la rota della vita

Titoli:

  • 1-arcoBasta una lacrima
  • Core sincero
  • Emigrante romano
  • Equo canone
  • Er battesimo mio
  • Er cane innammorato
  • Er gatto cor sorcio
  • Fratello e sorella
  • Funtanella canterina
  • Li conziji der vento
  • La rota de la vita
  • La terza età
  • L’anno della donna
  • Lasseme perde
  • Le fatiche de mamma
  • Le fatiche de nonna
  • Li conzij de mi’ madre
  • Madre e fija
  • Medicina de oggi
  • Nena  e  Nina
  • Organizzazione
  • Papa’ indo’ stai ?
  • Poveri genitori
  • Quanno e’ fenito tutto
  • Ricordo dorce e amaro
  • Scienza antica
  • Serenata  a voi sposi
  • Sguardi pe’ tutti li gusti
  • So’ mejo l’animali
  • Solo er poeta nun po’ sciopera’

________________________________

1-villaLA ROTA DE LA VITA

Tante speranze ardite!
E questo era er passato,
speranze che la vita
nun ha realizzato.
Avrei vorzuto scrive
trattati esistenziali,
mò, invece, fò du’ rime
nemmanco eccezzionali.

Vordì che le speranze
m’hanno aiutata a vive
co’ tutto l’ottimismo
che m’hanno messo in core
e coll’inzegnamento
che chi se contenta gode
speranno ner futuro
più bello e più sicuro.

La rota de la vita
rotola sempre avanti
lasciannose a le spalle
ciò ch’è stato e passato,
er tempo passa presto
e io, questo è sicuro,
nun ciò più tanto tempo
de sta’ aspetta’ er futuro.

Allora nun contesto
facenno ‘sto riassunto
puro sì è assai modesto,
me fermo e…faccio punto.

_____________________

BASTA UNA LACRIMA

So che vivi tutto solo
‘n artra donna nun ce sta
solamente coll’orgojo
trovi senzo pé campà.

Io te vedo tutto solo
quanno che vai a lavorà
e te leggo ner penziero
che vorressi aritorna’.

Una rondine che vola
arzi l’occhi pé guardà
io me sento sbatte er core
te vorebbe riabbraccià.

Senza dittre ‘na parola
io te invito a ritornà
forze si tu ciariprovi
tutto pò aricomincia’.

Ecco!…Er campanello sòna
sulla porta stai a spettà,
ma la forza nun la trovi
pé potemme salutà.

Però appena tu me guardi
una lacrima ciai già
che te scegne su la guancia…
Basta quella!… Nun parlà !

_______________

CORE SINCERO

Nun piagne core mio, nun piagne core,
tu hai parpitato sempre per amore
e adesso che la vita s’allontana
voressi piagne come ‘na funtana.

Tu core che sei stato assai sincero
hai amato er monno coll’amore vero,
de troppi sentimenti hai parpitato
tanto che te sei puro ammalato.

Sempre e co’ tutti disinteressato!
Diventa un pò più duro, damme retta,
nu sta’a penza’ sortanto a la tristezza.

Solo così te scordi l’amarezza!
Penza sortanto a te , core sincero,
vedrai…er fardello, sarà più leggero.

______________________

EMIGRANTE ROMANO

Fra tanta gente che va via emigrante
solo er romano pare un condannato
perché lontano da ‘sto Cuppolone
nun trova più la forza pé campa’.

Li ricordi che cià in core
jé rinnoveno er dolore
quanno penza a Roma sua
più lontano nun sa sta’.

Basteno du ‘rintocchi de campana
pé riportallo a casa cor penziero,
rivede ‘na pupetta tanto amata
e a tutti li baci che ancora jé pò da’.

Si risente ‘na campana
jé se strigne forte er core
manna ar diavolo er lavoro
e se sbriga a ritorna’.

Tanto nun vive più solo e lontano
se sente ‘no stragnero, un disgrazziato
cor core chiuso come fusse in gabbia
nun cià più manco voja de parla’.

Si jé manca er Ponentino
nu riesce a respirà
nun c’è gnente che l’attira
vò sortanto rimpatria’.

__________________

EQUO CANONE

Da tempo se penzava all’Equo canone
pé mette ar paro a tutti  la piggione.
La cosa ancora nun è definita
perché fintanto nun sarà chiarita

de ogni casa la giusta posizzione
sia pé la zona che pé la costruzzione
ce sarà sempre chi sarà fregato
o per lo meno un pò mistificato.

Defatti basta solo un isolato
pé fa’ considerà privileggiato
puro ‘n appartamento danneggiato.

A ‘sto punto puro chi è cecato
vedrà chiaro che, tutto carcolato,
era più Equo er canone passato.

____________________

ER BATTESIMO MIO

Da quanno che sò nato a casa sò beati
e de famme cristiano se sò puro scordati.
Passati ormai tre mesi però se sò svejati
e a li parenti e amichi l’nviti sò arivati.

Mi’ padre sta impettito, mi’ madre sìè acchittata
la granne cerimonia è bell’e preparata.
Davanti a noi c’è er prete che me da l’acqua in testa,
la doccia all’improviso me manna quasi in bestia,

pé cormo de sventura me scrocchia er zale in bocca,
me sento ‘na gran sete e ciò la gola secca…
Questa è la bella festa che s’ereno scordata?
Forze nun so sta’ar monno…ma è mejo la poppata!

Volevo ribbellamme a tanta imposizione
e comportamme subbito da cicio e da piagnone…
però in braccio a ‘na donna ho visto ‘na bamboccia

che masticanno sale è pronta pé la doccia…
A ‘sto punto ho abbozzato  cò perzonalità
pé dimostra’ a la pupa che ciò ‘na dignità.

_________________

ER CANE INNAMMORATO

C’è un cane che se lagna
sotto la casa de ‘na bella cagna,
scodinzola, guaisce, abbaja forte
finché la bella sua fora nun sorte.

Ma quella lo disdegna co’ sussiego
e pare che lui dica: “Te ne prego,
nun fa’ la superbiosa co’ ‘sto core
ch’aspetta ‘gni matina pé du’ore”.

Un tratto fènne l’aria un fischio acuto,
er cane sverto, l’ha riconosciuto.
E’ Mario er macellaro che, ar cantone
j’ha preparato un osso ch’è un cannone.

La bestia ch’aspettava quer momento
è corso a quer richiamo come er vento,
ma doppo un pò riviè cor fiato grosso
guarda la cagna e j’offre tutto l’osso.

__________________

top

ER GATTO COR SORCIO

Un micetto sta aqquattato
perché er sorcio ha già avvistato
e tiè d’occhio quer bucetto
ch’è la tana der sorcetto.

Micio guarda e nu ze mòve
e sta li fino a le nove
però er sorcio più impunito,
rosicchianno l’impiancito,

fa ‘n’ uscita laterale…
E qui er gatto resta male.
nun vo’ ammette quer felino
che a miccallo è un sorcettino.

_________________

FRATELLO E SORELLA

Sapete de chi parlo ‘sta matina?
D’un giovenotto e de ‘na signorina!
De certo lo saprete mejo appresso
da quanto che ve dico propio adesso.

Lei dice:” Quasi quasi, comincio un lavoretto,
però io mò sò stanca e me rimetto a letto…
tanto p’ariposamme, starò solo mezz’ora!
Però nun ce se stenne…ce resta pé quarch’ora.

Intanto er fratellino che ha fatto già er sonnetto
gira su e giù pé casa pé sgranchisse un pochetto
Nun trova da fa gnente, nun pija posizzione
sa fa’ sortanto questo: er vero fannullone.

Capite de chi parlo? Me pare che sia chiaro:
so’ l’ozzio e la pigrizzia ‘sti belli fratellini
cha a dilla assai sincera…me pareno cretini! 

___________________

FUNTANELLA CANTERINA

Funtanella sotto casa
Butti l’acqua senza posa
Propio in pizzo ar marciapiede
Nun te stufi de canta’.

Tanta gente hai rifrescato
Doppo corze de pallone,
tante arzure hai conzolato
pé smorzaje la passione.

Quanta gente a lo zampillo
ce s’abbagna tutto er piede,
ma tu, bbòna, manco a dillo,
servi l’acqua senza vede.

Nun te curi de che accade,
de chi nasce, de chi cade
che ciai un compito spesciale:
sevi solo a disseta’

e lo fai coll’allegria
sempre piena d’euforia.
Quattro gocce: ‘na quartina,
funtanella canterina…

Canti ar sole che t’abbruscia
‘na romanz’ appassionata,
a la luna  inarggentata
fai ‘na bella serenata.

Quasi come ‘na stazzione
tu sei ormai ‘n istituzzione
e perfino er marciapiede
più all’asciutto nun za sta’.

Da tant’anni sempre quella
quasi fussi sentinella!
Sale er canto a casa mia
Mentre l’acqua score via.

_________________

top

LI CONZIJI DER VENTO

Quanno de sera s’addormenta er monno
io canto ‘na canzona ar cèlo e ar vento,
canto tutte le cose der creato
dicenno quanta pena ciò ner core.

Io canto! E m’arisponne solo er vento
che passa accarezzanno tutto quanto,
m’arifresca la fronte che m’abbruscia
e me conzola, sussurranno piano:

“Io vengo da lontano e scopro er monno
e vedo tante cose dorci e amare,
te posso di’ però senza sbajamme
che tutto nun è brutto come credi:

Ce so’ l’occhioni chiari de li pupi
e drento ce poi vede la purezza,
ce so’ li fiori profumati e belli
ch’arillegreno ‘gni prato e ‘gni terazza.

La luna co’ le stelle su ner cèlo
che poi de notte  fanno sogna’ er core,
la musica, li poeti e tanti santi
che credeno ner bene e ne la pace

perciò, nun t’angustia’ co’ li penzieri
che più te l’ariggiri e più so’ neri,
dormi serena invece, a cor contento.”
Co’ ‘ste parole me conzola er vento.

___________________

LA TERZA ETA’

La vita è ingrata
e questo è già scontato!

Però quann’ uno è vecchio e malannato
vorebbe armeno vedesse rispettato
e no èsse messo ar bando dar creato.

La terza età nun da soddisfazzioni
che s’ha da vive come pecoroni;
n’omo o ‘na donna che ha sempre sgobbato
nun accetta de sentisse emarginato.

Pò èsse che ‘na vita de lavoro
nu sappia da un pochetto de ristoro
o armeno garantije der decoro?

Embè!  ‘sto fatto nu lo fa capace,
ce se distrugge e inortre se dispiace
perché a’ st’età la vita nun è bella
e l’anima s’intristisce e s’arrovella.

Nissuno s’aricorda più ch’esiste
manco li fij più lo sanno assiste,
va avanti co’ du’ sordi a mollichelle

j’abbasta poco pé sarva’ la pelle
e si j’ariva addosso quarche acciacco
se spedisce all’Ospizzio com’un pacco
e lì,  fra lo sconforto generale

desiderà la morte è naturale.
Ma quer ch’è fatto un giorno se riavrà
penzamo a questo e …damose da fa’.

_________________

L’ANNO DELLA DONNA

Semo arivati puro all’anno de la Donna
che sempre più se mostra in tanga e minigonna
l’ommini incuriositi staranno tutti a vede
perché, ‘na vorta smosse, de tutto pò succede.

Andranno a la riscossa le classi più svariate
e, solo cor penziero, sò tutt’elettrizzate:
Presenzieno comizzi, prepareno l’istanze
pé fa’ decide tutti de rinnova’ l’usanze.

So’ tutte diventate piuttosto emancipate
e tutte quante dicheno che ormai se so’stufate.
“Care le mie signore, puro le più impegnate,

va bene assai er diritto d’ èsse parificate,
ma voi co’ ‘sto sistema tutto pianificato
scordate li doveri der tempo ch’è passato.

quanno c’era l’usanza de crede che “gioielli”
ereno pé le femmine…casa, fiji e fornelli.
Nun ve scordate tutto, fatelo pé piacere,

che assieme cor diritto ce sta bene er dovere
sennò, invece d’un bacio d’amore sano e bello,
l’omo ve da la mano come se da a un fratello”.

________________

top

LASSEME PERDE

Se semo conosciuti regazzetti
quanno se facevamo li dispetti.
Poi, quanno sei tornato dar sordato
m’hai detto ch’eri tant’immamorato.
Io ciò creduto e t’ho donato er core,
ma er tuo però nun era vero amore

e me beavo de quanto me dicevi:
” Che bella com’ er sole me vedevi!
Ma poi ho saputo che spesso me tradivi
 e  cò quarch’ artra poi te divertivi….
M’accorsi allora ch’eri un disgrazziato
 e quanto abbia sbajato a avette amato.

Tu nun lavori mai…vai sempre a spasso
e me tre trovo fra li piedi spesso.
Ma nun t’accorgi ch’hai distrutto tutto?
T’hai solo d’annisconne a ‘n angoletto!
Io nun te penzo più, mò t’ho scordato
e un omo vero ciò pé innamorato.

Lasseme perde!…Va, nun è un giochetto!
L’Amore va trattato cò rispetto
e tutto deve da’  a chi jé vo’ bene
 senza falla distrugge da le pene.

________________

LE FATICHE DE MAMMA

So’ quasi dodicianni che lei è nata,
mamma la guarda e dice:” Sei cresciuta!”
defatti cresce lunga e fina fina
come ‘na spiga e, forze, un pò sgrazziata.

Passa quarch’anno ancora e, finarmente,
Pupa è sbocciata com’un fiore raro.
Mamma la guarda e vede, ch’è evidente,
adesso è bella e nun jamanca gnente..

quante fatiche, lagrime e sospiri,
pé staje appresso e falla cresce bene!…
e ‘ sta matina, mentre va all’Artare,
mamma la guarda e dice: ” So’ felice!

Tutti l’inzegnamenti che j’ho dati
Sapranno ormai guidalla ne la vita”.
L’organo che sonava s’è azzittato,

er corteo de parenti è ‘nginocchiato,
le mani sull’Artare se so’unite…
le fatiche de mamma so’ fenite.

__________________

LE FATICHE DE NONNA

L’anni se so’ammucchiati assai de prescia,
mò, nonna ‘n’ angioletto bionno infascia.
Li ricci dorcemente j’accarezza …
lieve lo fa, co’ tanta tenerezza
poi trepida lo strigne contr’er petto.
Nun ze decide de posallo a letto.

Tant’anni torna addietro cor penziero
quanno che sorvejava ‘gni respiro
de tutta la nidiata che ciaveva:
chi nun magnava e poco jé cresceva,
quell’antro de tonzille jé pativa;

chi ciaveva er morbillo, chi tossiva…
‘gni novità, ‘na spina drent’ar core!
Mamma però co’cure assai approppiate
sanava presto tutti li malori.
Ricorda ancora…quanno Pupa avvorta
Ner velo bianco stava tutt’avvorta.

In quer momento lei credette bene
D’avé fenite le fatiche e pene.
Adesso invece mentre tiè Pupetta
Che cunnola e che bacia stretta stretta,
penza che da mamma le fatiche ha terminate,
ma, da nonna, l’ha sortanto incominciate.

_________________

top

LI CONZIJ DE MI’ MADRE

Ripenzo a quanno mamma me parlava
e a tutti li conzij che me dava:
” Essi virtuosa e onesta – me diceva-
senza l’invidia e senza l’arroganza
e poi perdona sempre l’ignoranza.

Pure sì a corpo d’occhio nun ze vede,
sappi che ar monno semo tutti uguali.
Nun te ferma’ a guardallo da lontano
er “Granne” che sta sopra ar piedistallo..
Guarda, guarda più sotto e lo vedrai

chè quello che tu credi un Superiore
in fonno nun è mai ‘sta gran potenza
e, forze, ciavrà sporca la coscienza…
Quella che noi vedemo è solo l’apparenza!

_________________

MADRE E FIJA

Le prime parolette che imparava
Tutte a mammetta sua le sillabbava,
li primi passi…e quanno se staccava
tra le braccia de mamma ruzzolava.

Mamma ripenza a quello che diceva
Pupetta dorce a mano che cresceva:
” Te comprerò ‘na casa da reggina
quanno nun zarò più ‘na regazzina

e te farò ‘na vesta rilucente
che quella de ‘na fata nun è gnente
perché la mejo fata che ce sia
pé me, sei solo te,  mammetta mia”

…E poi…er vestito bianco e un luccicone
er giorno de la Prima Comugnone!
Er tempo che passava com’un lampo
Disperze le promesse senza scampo!

Pupa che se sentiva  “Signorina”
Nun ze vestiva più da regazzina
E spesso s’appartava penzierosa
E discuteva su qualunque cosa:

“a ma’, tu nun capischi propio gnente!
Nun zai che mò è cammiata ormai la gente?
Famm’er piacere de lassamme ‘n pace…
E mamma …s’avvelisce, penza e tace.

Lei lo capisce che ce so’artri affetti,
sospira e poi…prepara li confetti.
E dopo ‘n anno puro Pupa è mamma
E in quer momento…s’aricerca mamma.

_________________

MEDICINA DE OGGI

0ggi la medicina ce pare ‘na maggìa
basta la suggestione a cura’ l’allergia,
de isotopo er sondaggio serve a cercatte er male
chi addopra l’elettronica lo trova tale e quale.

Er “radio” dei “Curì” fu certo ‘na gran cosa
 e adesso coll’ipnosi è tutta ‘n’antra cosa:
s’addormeno i pazzienti che crolleno sfiniti
e quanno s’arisvejeno so’ mezzo rimbambiti.

C’è poi la psicoanalisi che scava ner profonno
e porta tutti a galla li drammi de ‘sto monno,
la fitotrapia se fa dar sepricista
e drent’all’ospedali serve l’elettricista:

impursi fotoelettrichi e raggi supersonichi
cureno mali semrici e puro quelli cronichi.
A ‘sto momento poi ce sta l’agopuntura
he dice: Fa miracoli ! Questa è la vera cura!

Però fra tanti metodi bisogna di’ a la gente
che, sì ne pò fa a meno, mejo è nun crede a gnente
perché li ciarlatani, usanno i mezzi loro,
se mischieno a li medici e fanno affari d’oro.

__________________

top

NENA  E  NINA

C’ereno du’orfanelle abbandonate
cresciute ner Convento dell’Obblate.
Staveno, adesso, drento ‘na casetta
indove Nina se sentiva stretta.

Lei annava sempre in giro e praticava
gente de strada e, spesso, se drogava.
Nena pé ‘sta sorella se struggeva,
la ripijava sempre e jé diceva:

“A Ni’, nun penzi a quanto male fai?
A ‘sto modo combini solo guai,
lo sai Niné…la vita nun è quella.”
– A Nè’, ciai invidia perché so’ più bella ?

Fatte li fatti tua, cara sorella,
se li penzieri ciai da verginella
nun troverai da batte manco un chiodo,
datte da fa’…da retta, mira ar sodo!

A ‘ste parole Nina ce piagneva,
ma la sorella più giù sempre scegneva.
‘na sera tardi, mentre che pregava
pé la sorella che girovagava

Nena sentì du’ corpi giù ar portone,
oprì de scatto e vidde un Pizzardone.
Fece: “Che c’è …che dite?”
La guardia disse solo: Su, venite!

Nena capì e senti, ‘na stretta ar core
mentre ch’er viso cammiava de colore.
Arivò ar fiume e vidde Nina amata…
nu respirava  più…    S’era affogata !

Era da un mese che nu la vedeva
E adesso lì, nu la riconosceva!
Pé Nena crollò tutto in quer momento,
sentiva solamente un gran tormento.

Framezzo all’Orfanelle abbandonate,
mò c’è Sorella Nena dell’Obblate. 

________________   

ORGANIZZAZIONE

Oggi è faciltata
qualunque vocazione
giacché pé ‘gni penzata
c’è un’Organizzazione.

Computer elettronici
programmeno li viaggi
filmati panoramici
illustreno miraggi.

Si vòi viaggia’ sui mari
c’è er cabbinato ardito
se invece vòi er safari
nun serve smòve un dito.

E manco serve ingegno,
 ma solo “grana” assai
perché con congruo assegno
qualunque cosa fai.

___________________

PAPA’ INDO’ STAI ?

Papà, Tu più nun vivi
felice in mezzo a noi!
Tu che ciavevi in core
tanto tanto calore.

Lo davi a li fratelli,
a fiji, a nipoti a tutti
conzolavi cò le parole,
ma pure cò li fatti.

Quello che ciai ‘nzegnato
nissuno l’ha scordato
e ritrovo ner penziero
quer che da te ho imparato.

che sempre ne la vita
me fa da giusta guida
perciò nun sei fenito
puro si sei sparito.

Dall’arto Tu ce vedi
ce guidi e ce vòi bene
e io me te sento accanto
puro si stai anniscosto. 

_________________

top

POVERI GENITORI

Sortanto pé li fiji noi campamo!
Li sfamamo, li pulimo. li curamo
e sempre a loro penzamo  e nun dormimo
solamente si cianno un dolorino.

Jé stamo sempr’appresso…’gni minuto
giorno pé giorno pronti a daje aiuto.
Poi che succede a un tratto?…Nun capimo.
Nun stanno più a sentì ciò che jé dimo!

Se senteno sapienti e intrapennenti
appètto a noi, “matusa” e “defiscenti”.
Certe parole che voleno incoscenti,
da quele labbra senza comprimenti

quante ferite lasseno in profonno
nell’animo de chi l’ha messi ar monno.
Ma noi aspettamo perché ce lo sapemo
ch’er loro amore mai lo perderemo.

Da Papà e Mamma sempre torneranno
quanno sospireranno pé ‘n affanno.
Si brameno un conzijo assai sincero
l’avranno da chi l’ama per davero.

_________________

QUANNO E’ FENITO TUTTO

Io che t’ho amato tanto
mò nun te cerco …canto.

Te ne sei annata via
ma no pé corpa mia.
Volevi vive sola
facenno la Signora.

e dopo che ciai provato
sò che m’hai ricercato.
Ma ormai è fenito tutto
nun è poi tanto brutto.

Dopo tanto sfascelo
riguardo ancora er cèlo
e vedo un nòvo giorno
e strade nòve attorno

nun sento arcun rimpianto
io t’ho scordato e …canto.

_________________

top

RICORDO DORCE E AMARO

Sur divano scolorito
un vecchietto s’è assopito
tra le labbra tiè acciaccato
mezzo sighero smorzato,

dar barcone spalancato
entra un canto appassionato
che lo sveja e j’ariporta
li ricordi de ‘na vòrta.

Tutto j’ aritorna in mente
come fusse li presente:
‘sta canzona lei cantava
mentre alegra sfaccennava…

so’ vent’anni ch’è sparita
lassù in cèlo se n’è ita,
lui a sta solo s’è adattato
e oramai s’è rassegnato.

Er penziero s’intorcina…
La rivede bianca e rosa
drent’all’abbito da sposa,

la boccuccia jé tremava
mentre l’organo sonava…
stava quasi pé svenì
pronuncianno piano…Si.

La canzona che s’invola
mò j’ha messo un nodo in gola,
quele note per incanto
jé rinnoveno er rimpianto…

Er ricordo tanto caro
mò è un ricordo
dorce e amaro! 

______________

SCIENZA ANTICA

Ce so’ du vecchi amichi professori
Che s’incontreno ‘gni giorno  tra li Fori;
e a sentilli parlà te fanno ride
perché la scienza antica nun coincide.

Ereno li più bravi ai tempi loro
sempre applauditi da tutti quanti in coro
Credeveno a principi sacri e veri
che nun appareno più tanto veritieri

Le cose che ‘na vorta ereno bòne
fanno a cazzotti cò le cose nòve
Se ne stanno accorgenno puro loro
che li valori hanno preso er volo.

Tutto è cammiato puro l’istruzzione
e chi è vissuto cò sacra convinzione,
s’accorge amaramente e cò raggione
che viè deriso come un somarone. 

_________________

top

SERENATA  A VOI SPOSI

Du’ regazzi sull’Artare
hanno appena detto: Si.
Da ‘sto punto ‘n’antra vita
incomincia co’ quer Si.

Fiori, brinnisi, rigali
fann’omaggio a ‘sta giornata
e la Sposa sotto er velo
un tantino emozzionata.

Lui è più forte, nun fa vede,
ma cià l’occhi luccicanti
e ar momento dell’anello
cià le mani tremolanti.

Formulamo tanti auguri
a voi Sposi giovincelli
che la vita v’ariserbi
tanti avvenimenti belli.

E teneteve ner core
l’allegria de ‘sta giornata
l’Amore canti sempre
a più dorce serenata

________________

SGUARDI PE’ TUTTI LI GUSTI

Occhi azzuri, grigi, scuri
fate guardi dorci e duri,
voi cammiate d’espressione
cor cammia’de la passione.

Sete ardenti co’chi amate
arabbiati co’chi odiate,
riposanno li chiudete
e sognanno li movete.

Uno sguardo soridente
fa piacere a tanta gente,
ma li sguardi torvi e scuri
nu ce fanno sta sicuri.

Ce so’ poi li regazzini
da li sguardi biricchini
e da granni le maschiette
cianno sguardi da ciovette

pe’attira’ li merli a frotte
sia de giorno che de notte.
Ma lo sguardo de ‘na fata
cià la donna innammorata.

Si sei cupo e disperato
lei te guarda e sei beato
e pé te da quer momento

sarà lieve ogni cimento
che lo sguardo suo adorato
t’avrà bello e conzolato.   

___________________

top

SO’ MEJO L’ANIMALI

Vorei vedé ‘n’ impresa
che dasse ‘sta sorpresa:
fa diventa’ diversa
l’umanità perverza.

La gente è diventata
arrogante e spietata
e quasi tutta è armata
pe’ ‘na guera privata.

La lotta all’esistenza
se fa co’ la violenza
e senza ‘na raggione
se pò feni’ in priggione

mentre ladri e assassini
varcheno li confini
e spesso er più nemico
è proprio un granne amico.

Vedènno ‘sto sfascèlo
nun campo più e me gelo
e invidio l’animali
che so’ rimasti uguali.

__________________

SOLO ER POETA NUN PO’ SCIOPERA’

Oggi rivendicanno li diritti
‘gni classe ha riformato li concetti:
scioperi a ortranza, sempre ben diretti
porteno a fa’ l’orari più ridotti.

Li scolari nun sanno fa li conti
Però se so’ imparati a fa’ li ponti,
la colf va giranno in foriserie
‘gni vorta che jè toccheno le ferie.

Tutti a la pari! E’ er grido de vittoria.
Pé qurchiduno invece è solo Storia.
Solo er Poeta che fra rime e stornelli
cià sempre l’acqua fredda sui fornelli

pé mijiorà ‘sta sorte tanto amara
nun pò né scioperà né fa caciara.
Lui canta ar vento come fusse ucello
e pé scioperà …s’ha da vota’ er cervello.

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...