penzieri ar vento
Mentre guardo ‘sto popolo
Ch’è alegro e se sà adatta’

Pijo ‘st’ esempio maggico
E rimanno le concrusioni
Gustanno l’emozzioni
Che Roma  me sà da’

Me piace er bello e er brutto
De ‘sta città incantata
Che accoje cor soriso
‘gni triste reartà

patetica e sorniona
è ricercata e amata
e a chi jé fà der male
sa sempre perdona’

pé tanti verzi è unica
paciocca e ‘n pò indolente
ma nun fà distinzione
sì se tratta d’aiuta’

la Storia de ogni sito
attira e stà a inzegna’
che la filosofia
sta propio de casa qua’.

_____________

CHE  NATALE  E’?

Ritorna Natale a fine dicembre
e ancora ritrova le nuvole e l’ombre!!!
S’accènnéno i video e l’audio ce dice
che ovunque ner monno nissuno è felice.

Se sente de guere de lotte civili
de bombe attentati e d’azzioni più vili.
S’è perzo er rispetto…nun c’è dignità
E ognuno sull’artro vo’ sempre zompa’.

Nun basta a ridacce quer senzo cordiale
sortanto méttènno du’ palle all’abbète
sì drent’a ‘gni core nu regna la fede.

Se penza a spènne e a riempisse la panza
scordanno che ar monno ce vo’ fratellanza
e tanta pazzienza  mischiata all’Amore.
Prestamo aiuto  a chi sta ner dolore…

Tenemo presente er Messaggio che vale…
così ce riavremo er Santo Natale!

__________________

CHIACCHIERE BUSCIARDE

Cianno detto  che le tasse
mò saranno più leggere
ma ‘ste chiacchiere nun vere
resteranno menzognere

Ogni nòvo partitante
p’ariva’ su la portrona
de parole ne fà tante
che l’orecchie ce rintrona

Pochi fatti, ma più  veri
ce farebbero contenti:
case e posti de lavoro
ospedali più effiscenti

sicurezza a li vecchietti
co’ l’aumenti de penzioni
e quarch’artro pizzardone
p’acchiappa’ li marviventi.

_____________

ER CANTO DER GALLO

Er canto abbituale der galletto
è differente dall’antre giornate
se sente ch’è avvelito poveretto
ner vede tante pile preparate.

Imtanto fà er bilancio
de quello ch’ha cantato
co’ tutte le calugne
che a le galline ha dato.

Dopo l’amore avuto
che puro l’òvo ha dato
s’accorge solo adesso

de quanto abbia sbajato
cantanno a perdifiato
e svejanno er vicinato

Mò er canto  s’è accorato…
Preludio de la fine
der tempo spenzierato

Adesso tiè rimorzo
d’avé male sparlato
e quanto jé dispiace

che ha da morì strozzato
senza più avecce tempo
pé èsse  perdonato.

_____________________

ER DIVANO

Er divano è quela cosa
per davero è portentosa
e che in epoca passata
se chiamava l’ottomana

Sì te vòi da riposa’
ce ll’hai pronto e lo pòi fa’
e sentennote a tuo aggio
ce staresti fino a maggio

Allungato e rilassato
te ce senti da sovrano
senza smòve più ‘na mano
coll’idea de sta un pochetto
a guardatte un ber firmetto
ma Morfeo che te st’accanto

te prepara un antro incanto:
tu te scordi der firmetto
che t’aggarba più er sonnetto.

________________

ER POSTINO E LE BOLLETTE

Mamma mia che gran disdetta!
Ecco quà ‘n‘antra bolletta
ne la buca de la posta
già se vede ch’è un Imposta.

Er Postino che fa er giro
cerca de nun stacce a tiro
ner reca’ ’ste farfallette
che nun vorebbero èsse lètte

perché lui nun c’entra gnente
si s’arrabbia poi la gente.
Ma però er marcapitato
sempre male è ricevuto

da chi un mucchio de bollette
cià da lègge e mai se smette.
C’è monnezza e cambialette
Puro l’ IVA ce se mette.

si pòi tieni un‘esercizzio
nun è mai giusto er giudizzio
che ‘gni giorno’n’antra aggiunta
stai sicuro che già spunta.

Tutti dicheno : “Mo basta!
che ‘gni arivo de bolletta
È ‘na martellata in testa.

_______________

ER PRINCIPE AZZURO

Ogni regazza sogna un principino
cò la capoccia bionna e l’occhio chiaro
ben vestito da paggio e cor guantino
e sempre pronto ar comprimento raro

Lo vede ne li sogni ‘st’ideale
e ce ricama sopra ch’è un piacere
e lo vorebbe propio tal’ e quale
pé questo prega Dio tutte le sere.

Ma passa er tempo e ‘sta fanella ignara
cià quarche delusione che l’impara
fintanto che corpita da un ber viso

un giorno s’innamora all’improviso
de un regazzotto mòro e stempiatello
da quer momento er principe suo è quello.

______________

FIORENZO SE N’E’ ITO

Ancora ‘n’antro Comico è sparito
s’è ito a riposasse all’infinito.
Smòveva la risata più cordiale

Riuscènno sempre a riempì le sale
L’avrà capito quanto stava male?
O c’è arivato ridènno ar gran finale?

Noi s’erimio conosciuti a Campidojo
quanno se comprimentò pé quer sonetto
che prese un premio propio in quer consesso

indove  spiego come un ber pescetto
riuscisse assai gustoso appena cotto.
Lo declamò me diede un ber diploma

e poi me sussurrò:  “Più nun ze trova
mò ch’è sofisticato ogni boccone
nun vedo l’ora de stacca’ er bottone.”

Oggi l’ha fatto!  Fiorenzo s’è addormito
e assieme a li colleghi s’ è riunito
ma l’arzilletta nu la cercherà,

ma su ner cèlo de certo inventerà
quarche “macchietta” che reciterà
e ancora er bonumore  porterà.

_______________

GENTILEZZA E’ …

Me so’ rimaste impresse ‘ste parole
scritte tant’anni fà a le prime scole
” Gentilezza è profumo de bontà! ”
La storia, in breve, sta tutta quanta quà:
pé la “scianchetta” de ‘n’a compagna a Pietro
er vecchio custode che camminava dietro
la maestra ce chiese spiegazzione
e poi ce mise tutte in punizzione.

Ce fece scrive tre foji fitti fitti
de ‘sta frase coll’occhi fissi fissi,
fu questa ‘na lezzione salutare

e da quer giorno fummo più aggarbate
ché ‘ste parole scritte e ripenzate
‘na regola de vita sò restate.

___________________

GRAZZIE  ARBERTO

Te ne sei annato
tra risate e pianti
perché nissuno scorda
certi eventi
che t’hanno visto
fra i protagonisti.

Virtù e difetti
l’hai interpretati tutti
de questa umanità
ridente e affranta.

E cèrte vorte
sardonico e beffardo
hai fatto risartà
i   cattivi istinti
mentre covavi in petto
er desiderio de mitigà
le sofferenze a quanti
lungo la vita
nun cianno avuto gnente.

Beneficato hai tu
segretamente
cò la saggezza
der bon samaritano.

Ed oggi uniti
all’urtimo convegno
riconoscenti dimo:

Grazzie Arberto!

_________________

MAGGICA ROMA

Davanti a me fiammeggia l’orizzonte
e Roma è tutta quanta sforgorante
e li campanili che spiccheno fra i tetti
a li poveti  jé ispireno sonetti.

La civirtà ch’ha dato ar monno intero
traspare da ‘gni ruvina dell’ impero
e ‘gni romano ce se sentre eletto
conziderannose fijo prediletto

e soffre ner sentilla denigra’
da quarcheduno che nu la vo’ apprezza’
ma è solo invidia che fa chiacchiera’

pé questo nun se dovemo d’angustia’
tanto l’hanno capito tutti quanti
che a qualunque città Roma sta avanti.

_________________

L’AMMAZZATORA

La vecchia ammazzatora de Testaccio
sempre ha aiutato quarche poveraccio
che lì de fora passava la nottata
p’arimedia’ ‘na piccola “cartata”.

Così… ‘na vorta tanto se sfamava
cor brodo e er lesso che lo ristorava
e un grazzie ar macellaro rifilava
che drent’ar padijione s’addannava

perchè de prescia sempre lavorava
e in pericolo de vita se sentiva
e tutto sporco poi s’aritrovava
doppo la faticata che faceva.

Fra quell’anziani der ” Centro”
che mò giocheno a carte
ancora c’è chi ne faceva parte.

________________

LA DIETA

Ognuno se fà vanto
de rispetta’ la dieta
ma avanti a la tovaja
la dieta scordera’

Abbasta già l’odore
a metteje appetito
e solo verdura e soja
lo tengheno avvelito

resisterà un pochetto
poi assaggerà un pezzetto
e come còrto in fallo
decide de nun fallo

e ner penza’ già assaggia
boccone su boccone
e presto er bonumore
comincia a riaffiora’

Coll’anima distesa
rinuncerà all’impresa
scordannose la dieta
che serve a rattrista’.

________________

LA FAVOLA DER GATTO

C’era ‘na vòrta un gatto
che tutto quanto er giorno
stava sdrajato ar sole
prima de notte a un tratto
scattava com’un matto.

Aveva perzo tempo
adesso rimediava…
ron ron ,fusava er gatto,
sornione a pelo dritto

facenno du’ moine
e quarche strofinata
metteva tutto a posto
e assicurava er pasto.

Struscianno poi furtivo
coll’animo giulivo
cominciava er giretto
da strada fino ar tetto

leccanno un filo d’acqua
la zampa se risciacqua
ruspanno a ‘n’ angoletto

scova quarche sorcetto
intanto se sgraffigna
quello che più j’alligna

senza nissun penziero
la vita p’ogni gatto
è solo riposo e …ratto.

_______________

LE BUSCIE…

Le buscie de mi’ marito
So’ ‘na cosa eccezzionale
Lui promette assai spedito
In un modo naturale

“anneremo a quer banchetto”
poi però come nun detto.
” pé Natale bene o male
te lo crompo quer bracciale!

E faremo ‘na croscera
Manco ariva primavera”
Io, ‘na vorta ce credevo
Però doppo ce penavo

Ner vedé che ‘gni promessa
Me faceva sempre fessa.
Oramai da cinquant’anni
Nun ce faccio più malanni

ogni vòrta ch’opre bocca
tanto so quer che me tocca
e so già che ‘gni parola
è ‘na favola che vola
e risponno a ‘gni penzata
co’ ‘na gran bella risata.

________________

LI BOCCETTI FELICI

La vita è dura lo sapemo tutti
Ammischiati so’ l’anni belli e brutti
Percciò la vita casalinga è seria
E va affrontata coll’aria più bonaria

Pé li Boccetti  i loro anni in comuni
Appareno  legati da ‘na fune
Perché se so’ vorzuti sempre bene
Superanno così contrasti e pene.

Adesso, poi attorniati da la prole
Che chiedeno conzijo o du’parole
Dettate da esperienza e tenerezza

de la famija cianno concretezza.
Questa è la vita sana onesta e vera
Che da conforto pa’ ‘na vita intera.

________________

LI FIJ PROPI SO’ SEMPRE LI MEJO

Tutti li fij pé li genitori
so’ belli, bravi e all’artri superiori.
Pur’io pé papaà e mamma ero la mejo
e co’ mì sorella facevamo er pajo.

Mi’ padre me chiamava Luccichetta
perché cantanno rillegravo casa,
mì madre se metteva in soggezzione
perché diceva ch’ero nata saggia.

Cantavo allora serena e spenzierata
pé papà mio che tutto ce donava
mentre che mamma a sentimme declama’
se credeva d’avé ‘na rarità.

Er canto mio però poco è durato
che ne la vita mia poco ho cantato
e la saggezza ve la riccommanno
perché so’ anni che seguito a sbaja’.

__________________

L’OROLOGGIARO

L’ orologgiaro è carmo e assai preciso
che fa girà l’orario a menadito
se ne sta a sede davanti ar tavolino
fra  perni  viti  lime e scavolino.

Addopra bilanceri  assi  e  rotelle
co’ manovre precise e delicate
e ama ‘sto lavoro un pò opprimente
e l’ore che ce passa poi so’ tante.

Er tempo che scannisce è regolare
e se uniforma ar battito der core
segnanno l’ore bòne e quelle amare.

_________________

LO SCIPPATORE

‘no strappo …un urlo…un rombo de motore!
A chi st’assiste jé pija er batticore
‘na donna anziana casca sur serciato
scippata da un regazzo disgrazziato.

La vecchia piagne: ” la penzione mia…
So’ mezza morta e nun ciò più ‘na lira,
ciavevo quela somma solamente
e mò p’un mese nun magnerò pé gnente!”

La gente attorno intanto commentava:
” Io l’ho intravisto  mentre che scappava
e m’ha intruppato…pé poco m’ammazzava!”
‘n antro vecchietto nun ze raccapezzava:

“Pareva un regazzino che giocava
e mentre ce burlava se spassava…
mancato è un pelo a diventa’ assassino
ortre che ladro è un pòro scimunito! ”

Nun zò da quale ceppo viè ‘sta razza
Che drent’ar petto tiene ‘na corazza
Ch’ aggisce dall’infanzia co’malizzia
E nun lavora mai pé la pigrizzia!

S’affida solamente a la destrezza
Cor solo apporto de la giovinezza
Ma er giorno de la dura verità
Sarà quanno vecchiezza ariverà.

Doppo tanti “entra e esci” de priggione
Sarà nun solo vecchio, ma minchione
Senza rispetto  e nissuna dignità
E emarginato da la società.

_________________

L’ASSOLO

La zanzara nell’orchestra
Sòna come ‘na maestra
Fa qualunque zinfonia
Coll’allegra compagnia

Poi se stufa e tutt’un tratto
Pianta tutto e fà fagotto
Che vo’ emerge tutta sola
è pé questo che s’invola.

A la fine co’ coraggio
Da solista vo’ dà un saggio
‘n de l’orecchio ar direttore
e lo fà co’ gran fervore

Che prodigio quell’assolo!
Ce se sente realizzata!
Però mentre spicca er volo
‘na manata l’ha schiacciata.

__________________

MACCHE’ BACCHETTA MAGGICA

Margrado mille cose che danno da penzà
Occupanno er cervello de tanta umanità
Un piccolo rimpianto ce sta der tempo annato
Che dava all’esistenza  quer poco pé campa’.

Eppuro tanta gente nun ce se disperava
Vedenno che ner lusso quarcuno ce sguazzava.
ma quello che sgobbava manco se n’accorgeva
perch’ era abbituato solo a la sobbrietà.

Adesso che’er progresso  cià dato li “bottoni”
Pare che sia assai facile gesti’ tante invenzioni
Ma ciò che pare maggico e semprice da usà
Solo l’aiuto tenico abbisogna pé funziona’

E tutto sommato ar profano quanto jé costerà?
Nun era mejo allora restà cò le banali
Eterne e tanto semprici cosette funzionali?
Che la bacchetta maggica me dite dove sta?

__________________

MATERAZZO  E  MATERAZZARO

Materazzo è quella cosa
che distenne soporosa
ogni membra labboriosa.
Quanno stanca s’ariposa

Ogni anno se cardava
se chiamava l’artiggiano
che d’artista era apprezzato
e la grann’opera inizziava

e ner mentre che cardava
tanta porvere inalava
ma er lavoro lo svorgeva
celermente e co’ gran cura.

Poi la porvere finiva
e la fodera riempiva
e cuciva tutto a mano
coll’agone e co’ lo spago…

mano a mano trapuntava
co’ perizzia tutto er cèlo
a fiocchetti equidistanti
che a contalli ereno tanti.

Dipennéva dar fiocchetto
sì er lavoro era perfetto!
E poi, a opera compiuta,

ritemprava tutte l’ossa
sopra ‘n’antro materazzo
che lui stesso aveva fatto.

______________

OGGIGGIORNO

Semo tutti tartassati
da notizie alluscinanti
e li fatti più impenzati
ce l’avemo sempre avanti

e sò cose assai scioccanti
così tristi e sconfortanti
che ce fanno sopetta’
che uno onesto nun ce sta.

La fiducia ch’esisteva
è sparita…nun zé trova!
e la gente ormai lo sà

che sempre in guardia a da resta’
perché chi jé passa accanto
lo potrebbe rapina’.

__________________

OTTIMISMO

L’ottimismo è quella cosa
che sta bene in ogni casa
quanno viè ‘na nota amara
basta un motto e se ripara

Spesso solo ‘na strofetta
o ‘n’amena barzelleta
sà sbloccà ‘na situazzione
e fà trovà la soluzione

a un probblema compricato
che ner cranio sta fissato.
Ma un principio resta chiaro:

sa d’avè li nervi a posto
e l’ottimismo a ogni costo.

_________________

OTTOBBRATA

A mezz’ottobbre l’odore der vinello
invita a scampagna’ drent’ar tinello
er vignarolo offre un bicchieretto
spillato sur momento ar bariletto.

Grappoli d’oro dorci e brillarelli
rillegreno le vigne dei Castelli
e danno modo a spenzierate commitive
de trascorre  giornate assai giulive.

che ritemprato da quer sole bello
ognuno canta come fa er fringuello
se rènne conto poi che l’ottobbrata
jé darà sempre ‘na bella risvejata.

________________

PARLA’ SINCERO

Parla’ cor core operto  a ‘n ammalato
nun è sempre pé dije che’è guarito
ma pé faje accetta’ co’ più fiducia
la terapia ch’er medico ha fissato

Però a ‘sto punto jé va riccommannato
che a tutto ce vo’ er tempo destinato
perch’ er miracolo nissuno cell’ha in mano
e ogni dottore è un povero cristiano

che fa der tutto pé contrasta’ er lavoro
a la “Commare secca” intrufolata
framezzo alla salute indebbolita

e quanno è “quella” a vince la partita
puro l’anima der medico è contrita
e saranno due li condannati a morte:
malato e medico legati dalla sorte.

_________________

PERMALOSITA’

Ner vede li nonnetti un pò isolati
se incorpa er monno d’avelli trascurati
perché puro chi era soridente

a un tratto se dimostra diffidente
verzo chi jé vorebbe da ‘na mano
oppure lo saluta da lontano.

So’ sempre sospettosi e cianno er grugno
e ‘gni parola jé provoca er mugugno
e sì tenti de scherza’ poi è tempo perzo.

Sarebbe mejo che la socialita’
pijasse er posto de la scontrosità
bevesse in pace un bon bicchier de vino…

e strigne più amicizzia cor vicino.

________________

PESCA MIRACOLOSA

Er sogno de trova’ un tesoro a mare
pare sia diventato propio vero
pè un gruppo de studiosi intestarditi
d’ispezziona’ un galeone in fonno ar mare

Decisero così d’anna’ a quer posto
a ripesca’ er tesoro lì anniscosto
quarcuno l’ha chiamati puro matti
ma quelli fidusciosi so’ partiti

mettènno assieme un pò de sordarelli
perché er tesoro stava lì a aspettalli!
Ce faticorno facenno sogni arditi
ma ner ritorno restarono avveliti

perché er tesoro appena rispescato
d’autorità a un Museo fu portato
e tutta la gloria de ‘sta grann’impresa

sortanto ar Direttore destinata.
La ricompenza ch’è toccata a loro
fu un cartoncino :” Ai pescatori d’oro”

_________________

POESIA IN… VERMI

L’ anima der poveta
è candida e spenzierata
e nun vo’ propio ammette
che la tera sia traviata

Certi fatti e misfatti
ch’adombreno la vita
vorebbe cancellalli
co’ n soffio de poesia.

Ma questo è impossibbile
nun ze pò propio fa’
lui s’ha da rènne conto
che la vita accusì và

Ner mentre che ricanta
poemi in der sereno
succedeno artre cose
che so’ da infarto pieno.

e l’anima sua affritta
che ama l’arcobbaleno
jé se sprofonna subbito
fra li vermi der tereno.

________________

QUARTO DE LUNA

Se dice che la luna de levante
porti  più forza e vita su la tera
sarà pé questo che guardà le sfère
me fà sentì poeta in certe sere.

Quanno vedo spunta’ la prima luna
cò ‘no spicchietto fino e inargentato
vorebbe salì su cò la mia bella
e a cavalluccio facce l’artalena.

cor mannolino fa’ ‘na serenata
trovanno le parole più sincere
che nascheno così senza pretese
perché arisurterebbero più vere.

Perciò vojo mannatte ‘sto stornello
perché tu sei pé me er fiore più bello
ner mentre solo e snza compagnia
me struggo pieno de malinconia.

E propio su ‘sta farce arilucente
vorebbe fà vola’ ‘st’amore possente
abbraccicati soli fra le stelle
l’anime nostre sarebbero gemelle.

_________________

RAGGI  AFFATATI

Tante barelle in fila all’ospedale
cò li pazzienti afflitti dar gran male
senza speranza come Cristi in croce
coll’aria smorta che fa manca’ la voce.

Guardeno indifferenti tutt’attorno
quer posto triste  freddo e disadorno
e brameno l’arivo der dottore
che li rincòra com’un confessore

e sa convince ‘ste genti sfortunate
a fa’ terapie che pareno azzardate
però a la fine scongiureno la sorte

de chi sfinito nun penza che a la morte…
e poco a poco ricomincerà a spera’
e ‘sti raggi affatati li benedirà.

________________

ROMA SPARITA

Ce so’certi articoletti ch’ho riccorto cò passione…
l’ho attaccati s’un quaderno   che conzervo assai gelosa.
tutti parleno de Roma quela Roma ch’è sparita.

Ce sò fatti assai curiosi détti ameni e stuzzicanti
e sfojanno ‘st’appuntini li rivedo tutti quanti
e ripenzo a quela vita  così carma e pacioccona

che pareva ‘n pò sorniona… Non che adesso sia da meno!
E ‘er progresso che trasforma  ogni cosa e i sentimenti,
spèscie er modo de campà  e a noi questo nun ce và

Poi ho scoperto ‘n’ emittente co’ ‘na bella trasmissione
che dà voce a tutti quanti  pé  parlà de Roma mia
e cò garbo e simpatia  lega musica e poesia.

Se  ricconteno l’usanze le leggènne e tradizzioni
der ber tempo de ‘na vòrta e viè a galla ‘n’antra cosa
assai bella che rincora: Roma no, nun è sparita.

s’è sortanto un pò addormita! Basterebbe che la vita
ritornasse più serena e li costi de ‘gni cosa
se mettessero a livello dell’entrata e dell’uscita.

Ce vorebbe che le mani se strignessero fra loro
e tornasse la fiducia come quella d’anni fà.
Solo allora Roma nostra tornerebbe a ricantà.

__________________

SABBATO SANTO

Tutta la casa a nòvo rilustrata
la tavola de Pasqua apparecchiata
su la tovaja bianca ricamata
fa bella mostra la robba preparata.

De violacciocche è zeppa la fiorera
e d’ova toste è piena la zuppiera
che nonna da naiffe ha pitturato.
Salame intero accanto a la giuncata
che domattina ha da èsse conzumata
er ciammellone cò li confettini
che stuzzica la gola ai regazzini.

La pizza che du’notti è lievitata
troneggia arta tutta decorata
accanto a ‘na pecorella luccicante
ch’appena operta nun durerà pé gnente.
li regazzini allungheno er ditino
pévede d’arubbanne un pezzettino:
“Fermateve ch’er Prete benedice

sì vede che so’ rotte, che ve dice?”
Mamma baccaja e er Prete puntuale
Sta già in arivo, se sente pé le scale
co’ la casciara de tutto er vicinato
che assai curioso ha fatto er pipinaro.
la regazzetta se fa er zegno de croce
nonna inchinata prega sottovoce.

“Pasqua felice, in questa casa pace!”
er Prete parla mentre benedice.
E le campane intanto tutt’in coro
se sciojeno cantanno a modo loro.
inquer momento pieno d’emozzione
se sparge na fraterna commugnone.
Sabbato Santo! Quello de ‘na  vòrta

ce resta in core come ‘na cosa morta…
Quello d’adesso è tanto differente
nu riesce più a commòve tanta gente
Nissuno se prepara com’ho detto
pé questo a certi nun fa l’istess’effetto.

__________________

SCAMPANATA DE PASQUA

A chi volemo fa’ ‘sta scampanata?
Provamo a falla a quanti hanno arubbato
che a Pasqua poi s’aspetteno er perdono.

Oppure la faremo all’ospedali
che prima d’accetta’ quarch’ammalato
fanno er conzijo d’amministrazzione?

Volemo falla  invece a li Ministri
che nu sanno fa più bene quer mestiere
e litighenio sempre come piazzaroli?

Ma pé ‘sta tera nostra che figura!!!
Quasi è fenita nell’immonnaro
perché nissuno conosce più er dovere

e nun zà suggeri’ quarche sistema
pé potè vive co’ più carnalità.
‘sta scampanata quinni è salutare

pé da’  ‘na risvejata a le coscenze.
Chissà si sta sonata cià er potere
da falle ripuli’ da le magagne?

_________________

STELLE CADENTI

Cascheno tante stelle er dieci agosto
se pònno vede da qualunque posto
facenno crede a noi che l’aspettamo
ch’er desiderio chiesto realizzamo.

Armeno ‘na vòrta chi nun cià provato
a resta’ svejo  e a sta’ cor naso arzato?
Spescie sì cova ‘na speranza ardente
che brama  realizzalla  veramente?

Ma poi a speracce nun ze perde gnente
puro sì è ‘n ‘illusione solamente !
E ner vedé ‘sta striscia luminosa

è come l’avverasse de ‘gni cosa
e in più s’aggusta come un pollo arosto
‘sto rigalo che ciarriva a ferragosto.

________________

‘NA POCHETTA DE FELICITA’

quanto so’ belle ‘ste cannéle accese
perché stanotte nun ze bada a spese!
La cappella modesta dell’Ospizzio
La notte Santa se vo’ leva’ ‘no sfizzio.

Tutti li nonni co’ magra penzione
hanno riggranellato un gruzzolone
pé potecce arimedia’ le mejo cose
scordannose accusì l’ore noiose

che passeno lì drento tutto l’anno
e festreggià mejo Natale a Capodanno.
Ma la preghiera più sentita e vera
è quella d’arivede primavera

perché l’inverno co’ li doloretti
pare nun passa’ mai pè li vecchietti
e ‘sta pochetta de felicità
in quarche modo li riscallera’.

______________________________________________________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...