Versi in sordina

boccaveritapTitoli:

  • A la cicala strillona
  • A voi… fij belli
  • Allegrezza = Saggezza
  • Allegria de San Silvestro
  • All’ospedale
  • Amicizzia sincera
  • Canto de cicale
  • Cometa Kalley
  • Core de madre
  • Du’ amiconi
  • E’ mejo un padre povero…
  • Er doppio gioco
  • Er fusajaro
  • Er sartore – ovvero…
  • Er tifo de ‘na vorta
  • Fijette belle
  • Illusione
  • La Befana in penzione
  • La femminista
  • La fiorara
  • La preghiera mia
  • La sposa bella
  • La vetrina
  • Le monachelle
  • Le sartine
  • L’ottimismo
  • Ne sanno più de noi
  • Papà lavoratore
  • Pizzicanno la ghitara
  • Rosa e azzuro
  • Se vive de più… ma come?
  • Sonetto ar tempo annato
  • Stanno soli li morti?
  • Su la metro
  • Sulla spiaggia
  • Tifosa Testaccina
  • Traggedia ar mare
  • Tutto da rifà
  • Una scintilla
  • Versi in sordina

_________________________

A LA CICALA STRILLONA

Cara cicala mia
mò te lo dico
è ‘n’ora bbòna
che te sto a senti’
e ancora er zole
è arto su ner cielo
perciò nun ho fenito
de pati’.

Volevo sta’ tranquillo
quì sdrajato
a rifrescamme ‘n pò
de ‘sta callaccia
ma er cicaleccio tuo
monno bojaccia
m’ha rimbambito
sotto ar pergolato.

Ma me lo chiami canto?
Pija fiato!…Perché fra poco
resterai sfiatata…
Apposta poi
appena cala er zole
te sentirai così tanto
assetata  che d’improviso
morirai schiattata.

***************

A VOI …FIJ BELLI

La vita nostra è corza come un treno
senza mète de lussi e d’ambizzioni
vostro padre ha sempre lavorato
e vostra madre nun è stata meno.

Cò la famija nummerosa e esubberante
ogni giornata è stata assai stressante
pé nun privavve de pane e vestimento
ammischiati de cristiano inzegnamento.

De favve granni se semo preoccupati
su la strada der dovere incanalati.
Er vanto nostro è stato semprfe questo:
che ogni fijo crescesse bbòno e onesto.

Adesso che voi puro fate l’istesso
cor vostro esempio valido e indefesso
verzo li fij vostri piccoletti
puro noi nonni semo soddisfatti.

E mò ch’er traguardo d’oro amo toccato
famo un bilancio ch’era già scontato
e ripassanno er tempo ch’ è passato

è facile capì come sia stato:
Tanto dovere  che ha tutto realizzato!

*****************

AMICIZZIA SINCERA

Se  parla d’amicizzia
‘gni giorno a destra
e a manca
e ognuno la desidera
solo quanno j’amanca.

E’ certo assai dificile
trovanne una sincera
che nun covi l’invidia
come ‘na serpe nera.

Che l’amicizzia vera
sa sempre èssè sincera
e ‘gni giornata scura
trasforma in primavera.

Dall’animo intristito
da dubbio e d’amarezza
te sa leva’ le spine
cò tanta tenerezza.

E quanno se sacrifica
senza dàttelo a véde
affidete de slancio

perché tu ciai da crede
e solo a ‘sta magnera
se scopre ch’è sincera.

**************

LE  MONACHELLE

De monachelle ce ne stanno tante
però non tutte se faranno sante.
Le celle nude conoscheno li pianti
Dall’occhi de ‘ste donne supplicanti.

C’è quarcheduna pure ch’è felice   pé
quella vocazzione che l’induce
ma pé quarch’ artra la rassegnazzione
ha preso er posto de la delusione

e sgrana quer rosario zitta e muta
mentr’er penziere vaga a sua inzaputa
é quer rimpianto grosso e più accorato
legato ar pupo ar quale ha runciato.

Mò sta in ginocchio fra le conzorelle
e invola ar cèlo tante preghiere belle
ma la più vera quella più sentita
È pè la Santa  Madre Immacolata

che pè la sua purezza è venerata.
E puro lei che pura è ritornata
si pure non cià odor de santità
pé le donne perdute pregherà.

**************

LA SPOSA BELLA

‘Na fijia bella oggi se fa sposa
e ar braccio de papà incede radiosa
presso l’artare lo sposo suo l’aspetta
pé falla diventà la sua diletta.

Papà jé la conzegna in quer momento
co’ n’emozzione che nun vo’commento
e se procède ar conzueto rito
p’uni’ ‘sta bella coppia all’infinito.

‘na lacrima furtiva è scivolata
sur viso de papà che l’ha ‘sciugata
mentre a ricordo de ‘sta gran giornata
‘na zinfonia d’amore ha organizzata

pé la fanella che donna è diventata
e p’er regazzo che l’ha conquistata.
La commozzione ha vinto li presenti

che j’agureno tant’amore pé cent’anni
poi quanno la coppietta partirà
li seguirà er penziero de mamma e de papà.

******************

LA VETRINA

Davanti ‘na vetrina du’ pupetti
stann’incantati e appizzeno l’occhietti
jé pare  de sentì er zapore ‘n gola
de quela robba esposta tanto bbòna.
Le pecorelle de zucchero filate
co’ li stennardi arti a guiderdone
pareno pronti pé la processione…

quant’ova de cioccolata ricamate
coi confettini e le stelline colorate!
Er grandicello dice: Quant’è bello
quell’ovo grosso cor purcino giallo
cià puro la casetta e lo steccato!
Er piccoletto lo sente ner palato
er sapore de tanto cioccolato:

A noi nessuno ce l’ha rigalato
nun dico tutt’intero…ma un pezzetto!

…………………………………………………………
A quelli rigazzini poverelli
la vetrina jé sveja sogni belli
ma quella robba costa…è p’artra gente
loro pé Pasqua nun ciavranno gnente
Se magneranno si…puro ‘n ovetto
ma sarà tosto e troppo piccoletto.

****************

ALL’OSPEDALE

Er primo ggiorno impatto cor dolore
ner miserello letto d’ospedale
cò sofferenza fisica e morale
che s’impossessa der corpo più tenace.

Se pèrde sonno gusto e bonumore
e passeranno l’ore senza pace
chiamanno ‘gni mrnuto l’infermiere
tutta la notte a occhi spalancati.

E l’arba ariva come suo dovere
e tutto ha inizzio com’è abbituale:
storia prelievi flebbo e viè er dottore
che parla sempre troppo sottovoce…

pé nun fatte capì la situazzione.
Tu che speravi de risorve co’n par d’ore
T’accorgi ch’er tempo qùì nun cià valore
diventa  eterno e a te…te mette l’afflizzione.

Te guardi attorno co’disperazzione
e vedi facce affritte senza distinzione
e ner dolore tutt’ affratellate.

‘n òmo maturo accanto ar  giovincello
un professore ar pari d’un bidello
ognuno che incoraggia er più vicino

e scherza pé fa’ ride er pivellino…
Ognuno è parte dell’umanità
e la speranza è uguale p’aiutà.

****************

ALLEGREZZA = SAGGEZZA

A Roma l’allegria
nun fa difetto
è un modo giusto
pe’ dimostra’ l’affetto.

E ce sarà un proverbbio
accantonato
che a ripescallo
ce riporta er fiato.

Sippure c’è un dolore
prorompente
abbasta un motto
pe’ rillegra’ la gente.

Nun va chiamata
superficialità
ma solo er mejo modo
pe’ campa’.

Perchè avenno ‘na base
D’allegrezza
S’arriva poi cor tempo
Alla saggezza.

****************

ALLEGRIA DE  SAN SIRVESTRO

L’anno nòvo disse ‘n giorno:
si me guardo ‘n pè da torno
vedo cose semr’ uguali
tutte storte …tali e quali.

C’è bisogno che t’affanni
a fà festa tutti l’anni
solamente a San Sirvestro
sia bisesto che anno destro?

Tanto, cià ch’è scritto avviene
si m’accoij o male o bbène!
Fa ‘na cosa pé piacere
( pòi pijallo pé ‘n dovere).

Sta più alegro a tutte l’ore
nun pati’ tanto dolore
pé le tasse o la piggione
o l’aumenti o er cammialone.

Così armeno tutto l’anno
lo vivrai senza l’affanno
d’aspettà pé ‘na risata
solamente ‘sta nottata.

*************

CORE DE MADRE

Ogni essere der monno cià ‘na madre
Che lo crea  lo satolla  lo spupazza
‘na donna nun ce penza da regazza
a quanti fij ciavrà doppo sposata.

Saranno uno? Cinque? ‘na dozzina?
Quanno verà er momento se vedrà
E de sicuro farà quer che conviene
Perché ‘gni donna per istinto è madre.

Lei farà sempre tutto quanto bbene
Seguenno tuttociò che dice er core!
Jé inzegnerà a parlà poi…a fa’ er dettato
A èsse bravo e no maleducato.

Cor pupo suo dirà la pia preghiera
Mentre lavorerà matina e sera
Senza stufasse mai de faticà

Perché ‘gni fijio è fonte de lavoro…
Lavoro duro che incurverà la schiena
Che nun permette riposo né prigrizzia

e nun s’aspetta né grazie  né mercède
perché ‘na madre a un fijio gnente chiede
sarà lei a daje sempre quer poco che possiede.

*****************

NE SANNO PIU’ DE NOI

Li pupi appena nati
mò nascheno imparati
che cò parole semprici
fanno discorzi loggici.

Capimo ‘gni ‘ntenzione
e te fa quasi ‘mpressione
si come sanno ditte
le cose lette e scritte.

Parleno d’astronatica
orbite e cibbernetica
anna’ su Marte o Luna?
Difficorta’? Nissuna.

Si jè dichi ‘na favola…
rideno a ‘gni parola
contesteno le fate
e le bacchette ‘ncantate.

La concrusione, ggente,
è solo questa quà:
l’anziani un zanno gnente
deveno anna’ a impara’.

********************

CANTO DE CICALE

Pochi giorni de ferie  e per incanto
diventi carmo come fussi un santo
nun senti più frastono né spintoni
de la città ch’è piena de predoni.

Te scordi de le cose più snervanti
e t’arinfranchi p’annà mejo avanti
mentre ner fresco de la pinetina
ascorti la cicala canterina.

Lei canta!…Ma la nota è sempre quella
e a te, te pare, ch’è perfino bella
quanno ch’attacca  presto la matina
assieme ar coccodè de la gallina.

J’arispònneno le tortore in amore
mentre ch’er prato è tutto quanto in fiore.
Li rittimi moderni te li scordi
e manco de li buffi  t’aricordi.

La musica più bella  e congegnale
adatta a quer boschetto primordiale
è proppio quella ch’è la più banale
e corisponne ar canto de cicale.

******************

COMETA  KALLEY

Cometa Kalley che venghi dar passato
sempre entusiasmi er popolo tereno
che più v’avanti e più st’amareggiato
e guarda er cèlo pé scordà er veleno.

Settantasei  sò l’anni che ce vònno
pé fatte ripassà sopra ‘sto monno
e ner frattempo tante cose cammieno
meno le profezzie che ancora esisteno.

E quella antica che tu porti pace
mai nun tramonta e in petto porta luce
e l’ommeni de bòna volontà

pregheno uguale a dumilanni fà
e puro er Bambinello a quer chiarore
socchiude l’occhi pé nun lagrimà.

però sì piagne nun è pel luccicore
ma è perché nu riesce più a trovà
la vera gente de bbona volontà.

****************

DU’  AMICONI

Conosco du’fanelli assai carini
che nun zo’ mica tanto regazzini
li vedo sfreccià sverti in motoretta
pé anna’ de sera a cercasse la maschietta.

Cianno li ricci ar vento spettinati
le majette e li ginz sempre attillati
e sempre assieme fin da piccoletti
cianno uguali puro li difetti.

Ma de difetti nun ce  n’hanno tanti.
Infine! Nun so’ mica nati santi !
Solo sfrenate corse de pallone
su quella piazza davanti alla stazzione.

Solo ‘na cosa cianno divergente
li colori de Squadra solamente
fra Roma e Lazio,’na schermaja armata
e solo pé la Porta tanto amata.

L’avvenire jé darà strade diverse:
potranno sta lontani…ciò pò èsse
ma la’amicizzia che fra loro è nata
rimanerà pé sempre inarterata.

E ‘st’amicizia profonna assai sincera,
che dé ‘sti tempi nun pare manco vera,
cià solo un neo pé ‘sti regazzi belli
quello d’esse solo amichi e no fratelli.

*******************

ER DOPPIO GIOCO

De solito er poeta è ‘n ottumista
gioisce de ‘gni cosa a prima vista
e fa le rime cor core e coll’amore
perchè crede ner bene e nell’onore.

Però de fronte a ‘na cattiv’azzione
se sente perzo senz’ispirazzione
e nun ze fa capasce ch’n amico
de botto se trasformi in un nemico.

Ce soffre tanto nun pò èsse vero…
é costerà nottate ‘sto penziero…
Possibbile che ar monno certa ggente
nun zappia vive ‘n pò cristianamente?

Perché facenno mère inzinuazzioni
se diverte a sfascià le mejo ugnoni ?
Sieno de matrimogno o d’amicizzia
le distrugge co’ calunnie e impudicizzia!

E la rottura…sì s’aggiusterà
sarà solo co’ ‘n atto de leartà
riconoscenno che la corpa è solo

de quarcheduno ch’ha fatto er doppio gioco
creanno la discordia fra de loro
e ‘sta gentaja andrebbe messa a rogo.

***************

ER TIFO DE ‘NA VORTA

Me piaceva de fa’ er tifo  quann’ero regazzina
‘gni azzione era sincera, spontanea, genuina.

L’atleti gareggiaveno gajardi e appassionati
quanno cò pochi sordi veniveno ingaggiati.
La purezza de le Squadre nun s’era mai intaccata
perché dalla politica nun era contaminata.

Oggi nun ze capisce indo’ sta er farzo e er vero
e quello che corpisce è che nissuno più è sincero!

Li sprechi de mijardi sia dati o ricevuti,
l’accordi misteriosi che lasseno contrariati
e li campioni nostri sempre più sminuiti

co’ quelli che dall’arto vengheno strumentati…
So’ tutte cose serie che smorzeno la fede !
Così che, daje e daje,  er vero “tifo” cede.

****************

FIJETTE  BELLE

Le pupe de Roma
so’ dette ciummachelle
e so’ stupènne ardite
e sgrullarelle
cianno ner petto
sentimenti fieri
e nell’occhi li
sguardi più sinceri
e la prontezza
che tutte cianno innata
in ogni consesso
verrà comprimentata
e pure la perzona
più ingrugnata
appena ce parla
sarà conquistata.

*******************

LA FEMMINISTA

C’è la donna femminista
che pé mèttese più in vista
è presente a ‘gni sfilata
no de moda…ma in parata.

Oramai s’è emancipata
e allo sport s’è addestrata
la famija te contesta
co’ li canti de protesta.

Vo’ rimette a nòvo tutto
cò li sòrdi messi a frutto
a modo suo segue la moda
e nun vo’ più resta’ in coda.

Sempre prima! Ar par dell’òmo
va cercanno er pel dell’òvo
e te crea’ provocazzioni
fomentanno discussioni.

Ma ‘sta vita esistenziale
la risorve ar perzonale
a li piedi dell’artare

ricordanno a suo favore
ch’è più mejo fa’ l’amore.

***************

LE SARTINE

Sò come farfallette impriggionate
‘ste quattro regazzette spenzierate
che come l’api attorno all’arveare
a lavorà sò tutte ‘nfervorate.

De gioventù sprofumeno
spunticchieno e cicaleno
mentre sur petto appunteno
le spille a puncicà.

Ammiccheno e se burleno
cò la maestra accanto
che cò lo sguardo attento
le incità a nun sbajà.

Lei lo conosce er monno
sa bene ch’er penziero
lo tengheno lontano
e vònno amoreggià.

Un ber pischello bionno
oppuro moro moro
aspetta ognuna a sera
quanno che staccherà.

Da sorvejante saggia
jé tocca sta’ in campana
sinnò pel sottopunto
ce vò ‘na settimana.

E le sartine sogneno
mentre tireno er filo
e cor penziero bacieno
quello che jé fa er filo.

*******************

E’ MEJO UN PADRE POVERO…

E’ mejo un padre povero e pulito
Appètto a ‘n artro che forze s’è aricchito
Facènnose incastrà cor compromesso
Ma da penzieri cupi sempr’oppresso.

Un padre dall’affari imprevedibbili
nun ciavrà mai momenti disponibbili
pé seguì la famija ar modo giusto
ch’ariverà perfino a èsse ingiusto.

Un òmo invece ch’ha sempre faticato
dar rispetto de li fij è compenzato
che puro si nun sguazzeno nell’oro
ciavranno sempre er padre accanto a loro.

Abbasta un conzijo sia puro indicativo
er monito d’un padre è positivo
e quelle mani stanche un pò incallite

sapranno indirizza’ le nòve vite
verzo ‘na strada dignitosa e onesta.
La sicurezza d’ogn’esistenza è questa !

***************

ER  SARTORE – ovvero LO  STILISTA

Nonno era un sartore rinnomato
da tutta la crientera scicche
assai apprezzato
pé questo ciaveva lavoro
tutto l’anno
e co’ sette fiji nun faceva danno.

A me fanella me pareva un Mago
perché faceva miracoli coll’ago:
prima la stoffa nòva intorcinava
drent’ar lenzòlo zuppo e aspettava
che fosse asciutta e doppo la stirava.

Me lo ricordo er fèro che  fumava!
E Nonno cor centimetro sur collo
tanti pèzzi tajava cor modello.
e misurava e poi … rimisurava
E poi coll’acce lunghe l’imbastiva,

ner mentre er rocchettone jé spariva
co’ quela mano sverta che ciaveva.
Me lo ricordo Nonno!…Un gran burlone
che fischiettava mentre che cuciva
cor canarino in gabbia che ascortava.

Co’ l’ucelletto  lui ce dialogava
perché cor canto certo arisponneva:
“Me fa coraggio questa tua allegria
che semo tali e quali e in compagnia
però la gabbia mia sta sur barcone
mentre la tua …davanti a quer bancone”

………………
Defatti Nonno pé ‘na vita intera
sia d’estate  d’autunno e primavera
arternanno er tessuto de staggione
l’ho sempre visto curvo sur bancone.

********************

ER FUSAJARO

Ce stanno tanti personaggi antichi
che mo’ da Roma nostra sò spariti.
Se tratta quì de un ve ‘mbriacone
che pe’ campà venneva li lupini
e tutto er giorno girava p’urrione
tenènno appeso il sacco sur panzone.

Però pell’ora de li regazzini
se trovava puntuale a li giardini
e preparava tanti cartoccetti
pe’ fa contenti le pupe e li maschietti.
L’affari non j’annaveno maluccio
Così ‘gni tanto s’annava a ffà un quartuccio

De notte però all’osteria ce se fermava
e lì er guadambio tutto se scolava.

****************

ILLUSIONE

Parole dorci dorci
accarezzate er core
e date l’illusione
de ‘na vita d’amore.

Passato però er tempo
de la prima passione
nessuna è più capace
de risveja’ l’ardore.

Basteno du’ parole
co’ ‘n pò tenerezza
a fà parpità er core
quanno c’è giovinezza.

Ma questa infatuazzione
pure si da emozzione
nun zempre è ver’amore
è solo ‘n illusione.

***************

LA BEFANA IN PENZIONE

La Befana secca e vecchia
vola vola s’è stufata
perché ormai co’ quela scopa
nun po’ propio più vola’.

Li cammini nu li trova
da li tetti so’ spariti
fra l’antenne e fra li fili
nun sa come ha dda passa’.

P’aggiusta’ ‘ sta situazzione
er governo cià penzato:
ha mannato a la vecchietta
er libbretto de penzione.

Pure sì cià ducent’anni
la Befana è assai veloce
lo dimostra che in du’giorni

‘sto probblema l’ha risorto
e mò l’artri penzionati
se la guardeno pé storto.

*****************

LA FIORARA

Nello sciallo de lana intorcinata
la fiorara da ore st’appostata
cò la canestra ar braccio infreddolita
e dar profumo de li fiori ‘n po’ stordita.
C’è la “Prima ” dell’Opera stasera
pé lei po’ èssè ‘na serata bbòna.

Quante caròzze coi cavall’ar trotto!
E puro è ‘ no spettacolo assai ghiotto
guard’ ariva’ le dame imbrillantate
co’ li cavajeri lustri e impomatati.
A ognuno la fiorara speranzosa
offre li fiori co’ la mejo posa.

Signore bello, vo’ comprà ‘na rosa?
Starebbe bene in petto a la su’ sposa!
E la camèja sur suo fracche scuro
farebbe ‘n figurone de sicuro!
Amaramente ricorda la fiorara
quanno pareva puro lei signora!

E l’òmo suo li fiori jé comprava
dicènno che a ‘na rosa ‘ssomijava…
Ma queli tempi belli so’ sfumati
e du’ pupi affamati jà lassati…
Dar triste giorno che vedova è restata
pé tutti la fiorara è diventata.

E ricordanno tutto a còre stretto
Seguita a offrì ‘na rosa o un mazzetto
mentre ch’er penziere cià lontano
e ariva a la soffitta ar quinto piano
indove du’ crature ner lettino
aspetteno mamma cor latte e cor panino.

*****************

LA PREGHIERA MIA

‘sto canto che se perde
ne la sera
è come si dicesse
‘na preghiera

pé tutti quelli
che so’ soli ar monno
e se senteno confusi
e disperati.

Io co’ ‘sto canto
jé vojo da un richiamo
dicenno a ‘gni sperduto
de la tera:

Si c’è chi t’ama
nun sarai mai solo
e pòi affrontà
l’ostacoli che trovi

Sarà er penziero
de ‘n amico bbòno
a datte forza
puro da lontano.

*****************

LA SAPIENZA DE LI FIJ

Credo che ormai a ‘sto monno
più gnente ho da impara’
perché li fij  che crescheno
me chiameno tardona
e quello che sentenziano
lo impareno a la scòla.

Quer tempo che ricconti
a questi regazzini
pare che sia inventato
perché tanto lontano.
Allora appare inutile
sgolasse a chiacchierà.

Le tante cose storte
che jé vorebbe evità
parteno dar principio:
che io nu zo’ campa’
e se senteno in dovere
de tutto criticà.

Se senteno sapienti
davanti a me matusa
che ciò visuali antiche
che  nissuno più vo’vede.
Davanti a ‘st’evidenza
me sento strign’er core…

Ma loro tutto sanno
più de mamma e papà
e quello ch’è ‘sperienza
credeno  ingenuità
e cianno la pretesa
de volecce ‘nzegnà.

****************

TRAGGEDIA AR MARE

Staveno tutti alegri
In riv’ar mare
Chi  schiamazzava,
e nell’acqua se tuffava.

Chi sotto l’ombrellone
Se ne stava
Leggènno un libbro
E da tutto s’estragnava.

D’un tratto un urlo
Sovrasta la natura
Quarcuno strilla:
affoga ‘na cratura!

Nissuno è pronto
Pé portà ‘n aiuto
Manco er bagnino
Se trova lì vicino.

E fra l’angoscia
De tutta quela gente
Pé quer pupetto
Nissuno pò fa’ gnente.

***************

L’OTTIMISMO

L’otimismo è quella cosa
Che sta bene in ogni casa
Quanno viè ‘na nota amara
Basta un motto e se ripara

Spesso solo ‘na strofetta
O ‘n’amena barzelleta
sà sbloccà ‘na situazzione
e fà trovà la soluzione

a’n problema compricato
che ner cranio sta fissato.
Ma un principio resta chiaro:

sa d’avè li nervi a posto
e l’ottimismo a ogni costo.

********************

PIZZICANNO  LA  GHITARA

La ghitara è ‘n’amichetta
che ce tiene compagnia
li penzieri e le fobbie
strimpellanno vanno via-

Pizzicanno la ghitara
quante storie sò cantate
balli canti serenate
e canzoni strimpellate.

Tante musiche e ballate
sur momento sò create
accordanno quattro note
co’ pazzienza e co’ armonia.

‘na ghitara sopr’ar core
po’ fa’ piagne e po’ fa ride
e la musica trasmette
sentimenti e poesie.

*****************

SE VIVE DE PIU’…MA COME?

Se dice che la vita s’è allungata
e a tutti è dato de vive un pò de più
però si ‘sta vitaccia è disgrazziata
e nun conzola nun è certo amata.

Spescie si uno veggeta ammalato
e un nummero de letto è diventato
jé resta solo la rassegnazzione
pé nun casca’ ne la disperazzione.

L’affare è serio…perciò pé ‘sta raggione
bisogna che se trovi soluzzione
pé n’ arivà ar fattaccio che fa male

come quello ch’ho letto sur giornale:
“Un pòro vecchio solo e disperato
ha operto la finestra e s’è buttato “.

*******************

SONETTO AR TEMPO ANNATO

Primavera m’ariporta
a Pasquetta de ‘na vorta
quanno a fa’ la scampagnata
‘gni famija se n’annava.

Sopra ar Tevere o in campagna
era ‘na vera cuccagna:
Se pagava a la romana
che nun c’era troppa grana.

Co’ la gaia compagnia
se cantava in allegria
e le dorci stornellate
quasi tutti dedicate

alla “bella” der momento
e levava er sentimento
a chi er vino dava in testa
comincianno a fa’protesta

ma  de prescia poi recède
alla vista der “bulletto”
che teneva er cortelletto.
Quanno  tutto s’aggiustava

‘na “cinquina” suggellava
quanto ognuno prometteva.
e se ripijava er coro

mentre un bacio de straforo
concrudeva la giornata
a Pasquetta dedicata.

******************

TUTTO DA RIFA’

L’Euro non appena programmata
ha già subbito la prima cantonata
ché ‘sto proggetto da tempo congegnato
s’è addimostrato subbito sbajato.

Un tajo l’hanno troppo rifilato
un’artro invece nu è zighirinato
doppo le tante ciarle ch’ha sentito
er cittadino s’è visto un pò tradito.

La moneta che aveva da èsse un portento
subbito ha generasto lo scontento.
Possibbile che cò tanti cervelloni

le cose serie sò affidate all’aruffoni?
Come succede nissuno ce lo sa…
Er fatto è questo:..Tutto da rifà!

*****************

SU LA METRO

Su la metropolitana
devi èssè pronto a fa’ gincana
tra la folla indisponente
che te spigne prepotente

sempre come pé dispetto
er passaggio resta stretto
mentre chiedi: Pé favore
devo scegne…pé favore!

C’è chi parla, strigne …òsa
su ‘na tipa ‘n po’ formosa
mentre ‘n antro tipo lèsto

te se struscia pé fa’ presto
Poi t’accorgi …amaramente
ce nun t’ha lassato gnente.

******************

PAPA’  LAVORATORE

Papà sei un omo nato pel lavoro
cor core granne che pare fatto d’oro
stai su la breccia da matina a sera
e sempre in gamba da ‘na vita intera.

Quanno stai taciturno e pari assorto
è perché penzi a lii guaji che hai sofferto
ma nun vòi rattristà chi te vo’ bene
e t’annisconni in petto quelle pene.

Cò li fijetti tui che sai giocà
e trovi er tempo puro s’in te và
j’aricconti la vita e le leggènne
e da la bocca tua ciascuno pènne.

Voressi da’ de più de quer che dai
eppuro è tanto quello che tu fai
perché hai creato ‘na base de cemento

che sarà eterna come un monumento.
Monumento all’affetto d’un Papà
che nissun fijio mai se scorderà.

********************

ROSA E AZZURO                                   top

‘na bambola me guarda da la culla
mentre se succia er dito color rosa
co’ quanta tenerezza me la guardo
‘sta micetta d’azzuro infiocchettata.

Ricordo quer minuto che lei è nata
…Nonna de bòtto io so’ diventata !
d’allora me l’inzogno ‘gni momento
e tengo a mente ogni movimento.

‘sta pupazzetta de tarco profumata
la pelle cell’ha tutta vellutata
e le manucce sue morbide e belle

l’arza su ar cèlo pia’ le stelle
vorebbe attorno a lei invità le fate
perchè la vita sua fusse radiosa

e sempr’infiocchettata azzuro e rosa.

****************

STANNO SOLI LI MORTI?

L’ anime de li morti
Che sò volate in cèlo
Sempre ner core nostro
Cianno ‘n artare d’oro.

Li morti a noi più cari
ce resteno vicino
e mentre li pregamo
ce assisteno dar cèlo.

Ce li sentimo accanto
forze de più de prima
ma nun sapremo mai
si stanno in compagnia.

Nessuna mente umana
ce svelerà er mistero
è inutile ar momento

riggirà ‘sto penziere
e quanno andremo là
quer che sarà sarà.

********************

SULLA SPIAGGIA

Sdrajata sulla spiaggia
mentre ch’er zole sfoggia
guardo l’umanità
che quà se sta a brucia’.

Pare che ciascheduno
sia placido e sereno
godènno la natura
stesa sur bagnasciuga.

Ma questa è l’apparenza
perché drento ‘gni casa
niscosta sta ‘na spina
che rode ‘gni esistenza.

Tiranno un pò le somme
me pare de capì
che chi è sdrajato quì
le pene vò affogalle
ner mare …pé scordalle.

*****************

TIFOSA  TESTACCINA

Lo stadio romanista de Testaccio
che ancora resta infisso ne la mente
ha dato avvìo a la più gran passione
de ‘na romana tutta acqua e sapone.

Cò la sincerità che jé compete
lei pija la parola convincente
e tiene testa senza tentenna’
a chi vorebbe tutto contesta’.

Cià sempre la vocetta battajera
cor pijo sverto de ‘na berzajera
che rissomija quasi a Nannarella

e cò la fòga accusì friccicarella
dovrebbe anna’ a la Cammera a parla’
e riuscirebbe er Governo a riddrizza’.

***************

UNA SCINTILLA

Fu solo  ‘na scintilla
ch’accese er primo fòco
e sempre è ‘na scintilla
ch’accènne ‘na fiammata

magara da principio
è quasi inosservata
se ferma p’un momento
poi l’alimenta er vento

l’allarga se colora
riscalla e poi se dòma
………………………………
………………………………

Ma quela fiamm’ardente
ch’é granne ch’è possente
e nasce da la scintilla

che drent’ar petto brilla.
s’appiccia brucia er còre
edè fiamma d’amore.

****************

VERSI  IN SORDINA

Li versi che me nascheno
in sordina
so’ come l’eco de ‘sto còre
oppresso.

Voleno su ner cielo
tra le brine
e a ‘gni angioletto
bbòno
vanno appresso.

Sì è vero che le pene
dé ‘gni oppresso
serveno a donà gioia
In paradiso

Io so’ contenta
de soffrì pé questo
e ‘gni dolore
dé ‘sto core mio

diventerà de certo
un ber soriso
che fiorirà sur viso
a ‘n angioletto.

__________________________________________________

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...